Navigazione – Mappa del sito

Numeri

  • 63 | 2016
    intermediality and interactivity
    a cura di Dario Cecchi
    RdE63_Copertina

    Intermediality and interactivity are an issue for aesthetic theory. However, unlike in the recent past, artistic or video experimentation are not predominant aspects of aesthetic experience. Our enquiry is stimulated today by the investigation on the nature and functioning of media and interfaces and aims to clarify how our habits and experiences are changing. The essays gathered here put these questions into context and try to define the state of the art. In order to do s(...)

  • 62 | 2016
    Omologia e analogia
    a cura di Andrea Pinotti e Salvatore Tedesco
    RdE62_Copertina

    Il numero mira a comprendere la polarità omologia/analogia, e a esplorarne gli usi nei diversi ambiti in cui essa ricorre nel dibattito contemporaneo in filosofia, nelle scienze della vita e nelle arti. La storia di questa coppia concettuale mostra la capacità pervasiva di costruire relazioni tra i diversi oggetti della conoscenza e, cosa ancor più interessante, la possibilità di raggiungere una sintesi concettuale fra approcci metodologici differenti. Il concetto di analo(...)

  • 61 | 2016
    contemporaneo
    a cura di Giuseppe Di Giacomo e Luca Marchetti
    RdE61(1|2016)

    A partire dagli anni Ottanta del secolo scorso assistiamo a una radicale trasformazione della produzione artistica e della riflessione teorica. Le arti, la critica, l’estetica, così come i diversi ambiti di ricerca, non possono non registrare i mutamenti politici, economici e sociali che hanno segnato la cultura occidentale. L’esito di questa trasformazione, tuttora in corso, è un’eterogeneità che fatica a trovare un nuovo quadro di riferimento e che richiede la messa a pu(...)

  • 60 | 2015
    postille a Ferraris
    a cura di Leonardo Caffo e Pietro Kobau
    RdE60(3|2015)

    Alternando registri stilistici diversi, passando dal continentale più letterario all’analitico più duro, Maurizio Ferraris ha mostrato che il miglior filosofo possibile è quello che li contiene tutti. I suoi allievi, che qui raccolgono parte di quelle tracce, ne sono la prova: pezzi autonomi di una biblioteca vivente che ha lasciato liberi i suoi volumi di aprirsi alle pagine che preferivano.

  • 59 | 2015
    biodiversity
    edited by Elena Casetta
    RdE59(2|2015)

    The variety of the forms of life has been a subject of philosophical reflection at least since Plato, who in the Statesman celebrated the diversity of the natural world as a mean to shed some light on the relationship between humans and other animals. The term “biodiversity”, however, was coined only in 1985, gaining immediate acceptance, and coming to stand for more than a mere contraction of “biological diversity”: if biological diversity is the target of awe and wonder,(...)

  • 58 | 2015
    architettura
    a cura di Elisabetta Di Stefano e Francesco Vitale
    RdE58(1|2015)

    L’architettura fin dalle origini è stata un’arte ancipite tra utile e bello. Nel corso del tempo tale declinazione si è variamente alternata, approdando da un lato alle derivazioni funzionaliste, propugnate in varia misura dai teorici del Movimento Moderno, dall’altro, in casi estremi, a quelle forme di architettura/scultura in cui la destinazione d’uso si annulla nell’esperienza estetica. Qual è il significato della dialettica utile/bello nella cultura architettonica cont(...)

  • 57 | 2014
    social objects from intentionality to documentality
    a cura di Petar Bojanić, Elena Casetta, Giuliano Torrengo
    RdE57(3|2014)

    What keeps society together? A popular answer has been that collective intentionality lies at the bottom of all manifestations of social reality. Several problems and criticisms have arisen against such a view in the very recent literature. An alternative approach replaces the notion of collective intentionality with the notion of “documentality”: the basis of social reality is the inscription of acts. The multifariousness of perspectives and topics addressed in the presen(...)

  • 56 | 2014
    the other(s)
    edited by Massimo Dell’Utri and Stefano Caputo
    RdE56(2|2014)

    As a result of globalization and recent technological innovations, over recent decades contact and interaction among individuals, groups, and cultures have dramatically increased. But such contact often comes with difficulties and costs, and this opens up the broad spectrum of issues that involves the concept of the other. It is this broadness that makes the other susceptible to multifarious declinations, and it is precisely these declinations that the essays in the presen(...)

  • 55 | 2014
    schermi/screens
    a cura di Mauro Carbone e Anna Caterina Dalmasso
    RdE55(1|2014)

    La rivoluzione digitale ha prodotto un’evoluzione e una proliferazione degli schermi che paiono inarrestabili. L’esperienza che ne facciamo è diventata definitivamente plurale e si è arricchita di altre novità quali mobilità, tattilità, interattività, connettività, peculiare “carattere immersivo”. Perciò gli schermi s’impongono ormai come il decisivo elemento propulsore non solo delle incessanti trasformazioni all’opera nel nostro rapporto con le immagini, ma, più in gener(...)

  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org