Navigazione – Mappa del sito
nuove ontologie

Idealtypen per una tipologia degli atti istituzionali

Paolo Di Lucia
p. 133-145

Testo integrale

Zwar kann der Akt – sofern er sich in gesprochenen oder geschriebenen Worten ausdrückt selbst etwas über seine Bedeutung aussagen, seinen eigenen Sinn angeben.
Darin liegt sogar eine besondere Eigentümlichkeit des der sozialen und insbesondere der juristischen Erkenntnis gegebenen Materials.

Certamente l’atto, in quanto si esprime a voce o per iscritto, di per sé può dire qualcosa attorno al suo senso, può dichiarare il proprio senso.
In ciò consiste una speciale caratteristica del materiale oggetto della conoscenza sociale e in particolare del materiale oggetto della conoscenza giuridica.
Hans Kelsen

Introduzione

1Il presente saggio è dedicato all’elaborazione di Idealtypen per una tipologia (o tassonomia) degli atti istituzionali.

2Nella prima parte (§1. Due paradigmi per una teoria degli atti istituzionali), introduco due paradigmi (e correlativamente quattro Idealtypen):

(i) atto sociale vs. atto non-sociale (§ 1.1. Primo paradigma: atti sociali vs. atti non-sociali);

(ii) atto parlato vs. atto muto (§ 1.2. Secondo paradigma: atti parlati vs. atti muti).

3Nella seconda parte (§2. Un’aporia nella teoria degli atti istituzionali: gli atti semantici) denuncio l’insufficienza di questi due paradigmi (e correlativamente dei quattro Idealtypen individuati) e affermo la necessità di elaborare una categoria di atti finora non indagata nell’ambito della teoria degli atti istituzionali (institutional acts): la categoria degli atti semantici (semantic acts).

1. Due paradigmi per una teoria degli atti istituzionali

1.1. Primo paradigma: atti sociali vs. atti non-sociali

  • 1 È possibile che l’opera di Thomas Reid (Reid 1788: 445) sia stata una delle fonti di ispirazione de (...)

4Il paradigma atti sociali (soziale Akte) vs. atti non-sociali (nicht-soziale Akte) è introdotto da Adolf Reinach (1883-1917)1.

5Secondo Reinach, gli atti con i quali noi costituiamo, modifichiamo ed estinguiamo rapporti istituzionali e giuridici (comprare, vendere, promettere, comandare, dare mandato, promulgare una legge, revocare un contratto, disporre di un bene, rinunciare a un diritto, stipulare un contratto, assumersi la responsabilità, assumersi un incarico, cedere un diritto, fare testamento) fanno parte di una classe speciale di atti: gli atti sociali (soziale Akte).

1.1.1. Atti sociali (soziale Akte) in Adolf Reinach

6Reinach muove dalla distinzione di due caratteristiche squisitamente fenomenologiche di quella speciale classe di atti umani (intenzionali e spontanei), che possiamo osservare studiando il diritto civile (bürgerliches Recht).

1.1.1.1. La prima caratteristica di alcuni degli atti intenzionali e spontanei osservati da Reinach nel diritto civile (per es. della promessa) è la cosiddetta Fremdpersonalität (“Fremd” = estraneo; “Personalität” = personalità).

7Per comprendere il significato di questo termine difficilmente traducibile, consideriamo l’esempio di Reinach.

  • 2 Per una lettura della Fremdpersonalität alla luce del concetto di “valenza” di Lucien Tesnière (Tes (...)

8Secondo Reinach, vi sono atti come l’invidiare nei quali il soggetto agente e il soggetto al quale l’atto è riferito (diretto) devono necessariamente essere due, e distinti. Non posso invidiare me stesso. L’atto di invidiare implica necessariamente il riferimento (la direzione) a un altro soggetto, un soggetto estraneo (ein fremdes Subjekt) al soggetto agente2.

9Due possibili traduzioni di “Fremdpersonalität” sono:

  • 3 “Alteriorità”, che sembra un geniale incrocio di “alterità” e di “ulteriorità” non appare nel massi (...)

(i) “alteriorità” (suggeritami da una pagina del filosofo del diritto Igino Petrone [1870-1913]3);

(ii) “eterotropia”.

  • 4 Uso la grafia “ricettizietà” anche per distinguere la ricettizietà in cui la Vernehmungsbedürftigke (...)

1.1.1.2. La seconda caratteristica della speciale classe di atti umani (intenzionali e spontanei) isolata da Reinach studiando il diritto civile è la cosiddetta Vernehmungsbedürftigkeit (“Vernehmen” = percepire; “Bedürftigkeit” = bisogno): necessità di essere percepiti, necessità d’una presa d’atto, ricettizietà4.

  • 5 Oltre a “sich an jemanden wenden”, Reinach usa le seguenti tre espressioni: “sich auf jemanden rich (...)

10Secondo Reinach, vi sono atti che non implicano soltanto il riferimento (la direzione) a un altro soggetto (un soggetto estraneo [ein fremdes Subjekt] al soggetto che compie l’atto), ma nei quali è necessario che il soggetto agente si rivolga (sich wendet an)5 al soggetto estraneo e quest’ultimo ne prenda atto.

11Questa seconda caratteristica appare evidentissima se compariamo l’atto del comando (Befehl) e l’atto del perdono (Verzeihung), ambedue atti aventi il tratto dell’alteriorità (Fremdpersonalität).

i) Comando. Non posso comandare (befehlen) qualcosa a qualcuno senza rendere manifesto (kundgeben) il mio comando. Il comando necessita, per sua natura, di essere da me manifestato e conosciuto o percepito dal soggetto a cui mi rivolgo.

  • 6 I profili rilevanti sono dunque tre: (i) manifestazione; (ii) percezione; (iii) ricezione.

ii) Perdono. Al contrario, io posso perdonare (verzeihen) qualcuno senza rendergli manifesto il mio perdono. A differenza del comando, il perdono non richiede né la manifestazione (da parte del soggetto che perdona), né la conoscenza o percezione (da parte del soggetto che è perdonato)6.

 

  • 7 «Wir bezeichnen die spontanen und vernehmungsbedürftigen Akte soziale Akte [Chiameremo “atti social (...)

1.1.1.3. Riepilogando: le caratteristiche degli atti sociali isolate da Reinach sono due: Fremdpersonalität = alteriorità, e Vernehmungsbedürftigkeit = ricettizietà7.

12Poiché si rivolgono necessariamente a un altro, gli atti sociali hanno necessariamente un destinatario (Adressat).

13Tra gli atti sociali, Reinach include, oltre al comando (Befehl): la richiesta (Bitte), la domanda (Frage), la risposta (Antwort), la comunicazione (Mitteilung), la promessa (Versprechen), la rinuncia a un diritto (Verzicht), la statuizione o promulgazione (Bestimmung).

14Ecco per esteso il brano (tratto da Reinach 1911, manoscritto pubblicato postumo) nel quale appare la prima caratterizzazione degli atti sociali:

  • 8 Cfr. Reinach 1911, 1989: 356-357.

Fragen ist […] ein Akt, ein inneres Tun des Subjektes. Intentional ist es auch, dazu aber noch etwas Drittes. Das führt uns in eine neue Klasse von Akten hinein, die besonders wichtig für das Zivilrecht sind. Sie haben ein soziales Moment, Richtung auf ein anderes Subjekt. Diese Richtung ist nicht Intentionalität in Bezug auf ein Subjekt. (Eine Frage ist aber intentional in Bezug auf ihren Gegenstand.) Hier durch sind diese Akte auch von Haß, Neid u. dgl. unterschieden. Sie haben eine Richtung an jemandem über etwas. Neid teilt sich dem anderen Subjekt nicht mit, wendet sich nicht an ein anderes Subjekt. Für die Frage dagegen ist wesentlich: sich richten auf jemand, eindringen in ihn, sich kundgeben.
Es läßt sich noch eine ganze Masse anderer solcher Akte anführen: Bitte, Befehl, Antwort, Versprechen. Dies ergibt eine Scheidung der Akte: 1. Bitte, Befehl, Mitteilung, Frage usw. sind soziale Akte; 2. Nichtsoziale Akte. […]
Für soziale Akte wesentlich ist die Voraussetzung eines anderen Subjekts, dem sie sich kundgeben wollen. Die Person, an die sie gerichtet sind, soll Kenntnis davon erhalten. […]
Erlebnisse, z.B. solche der Betrachtung der Welt, verlaufen, ohne eine Spur ihrer selbst in der Welt da draußen zu hinterlassen. Soziale Akte dagegen schaffen, hinterlassen etwas, wenn sie erledigt sind. Darauf baut sich das ganze Zivilrecht. Beim Versprechen gilt: ein obligatorisches Verhältnis entsteht. Der versprechende hat Verbindlichkeit; der, dem versprochen, hat Anspruch8.

Domandare è […] un atto, un fare interiore del soggetto. È anche un atto intenzionale, ma è anche una terza cosa. Questo porta a inoltrarci in una nuova classe di atti che sono importanti specialmente per il diritto civile.
Tali atti hanno un momento sociale, una direzione verso un altro soggetto. Questa direzione non è intenzionalità rispetto a un soggetto. (Una domanda piuttosto è intenzionale rispetto al proprio oggetto.) In tal modo questi atti vengono distinti dall’odio, dall’invidia ecc. Sono atti che hanno una direzione verso qualcuno rispetto a qualcosa. Dell’invidia non si rende partecipe l’altro soggetto, l’invidia non si rivolge a un altro soggetto. Al contrario, è essenziale per la domanda: dirigersi verso qualcuno, incidere su di lui, manifestarsi.
Si possono menzionare una gran quantità di altri atti simili: richiesta, comando, risposta, promessa.
Ne risulta una suddivisione degli atti:
1) atti sociali (preghiera, comando, annuncio, domanda ecc.);
2) atti non-sociali. […]
Per gli atti sociali è essenziale la presupposizione di un altro soggetto, al quale tali atti intendono essere notificati. La persona alla quale sono rivolti deve averne conoscenza.[…]
Le esperienze vissute, come per esempio la contemplazione del mondo, scorrono senza lasciare una traccia di sé nel mondo esterno. Gli atti sociali, al contrario, producono, lasciano qualche cosa, quando vengono compiuti. Su questo si fonda l’intero diritto civile. Questo vale per le promesse: si genera un rapporto obbligatorio. Il promettente ha l’obbligo; colui al quale egli ha promesso ha la pretesa.

1.1.2. Atti sociali (soziale Akte) e atti linguistici (speech acts)

  • 9 Cfr. Burkhardt 1986a, 1986b. Sul parallelismo tra atti linguistici e atti giuridici cfr. Brinckmann (...)

15Armin Burkhardt ha parlato di Reinach come del fondatore della teoria degli atti linguistici9.

16Il rapporto tra la teoria degli atti sociali (come il comando, la domanda, la promessa) e la teoria degli atti linguistici non è semplice, come sembra credere Burkhardt, ma triplice.

17Consideriamo per esempio il verbo “promettere”.

18“Promettere”, che appartiene alla classe dei verbi che designano soziale Akte, appartiene a più di una classe lessicale (insieme di lessemi accomunati da una proprietà semantica) e precisamente a tre distinte classi lessicali:

(i) la classe dei verbi illocutivi (i verbi che designano un atto linguistico e ne qualificano la forza illocutiva);

(ii) la classe dei verbi performativi (i verbi la cui enunciazione alla prima persona del presente indicativo, attivo, non negativo sono esecuzione dell’atto che il verbo designa).

  • 10 Cfr. M.-E. Conte 1983.

(iii) la classe dei verbi thetici (i verbi che designano la posizione di uno stato-di-cose [Sachverhalt] attraverso il compimento di un atto di linguaggio: nel linguaggio di Searle i “declaratives”)10.

1.2. Secondo paradigma: atti parlati vs. atti muti

19Ora domando, vi sono atti istituzionali che non siano atti sociali?

20Vi sono, in altri termini, atti istituzionali che non richiedano per il loro compimento né di essere manifestati a qualcuno, né di essere da qualcun altro conosciuti (o percepiti)?

21Per rispondere a questa domanda impiegherò un secondo paradigma (atti muti vs. atti parlati) e correlativamente due nuovi Idealtypen.

22Per rispondere alla domanda se vi siano atti istituzionali che non siano atti sociali, attingerò al lavoro di un giurista e antropologo: Rodolfo Sacco.

1.2.1. Atti muti in Rodolfo Sacco

  • 11 Il concetto di atto giuridico non-sociale è latente nella riflessione dei giuristi. In particolare, (...)

23È merito di Rodolfo Sacco aver portato alla luce un concetto latente nella teoria degli atti istituzionali del xx secolo: il concetto di atto istituzionale non-sociale11.

  • 12 Il concetto di atto muto si contrappone al concetto di atto parlato. La contrapposizione atto muto (...)

24Un clamoroso esempio di atto giuridico non-sociale è ciò che Sacco chiama (con un apparente ossimoro) “atto muto”12.

  • 13 La rilevanza giuridica della parola data è sottolineata in chiave diacronica anche da Lombardi Vall (...)

25Ripercorro i due passaggi dell’argomentazione di Sacco che si svolge nel contesto di una macrostoria del diritto13.

1.2.1.1. Primo passaggio: Sacco riconosce esplicitamente il ruolo svolto dalla “parola” quale strumento essenziale per formulare e conformare le relazioni giuridiche. Esempi: promessa, donazione, patto, società, testamento.

26Scrive Sacco:

  • 14 Sacco 2007: 183. Sulla complessità ontologica della “dichiarazione” di cui parlano i giuristi e il (...)

Le culture dell’uomo che ci è dato conoscere formulano e conformano mediante lo strumento “parola” le relazioni giuridiche che convengono agli interessati: l’impegno di dare una cosa o una persona in cambio di una cosa o una persona ricevuta; il trasferimento generoso della proprietà di un bene; il patto per cui l’uno dei due non caccerà (o raccoglierà) se non a monte, e l’altro non caccerà se non a valle; la costituzione di una società; il testamento14.

1.2.1.2. Secondo passaggio: Sacco affianca e contrappone all’atto “parlato” (nel lessico dei giuristi: alla “dichiarazione”) uno strumento di autonomia differente (probabilmente, nella macrostoria del diritto che egli traccia, più antico): l’atto “muto”.

27Gli esempi di “atti muti” più familiari al giurista sono: l’occupazione, la derelizione, la consegna.

28Ma l’elenco è molto più lungo e «i più significativi fra essi vengono da epoche arcaiche (essi non hanno bisogno del linguaggio articolato!)». Ecco i quattordici esempi di atti “muti” (non dichiarativi), vivissimi nel diritto delle società più avanzate, riportati da Sacco:

  • 15 Sacco 2007: 183. In un saggio precedente (Sacco 2004: 344), Sacco aveva indicato, quali esempi di a (...)

L’occupazione, il possesso, l’abbandono della cosa, la consegna, l’accettazione tacita di eredità, la sanatoria di un negozio invalido mediante esecuzione, l’accettazione tacita di un mandato e l’accettazione di un’ordinazione mediante l’invio della merce, la distribuzione di prodotti o di titoli di legittimazione mediante apparecchi automatici, la società di fatto, il rapporto di lavoro di fatto, il rapporto maritale-uxorio di fatto, il rapporto parentale di fatto15.

29Secondo Sacco:

  • 16 Sacco 2007: 183. Che all’origine non del diritto, ma della cultura in genere vi sia il possesso (Be (...)

Le culture dell’uomo ancora privo di linguaggio articolato, e le culture che noi conosciamo, conformarono o conformano relazioni giuridiche senza ricorrere alla parola; a tal fine dànno esecuzione alla relazione giuridica che vogliono creare (o cessano di eseguire la relazione giuridica che vogliono estinguere)16.

  • 17 Com’è noto, in filosofia del diritto è un antico problema se vi siano norme che non sono né enuncia (...)

30(Nel lessico dei giuristi, autonomo è l’atto con il quale il soggetto pone regole [nómoi] indipendentemente dall’intervento della legge17.)

1.2.2. Atavismi giuridici

1.2.2.1. Rodolfo Sacco non contesta l’importanza che viene usualmente assegnata alla dichiarazione nell’esercizio dell’autonomia.

31Egli fa notare però che:

  • 18 Sacco 2007: 296.

Il giurista (legislatore e studioso) incontra, senza veramente analizzarle, tante figure di esercizio dell’autonomia, che si estrinsecano non già nel dichiarare e consentire, ma nell’esercitare il diritto che si vuole creare, nello svolgere quella prestazione che è oggetto dello scambio, nel far cessare di fatto un carico che gravava giuridicamente sul vicino e di cui si vuole che egli sia finalmente libero. Ecco l’individuo che raccoglie una bacca e ne diventa proprietario. Ecco quel raccoglitore che consegna un frutto ad altri, e gli trasferisce una proprietà. Ecco quei cacciatori che svolgono in comune la prestazione venatoria, e acquistano un diritto su una quota del bottino18.

  • 19 Sacco 1994: 346.

32Eppure, secondo Sacco, l’uomo «da sempre, costituisce rapporti giuridici dando esecuzione a questi rapporti»: v’è una «intuitiva simmetria fra la struttura dell’atto e i suoi effetti»19.

  • 20 Il sintagma “diritto muto” appare, credo, per la prima volta nel saggio di Sacco intitolato Il diri (...)

33È questa una delle forme più significative di quel “diritto muto” di cui parla Sacco a più riprese nella sua opera20.

1.2.2.2. Un parallelismo con la tesi del diritto muto di Sacco si può rinvenire in una tesi di Theodor W. Adorno (1903-1969) sui rapporti tra morale e cronologia (Zeitordnung):

Während die Literatur alle psychologischen Arten erotischer Konflikte behandelt hat, ist der einfachste auswendige Konfliktstoff unbeachtet geblieben um seiner Selbstverständlichkeit willen. Das ist das Phänomen des Besetztseins: daß ein geliebter Mensch sich uns versagt nicht wegen innerer Antagonismen und Hemmungen, wegen zuviel Kälte oder zuviel verdrängter Wärme, sondern weil [p. 96] bereits eine Beziehung besteht, die eine neue ausschließt. Die abstrakte Zeitordnung spielt in Wahrheit die Rolle, die man der Hierarchie der Gefühle zuschreiben möchte.

  • 21 Cfr. Adorno 1951, § 49: 96 (tr. it. 73). In altri termini, la priorità cronologica assume la funzio (...)

La letteratura ha trattato tutti i tipi psicologici possibili di conflitti erotici, ma la più semplice materia di conflitto è passata inosservata per la sua stessa ovvietà. È il fenomeno dell’esser-già-occupato; una persona amata che ci si rifiuta non per antagonismi o inibizioni interne, non per troppa freddezza o per troppo calore espresso, ma perché sussiste già un rapporto che esclude un rapporto nuovo. L’astratta gerarchia cronologica esercita in realtà la funzione che si vorrebbe assegnare alla gerarchia dei sentimenti21.

34In questo caso, secondo Adorno:

Die Irreversibilität der Zeit gibt ein objektives moralisches Kriterium ab.

L’irreversibilità del tempo fornisce un criterio morale oggettivo.

1.2.2.3. Ora, poiché l’oggetto di questo mio saggio è l’elaborazione di Idealtypen per una tipologia degli atti giuridici, non discuterò la tesi di Sacco (la tesi dell’intuitiva simmetria fra la struttura dell’atto e i suoi effetti), ma mi limiterò a riportare un’esemplificazione di questa tesi, l’esempio dell’atto istituzionale dell’occupazione.

1.2.3. L’occupazione quale atto “muto” in Rodolfo Sacco

35Caso paradigmatico di atto “muto” è, nell’antropologia giuridica di Sacco, l’atto dell’occupazione (in tedesco: Okkupation).

36L’occupazione è, nel lessico dei giuristi, quel modo di acquisto della proprietà che si attua con la presa di possesso di cose mobili, le quali siano res nullius (ossia che non siano di proprietà di qualcuno).

37Ma com’è possibile, si domanda Sacco, che un atto “materiale”, “muto”, “incapace di programmare”, come l’occupazione, «possa produrre, quale effetto simmetrico alla propria struttura autonomamente predisposto, un acquisto della proprietà»?

38Risponde Sacco: nell’occupazione, l’atto (l’atto che è “muto”)

  • 22 Sacco 2007: 298.

attribuisce al soggetto in modo immediato (ossia: senza bisogno di una mediazione normativa eteronoma) l’esercizio di un potere di fatto, socialmente strutturato come potere esclusivo22.

2. Un’aporia nella teoria degli atti istituzionali: gli atti semantici

2.1. Ho elaborato, a partire dalle opere di Reinach e di Sacco, due paradigmi (e quattro Idealtypen) per una teoria degli atti istituzionali.

39Concludo mostrando un’aporia.

40Secondo Rodolfo Sacco vi sono atti “parlati” e atti “muti”.

41Ma il concetto di atto muto è complementare al concetto di atto parlato?

42La mia risposta è negativa: tertium datur.

  • 23 Cocchiara 1932.

43Ecco un elenco di atti istituzionali che non rientrano né tra gli atti parlati né tra gli atti muti, tratto da un pionieristico studio di Giuseppe Cocchiara (1904-1965) sul linguaggio dei gesti23: alzare le mani, toccare con l’indice il naso, inclinare il capo, battere le mani, mettere la mano sulla spalla, baciare, schiaffeggiare, percuotere.

44Sono solo alcuni esempi di atti semantici che non sono riconducibili a nessuna delle due categorie degli atti individuate da Sacco: gli atti muti e gli atti parlati.

2.2. Sugli atti semantici enuncio due tesi (una tesi negativa, una tesi positiva):

(i) Gli atti semantici non si compiono attraverso il compimento di atti parlati di linguaggio.

(ii) Gli atti semantici sono resi possibili (come gli atti parlati) da un codice semiotico.

45In altri termini, gli atti semantici sembrano essere atti ermafroditi: in quanto hanno un codice semiotico sono come gli atti parlati, ma in quanto non sono verbalizzati sono come gli atti muti.

Torna su

Bibliografia

Adorno, Th.W.

– 1951, Minima moralia. Reflexionen aus dem beschädigten Leben, Frankfurt, Suhrkamp, 1986; Minima moralia. Meditazioni della vita offesa, tr. it. di R. Solmi, Torino, Einaudi, 1954

Anscombe, G.E.M.

– 1957-1958, On Brute Facts, “Analysis”, 18: 69-72

Austin, J.L.

– 1962, How to Do Things with Words, Oxford, Oxford University Press; Quando dire è fare, tr. it. di M. Gentile e M. Sbisà, Torino, Marietti, 1974; Come fare cose con le parole, tr. it. di C. Villata, Genova, Marietti, 1978

Azzoni, G.M.

– 1998, Filosofia dell’atto giuridico in Immanuel Kant, Padova, Cedam

Battaglia, S.

– 1961, Grande dizionario della lingua italiana, Torino, Utet, vol. I

Brinckmann, H.

– 1975, Rechtshandlungen und Sprechhandlugen, in J.S. Petöfi, A. Podlech e E. von Savigny (a c. di), Fachsprache-Umgangssprache, Kronberg, Scriptor: 197-294

Burkhardt, A.

– 1986a, Soziale Akte, Sprechtakte und Textillokutionen. A. Reinachs Rechtsphilosophie und die moderne Linguistik, Tübingen, Niemeyer

– 1986b, Il filosofo del diritto Adolf Reinach, lo sconosciuto fondatore della teoria degli atti linguistici, “Teoria”, 2: 45-62

Coady, C.A.J.

– 2004, Reid and the Social Operations of Mind, in T. Cuneo e R. van Woudenberg (a c. di), The Cambridge Companion to Thomas Reid, Cambridge, Cambridge University Press: 180-203

Cocchiara, G.

– 1932, Il linguaggio del gesto, Torino, Bocca; nuova edizione con una nota introduttiva di S. Miceli, Palermo, Sellerio, 1977

Conte, A.G.

– 1977, Aspetti della semantica del linguaggio deontico, in G. di Bernardo (a c. di), Logica deontica e semantica, Bologna, il Mulino, 1977: 147-165

Conte, A.G., Di Lucia, P., Incampo, A., Lorini, G. e Zełaniec, W.

– 2007, Ricerche di Filosofia del diritto, a c. di L. Passerini Glazel, Torino, Giappichelli

Conte, M.-E.

– 1983, La pragmatica linguistica, in C. Segre (a c. di), Intorno alla linguistica, Milano, Feltrinelli: 94-128

– 1992, Frammenti di pragmatica humboldtiana, “Lingua e stile”, 27: 505-521

De Nova, G. e Sacco, R.

– 20023, Il contratto, Torino, Utet

De Vecchi, F.

– 2006, Lo statuto ontologico degli atti sociali, Paper presentato al Convegno Sifa 2006, Università Vita-Salute San Raffaele

Di Lucia, P.

– 1997, L’universale della promessa, Milano, Giuffrè

– 1999, La fiducia nella parola, in G. Galli (a c. di), Interpretazione e fiducia. Atti del XIX Colloquio sulla interpretazione. Macerata 30-31 marzo 1998, Pisa, Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali: 109-132

– 2005, Materialismo eidologico in Karl Marx. Come fare regole con le cose, in P. Di Lucia, Normatività. Diritto linguaggio azione, Torino, Giappichelli: 217-234

– 2008, Il concetto di valenza nella teoria degli universali pragmatici, in F. Bilancia e F. Rimoli (a c. di), Paura dell’altro. Identità occidentale e cittadinanza, Roma, Carocci, 2008: 79-95

Falzea, A.

– 1941, La condizione e gli elementi dell’atto giuridico, Milano, Giuffrè

Giampiccolo, G.

– 1959, La dichiarazione recettizia, Milano, Giuffrè

Gmür, R.

– 1981, Rechtswirkungsdenken in Privatrechtsgeschichte, Bern, Stämpfli

Helbig, G.

– 1971 (a c. di), Beiträge zur Valenztheorie, Den Hague-Paris, Mouton

Henle, R.

– 1910, Vorstellungs- und Willenstheorie in der Lehre von der juristischen Willenserklärung, Leipzig, Deichert

Klemm, G.F.

– 1843-1852, Allgemeine Culturgeschichte der Menschheit, 10 voll., Leipzig, Teubner

Leisching, P.

– 1996, “Et teneat eam per dexteram manum in sua manu dextera…”. Zur Handgestik Mittelalterlicher Trauungen, “Studia Gratiana”, 27: 311-330

Lombardi Vallauri, L.

– 1961, Dalla “fides” alla “bona fides”, Milano, Giuffrè

Lorini, G.

– 2002 (a c. di), Atto giuridico, Bari, Adriatica Editrice

– 2007, Quattro caratterizzazioni dell’atto giuridico, in G. Lorini, Oggetto e atto. Contributo alla Filosofia del diritto, Torino, Giappichelli: 95-109

Manigk, A.

– 1939, Das rechtwirksame Verhalten. Systematischer Aufbau und Behandlung der Rechtsakte des Bürgerlichen und Handelsrecht, Berlin, de Gruyter

– 1970, Willenserklärung und Willensgeschäft. Ihr Begriff und ihre Behandlung nach Bürgerlichem Gesetzbuch. Ein System der juristischen Handlungen, Aalen, Scientia

Mela, A.

– 1993, Il concetto di possesso. Un’indagine di teoria generale del diritto, Torino, Giappichelli

Mulligan, K.

– 1987, Promisings and Other Social Acts: Their Constituents and Structure, in K. Mulligan (a c. di), Speech Act and Sachverhalt. Reinach and the Foundations of Realist Phenomenology, Dordrecht, Nijhoff: 29-90; Promessa e altri atti sociali: costituenti e struttura, tr. it. di C. Calabi e R. Casati, in S. Besoli e L. Guidetti (a c. di), Il realismo fenomenologico. Sulla filosofia dei circoli di Monaco e Gottinga, Macerata, Quodlibet, 2000: 309-384

Passerini Glazel, L.

– 2005, La forza normativa del tipo. Pragmatica dell’atto giuridico e teoria della categorizzazione, Macerata, Quodlibet

Petrone, I.

– 1897, Contributo all’analisi dei caratteri differenziali del diritto, Torino, Bocca

Polanyi, M.

– 1967, The Tacit Dimension, New York, Anchor Books

Pugliatti, S.

– 1996, I fatti giuridici, revisione e aggiornamento di A. Falzea, Milano, Giuffrè

Reid, T.

– 1785, Essays on the Intellectual Powers of Man, in Th. Reid, Philosophical Works. With Notes and Supplementary Dissertations by Sir William Hamilton, Edinburgh, Bell & Robinson, 18958; Hildesheim, Olms, 1967, vol. I: 213-508

– 1788, Essays on the Active Powers of the Human Mind, in Th. Reid, Philosophical Works. With Notes and Supplementary Dissertations by Sir William Hamilton, Edinburgh, Bell & Robinson, 18958; Hildesheim, Olms, 1967, vol. II: 509-678

Reinach, A.

– 1911, Nichtsoziale und soziale Akte, in A. Reinach, Sämtliche Werke. Kritische Ausgabe und Kommentar, München, Philosophia, 1989: 355-360

– 1913, Die apriorischen Grundlagen des Rechts, “Jahrbuch für Philosophie und Phänomenologische Forschung”, I: 685-847; ora in A. Reinach, Sämtliche Werke. Kritische Ausgabe und Kommentar, München, Philosophia, 1989: 141-278; I fondamenti a priori del diritto civile, tr. it. di D. Falcioni, Milano, Giuffrè, 1990

Rescigno, G.U.

– 1998, L’atto normativo, Bologna, Zanichelli

Romano, S.

– 1947, Atti e negozi giuridici, in S. Romano, Frammenti di un dizionario giuridico, Milano, Giuffrè: 3-13

Sacco, R.

– 1965, Contratto, e negozio a formazione bilaterale, in Studi in onore di Paolo Greco, Padova, Cedam, vol. II: 951-985

– 1993, Il diritto muto, “Rivista di diritto civile”, 39: 689-702

– 1994, L’occupazione, atto di autonomia. (Contributo ad una dottrina dell’atto non-negoziale), “Rivista di diritto civile”, 40: 343-358

– 2002, La conclusione dell’accordo, in R. Sacco e G. De Nova, Il contratto, Torino, Utet, 20023: 21-121

– 2005, Il fatto, l’atto, il negozio, con la collaborazione di P. Cisiano, Torino, Utet

– 2007, Antropologia giuridica. Contributo ad una macrostoria del diritto, Bologna, il Mulino

Scarpelli, U. e Di Lucia, P.

– 1994 (a c. di), Il linguaggio del diritto. Milano, Led

Schlesinger, P.

– 1964, Dichiarazione (teoria generale), in Enciclopedia del diritto, Milano, Giuffrè, 1964, vol. XII: 371-384

Schnoor, C.

– 1993, Wurzeln des Rechts in der Sprache: Eine Entdeckung des Sprechaktes im Jahre 1909, “Jahrbuch für Recht und Ethik”, 1: 305-314

Schuhmann, K.

– 1988, Die Entwicklung der Sprechakttheorie in der Münchener Phänomenologie, “Phänomenologische Forschungen”, 21: 133-166

Schuhmann, K. e Smith, B.

– 1990, Elements of Speech Act Theory in the Work of Thomas Reid, “History of Philosophy Quaerterly”, 7: 47-66

Searle, J.R.

– 1969, Speech Acts. An Essay in Philosophy of Language, Cambridge, Cambridge University Press

Silvi, M.Q.

– 2004, Struttura giuridica del perdono, Milano, Angeli

Tesnière, L.

– 1953, Esquisse d’une syntaxe structurale, Paris, Klincksieck, 19662

– 1959, Éléments de syntaxe structurale, Paris, Klincksieck, 19652; Elementi di sintassi strutturale, tr. it. a c. di G. Proverbio e A. Trocini Cerrina, Torino, Rosenberg & Sellier, 2001

Torna su

Note

1 È possibile che l’opera di Thomas Reid (Reid 1788: 445) sia stata una delle fonti di ispirazione del filosofo del diritto Adolf Reinach (cfr. gli studi di Mulligan, Schuhmann, Smith). Ma è senza dubbio merito esclusivo di Reinach aver inscritto l’atto giuridico nella teoria degli atti sociali (social acts, soziale Akte), ossia degli atti che, nel lessico di Reid, «implicano necessariamente una relazione sociale, alla quale partecipa un altro essere intelligente [which necessarily imply social intercourse with some other intelligent being who bears a part in them]».

2 Per una lettura della Fremdpersonalität alla luce del concetto di “valenza” di Lucien Tesnière (Tesnière 1953, 1959) cfr. Di Lucia 2008.

3 “Alteriorità”, che sembra un geniale incrocio di “alterità” e di “ulteriorità” non appare nel massimo dizionario della lingua italiana. Cfr. Battaglia 1961. Senza riferimento specifico ad atti, il filosofo del diritto italiano Igino Petrone (Petrone 1897: 71) coniò il termine “alteriorità” per indicare un carattere differenziale del diritto: «Uno dei precipui caratteri differenziali del diritto è la relazione di alteriorità, ossia la relazione di una persona verso un’altra o più persone». Per l’analisi di questo tratto differenziale del diritto cfr. le opere di Giorgio Del Vecchio, che di Petrone era stato allievo.

4 Uso la grafia “ricettizietà” anche per distinguere la ricettizietà in cui la Vernehmungsbedürftigkeit consiste dalla “recettizietà” del diritto civile italiano. Nel lessico dei giuristi, si chiamano “dichiarazioni recettizie” quelle dichiarazioni che per produrre effetto devono essere ricevute da una determinata persona. Nel diritto italiano, sono, per esempio, dichiarazioni recettizie la proposta di concludere un contratto e la disdetta. Non è, nel diritto italiano, invece, una dichiarazione recettizia il testamento. Cfr. Giampiccolo 1959.

5 Oltre a “sich an jemanden wenden”, Reinach usa le seguenti tre espressioni: “sich auf jemanden richten”, “in ihn eindringen”, “sich kundgeben”.

6 I profili rilevanti sono dunque tre: (i) manifestazione; (ii) percezione; (iii) ricezione.

7 «Wir bezeichnen die spontanen und vernehmungsbedürftigen Akte soziale Akte [Chiameremo “atti sociali” gli atti spontanei che necessitano di essere percepiti]». Cfr. Reinach 1913: 707 (tr. it. 29). Cfr. Mulligan 1987.

8 Cfr. Reinach 1911, 1989: 356-357.

9 Cfr. Burkhardt 1986a, 1986b. Sul parallelismo tra atti linguistici e atti giuridici cfr. Brinckmann 1975.

10 Cfr. M.-E. Conte 1983.

11 Il concetto di atto giuridico non-sociale è latente nella riflessione dei giuristi. In particolare, il concetto è latente, come segnala Giuseppe Lorini (Lorini 2007), nell’opera di Santi Romano (Romano 1947: 5-6), non fortuitamente il massimo teorico dell’istituzionale nel diritto: «Anzitutto dalla categoria degli atti giuridici, negoziali e non, escluderei per farne una categoria a sé, le azioni giuridiche materiali, positive o negative, che spesso invece vi si comprendono. Esse sono svariatissime e, com’è noto, la dottrina ne ha tentato raggruppamenti e classificazioni, da vari punti di vista, tutt’altro che pacifici; la presa di possesso, la specificazione, il ritrovamento del tesoro o della cosa smarrita, la derelizione, la percezione dei frutti, la fissazione del domicilio e della residenza e tante altre di cui si potrebbe fare un lungo elenco. […] Talvolta nelle azioni materiali accennate si è creduto di poter ravvisare manifestazioni o dichiarazioni tacite, specialmente di volontà, e ciò ha indotto o contribuito a indurre nell’opinione che anch’esse siano atti giuridici, da distinguersi ulteriormente in atti negoziali e non negoziali. Ma sono vedute sostanzialmente inesatte, il che è evidente in modo particolare in quei casi in cui qualsiasi manifestazione o dichiarazione espressa di volontà non basterebbe a produrre l’effetto giuridico che quelle azioni invece producono, anche se compiute senza intenzione che altri ne abbia notizia o persino in segreto, come avviene nell’occupazione e nella derelizione». (Faccio notare che “latente (covert)” non equivale a “muto”. Questi due aggettivi si predicano di entità eterogenee. “Latente” si predica di entità teoretiche; “muto” si predica di fenomeni).

12 Il concetto di atto muto si contrappone al concetto di atto parlato. La contrapposizione atto muto vs. atto parlato rievoca la contrapposizione film muto vs. film parlato.

Il sintagma “atto muto” appare per la prima volta in La scienza nuova di Giambattista Vico (1668-1744), proprio in relazione all’esperienza giuridica. «Tre spezie di lingue. Delle quali la prima fu una lingua divina mentale per atti muti religiosi, o sieno divine cerimonie; onde restaron in ragion civile a’ romani gli “atti legitimi”, co’ quali celebravano tutte le faccende delle loro civili utilità. Qual lingua si conviene alle religioni per tal proprietà: che più importa loro esser riverite che ragionate; e fu necessaria ne’ primi tempi, che gli uomini gentili non sapevano ancor articolare la favella.

La seconda fu per imprese eroiche, con le quali parlano l’armi; la qual favella, come abbian sopra detto, restò alla militar disciplina.

La terza è per parlari, che per tutte le nazioni oggi s’usano, articolati».

13 La rilevanza giuridica della parola data è sottolineata in chiave diacronica anche da Lombardi Vallauri 1961: 143.

14 Sacco 2007: 183. Sulla complessità ontologica della “dichiarazione” di cui parlano i giuristi e il legislatore del Codice civile italiano cfr. Schlesinger 1964, e Sacco 2002: 66-84.

15 Sacco 2007: 183. In un saggio precedente (Sacco 2004: 344), Sacco aveva indicato, quali esempi di atti muti, anche i seguenti quattro atti di diritto civile: «La distruzione del testamento olografo, la convalida del negozio annullabile mediante esecuzione, la convalida del testamento nullo mediante esecuzione, la conclusione del contratto ex art. 1327». “Atto muto” non equivale né ad “atto bruto” (G.E.M. Anscombe [1910-2001]) né ad “atto tacito” (Michael Polanyi [1891-1976]), né ad “atto nudo”. A sua volta, “atto muto” non equivale a “evento”.

16 Sacco 2007: 183. Che all’origine non del diritto, ma della cultura in genere vi sia il possesso (Besitz) è tesi espressa dal filosofo tedesco Gustav Friedrich Klemm (Klemm 1843-1852).

17 Com’è noto, in filosofia del diritto è un antico problema se vi siano norme che non sono né enunciati linguistici né enunciazioni di enunciati linguistici.

18 Sacco 2007: 296.

19 Sacco 1994: 346.

20 Il sintagma “diritto muto” appare, credo, per la prima volta nel saggio di Sacco intitolato Il diritto muto (Sacco 1993). Il concetto di “diritto muto” e l’ipotesi di una «intuitiva simmetria fra la struttura dell’atto e i suoi effetti», non possono non rievocare quel diritto istintivo (instinktives Recht) di cui parla Marx a proposito della liceità della raccolta della legna caduta. Sulla interpretazione degli articoli nei quali Marx commenta il progetto di legge contro i furti della legna rinvio a Di Lucia 2005. Nello stesso anno in cui Marx pubblica gli articoli sulla raccolta della legna caduta (Sammeln von Raffholz), appare il primo volume di Gustav Friedrich Klemm 1843: 206, nel quale si legge: «Dimostreremo che ogni cultura umana ha preso l’avvio dal possesso [Besitz]».

21 Cfr. Adorno 1951, § 49: 96 (tr. it. 73). In altri termini, la priorità cronologica assume la funzione della priorità psicologica.

22 Sacco 2007: 298.

23 Cocchiara 1932.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Paolo Di Lucia, « Idealtypen per una tipologia degli atti istituzionali », Rivista di estetica, 39 | 2008, 133-145.

Notizia bibliografica digitale

Paolo Di Lucia, « Idealtypen per una tipologia degli atti istituzionali », Rivista di estetica [Online], 39 | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 settembre 2017. URL : http://estetica.revues.org/2032 ; DOI : 10.4000/estetica.2032

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org