Navigazione – Mappa del sito
nuove ontologie

Diventare due

Andrea C. Bottani
p. 103-125

Testo integrale

1. Ramificazioni

  • 1 Assumo che la nozione di ramificazione sia de re. Vale a dire: che una divisione sia o meno una ram (...)

1Talvolta, un’entità di qualche sorta si divide in due o più entità della stessa sorta (un’ameba in due amebe, un lombrico in due lombrichi, una pianta in due piante). Quando questo accade, si usa dire che l’entità originale si è – metaforicamente parlando – “ramificata”. Non ogni distacco di parti è una ramificazione. Né il taglio della coda a un cane né la divisione a metà di una carta da gioco lo sono, perché nel primo caso una delle entità prodotte dalla divisione non è della stessa sorta dell’entità che si è divisa (la coda di un cane non è un cane), mentre nel secondo caso nessuna di esse lo è (nessuna delle metà di una carta da gioco è una carta da gioco)1. Ma eventi di ramificazione sono comuni nel caso di molti organismi vegetali e animali (perfino nel caso di zigoti umani), meno comuni nel caso di navi e club, almeno possibili nel caso di persone umane.

  • 2 Autori come Nozick, Wiggins e Noonan hanno chiamato “Only a and b principle” un principio più ristr (...)
  • 3 Per una discussione della distinzione intrinseco/estrinseco, che darò per scontata, nonostante essa (...)

2Il fenomeno della ramificazione solleva un problema serio per la teoria dell’identità. Siamo naturalmente portati a pensare che, se un’entità a è identica a un’entità b, questo possa dipendere solo da a, da b e dalle relazioni fra di essi; e che nessun altro fatto riguardo ad altre cose possa fare una differenza in proposito. Questo assunto, che chiamerò “principio dei soli a e b2, codifica l’intuizione che l’identità sia una relazione intrinseca. Ma certi casi di ramificazione sembrano sollevare dubbi sull’intuizione che l’identità sia intrinseca in questo senso3. Eccone due.

  • 4 L’esempio è di Nozick (vedi Nozick 1981).

1) Il Circolo di Vienna4. Durante il periodo nazista, il Circolo di Vienna dovette sciogliersi per persecuzioni politiche, e i suoi membri furono costretti a fuggire dall’Austria. Supponi che le cose vadano come segue (un modo un po’ diverso da quello in cui sono in effetti andate). Dei venti membri del Circolo, tre arrivano a Istanbul. Credendo di essere i soli membri superstiti del Circolo, riprendono a riunirsi con lo stesso statuto e lo stesso programma filosofico di prima, con la convinzione di essere il Circolo di Vienna in esilio. Ma in realtà nove altri membri del Circolo sono arrivati negli Stati Uniti, dove hanno ripreso anch’essi a riunirsi negli stessi modi. Quando vengono a saperlo, i tre membri di Istanbul capiscono di non essere affatto il Circolo di Vienna, ma solo la sua derivazione turca: è il Circolo statunitense a essere il vero Circolo di Vienna in esilio. Così, se il Circolo statunitense non esistesse, il Circolo di Istanbul sarebbe il Circolo di Vienna. E la ragione per cui non lo è sta nel fatto che è qualcos’altro a esserlo, e precisamente il Circolo statunitense. In questo caso, l’identità non sembra comportarsi come una relazione intrinseca: che il Circolo di Istanbul sia oppure no il Circolo di Vienna non dipende soltanto da queste due entità, ma anche dall’esistenza di qualcos’altro.

2) Partenogenesi. In seguito a qualche evento accidentale, un lombrico A viene tagliato esattamente a metà, dando luogo a due lombrichi B e C. Siccome B e C non sono lo stesso lombrico, A non può essere identico a entrambi, perché niente può essere identico a due cose diverse. Ma neanche – sembra – può essere identico a uno solo dei due, perché qualunque nesso di continuità connetta B con A connetterà anche C con A nella stessa misura. Sembra quindi che né B né C possano essere identici ad A. Tuttavia, pare ragionevole assumere che, se non esistesse C, B sarebbe identico ad A, mentre, se non esistesse B, sarebbe C a essere identico ad A (se una delle metà venisse distrutta invece di essere semplicemente separata dall’altra, non vi sarebbe dubbio che la metà restante sia A; probabilmente diremmo che A ha subito una grave mutilazione). Di nuovo, l’identità non sembra comportarsi come una relazione intrinseca: che B sia identico ad A, non sembra dipendere solo da B e da A, ma anche dall’esistenza di qualcos’altro (lo stesso, mutatis mutandis, con C al posto di B).

3I due casi non hanno la stessa struttura. Nel caso 1), una prima entità (il Circolo di Istanbul) è diversa da una seconda (il Circolo di Vienna) se e solo se ne esiste una terza (il Circolo statunitense) che è identica alla seconda. Una situazione del genere riguarda al massimo due entità (dato che la terza entità non può impedire alla prima di essere identica alla seconda senza essere essa stessa identica alla seconda). Il caso 2), invece, non riguarda solo due ma tre cose (A, B e C), due delle quali si impediscono vicendevolmente di essere identiche alla terza (la diversità di ognuna delle prime due cose rispetto alla terza dipende dall’esistenza dell’altra). Questo sembra essere un doppio caso di diversità estrinseca: B è diverso da A perché esiste C, e C è diverso da A perché esiste B.

4Ciò che invece accomuna 1) e 2) è che entrambi riguardano l’identità fra cose individuate in tempi diversi (il Circolo di Vienna e il Circolo di Istanbul, ad esempio, sono identificati in base a come si presentano in istanti diversi, rispettivamente, prima e dopo la diaspora, e così A) e B). Questo è un fatto ovvio, ma viene spesso interpretato in un modo che è lontano dall’essere ovvio. Casi come 1) e 2), si dice, non riguardano l’identità tout court, ma solo l’identità fra cose che esistono in istanti diversi (ciò che si potrebbe chiamare e spesso si chiama “identità attraverso il tempo” o “identità diacronica”): essi suggeriscono che l’identità diacronica sia estrinseca ma non dicono nulla circa l’identità sincronica – l’identità fra cose che esistono nello stesso tempo.

  • 5 Naturalmente, si può dubitare che esistano, e perfino che possano esistere, cose capaci di stare fr (...)
  • 6 È chiaro che la distinzione fra enunciati sincronici ed enunciati diacronici di identità non implic (...)

5Si possono interpretare 1) e 2) in questo modo solo se si assume che esista una particolare relazione di identità chiamata “identità diacronica”, distinta da un’altra particolare relazione di identità chiamata “identità sincronica”. Questa assunzione, però, non sembra molto plausibile. Una delle ragioni per cui non sembra esserlo è che non può esserci identità diacronica senza identità sincronica: siccome nulla che esista in un istante può essere genuinamente identico a qualcosa che esiste in un altro istante senza esistere esattamente negli stessi istanti, l’identità diacronica è, nel migliore dei casi, solo l’identità sincronica di cose che esistono (interamente) in più di un istante5. Ma, per quanto problematica la distinzione fra identità sincronica e identità diacronica possa essere, la differenza semantica fra enunciati sincronici ed enunciati diacronici di identità resta tanto scontata quanto potrebbe esserlo. Un esempio del primo tipo è “La persona che sto guardando è quella che sta bevendo il Martini” (i termini singolari a destra e a sinistra del segno di identità identificano i loro referenti in base a come si presentano in uno stesso istante). Un esempio del secondo tipo è “La persona che stai guardando è quella che ieri ti ho presentato” (i termini singolari a destra e a sinistra del segno di identità identificano i loro referenti in base a come si presentano in istanti diversi)6. Ed è un fatto evidente che sia 1) che 2) coinvolgono enunciati diacronici di identità. Ciò che entrambi mostrano è che – talvolta – un enunciato diacronico di identità di forma “a=b” è vero o falso a seconda che esista o non esista un’entità c diversa da b.

  • 7 Questo, in linea di principio, potrebbe dipendere da diversi motivi: o dal fatto che non c’è mai id (...)

6Ci si può chiedere se siano immaginabili casi analoghi a 1) e 2) che coinvolgano solo enunciati sincronici di identità. Questa è una domanda interessante. Se i dubbi che 1) e 2) sollevano sul carattere intrinseco dell’identità riguardano anche l’ontologia e non solo la semantica (anche l’identità de re e non semplicemente la semantica dei nostri enunciati di identità), essi non dovrebbero dipendere da come i termini di una relazione di identità sono descritti (in particolare, non dovrebbero dipendere dal fatto che essi siano descritti in base a come appaiono in istanti diversi, piuttosto che nello stesso istante). Se, ogni volta che l’identità fra un’entità a e un’entità b ci sembra estrinseca, a e b fossero descritte in base a come si presentano in istanti diversi, vi sarebbe ragione di dubitare che il carattere intrinseco dell’identità de re sia veramente messo in questione7. Ma il fatto importante – largamente trascurato – è che vi sono casi simili a 1) e 2) che coinvolgono solo enunciati sincronici di identità. Si consideri il seguente esempio.

3) Il Ticino nasce in Svizzera dal passo del S. Gottardo e, dopo avere attraversato il lago Maggiore, si getta nel Po in corrispondenza del ponte della Becca. Il Po, invece, nasce dal Monviso e, dopo aver ricevuto le acque del Ticino, prosegue attraversando da ovest a est tutta la pianura cui dà il nome fino a gettarsi nel mare Adriatico in prossimità di Porto Tolle. Se ora abbandoniamo per un momento la familiare nomenclatura geografica, possiamo chiamare “a il fiume che scorre (almeno) dal Monviso fino al ponte della Becca, “b” il fiume che scorre (almeno) dal S. Gottardo fino al ponte della Becca e “c” il fiume che scorre (almeno) dal ponte della Becca fino a Porto Tolle. Ora, è del tutto evidente che vi sono molti più motivi per pensare che a sia (identico a) c di quanti ve ne siano per pensare che sia b a essere (identico a) c. In primo luogo, a ha una portata d’acqua maggiore di b nel punto (il ponte della Becca) in cui a e b si toccano. In secondo luogo, a ha percorso più chilometri, dalla sua sorgente fino alla confluenza con b, di quanti b ne abbia percorsi dalla sua sorgente fino alla confluenza con a, perché la distanza fra il Monviso e il Ponte della Becca è maggiore della distanza fra il S. Gottardo e il Ponte della Becca. Ma sebbene – per questi motivi – b sia diverso da c, ciò non sembra dipendere solo da b e da c, ma anche da a. Perché, se a non esistesse, sarebbe b a essere identico a c e in una situazione del genere – se continuassimo a chiamare b “Ticino” – sarebbe il Ticino a gettarsi nel mare Adriatico in prossimità di Porto Tolle.

7Questo caso è del tutto identico per struttura a 1), eccetto per il fatto che ciò che è qui in gioco è l’identità fra cose individuate nello stesso istante, anziché in istanti diversi (non ci sono divisioni qui, e quindi non ci sono ramificazioni nell’accezione definita, se non nel senso metaforico in cui qualcuno potrebbe dire che un fiume si divide in due quando, percorrendolo controcorrente, incontrasse un suo affluente). Se si vuole costruire un caso che stia a 2) come 3) sta a 1), non si ha che da immaginare una situazione in cui due fiumi a e b abbiano, dalla fonte al punto di incontro, la stessa portata d’acqua media e la stessa lunghezza. In un tal caso, a sarebbe (identico a) c se non esistesse b e b sarebbe (identico a) c se non esistesse a, ma poiché a e b esistono entrambi, nessuno dei due è (identico a) c.

8Quale tipo di problema sollevano casi come quelli descritti? Il problema, in breve, è che casi come questi sembrano rendere veri condizionali della forma “sebbene a non sia c, a sarebbe stato c se b non fosse esistito” (o della forma conversa: “sebbene a sia c, non sarebbe stato c se b fosse esistito”). E sembra che, se condizionali di questa forma sono veri, l’identità non possa essere intrinseca e il principio dei soli a e b debba essere falso. La morale apparente è che si debba scegliere fra tre opzioni: A) rifiutare l’idea che l’identità sia intrinseca; B) rifiutare l’idea che casi come quelli descritti rendano veri condizionali della forma menzionata; C) rifiutare l’idea che, se condizionali della forma menzionata sono veri, l’identità non è intrinseca. Dirò due parole – prevalentemente critiche – su A) e B), quindi argomenterò a favore di C).

2. Identità estrinseca?

  • 8 Nozick 1981, Shoemaker 1984.
  • 9 Si veda Gallois 1998.

9Alcuni filosofi – fra cui Shoemaker, Nozick e Parfit – hanno imboccato la prima strada: specialmente in teoria della identità personale, essi hanno sostenuto che quella che sembra essere una stranezza è in effetti una verità, e la ramificazione mostra che la tesi che l’identità sia intrinseca deve essere abbandonata a favore di quella che alcuni di loro hanno chiamato una “teoria del miglior candidato”8. L’idea generale è che essere identici a qualcosa significhi essere il miglior candidato all’identità con quella cosa (cioè essere tali che nient’altro ha credenziali più forti per essere identico a essa). Un famoso esempio di teoria del miglior candidato è la closest continuer theory dell’identità personale di Robert Nozick. Secondo Nozick, la continuità con una persona può valere come condizione necessaria e sufficiente di identità con essa solo in assenza di candidati altrettanto forti o più forti: perfino la continuità psicologica non esclusiva o ramificata può così essere condizione necessaria e sufficiente di identità personale, a condizione che la ramificazione sia asimmetrica (nel qual caso l’identità va in direzione del ramo più grosso). Essere il continuatore più prossimo di un’entità non è ovviamente una relazione intrinseca che qualcosa possa avere con quella entità. Perché nulla può essere il continuatore più prossimo di qualcosa a prescindere da ogni altra cosa, proprio come nessuno può essere il più bravo a prescindere da qualsiasi altra persona. Un’altra soluzione tesa ad alterare le proprietà formali classiche dell’identità è l’idea che l’identità sia occasionale: temporalmente incostante o instabile9. L’idea è piena di problemi, e non senza ripercussioni per le proprietà formali più importanti dell’identità (ad esempio, sembra fare dell’identità una relazione non leibniziana). Essa porta a postulare che, in casi di ramificazione, le entità post-divisione preesistano al momento della divisione: prima della divisione, i lombrichi b e c erano identici, poi diventano diversi, cioè diventano due. Questa soluzione è l’unica disposta a prendere alla lettera il titolo di questo lavoro: “diventare due”. Come le teorie del miglior candidato, essa fa dell’identità fra x e y una relazione estrinseca perché la fa dipendere da qualcos’altro che x e y – un certo tempo, istante o intervallo.

10Vi sono diverse buone ragioni per pensare che l’identità sia intrinseca. La principale è che, se a e b sono identici (o diversi), questo può dipendere solo da quali individui a e b sono. E sembra che nulla possa essere rilevante in proposito se non a e b stessi. Più in dettaglio, si può argomentare come segue. Diciamo che una “contrazione” del mondo reale è un mondo possibile in cui alcune delle cose che esistono realmente non esistono affatto, ma tutto il resto rimane tanto invariato quanto potrebbe esserlo. Così, si potrebbe dire, una relazione è intrinseca se e solo se è tale che, tutte le volte che n individui stanno in quella relazione in un mondo M, essi continuano a stare in quella relazione in ogni contrazione di M in cui esistono (dato che, per definizione di “intrinseco”, ogni volta che una relazione intrinseca intercorre fra n individui, questo non può dipendere da altro che da quegli individui stessi). Quindi, se l’identità non fosse intrinseca, vi sarebbero contrazioni del mondo reale in cui individui di fatto diversi sono identici, e/o contrazioni del mondo reale in cui individui di fatto identici sono diversi. E c’è ragione di pensare che non possa essere così.

  • 10 Ovviamente, almeno in linea di principio, l’identità potrebbe essere intrinseca senza essere necess (...)
  • 11 Vedi Lewis 1968, Gibbard 1975.
  • 12 Secondo Lewis, una costante individuale “a” denota un individuo x nel mondo reale, e seleziona una (...)

11In primo luogo, se vi fossero contrazioni del mondo reale in cui individui di fatto identici sono diversi (o viceversa), certi individui sarebbero identici in un mondo e diversi in un altro, quindi certi enunciati di identità de re sarebbero contingenti (veri in un mondo e falsi in un altro). E questo contrasta con la tesi di necessità dell’identità – l’idea che ogni enunciato di identità de re sia necessariamente vero (se vero) o necessariamente falso (se falso). Dato che argomenti per trattare l’identità de re come necessaria sono stati forniti in lavori come Kripke 1971 e Kripke 1980, si potrebbe sostenere che, siccome l’identità è necessaria, deve anche essere intrinseca10. È vero che autori come Allan Gibbard e David Lewis hanno proposto teorie della modalità de re che bloccano il passaggio da “A e B sono identici” a “A e B sono necessariamente identici”11, teorie in cui un enunciato di identità de re può riuscire vero in un mondo e falso in un altro. Anche in queste teorie, tuttavia, l’identità de re “A e B sono identici” può risultare vera in un mondo e falsa in un altro solo nella misura in cui i termini singolari “A” e “B” che ricorrono nell’enunciato di identità denotano certi individui in un mondo e certi altri in un altro12. Un caso in cui l’identità de re “A e B sono identici” risulta vera in un mondo e falsa in un altro non è quindi un caso in cui gli stessi individui stanno nella stessa relazione (l’identità) in un mondo ma non in un altro.

12In secondo luogo, se vi fossero contrazioni del mondo reale in cui individui di fatto identici sono diversi (o individui di fatto diversi sono identici), avremmo strani problemi con l’aritmetica elementare. Proviamo a pensare un mondo contratto M come una scatola da cui abbiamo tolto alcuni oggetti. Possiamo immaginare che in M vi sia un individuo a e vi sia un individuo b e a e b, essendo identici, siano una cosa sola. Ma esiste un c che, aggiunto a M, rende a e b diversi. Curioso, in una scatola in cui c’era una cosa sola ne è entrata un’altra e ora ce ne sono tre. Ma è proprio così: se l’identità fosse estrinseca, dovrebbe esistere una cosa che, aggiunta a un’altra, ci dà tre cose. Sebbene sia naturale pensare che uno più uno faccia sempre due, se l’identità è estrinseca non è così. Qualche volta fa due, ma qualche volta fa tre. Oppure, possiamo immaginare che nella scatola ci siano due diverse entità a e b ma l’introduzione nella scatola di una terza entità c renda a e b identici. In una scatola in cui c’erano due cose, ne entra una terza e il bizzarro risultato è che, sebbene nulla sia uscito dalla scatola, le cose lì dentro restano ancora due. Curioso: esiste una cosa che, aggiunta ad altre due cose, non ne fa aumentare il numero. Sebbene sia naturale pensare che uno più due faccia sempre tre, se l’identità è estrinseca non è affatto così. Talvolta fa tre, ma talvolta fa due.

  • 13 Naturalmente, questa riformulazione presuppone l’identità fra mondi, e non è praticabile dal punto (...)

13Se la metafora di aggiungere e togliere individui da mondi possibili pare troppo ardita, si può riformulare il tutto in termini di rapporto fra il numero delle cose che esistono in un mondo e quello delle cose che esistono in un altro: ci sono due mondi M1 e M2 tali che tutto ciò che esiste in M1 esiste anche in M2 e c’è qualcosa in M2 che non esiste in M1, ma nondimeno le cose che esistono in M1 sono esattamente quelle che esistono in M2, né più né meno13. Allo stesso modo, esistono due mondi C e D tali che tutto ciò che esiste in C esiste anche in D e in D esiste esattamente una cosa che non esiste in C, ma il numero delle cose che esistono in D è maggiore di due unità rispetto al numero delle cose che esistono in C. Come può essere?

3. Ramificazione e coincidenza

  • 14 Vedi Perry 1972, Lewis 1976, Noonan 1985.
  • 15 In altri termini, una somma di segmenti di fiume S = <x1 + x2 + … + xn è massimale se e solo se sod (...)
  • 16 In effetti, a scorrere dal Ponte della Becca al San Gottardo vi saranno moltissimi fiumi, tanti qua (...)

14Alcuni filosofi – fra cui Lewis, Perry e Noonan – hanno imboccato la seconda strada invece della prima: negare che casi come quelli descritti rendano veri bicondizionali della forma “sebbene a non sia c, sarebbe stato c se b non fosse esistito”14. Sebbene essi abbiano discusso casi “diacronici” come 1) e 2) e non casi “sincronici” come 3), è proprio nei confronti di questi ultimi che la loro analisi può riuscire più chiara. Notoriamente, i fiumi hanno parti (il segmento del Ticino che arriva fino al lago Maggiore, ad esempio, è una parte del Ticino; il segmento che parte dal lago Maggiore è un’altra parte del Ticino; in generale, ogni segmento del Ticino più breve dell’intero Ticino è una parte propria del Ticino). Dato che i fiumi hanno per parti segmenti di fiume, si potrebbe pensare che un fiume non sia altro che una somma mereologica massimale di segmenti di fiume, dove una somma di segmenti di fiume è massimale se e solo se comprende una sorgente e una foce e copre senza soluzioni di continuità e senza eccessi una linea che unisce la prima alla seconda15. Ma allora, tornando al caso 3), vi saranno (almeno) due fiumi che scorrono insieme dal ponte della Becca a Porto Tolle (nello stesso alveo, per così dire): un fiume che scorre dal Monviso a Porto Tolle e uno che scorre dal San Gottardo a Porto Tolle16. Questi due fiumi hanno in comune tutti i segmenti di fiume compresi fra il Ponte della Becca e porto Tolle, ma non sono lo stesso fiume perché non sono la stessa somma di segmenti di fiume. E, se “c” significa “il fiume che scorre (almeno) dal ponte della Becca a Porto Tolle”, non è chiaro quale di questi due fiumi c sia. Solo se c fosse il primo fiume (quello che scorre dal Monviso a Porto Tolle), c sarebbe identico a b, (il fiume che scorre almeno dal Monviso al Ponte della Becca), ma neanche in questo caso sarebbe vero che se b non fosse esistito, c sarebbe stato identico ad a (cioè al fiume che scorre almeno dal San Gottardo a Porto Tolle). Semplicemente, in questo caso c non sarebbe esistito, e a scorrere dal ponte della Becca a Porto Tolle vi sarebbe stato un fiume in meno. La morale è che, siccome non rendono veri condizionali della forma “sebbene a non sia c, a sarebbe stato c se b non fosse esistito”, casi come 3) non minacciano in alcun modo il carattere intrinseco dell’identità, ma si limitano a mostrare la ricorrenza di un particolare tipo di coincidenza o sovrapposizione spaziotemporale: fiumi diversi possono essere, in parti maggiori o minori, spaziotemporalmente coincidenti.

  • 17 E forse anche in tempi precedenti, se oltre che dividersi certe entità potessero anche fondersi (di (...)

15Se ciò che persiste nel tempo ha parti temporali (come Lewis, Noonan e Perry pensano), questa analisi può facilmente essere estesa a casi diacronici come 1) e 2). Supponi che, proprio come un fiume può essere trattato come una somma massimale di segmenti di fiume, un lombrico possa essere trattato come una somma massimale di parti temporali di lombrico, dove una somma di parti temporali di lombrico S = <x1 + x2 + … + xn> è massimale se e solo se: (i) non è sparpagliata; (ii) nessuna ulteriore parte temporale di lombrico può esserle aggiunta senza renderla sparpagliata (cioè: per ogni parte temporale di lombrico xn+1, S+xn+1 è sparpagliata); (iii) nessuno degli xi possono essere sottratto isolatamente a S senza renderla sparpagliata, eccetto due (cioè, solo due xi sono tali che S-xi non è sparpagliata). Nel caso 3) (supponendo che b e c non si dividano a loro volta), solo due somme di parti temporali di lombrico sono massimali nel senso descritto: quella che si estende dalla nascita di a alla morte di b e quella che si estende dalla nascita di a alla morte di c. Quindi ci sono solo due lombrichi, che potremmo semplicemente chiamare “b” e “c”, spaziotemporalmente coincidenti dalla loro nascita fino all’evento di divisione. In teoria dell’identità personale, questa soluzione è nota come “tesi di occupazione multipla”. La tesi di occupazione multipla implica una teoria revisionista del contare, secondo cui il numero delle entità che occupano un certo luogo in un certo istante può dipendere da ciò che accade in tempi successivi a quell’istante17. Dire che un lombrico si divide è, da questo punto di vista, solo un modo figurato di dire che due lombrichi che precedentemente occupavano lo stesso luogo successivamente occupano due luoghi diversi. Non si può quindi dire che, se b non fosse esistito, a sarebbe stato identico a c. Dove c’è a, infatti, ci sono esattamente due lombrichi, il primo diverso da c e il secondo identico a c. Se b non fosse esistito, il primo lombrico non sarebbe esistito, ma nulla avrebbe cambiato le sue relazioni di identità con c. Siccome per questi motivi 1) e 2) non consentono la produzione di condizionali della forma “sebbene a non sia c, a sarebbe stato c se b non fosse esistito”, essi non minacciano in alcun modo il carattere intrinseco dell’identità.

16Chi pensa che gli oggetti persistenti ordinari non abbiano parti temporali proprie, non può trattare 1) e 2) – mutatis mutandis – alla maniera di 3), ma può provare a negare in altro modo che casi “diacronici” come 1) e 2) rendano veri i condizionali indesiderati. Ad esempio, può assumere che l’entità divisa occupi con diverse parti, dopo la divisione, due collocazioni spaziotemporali topologicamente disconnesse ma temporalmente simultanee. L’idea è che le entità post-divisione siano entrambe parti (dopo la divisione) dell’entità pre-divisione, che quindi sopravvive alla divisione: nel dividersi, l’entità pre-divisione diventa spaziotemporalmente sparpagliata, e questo è tutto (tanto prima quanto dopo la divisione, c’è un solo lombrico le cui parti sono attaccate prima della divisione ma non dopo di essa). Per quanto implausibile (sembra che il risultato della divisione siano due lombrichi, e non un lombrico sparpagliato), questa soluzione è accessibile anche a chi crede che gli oggetti persistenti ordinari esistano nella loro interezza in più di un istante. Un altro modo di negare che casi diacronici come 1) e 2) consentano la produzione dei condizionali indesiderati senza assumere che gli oggetti persistenti ordinari abbiano parti temporali proprie è trattare tali oggetti come fasi istantanee dotate di controparti temporali (nel senso della stage view). Se la relazione fra cose che esistono in istanti diversi può al più essere una relazione di controparte ma mai di identità, casi “diacronici” come 1) e 2) non possono dirci nulla sull’identità. Al più, essi possono dirci che la relazione di controparte attraverso il tempo (non l’identità) è estrinseca: b sarebbe controparte di a se c non esistesse e c sarebbe controparte di a se fosse b a non esistere, ma siccome sia a che b esistono, essi si impediscono a vicenda di essere controparti di a. Che la relazione di controparte sia estrinseca, però, non è una gran scoperta, perché la mia controparte in un mondo o istante è (fra l’altro) la cosa che, in quel mondo o istante, mi assomiglia in grado massimo (e questo non può dipendere solo da me e da lei, perché richiede che non ci sia un’altra cosa che mi assomigli ancora di più). Da questo punto di vista, casi come 1) e 2) non rendono veri bicondizionali di forma “sebbene a non sia identico a c, esso sarebbe stato identico a c, se b non fosse esistito”, a meno che “identico a” non venga preso come una façon de dire per “controparte temporale di”. Ma, in questo caso, 1) e 2) non dicono nulla sul carattere intrinseco dell’identità.

  • 18 Ad esempio, due lombrichi dove diremmo che ce n’è uno, o uno dove diremmo che ce ne sono due, o mol (...)
  • 19 Bisognerebbe assumere che i fiumi, come il Po e il Ticino, sono segmenti brevissimi di fiume (e non (...)

17Tutti i trattamenti finora menzionati negano che i casi 1)-3) rendano veri condizionali della forma “sebbene a non sia identico a c, sarebbe stato identico a c, se b non fosse esistito”. Nessuno di essi evita completamente il ricorso a una teoria revisionista del contare (una teoria secondo cui in certi luoghi vi sono in certi tempi più cose, o meno cose, di quelle che sarebbe naturale contarvi)18. La stage view insegna come evitare una teoria revisionista del contare nel trattamento di casi diacronici come 1) e 2). Ma non è plausibile che una tale teoria possa essere analogamente evitata nel trattare casi sincronici come 3)19.

4. Perché né l’intrinsecità né la necessità dell’identità sono davvero minacciate

18Non intendo valutare a fondo le soluzioni che ho appena menzionato, solo suggerire che imboccare la terza strada invece delle prime due non sembra essere una cattiva idea. E la terza strada è: non si dà il caso che, se condizionali della forma descritta sono veri, allora l’identità è estrinseca. Possiamo pensare coerentemente che il Circolo di Istanbul, sebbene non sia il Circolo di Vienna, lo sarebbe stato se il Circolo statunitense non fosse esistito e insieme pensare che la non identità fra il Circolo di Vienna e il Circolo di Istanbul sia tanto intrinseca quanto potrebbe esserlo. I condizionali controfattuali sono suscettibili di diverse interpretazioni a seconda che si ammetta l’identità attraverso mondi (alla maniera della logica modale quantificata standard) oppure no (alla maniera della teoria delle controparti standard). Sosterrò che i condizionali controfattuali della forma descritta sono compatibili con l’assunto che l’identità sia intrinseca comunque interpretati. Comincerò con l’analizzare i casi 1) e 3) e solo successivamente considererò 2). Per cominciare, dunque, supponiamo di adottare un approccio kripkiano alla modalità e torniamo al Circolo di Vienna.

19Ciò che rende il Circolo di Istanbul diverso dal Circolo di Vienna, si dice, è qualcos’altro, e precisamente il Circolo statunitense. Infatti, se il Circolo statunitense non fosse esistito, il Circolo di Vienna sarebbe stato identico al Circolo di Istanbul, il che mostra che la diversità del Circolo di Istanbul e del Circolo di Vienna è estrinseca. Ma questo è inesatto: l’unico modo in cui il Circolo statunitense può rendere il Circolo di Istanbul diverso dal Circolo di Vienna è di essere esso stesso identico al Circolo di Vienna. E se il Circolo statunitense è identico al Circolo di Vienna, non ci sono tre cose, qui, ma due: il Circolo di Vienna e il Circolo di Istanbul. E il fatto che queste due cose siano diverse non può dipendere da nient’altro che da esse stesse. D’altro canto, se il Circolo statunitense non esistesse, ci sarebbero solo il Circolo di Istanbul e il Circolo di Vienna. E non ci sarebbe qualcos’altro da cui la loro identità o diversità possa dipendere. In nessun caso, quindi, si verifica una situazione in cui l’identità o diversità fra il Circolo di Vienna e il Circolo di Istanbul dipende dall’esistenza di un’altra entità. Così, l’assunto che l’identità diacronica sia una relazione intrinseca, non è minimamente minacciato da 1). Allo stesso modo, l’idea che l’identità sincronica sia una relazione intrinseca non è minacciata da 3), che ha esattamente la stessa struttura di 1): a può rendere il corso d’acqua b diverso dal corso d’acqua c solo se è a a essere identico a c – un caso in cui, di nuovo, ci sono solo b e c, e nessun’altra cosa in virtù della quale essi possano essere diversi.

20Il fatto che casi come 1) e 3) non pongano ipoteche sulla natura intrinseca dell’identità non significa affatto che non pongano ipoteche su nulla. Se non gettano dubbi sull’assunto che l’identità sia intrinseca – si potrebbe pensare – essi devono gettare dubbi sull’assunto che sia necessaria. Ecco come: nell’esempio 1), c’è un mondo M1 (quello reale) in cui il Circolo di Vienna continua a riunirsi negli Stati Uniti e un mondo M2 (una certa contrazione del mondo reale) in cui non lo fa. In entrambi i mondi, esiste un gruppo formato da individui (sempre gli stessi) che si riuniscono a Istanbul (sempre negli stessi modi), ma in M1 questo gruppo è diverso dal Circolo di Vienna mentre in M2 è identico a esso. Quindi possiamo dire che se il Circolo di Vienna non si fosse mai riunito negli Stati Uniti, esso sarebbe stato identico al Circolo di Istanbul. E non è questo un caso in cui un’entità a e una entità b sono contingentemente diverse, cioè diverse in un mondo e identiche in un altro? Ma la risposta è lontana dall’essere ovvia: dipende. Sì, se siamo disposti ad accettare il condizionale controfattuale

(C1) Se il Circolo di Vienna non si fosse mai riunito negli Stati Uniti, sarebbe stato identico al Circolo di Istanbul

in una lettura de re, cioè come se dicesse

(C1)’ Nel mondo reale ci sono due entità diverse, chiamate “Circolo di Vienna” e “Circolo di Istanbul”, e in una contrazione M2 del mondo reale in cui la prima entità (proprio essa) non si riunisce negli Stati Uniti, la prima entità (proprio essa) è identica alla seconda entità (proprio essa).

21No, se tutto ciò che accettiamo è una lettura de dicto del condizionale, cioè un asserto del tipo:

(C1)” L’entità che è Circolo di Vienna in M1 è diversa dall’entità che è Circolo di Istanbul in M1, ma in una contrazione M2 del mondo reale in cui nessuno dei filosofi che si erano riuniti a Vienna si riunisce negli Usa, l’entità che è Circolo di Vienna in M2 è identica all’entità che è Circolo di Istanbul in M2.

22Accettare una lettura de re del condizionale equivale ad accettare l’idea che il Circolo di Istanbul in M1 sia identico al Circolo di Istanbul in M2 e il Circolo di Vienna in M1 sia identico al Circolo di Vienna in M2. Rifiutarla significa che, nell’uno o nell’altro caso, debba trattarsi di entità diverse. Ma è chiaro che, se l’identità è necessaria, deve trattarsi di entità diverse in almeno uno dei due casi. Infatti, se l’identità è necessaria, una cosa non è mai identica alla stessa cosa in un mondo e non in un altro mondo. E questo è proprio quanto accadrebbe se il Circolo di Istanbul in M1 fosse identico al Circolo di Istanbul in M2 e il Circolo di Vienna in M1 fosse identico al Circolo di Vienna in M2. Perché allora ci sarebbe una cosa (il Circolo di Istanbul) che è identica alla stessa cosa (il Circolo di Vienna) in M2 ma non in M1. In breve, possiamo trattare le entità di M1 come identiche alle corrispondenti entità di M2 solo negando che l’identità sia necessaria. Ma allora, non possiamo negare che l’identità sia necessaria sulla base dell’idea che le entità di M1 siano identiche alle corrispondenti entità di M2. Il mio punto qui non è che l’identità sia necessaria (non discuterò questo assunto qui, dato che per me si tratta di un’intuizione non negoziabile). È che, se si volesse sostenere che è contingente, casi di ramificazione come 1) e 3) non potrebbero essere di alcun aiuto. (L’attualista tratta la domanda “a in M1 è identico a b in M2?” come una domanda oziosa: dipende da quali identità abbiamo stipulato nel “costruire” M2. Se l’identità è necessaria, però, stipulare che cose identiche nel mondo reale siano diverse in M2 è come stipulare che in M2 i quadrati abbiano tre lati, nel qual caso M2 è un mondo impossibile, e il fatto che in M2 cose di fatto identiche siano diverse non prova che la loro identità sia contingente).

  • 20 Mutatis mutandis, la cosa è anche più evidente se passiamo dal caso 1) al caso 3). C’è un mondo M1 (...)

23Anche senza assumere che l’identità sia necessaria, non sembra implausibile che alcune delle entità di M1 siano diverse dalle corrispondenti entità di M2. Ad esempio, può riuscire naturale pensare che il Circolo di Istanbul in M1 e il Circolo di Istanbul in M2 siano due entità diverse. Tanto per cominciare, il Circolo di Istanbul in M1, essendo diverso dal Circolo di Vienna, non si è mai riunito a Vienna, non ha mai avuto fra i suoi membri Moritz Schlick, è stato inconsapevolmente iniziato da persone che credevano di continuare un vecchio Circolo ecc. Invece il Circolo di Istanbul in M2, essendo identico al Circolo di Vienna, si è riunito a Vienna prima di riunirsi a Istanbul, ha avuto fra i suoi membri Moritz Schlick, è stato consapevolmente fondato da persone che intendevano iniziare un nuovo Circolo e così via20. D’altra parte, chi concepisce un circolo sociale come un processo dotato di parti temporali potrebbe trovare naturale pensare che il Circolo di Vienna in M1 e il Circolo di Vienna in M2 siano entità diverse, sulla base del fatto che non si compongono affatto delle stesse parti temporali.

5. Esistenza estrinseca?

24In conclusione, 1) e 3) non mostrano che l’identità sia contingente più di quanto mostrino che l’identità sia estrinseca. Ma forse, si potrebbe suggerire, il loro significato riguarda più l’esistenza che l’identità. Prendiamo 1). La ragione per la quale 1) non mostra che l’identità sia contingente, lo si è appena visto, è che nulla autorizza ad accettare il condizionale (C1) in una lettura de re, cioè a trattare il Circolo di Istanbul e il Circolo di Vienna in M1 – il mondo reale – come identici ai circoli di M2 che portano lo stesso nome. Dobbiamo quindi assumere che almeno uno dei circoli di M1 sia diverso dall’omonimo Circolo di M2. Poiché i circoli di M1 sono fra loro diversi mentre quelli di M2 sono fra loro identici, l’assunto è che, posto che M2 sia un mondo possibile, in M1 debba esistere almeno un Circolo che non esiste in M2. Più precisamente: in M2 esiste solo un Circolo – il “Circolo di Vienna” o “Circolo di Istanbul”, comunque si voglia chiamarlo – che dopo la diaspora continua a riunirsi a Istanbul, mentre in M1 esistono due circoli, dei quali il primo continua a riunirsi negli Usa dopo essersi riunito a Vienna e il secondo si riunisce a Istanbul senza essersi mai riunito altrove. Posto che M2 sia un mondo possibile, almeno uno dei due circoli di M1 deve essere diverso dall’unico Circolo di M2. Almeno uno di essi deve esistere in M1 e non in M2.

25Ma, sebbene non si possa coerentemente stipulare che entrambi i circoli di M1 esistano in M2, non sembra incoerente stipulare che uno dei due circoli di M1 esista anche in M2. Ad esempio, molti di noi sarebbero presumibilmente disposti, su basi di senso comune, ad accettare il seguente condizionale.

(C2) Nel mondo reale ci sono due entità, quella che chiamiamo “Circolo di Vienna” (che continua a riunirsi negli Usa dopo averlo fatto a Vienna) e quella che chiamiamo “Circolo di Istanbul” (che si riunisce in Turchia senza averlo mai fatto altrove), e se la prima entità (proprio essa) non avesse continuato a riunirsi negli Usa, la seconda entità (proprio essa) non sarebbe mai esistita e a riunirsi in Turchia sarebbe stata la prima entità e non la seconda (detto in termini di mondi possibili: in una contrazione M2 del mondo reale in cui il primo Circolo non si riunisce negli Usa, il secondo Circolo non esiste, ed è il primo Circolo a riunirsi in Turchia).

  • 21 Accettare questo punto di vista significa respingere come falso il seguente condizionale: nel mondo (...)

26Accettare (C2) significa postulare che M2 sia un mondo in cui l’entità che nella vita reale chiamiamo “Circolo di Istanbul” non esiste, e che l’entità indifferentemente chiamata “Circolo di Vienna” o “Circolo di Istanbul” in M2 sia identica a ciò che nel mondo reale chiamiamo “Circolo di Vienna” e non a ciò che nel mondo reale chiamiamo “Circolo di Istanbul”. C’è un noto punto di vista, quello attualista, secondo cui le questioni circa l’identità attraverso mondi sono materia di convenzione e non di indagine. Questo significa che possiamo liberamente decidere, nel descrivere M2, a quale entità del mondo reale il Circolo che stipuliamo esistere in M2 sia identico. Ma la nostra libertà di stipulazione non è illimitata, perché stiamo assumendo che M2 sia un mondo possibile, quindi non possiamo stipulare che alcune delle entità introdotte in M2 siano identiche a entità reali di M1 senza avere alcune delle proprietà necessarie di queste ultime. E si può pensare che l’entità indifferentemente chiamata “Circolo di Vienna” o “Circolo di Istanbul” in M2 non possa essere postulata identica a ciò che in M1 chiamiamo “Circolo di Istanbul”, in quanto provvista di certe proprietà necessarie che ciò che in M1 chiamiamo “Circolo di Istanbul” non ha21. Questo può solo dipendere da ciò che pensiamo un Circolo sociale sia, ad esempio dall’idea di senso comune che l’identità di un Circolo dipenda necessariamente dalla sua origine (specialmente legale), in un modo analogo a quello in cui l’identità di un fiume dipende necessariamente dalla sua sorgente (tanto che, in una contrazione del mondo reale in cui nessun fiume scorresse dal Monviso al ponte della Becca, a gettarsi nell’Adriatico a Porto Tolle potrebbe solo essere il fiume del mondo reale che chiamiamo “Ticino”, e non quello che chiamiamo “Po”).

27L’idea che ciò che in M1 chiamiamo “Circolo di Istanbul” esista in M1 ma non in M2, codificata in (C2), ha interessanti conseguenze. Perché sembra che, se in M1 esiste anche questo secondo Circolo, ciò non dipenda solo da qualcosa che succede a esso, ma anche da qualcosa che succede a un’altra entità, e precisamente al primo Circolo. È per il fatto che in M1 il Circolo di Vienna si riunisce negli Usa, mentre l’altro Circolo si riunisce a Istanbul che l’altro Circolo esiste in M1. È in virtù di ciò che succede a un’altra cosa che esso c’è. Per converso, si consideri una contrazione M3 di M2 in cui esiste solo questo altro Circolo (un Circolo i cui membri si riuniscono a Istanbul senza essersi mai riuniti a Vienna). Ed estendiamo questa contrazione aggiungendovi il Circolo di Vienna fino al momento della diaspora, così da ottenere M2. Il risultato è che nel mondo esteso c’è solo il Circolo di Vienna e del Circolo di Istanbul non resta più traccia: in qualche modo, esso è stato “fagocitato” dall’entità che abbiamo aggiunto. Ma basta estendere ulteriormente questo mondo aggiungendovi le vicende americane del Circolo di Vienna, ed ecco che l’entità fagocitata torna a esistere. Così, sembra possa accadere che un individuo che esiste in un mondo cessi di esistere in una sua contrazione a causa del fatto che è qualcos’altro a non esistere in quella contrazione, come accade quando passiamo da M1 (in cui esiste sia il Circolo di Vienna che il Circolo di Istanbul) a M2 (in cui il Circolo di Istanbul non esiste più per via del fatto che non esiste più la continuazione americana del Circolo di Vienna). E sembra possa accadere che un individuo esista nella contrazione di un mondo ma non nel mondo esteso, come accade quando passiamo da M3 (in cui esiste solo il Circolo di Istanbul) a M2 (in cui esiste solo il Circolo di Vienna).

28Il punto generale è il seguente: le vicende del Circolo di Istanbul in M1 – il mondo reale – si svolgono in una certa regione spaziotemporale. In M2, per ipotesi, quella stessa regione ha un contenuto qualitativamente indiscernibile da quello che ha in M1, ma non contiene le stesse entità (non contiene il Circolo di Istanbul mentre in M1 lo contiene), e ciò in virtù del fatto che il contenuto delle regioni contigue è diverso (una regione spaziotemporale contigua contiene la continuazione americana del Circolo di Vienna in M1 ma non in M2). Se fosse davvero così, l’esistenza sarebbe (in un certo senso) estrinseca: l’esistenza di qualcosa in una certa regione non dipenderebbe solo dal contenuto materiale di quella regione, ma anche dal contenuto materiale di altre regioni (tipicamente ma non necessariamente contigue).

  • 22 La seconda clausola non è superflua nella misura in cui alcuni filosofi (fra cui van Inwagen) hanno (...)

29Questa conseguenza è evitabile. Si può negare (C2) rifiutando la nozione di Circolo sociale su cui (C2) sembra fondata. Ad esempio si può pensare che un Circolo sociale sia una somma mereologica di parti temporali e sia identico a una cosa qualsiasi se e solo se essa è una somma mereologica delle stesse parti temporali22. Se i circoli sociali sono somme mereologiche di parti temporali, tutto ciò che è un Circolo sociale è anche una somma di parti temporali di Circolo sociale, ma non è detto che tutto ciò che è una somma di parti temporali di Circolo sociale sia un Circolo sociale (proprio come ogni albero è una somma di parti di albero ma non ogni somma di parti di albero è un albero). Ed è possibile che la stessa somma di parti temporali di Circolo sociale sia un Circolo sociale in un mondo ma non in un altro. Allora, forse, il segmento turco del Circolo di Vienna in M2 è il Circolo di Istanbul in M1, anche se può essere chiamato “Circolo” solo in M1. In altre parole, il fatto che in M1 ci siano due circoli sociali mentre in M2 ce n’è uno solo non significa che in M1 esistano più cose che in M2, significa soltanto che qualcosa che non merita la qualifica di “Circolo” in M2 la merita in M1. Ma allora, ciò che accade ad altre cose non può mai fare sì o impedire che il Circolo di Istanbul esista, può al massimo fare sì o impedire che esso meriti la qualifica di “Circolo”. Conclusione: come non mostra che l’identità sia estrinseca né che sia contingente, A) non mostra che l’esistenza sia estrinseca. Casi come 1) e 3) potrebbero al massimo mostrare che è la composizione a essere talora estrinseca: che n entità compongano o non compongano un Circolo sociale, non può dipendere solo da esse, perché soltanto una somma massimale di parti di Circolo sociale è un Circolo e che una somma di parti sia massimale significa che nessuna altra parte potrebbe esserle aggiunta generando come risultato ancora un Circolo. Ma, da questo punto di vista, il fatto che n cose compongano o meno un Circolo non può fare alcuna differenza ontologica.

30Per contro, si può insistere che nulla che sia un Circolo sociale (o un albero, o una persona ecc.) in un mondo possibile possa essere identico a qualcosa che non è un Circolo sociale (o un albero, o una persona ecc.) in un altro mondo (un’assunzione che potremmo chiamare “tesi di essenzialità delle proprietà sortali ultime”). Da questo punto di vista, anche se fosse vero che i circoli sociali hanno parti temporali, sarebbe falso che un Circolo sociale è identico a qualcosa se e solo se essa ha le stesse parti temporali (può darsi che, come molti oggetti ordinari possono cambiare le loro parti materiali nel tempo, i circoli sociali possano cambiare le loro parti temporali attraverso mondi possibili; ma in ogni mondo possibile in cui esistono, devono essere circoli sociali). Che in una regione di spaziotempo ci sia o meno un Circolo sociale non può non fare da questo punto di vista una differenza ontologica: siccome nessun Circolo sociale si identifica con un processo, nessun Circolo sociale può mai essere identico a una sezione temporale, sia pure massimale, di qualche processo (neppure di quel processo che è la sua stessa storia). Ma, per i motivi chiariti, l’esistenza di un Circolo sociale in una regione di spaziotempo è una faccenda estrinseca, cioè dipende anche dal contenuto di altre regioni.

31Lo stesso punto generale è esemplificato da situazioni prive di struttura diacronica. Si consideri ad esempio il seguente caso.

4) Si considerino tre sezioni della sequoia General Sherman tali che (i) ogni sezione è perfettamente continua o coesa (non sparpagliata: possiamo passare da una qualsiasi parte di essa a una qualsiasi altra parte senza uscirne); (ii) ognuna comprende una parte di cima, una parte di tronco e una parte di radici; (iii) due delle tre sezioni non si toccano (perché l’altra le separa in ogni punto della loro superficie); (iv) ogni parte della sequoia appartiene ad almeno una delle tre sezioni. Approssimativamente, potremmo pensare le tre sezioni come tre “fette” della sequoia General Sherman prese dalla cima dell’albero fino all’ultima delle sue radici con due tagli paralleli, più o meno perpendicolari al terreno. Chiamiamo le tre sezioni a, b e c, dove a e c sono le due sezioni estreme (non a contatto) e b è la sezione intermedia (a contatto sia con a che con c). In una contrazione M2 di M1 (il mondo reale) in cui non esistesse la sezione verticale intermedia b della sequoia “General Sherman”, vi sarebbero due alberi distinti ben separati l’uno dall’altro, quelli di cui le sezioni laterali a e c della sequoia sono parti integrali. La sequoia “General Sherman” di M1 non può essere identica a entrambe le sequoie di M2 (perché la stessa cosa non può essere identica a cose diverse), e forse neanche a una sola delle due (perché essa ha con ciascuna delle due esattamente la stessa relazione). Quindi, si direbbe, almeno una delle due sequoie di M2 non esiste in M1. Ma la ragione per cui non esiste in M1 è che in M1 esiste qualcos’altro, e precisamente la sezione b della sequoia “General Sherman”. Ecco, dunque, un caso di esistenza estrinseca.

32Qualcuno potrebbe obiettare che a ben vedere non c’è nulla che esista in M2 e non in M1, perché le due sequoie di M2 sono identiche alle sezioni a e c dell’unica sequoia che esiste in M1: semplicemente, esse meritano la qualifica di “sequoia” in M2 ma non in M1. Così non c’è nulla che non riesca a esistere in M1 a causa del fatto che qualcos’altro esiste in M1 (sebbene qualcosa non riesca a meritare la qualifica di “sequoia” in M1 a causa del fatto che qualcos’altro esiste in M1). Ma questa obiezione presuppone l’idea che, per ogni x e ogni y, x = y se e solo se x e y hanno le stesse parti (quindi, in particolare, un albero è identico a una cosa qualsiasi se e solo se ha le stesse parti), ed è naturalmente respinta da chiunque rifiuti questa idea.

  • 23 Due regioni di spaziotempo sono disgiunte se e solo se nulla può mai interamente trovarsi in entram (...)

33Che l’esistenza sia intrinseca significa che aggiungere o sottrarre a un mondo il contenuto di una regione spaziotemporale non può mai impedire né fare sì che qualcosa esista in regioni disgiunte da essa23. Questo non significa che alterare il contenuto di una regione spaziotemporale non possa mai impedire né fare sì che certe cose occupino con una loro parte altre regioni (eliminando tutte le radici di un albero, ad esempio, l’albero cessa di esistere e quindi di occupare la regione che i suoi rami continuano a occupare). Significa che alterare il contenuto di una regione non può mai impedire né fare sì che certe cose occupino nella loro interezza altre regioni: che qualcosa esista interamente in una regione di spaziotempo può soltanto dipendere da ciò che accade in essa.

  • 24 Per quanto posso vedere, una delle formulazioni date in Noonan 1985 del principio dei soli a e b ri (...)

34Il punto di vista opposto è che l’assenza di c in M2 impedisca all’entità di M1 che chiamiamo “b” di continuare a esistere in M2: in M2 quell’entità viene “fagocitata” da a in virtù dell’assenza di c. Così, l’esistenza di b in M1 è estrinseca: il fatto che in M1 b esista in una certa regione di spaziotempo dipende dal fatto che c esiste in una regione disgiunta di spaziotempo. In modo analogo – passando da 2) a 4) – il fatto che in M1 esistano due sequoie dipende dal fatto che in una regione spaziotemporale disgiunta da quelle che esse occupano, la sezione b della sequoia General Sherman non esiste. Ma in M2 le due sequoie vengono “fagocitate” da un unico albero in virtù del fatto che qualcos’altro esiste in una regione in cui nessuna delle loro parti esiste. Nessuna regione spaziotemporale, da questo punto di vista, è ontologicamente chiusa nel senso di determinare da sé sola che cosa vi esiste. L’esistenza, appunto, non è intrinseca. Questa – sia detto incidentalmente – non sembra affatto una tesi assurda, che possa essere negata senza bisogno di argomenti. Al contrario, se l’esistenza fosse sempre intrinseca, non potrebbe probabilmente mai accadere che qualche relazione sia necessaria per qualcuno dei relati. Tesi come quella kripkiana della necessità dell’origine, ad esempio, implicano esattamente che l’esistenza sia estrinseca, cioè che l’esistenza di un gran numero di cose dipenda in una quantità di modi specifici dal fatto che altre cose esistono24.

35Qui non intendo discutere la tesi che l’esistenza sia estrinseca, solo limitarmi a sottolineare che – giusta o sbagliata che sia – l’idea appare di fondamentale importanza. Uno dei motivi della sua importanza è che essa appare incompatibile con la “tesi di sopravvenienza humiana”. Lewis ha formulato la tesi come segue.

  • 25 Lewis1987: ix-x.

La sopravvenienza humiana è così chiamata in onore del grande oppositore delle connessioni necessarie. È la dottrina che tutto ciò che esiste nel mondo sia un vasto mosaico di particolari dati di fatto locali […] Abbiamo la geometria: un sistema di relazioni esterne di distanza spaziotemporale fra punti – può darsi punti dello spaziotempo stesso, può darsi pezzi puntiformi di materia o di etere o di campi. E a ciascuno di quei punti abbiamo proprietà locali; proprietà intrinseche perfettamente naturali, che non necessitano di nulla di più grande di un punto a cui essere istanziate. E questo è tutto. Non c’è differenza senza differenza di qualità. Tutto il resto sopravviene su questo25.

36Ora, se l’esistenza è estrinseca, questo non può essere vero. Perché, se è vero che il novero di ciò che esiste in una regione estesa dipende dal novero di ciò che esiste nelle sottoregioni che la compongono, è anche vero il contrario: spesso che cosa esista in una regione dipende anche da che cosa esiste in altre regioni disgiunte (tipicamente ma non necessariamente contigue). Non c’è modo, da questo punto di vista, di generare linearmente un inventario di ciò che esiste nel mondo da un inventario di ciò che esiste in ogni singolo punto di spaziotempo. Non è vero che non vi sia mai feedback: qualche volta dobbiamo tornare indietro e rivedere affermazioni di esistenza già fatte, oppure aspettare a farle, fino a quando non riusciamo a guardare una regione “dal di fuori”. E questo non sarebbe un limite della nostra conoscenza, ma piuttosto un riflesso del modo in cui è fatto il mondo.

37Ecco dunque le mie conclusioni: ciascuno dei casi sopra esaminati rende veri condizionali controfattuali della forma “sebbene a non sia c, sarebbe stato c se b non fosse esistito”, ma nessuno di quei casi rende ragionevole una lettura de re di tali condizionali, e solo in una lettura de re condizionali di questa forma possono implicare che l’identità sia estrinseca, o che sia contingente. Tali condizionali possono invece, in letture naturali, implicare che l’esistenza sia estrinseca, ma solo congiuntamente ad assunzioni ulteriori, come la tesi di essenzialità delle proprietà sortali, o la distinzione fra identità di composizione e identità numerica. In estrema sintesi: 1) la ramificazione non prova che l’identità sia estrinseca; b) non prova che sia contingente; c) prova, unitamente ad altre assunzioni, che l’esistenza è estrinseca, nel senso che l’esistenza di un’entità in una regione di spaziotempo può non dipendere solo dal contenuto materiale di quella regione.

6. Appendici

Appendice 1. Ramificazioni simmetriche

  • 26 Mentre nei casi 1) e 2) ci sono due entità a e b, una delle quali è identica a c, nel caso 3) ci so (...)

38Non ho detto nulla del caso 2). Casi come 1) o 2) presentano invariabilmente situazioni in cui una prima entità (ad es. il Circolo di Istanbul) è diversa da una seconda (ad es. il Circolo di Vienna) se e solo se ne esiste una terza (ad es. il Circolo statunitense) che è identica alla seconda, e la prima è identica alla seconda se e solo se non ne esiste una terza che è identica alla seconda. Come si è visto, situazioni del genere sono particolarmente inadatte a mostrare che l’identità sia estrinseca perché in esse, per bene che vada, ci sono al massimo due entità (dato che o la prima o la terza entità devono essere identiche alla seconda) e la loro identità/diversità può dipendere solo da esse. Il caso 2) sembra avere una struttura completamente diversa. Qui, infatti, non ci sono solo due ma tre cose, due delle quali si impediscono vicendevolmente di essere identiche alla terza26. Così, la diversità di ognuna delle prime due rispetto alla terza dipende dall’esistenza dell’altra. Il risultato sembra essere un doppio caso di diversità estrinseca: il lombrico b è diverso dal lombrico a perché esiste il lombrico c, e il lombrico c è diverso dal lombrico a perché esiste il lombrico b. Dico che in casi come questo, la ramificazione è “simmetrica”. Non è chiaro se i casi di ramificazione simmetrica siano casi di diversità estrinseca, ma certo non si può rispondere negativamente sulla base delle stesse considerazioni addotte negli altri casi. Esiste qualche argomento per escludere che quello descritto in 2) sia un caso di diversità estrinseca? Eccone uno.

39La relazione di diversità fra a e b appare estrinseca in quanto sembra dipendere dall’esistenza di qualcosa di diverso tanto da a quanto da b (vale a dire c). Ma che la diversità di a e b dipenda dall’esistenza di c può solo significare che se c non esistesse, a sarebbe identico a b. Altrimenti detto: nel mondo reale M1, a, b e c esistono e a è diverso da b; e in una contrazione M2 di M1 in cui non esiste c ma tutto il resto resta tanto invariato quanto potrebbe esserlo, a è identico a b. Bene, ma che cosa autorizza a pensare che i lombrichi a e b che sono identici in M2 siano proprio i lombrichi a e b che sono diversi in M1 e non qualche altra cosa? Ciò che non è chiaro, altrimenti detto, è che cosa autorizzi a dare del condizionale “se c non esistesse, a sarebbe identico a b” la seguente lettura de re:

(C2)’ Esistono tre diverse entità a, b e c tali che a e b hanno tratto origine dalla divisione di a in due metà uguali, e se l’entità a (proprio essa) non fosse esistita, le entità a e b (proprio esse) sarebbero state identiche (in termini di mondi possibili: in una contrazione M2 del mondo reale in cui l’entità a – proprio essa – non esiste, le entità a e b – proprio esse – sono identiche).

  • 27 Se si accetta l’unicità della composizione, è molto implausibile che a in M2, che include tutte le (...)

40Certo, se le entità chiamate a e b in M2 sono proprio quelle chiamate a e b in M1 e non qualche altra cosa, allora la loro diversità in M1 è estrinseca: sarebbero proprio esse a essere identiche se c non esistesse. Ma se sono qualche altra cosa, allora non c’è ragione di pensare che la diversità di a e b in M1 sia estrinseca: non sono a e b ma altre cose quelle che l’inesistenza di c renderebbe identiche. Così, la diversità di a e b può essere estrinseca solo se è contingente – solo se a e b (de re) sono diversi in un mondo in cui una terza entità esiste e identici in un mondo in cui quella stessa entità non esiste. Ma è chiaro che non possiamo avere più motivi per pensare che la diversità di a e b sia contingente in questa maniera di quanti ne avessimo per pensare che la diversità fra il Circolo di Istanbul e il Circolo di Vienna fosse contingente in questo modo (vedi sopra). E non è affatto facile né naturale assumere che le entità a e b di M1 siano identiche alle entità a e b di M2 – anche prescindendo dal fatto che, per la transitività dell’identità, cose fra loro diverse non possono essere identiche a cose fra loro identiche27.

41Di nuovo, ciò su cui si può divergere non è l’idea che la diversità di a e b sia intrinseca, ma l’idea che la loro esistenza lo sia. La situazione non è diversa da quella già descritta a proposito di casi come 1) e 4).

Appendice 2. Teoria delle controparti.

42Ci si può chiedere che cosa ne sarebbe delle conclusioni appena enunciate se condizionali della forma “sebbene c sia diverso da a, sarebbe stato identico ad a se b non fosse esistito” venissero interpretati in base alla teoria delle controparti invece che alla logica modale quantificata. Trattando il caso 2), ho appena detto che la diversità di a e b può essere estrinseca solo se è contingente e un tratto ben noto della teoria delle controparti è che essa blocca l’inferenza da “a e b sono identici” a “a e b sono necessariamente identici”. In teoria delle controparti, una costante individuale “a” denota un individuo x nel mondo reale, e seleziona una classe di controparti di x in altri mondi possibili. E due costanti individuali “a” e “b” possono denotare lo stesso oggetto (diciamo x) in questo mondo pur selezionando diverse controparti di x nel mondo possibile M (o denotare diversi oggetti in questo mondo pur selezionando la stessa controparte in M). Quando questo accade, a e b sono identici de facto, ma diversi in M, e quindi con-tin-gen-te-men-te identici (o viceversa diversi de facto ma identici in M, e quindi con-tin-gen-te-men-te diversi). In particolare, a e b possono essere diversi nel mondo reale in cui esiste un terzo individuo c, e avere una comune controparte in una contrazione M del mondo reale in cui c non ha controparti. È questo un buon motivo per concludere che la diversità di a e b è estrinseca?

  • 28 Queste conclusioni sono appena indebolite dalla constatazione che in teoria delle controparti nessu (...)

43Siccome in teoria delle controparti non sussiste identità attraverso mondi, le entità a e b del mondo reale non possono essere le entità a e b di M (anche se portano lo stesso nome), ma tutt’al più mere controparti di esse. Tutto ciò che può accadere è che a e b intrattengano fra loro la relazione di identità ma non la relazione di avere controparti identiche in M. Ma la relazione di avere controparti identiche in M non è la relazione di identità. E non c’è mondo in cui cose che stanno de facto nella relazione di identità possano (proprio esse) non stare nella relazione di identità. In teoria delle controparti, enunciati della forma “a è identico a b” sono molto spesso contingenti (veri in un mondo e falsi in un altro), ma solo nella misura in cui è il riferimento dei nomi “a” e “b” che ricorrono nell’enunciato a variare da mondo a mondo. Così, il fatto che enunciati di forma “a = b” varino quanto a valore di verità da mondo a mondo non significa che una cosa abbia diverse relazioni di identità in diversi mondi; non più almeno di quanto il fatto che l’enunciato “l’attuale presidente della Repubblica Italiana si chiama Carlo Azeglio Ciampi” vari quanto a valore di verità da istanti a istanti significhi che una cosa abbia diversi nomi in diversi istanti. Nella teoria delle controparti, in conclusione, condizionali della forma “a sarebbe stato identico a b, se c non fosse esistito” non mostrano né che l’identità sia estrinseca né che sia contingente. In primo luogo, a e b non possono stare nella relazione di identità in un mondo ma non in un altro, dato che possono esistere al massimo in un mondo. In secondo luogo, quando diciamo che a e b sarebbero stati identici se c non fosse esistito, non stiamo assolutamente dicendo di a e b che c’è una relazione (l’identità) che essi non intrattengono nel mondo reale ma intrattengono in una contrazione del mondo reale in cui c non esiste28.

Torna su

Bibliografia

Gallois, A.

– 1998, Occasions of Identity, Oxford, Oxford University Press

Gibbard, A.

– 1975, Contingent Identity, “Journal of Philosophical Logic”, 4: 187-221

Hughes, C.

– 1986, Is a Thing Just the Sum of its Parts?, “Proceedings of the Aristotelian Society”, 86: 213-233

Humberstone, I.L.

– 1996, Intrinsic/Extrinsic, “Synthese”, 108: 205-267

Kripke, S.

-– 1971, Identity and Necessity, in M. Munitz e K. Milton (a c. di), Identity and Individuation, New York, New York University Press, 1971: 135-164

– 1980, Naming and Necessity, Oxford, Blackwell

Langton, R. e Lewis, D.

– 1998, Defining “Intrinsic”, “Philosophy and Phenomenological Research”, 58: 233-45

Lewis, D.

– 1968, Counterpart Theory and Quantified Modal Logic, “Journal of Philosophy”, 65: 113-126

– 1983, Survival and Identity, ora in D. Lewis, Philosophical Papers. Vol. I, Oxford, Oxford University Press, 1987: 55-72

– 1987, Philosophical Papers, Oxford, Oxford University Press

Noonan, H.

– 1985, The Closest Continuer Theory of Identity, “Inquiry”, 28: 195-229

Nozick, R.

– 1981, Philosophical Explanations, Cambridge (Mass.), Harvard University Press; Spiegazioni filosofiche, tr. it. di G. Rigamonti, Milano, il Saggiatore, 1987

Parfit, D.

– 1984, Reasons and Persons, Oxford, Oxford University Press

Perry, J.

– 1972, Can the Self Divide?, “Journal of Philosophy”, 69: 463-488

Shoemaker, S.

– 1984, Personal Identity: a Materialist Account, in S. Shoemaker e R. Swinburne (a c. di), Personal Identity, Oxford, Blackwell, 1984: 67-132

Van Inwagen, P.

– 2006, Can Mereological Sums Change their Parts?, “Journal of Philosophy”, 103: 614-630

Vallentyne, P.

– 1997, Intrinsic Properties Defined, “Philosophical Studies”, 88: 209-219

Wiggins, D.

– 1980, Sameness and Substance, Cambridge (Mass.), Harvard University Press

Torna su

Note

1 Assumo che la nozione di ramificazione sia de re. Vale a dire: che una divisione sia o meno una ramificazione non dipende da come descriviamo l’evento di divisione (in particolare, non dipende da come descriviamo l’entità che si divide e le entità in cui si divide). Almeno in linea di principio, potrebbe non essere così. Poniamo che ogni (o almeno qualche) cosa appartenga a molte sorte diverse e che, date due o più cose, ci sia (sempre, spesso o talvolta) una sorta tale che tutte sono di quella sorta e una diversa sorta tale che una sola di esse è di quella sorta. Nel caso del taglio della coda, ad esempio, qualcuno potrebbe pensare che sia le entità derivate dalla divisione sia l’entità che si divide siano aggregati di molecole – ammesso e non concesso che “aggregato di molecole” definisca una sorta – mentre è evidente che solo una di esse è un cane (chi pensa che l’identità sia relativa richiama frequentemente casi di questo tipo: casi in cui a e b sono lo stesso F ma non lo stesso Q perché solo uno di essi è un Q sebbene siano entrambi degli F). Se fosse così, un caso di divisione potrebbe essere trattato come una ramificazione relativamente a una descrizione sortale delle entità coinvolte nel processo di divisione, ma non essere trattato come tale relativamente a una diversa descrizione sortale di quelle entità. Se fosse così, che un distacco di parti sia una ramificazione potrebbe essere vero o falso solo de dicto. Assumere che la nozione di ramificazione sia de re significa assumere che nulla appartenga a due diverse sorte (a meno che una di tali sorte non restringa l’altra, nel modo in cui la sorta dei cani restringe la sorta degli animali). In questo caso, nessun cane sarebbe un aggregato di molecole (per quanto ogni cane sia composto da un tale aggregato), e nessun aggregato di molecole sarebbe un cane (sebbene qualche aggregato di molecole componga un cane). Ogni volta che un cane perde la coda, ci sarebbero due cose che si dividono (un cane e un aggregato di molecole), e delle due divisioni solo una sarebbe una ramificazione. Ma lo sarebbe assolutamente e non relativamente a una descrizione sortale delle entità coinvolte nel processo di divisione.

2 Autori come Nozick, Wiggins e Noonan hanno chiamato “Only a and b principle” un principio più ristretto, specificamente valido per l’identità fra cose che esistono in istanti diversi, formulabile come segue: se x al tempo t1 è lo stesso individuo di y al tempo t2, ciò può dipendere solo da fatti relativi a x, a y e ai rapporti fra di loro (Nozick 1981, Noonan 1985, Wiggins 1980).

3 Per una discussione della distinzione intrinseco/estrinseco, che darò per scontata, nonostante essa abbia mostrato una coriacea resistenza all’analisi rimando a Humberstone 1996, Vallentyne 1997, Langton e Lewis 1998.

4 L’esempio è di Nozick (vedi Nozick 1981).

5 Naturalmente, si può dubitare che esistano, e perfino che possano esistere, cose capaci di stare fra di loro in una tale relazione di identità, perché si può dubitare che esistano cose capaci di esistere interamente in più di un istante. Ma delle due l’una: o la relazione di identità diacronica non è una genuina relazione di identità (ma solo, diciamo, una relazione di genidentità o simili), oppure non è distinguibile dall’identità sincronica.

6 È chiaro che la distinzione fra enunciati sincronici ed enunciati diacronici di identità non implica l’esistenza di speciali relazioni di identità diacronica e sincronica più di quanto la distinzione fra enunciati informativi di identità come “Espero è Fosforo” ed enunciati banali di identità come “Espero è Espero” non implichi l’esistenza di una particolare relazione di identità chiamata “identità informativa” contrapposta a una diversa relazione di identità chiamata “identità banale”.

7 Questo, in linea di principio, potrebbe dipendere da diversi motivi: o dal fatto che non c’è mai identità fra cose che esistono in istanti diversi – e allora A) e B) potrebbero forse dirci qualcosa sul succedaneo diacronico della relazione di identità (genidentità o simili) anziché sull’identità stessa – o dal fatto che, pur essendovi identità fra cose che esistono in istanti diversi, vi sono casi in cui la verità dei nostri enunciati di identità è sensibile alla forma dei nomi che fiancheggiano il segno di identità, e non solo al loro riferimento.

8 Nozick 1981, Shoemaker 1984.

9 Si veda Gallois 1998.

10 Ovviamente, almeno in linea di principio, l’identità potrebbe essere intrinseca senza essere necessaria (la ragione per cui a e b sono identici in un mondo e diversi in un altro potrebbe avere a che fare con differenze intrinseche di a e b nei vari mondi, piuttosto che con l’esistenza o inesistenza di altre cose). L’argomento è che se l’identità è necessaria allora è intrinseca, e non viceversa.

11 Vedi Lewis 1968, Gibbard 1975.

12 Secondo Lewis, una costante individuale “a” denota un individuo x nel mondo reale, e seleziona una classe di controparti di x in altri mondi possibili. Due costanti individuali “a” e “b” possono denotare lo stesso oggetto (ad esempio x) in questo mondo pur selezionando diverse controparti di x nel mondo possibile M. Quando questo accade, a e b sono identici di fatto, ma sono diversi nel mondo possibile M, quindi sono contingentemente identici. Secondo Gibbard, una costante individuale “a” ha per estensione un individuo x e per intensione un concetto individuale C, inteso come una funzione da mondi possibili a individui. Ma in contesti modali, “a” denota fregeanamente la sua intensione invece che la sua estensione. Ad esempio, l’enunciato “a e b sono necessariamente identici” non verte su a e su b ma sulle funzioni-concetto connotate da “a” e da “b”, e risulta vero se e solo se quelle funzioni hanno lo stesso decorso di valori (se e solo se, per ogni mondo M, l’estensione di “a” in M coincide con l’estensione di “b” in M). Ma due concetti individuali possono avere come valore lo stesso individuo nel mondo reale e diversi individui in un mondo possibile M. In questo caso, a e b sono di fatto identici senza essere necessariamente identici. Le teorie di Lewis e Gibbard, pur condividendo l’assunto di contingenza dell’identità, sono molto diverse sotto una serie di importanti profili. In estrema sintesi, Lewis tratta le predicazioni modali de re come predicazioni referenzialmente opache de re concreta mentre Gibbard le vede come predicazioni referenzialmente trasparenti de re abstracta (vedi Hughes 1986).

13 Naturalmente, questa riformulazione presuppone l’identità fra mondi, e non è praticabile dal punto di vista di una teoria delle controparti.

14 Vedi Perry 1972, Lewis 1976, Noonan 1985.

15 In altri termini, una somma di segmenti di fiume S = <x1 + x2 + … + xn> è massimale se e solo se soddisfa le seguenti condizioni: i) non è sparpagliata (oppure, se è sparpagliata, esiste qualche lago tale che la somma di esso e degli xi non è sparpagliata); ii) qualche xi è connesso a un mare (cioè: qualche xi è una foce a estuario, o fa parte di una foce a delta); iii) esattamente un xi è una sorgente (cioè: esattamente un xi è connesso a un condotto sotterraneo da cui sgorga acqua); iv) nessuno degli xi può essere sottratto a S (con la possibile eccezione di qualche xi di cui al punto ii) senza che la somma risultante cessi di soddisfare le condizioni i)-iii).

16 In effetti, a scorrere dal Ponte della Becca al San Gottardo vi saranno moltissimi fiumi, tanti quanti sono gli affluenti del Po, e gli affluenti dei suoi affluenti, e gli affluenti degli affluenti dei suoi affluenti, e così via (più precisamente: tanti quante sono le sorgenti tributarie della foce del Po a Porto Tolle).

17 E forse anche in tempi precedenti, se oltre che dividersi certe entità potessero anche fondersi (diventare uno invece che diventare due).

18 Ad esempio, due lombrichi dove diremmo che ce n’è uno, o uno dove diremmo che ce ne sono due, o molti fiumi in un alveo in cui sembra scorrerne uno solo.

19 Bisognerebbe assumere che i fiumi, come il Po e il Ticino, sono segmenti brevissimi di fiume (e non somme massimali di tali segmenti), un po’ come i lombrichi sono (per la stage view) fasi istantanee di lombrico, e non entità che occupano un lungo intervallo di tempo. E questo assunto appare estremamente implausibile.

20 Mutatis mutandis, la cosa è anche più evidente se passiamo dal caso 1) al caso 3). C’è un mondo M1 (quello reale) in cui un certo fiume che scorre (almeno) dal ponte della Becca all’Adriatico nasce dal Monviso e questo fiume è diverso da b, che nasce in Svizzera e scorre (almeno) fino al ponte della Becca. E c’è un mondo M2 (una contrazione del mondo reale in cui il tratto del Po fra il Monviso e il ponte della Becca non esiste) in cui un fiume che scorre (almeno) dal ponte della Becca all’Adriatico nasce in Svizzera ed è identico a b. Di nuovo: è questo un caso in cui un’entità x e una entità y sono contingentemente diverse (diverse in un mondo ma identiche in un altro)? Sì, ma solo se il fiume che scorre (almeno) dal ponte della Becca all’Adriatico nel mondo M1 è identico al fiume che scorre (almeno) dal ponte della Becca all’Adriatico nel mondo M2. E, con tutta evidenza, non è così, perché il fiume che scorre (almeno) dal ponte della Becca all’Adriatico nel mondo M1 ha una sorgente diversa dal fiume che fa la stessa cosa nel mondo M2, e ha un corso completamente diverso fino al ponte della Becca. Non a caso, se il tratto del Po compreso fra il Monviso e il Ponte della Becca non esistesse, sarebbe il Ticino a gettarsi nell’Adriatico.

21 Accettare questo punto di vista significa respingere come falso il seguente condizionale: nel mondo reale, ci sono due entità, quella che chiamiamo “Circolo di Vienna” (che continua a riunirsi negli Usa dopo averlo fatto a Vienna) e quella che chiamiamo “Circolo di Istanbul” (che si riunisce in Turchia senza averlo mai fatto altrove), e se nessuna di queste due entità si fosse riunita negli Usa, la prima entità non sarebbe esistita, e sarebbe stata la seconda entità (proprio essa) a riunirsi a Vienna prima di riunirsi in Turchia (detto in termini di mondi possibili: in una contrazione M2 del mondo reale in cui nessun Circolo si riunisce negli Usa il primo Circolo non esiste, ed è il secondo Circolo a riunirsi a Vienna).

22 La seconda clausola non è superflua nella misura in cui alcuni filosofi (fra cui van Inwagen) hanno sostenuto che tutto (ogni cosa) è una somma mereologica e per essere la stessa somma mereologica non è necessario essere somme mereologiche delle stesse parti (van Inwagen 1996).

23 Due regioni di spaziotempo sono disgiunte se e solo se nulla può mai interamente trovarsi in entrambe (in altre parole: se e solo se non hanno parti in comune). Due regioni di spaziotempo possono essere disgiunte in questo senso anche se si trovano a contatto.

24 Per quanto posso vedere, una delle formulazioni date in Noonan 1985 del principio dei soli a e b riguarda in effetti l’esistenza prima ancora che l’identità. La formulazione suona come segue: «Se due eventi fanno parte della storia di una singola entità di un certo tipo in una certa situazione, essi devono anche far parte della storia di una singola entità di quel tipo in ogni altra situazione in cui entrambi quegli eventi e tutti gli eventi che facevano parte della storia dell’entità nella prima situazione restano presenti» (Noonan 1985: 226). Se ho ragione, questo principio non implica che l’identità sia intrinseca, ma solo che l’esistenza lo sia.

25 Lewis1987: ix-x.

26 Mentre nei casi 1) e 2) ci sono due entità a e b, una delle quali è identica a c, nel caso 3) ci sono due entità delle quali nessuna è identica a c.

27 Se si accetta l’unicità della composizione, è molto implausibile che a in M2, che include tutte le parti temporali di b in M1, possa essere identico ad a in M1, che le esclude senza eccezioni; ed è molto implausibile che b in M2, che include tutte le parti temporali di a in M1, possa essere identico a b in M1, che le esclude senza eccezioni. Se si accetta la necessità dell’origine, cessa di essere implausibile che a in M2 sia identico ad a in M1 (in M1, si potrebbe dire, a muore prima che in M2, e questo è tutto). Ma continua a essere molto implausibile che b in M2 sia identico a b in M1, che ha un’origine del tutto diversa.

28 Queste conclusioni sono appena indebolite dalla constatazione che in teoria delle controparti nessuna proprietà e nessuna relazione può essere contingente de re, e per le stesse ragioni per cui l’identità non può esserlo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Andrea C. Bottani, « Diventare due », Rivista di estetica, 39 | 2008, 103-125.

Notizia bibliografica digitale

Andrea C. Bottani, « Diventare due », Rivista di estetica [Online], 39 | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 settembre 2017. URL : http://estetica.revues.org/2028 ; DOI : 10.4000/estetica.2028

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org