Navigazione – Mappa del sito
nuove ontologie

La durata naturale di un genere naturale

Andrea Borghini
p. 89-101

Testo integrale

1. Preliminari

  • 1 Putnam 1975, Boyd 1990, Daly 1998 e Bird e Tobin 2008.
  • 2 Onde evitare fraintendimenti, vorrei sin dal principio far presente che quanto sosterrò in questo a (...)

1Certi filosofi1 sostengono che vi sono dei generi naturali: dei tipi di enti, oggetti o eventi, che fanno parte del mondo naturale e che sono (o erano, o saranno) al centro delle teorie del mondo naturale2. Certamente, ci sono buoni motivi per credere che vi siano dei generi naturali. Eccone tre.

2Prima di tutto, sembra plausibile credere che vi siano delle somiglianze o differenze qualitative tra gli enti del mondo naturale, e che tali somiglianze – e differenze – trovino la loro ragion d’essere nell’appartenenza dei loro “portatori” a un genere comune. L’acqua distillata e l’olio extravergine hanno colori diversi. Mentre due gatti siamesi si somiglieranno sotto molti rispetti, ciascuno di loro avrà una forma, un colore, un peso diverso rispetto a quello di una palma da cocco.

3In secondo luogo, gli enti che si somigliano si comportano in modo più simile rispetto agli enti che non si somigliano. In altre parole, una somiglianza qualitativa è accompagnata da una somiglianza di comportamento, così come una differenza qualitativa è accompagnata da una differenza di comportamento. L’acqua distillata evapora a una temperatura diversa rispetto all’olio extravergine. Due gatti siamesi possono giocare a rincorrersi; un gatto siamese e una palma da cocco non possono.

4Infine, vi sono alcuni risultati nel campo delle scienze naturali che ci fanno ritenere che esistano dei generi naturali: gli elementi della tavola periodica; la struttura subatomica di un elettrone; la struttura molecolare dell’acqua; la Drosophila melanogaster, sono tutti esempi di tipi di enti che si sono – per così dire – imposti a coloro che li hanno studiati e li studiano. Vale a dire: vi sono alcune caratteristiche della realtà la cui scoperta e la cui identità non sono influenzate, o influenzabili, dai particolari interessi dei classificatori; i generi naturali sono, appunto, tra queste caratteristiche.

  • 3 Per una panoramica, si veda di nuovo Daly 1998 e Bird e Tobin 2008.

5Certamente, però, si possono sollevare anche delle perplessità sull’esistenza di generi naturali3. E questo è quanto intendo fare in questo articolo. Più precisamente, intendo sollevare un problema che riguarda l’individuazione di un genere naturale, al quale non so offrire – e al momento non vedo come possa essere offerta – una soluzione.

  • 4 Armstrong 1986, Armstrong 1983, Quine 1969, Putnam 1975, Heil 2005.

6Tipicamente (come accennato anche sopra) un genere naturale viene definito sulla base di due aspetti: una struttura qualitativa e un certo comportamento tipico, ovvero il genere di fenomeni naturali di cui questo ente può essere partecipe. Generalmente, poi, la struttura qualitativa viene identificata con una certa struttura spaziale. Quella di una molecola d’acqua, per esempio, è caratterizzata da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno disposti in un certo modo nello spazio. Dal punto di vista metafisico, si possono concepire una molecola e i suoi atomi in diversi modi: come universali, come particolari e come tropi4. Ma, per il nostro scopo, non occorre soffermarsi su questo punto.

  • 5 Per una panoramica, si veda Carroll 1994.

7Il secondo aspetto si fonda sulla convinzione che la struttura qualitativa di un certo ente si debba accompagnare a un certo comportamento. Questo doversi comportare in un certo modo viene spesso spiegato nei termini di leggi naturali. Un genere naturale avrà, di solito, una legge naturale che ne spiega, almeno parzialmente, il comportamento. Vi sono vari modi di definire una legge naturale: per alcuni è un legame necessario tra proprietà; per altri, un legame necessario tra particolari; per altri ancora, una semplice regolarità statistica5. Quanto dirò, comunque, non dipende da come vengono concepite le leggi di natura; dipende, però, dal riconoscimento del ruolo giocato da tali leggi nell’individuazione dei generi naturali.

  • 6 Dupré 1995.
  • 7 Si vedano Unger 1980 e Rosen e Dorr 2002.
  • 8 Si vedano Goodman 1955, Armstrong 1983 e Carroll 1994.

8Non mancano, certamente, i critici di uno, dell’altro, o di entrambi questi aspetti. John Dupré6, per esempio, ha negato l’esistenza di strutture spaziali identiche attraverso le quali definire che cosa sia una molecola d’acqua. Per altri, la nozione stessa di ente composto non ha senso; per cui, la discussione sull’identità qualitativa di varie molecole non si pone nemmeno7. Analogamente alcuni ritengono che non vi siano leggi di natura ma, al più, approssimative regolarità tra i fenomeni naturali8.

9Ma, al di là della discussione sulla struttura spaziale e sul comportamento tipico di un genere naturale, sono convinto che vi sia un problema di fondo che non è stato ancora messo in luce; ed è di questo che intendo discutere. Il problema può essere evidenziato in questi quattro punti:

  • 9 D’ora in poi abbrevierò l’espressione “struttura qualitativa” con “struttura”.

(A) Se vi sono generi naturali, la struttura (qualitativa)9 di ciascun genere è associata con certe leggi di natura.

(B) La maggior parte delle leggi di natura – come dirò nel §2 – si associa a strutture non solamente spaziali, ma anche temporali.

(C) Mentre possiamo scoprire e descrivere la struttura spaziale, non possiamo scoprire, e di conseguenza non possiamo descrivere (neppure in linea di principio), la struttura temporale.

(D) Quindi, non possiamo definire un genere naturale.

10Ora, che la struttura di un genere naturale sia associata a certe leggi di natura (cioé, che (A) sia corretta) mi pare evidente. Vi possono essere leggi che sono valide per tutti i generi, ma ciascun genere sarà definito da almeno una legge, ovvero avrà anche un comportamento tipico. I punti cruciali della discussione sono, quindi, (B) e (C). Nel prosieguo, tenterò dapprima – §2 – di mostrare la validità di (B). Esporrò quindi il problema (C) nel §3. Infine, nel §4 considererò, e rifiuterò, una possibile soluzione del problema.

2. Leggi naturali e strutture temporali

11Supponiamo che la molecola d’acqua sia un genere naturale. Si consideri, dunque, il seguente enunciato:

(1) Vi è una molecola d’acqua nella regione r.

12Quali circostanze (submolecolari) devono essere vere affinché (1) sia vero? Come detto sopra, ci sono due aspetti che definiscono un genere naturale: una struttura qualitativa e un comportamento tipico. Quest’ultimo può essere colto nel modo seguente:

(i) Alcuni degli enti inclusi nella regione r possiedono il comportamento tipico di una molecola d’acqua.

13Il comportamento tipico appropriato esprime la capacità di certi enti di comportarsi in un certo modo in una data situazione. Ma il punto in discussione riguarda la struttura qualitativa. Certamente, parte di essa è una struttura spaziale. Affinché (1) sia vero, quindi, dovrà essere vero che:

(ii) La struttura spaziale tipica dell’acqua è manifestata in r.

14Per molti teorici dei generi naturali, (i) e (ii) sono entrambe necessarie e congiuntamente sufficienti affinché (1) sia vero. Come anticipato, credo che questo giudizio sia sbagliato; (i) e (ii) sono necessarie, ma non sufficienti. Questo anche perché (i) richiede l’esistenza di una struttura che non sia meramente spaziale. Vi è quindi un’altra condizione necessaria:

  • 10 Credo, inoltre, che (i), (ii) e (iii) siano sufficienti a stabilire la verità di (1). Ma non difend (...)

(iii) La struttura temporale tipica dell’acqua è manifestata in r 10.

15È pratica molto diffusa, in una lezione di chimica o scienze naturali a carattere introduttivo, definire una molecola d’acqua indicando soltanto una struttura spaziale. Per esempio:

(1) Una certa molecola è una molecola d’acqua se è formata da due atomi di idrogeno e un atomo di ossigeno orientati nello spazio in modo tale che, prendendo l’atomo di ossigeno come estremo, i due atomi di idrogeno formano un angolo di 104,45 gradi.

  • 11 Talvolta, questa definizione viene accompagnata anche da una definizione del comportamento tipico d (...)

16Caratterizzata in questo modo, una molecola d’acqua è definita attraverso un’immagine istantanea, come una fotografia di un’immagine al microscopio11. Immagine che ricorre anche per altri generi naturali, come un certo genere di cellula, o una specie biologica. (Per esempio, quanti bambini hanno imparato che cos’è una cellula sulla base di un’immagine in un libro di testo?) Per questo motivo, chiamerò questo modo di caratterizzare un genere naturale la concezione fotografica di un genere naturale.

  • 12 Si veda, per esempio, Dupré 1981.

17La discussione sui generi naturali si è finora fondata su una concezione fotografica. Alcuni sostengono che un solo tipo di “fotografie” definisca un genere naturale; altri (i cosiddetti pluralisti12) credono che più di un tipo di “foto” possa essere associato a un solo genere naturale. Ma la tesi di fondo rimane: la struttura qualitativa di un genere è caratterizzata dalla struttura spaziale.

18A un’analisi più attenta, però, la concezione fotografica è fuorviante per il semplice fatto che è priva di una dimensione temporale. Consideriamo di nuovo la molecola d’acqua. Certamente, chi abbia una minima dimestichezza con la chimica saprà che un’immagine di una molecola come quella descritta sopra è un modello, non molto accurato, della molecola. La molecola viene più precisamente definita, infatti, nei termini della rotazione di un certo numero di elettroni attorno ai nuclei dei tre atomi (due di idrogeno e uno di ossigeno). Ovvero:

(2) Una molecola d’acqua è il composto che si ottiene quando i due atomi di idrogeno condividono due elettroni (uno per atomo) con un atomo di ossigeno.

19Se non vi è una condivisione di elettroni, non vi è molecola. Ma, la condivisione introduce una nuova dimensione metafisica nella definizione della molecola. La condivisione ha luogo non soltanto nello spazio, bensì anche nel tempo. La nuova definizione, quindi, non riguarda più una struttura spaziale, ma una struttura spaziale e temporale. È come se, per sostenere che una certa molecola d’acqua esiste, avessimo bisogno di un breve filmato. Per questo motivo, chiamerò questo modo di caratterizzare un genere naturale la concezione filmica di un genere naturale.

20La concezione filmica è incompatibile con quella fotografica. Non ha senso, infatti, parlare dell’appartenenza di un elettrone a un atomo a un certo istante (un punto temporale non esteso), nello stesso modo in cui non ha senso parlare di una freccia che, a un certo istante, vola verso un obiettivo, o di una persona che, a un certo istante, cammina.

  • 13 Su questo punto, si vedano Molnar 2003, Mumford 1998 e Borghini e Williams 2008.

21Si noti che la struttura temporale e il comportamento tipico sono due cose distinte. La prima è una distribuzione di qualità in atto, mentre la seconda è una capacità necessariamente posseduta; e una tale capacità non consiste meramente nell’essere messa in atto, ma soprattutto nella sua potenzialità13.

22Scendendo nei dettagli, mi si potrebbe a questo punto obiettare che la condivisione non è necessariamente un concetto temporale. Essa può, infatti, essere definita in termini di orbitali; e un orbitale è semplicemente una distribuzione della probabilità che un elettrone si trovi in un certo punto di una regione spaziale a un istante. Gli orbitali, quindi, evitano di tirare in ballo la dimensione temporale nella definizione di una molecola d’acqua. È possibile ipotizzare l’esistenza di molecole la cui vita dura per un istante dopo di che si dissolvono; queste possono essere definite a partire dagli orbitali degli elettroni della molecola in quell’istante (ovvero, secondo la probabilità che ciascuno degli elettroni ha di trovarsi in un certo punto della regione spaziale dove si trova la molecola in quell’istante).

23Credo, tuttavia, che riferirsi agli orbitali non sia d’aiuto. Che altro è, infatti, una distribuzione di probabilità se non una promessa di locazione? Come sostengo anche più oltre, non possiamo accettare delle promesse come prove dell’esistenza di un genere naturale (e, nel caso in cui decidessimo di farlo, il comportamento tipico sarebbe, a quel punto, sufficiente a definire un genere naturale). Affinché la molecola esista (di fatto, e non possibilmente) devono sussistere (di fatto, e non possibilmente) certi legami chimici tra i suoi atomi. L’esistenza di un legame, però, non può avere luogo in un istante temporale. In sostanza, il fatto che gli orbitali siano definiti come distribuzioni di probabilità in una regione in un certo istante ha a che fare con il principio di indeterminazione di Heisenberg (si veda oltre, §3). Gli orbitali sono stati introdotti perché non è possibile osservare direttamente la posizione di un elettrone, se ne conosciamo la velocità; ovvero, sono stati introdotti poiché non possiamo direttamente osservare il comportamento tipico della molecola, quello che stabilisce che vi è una condivisione di elettroni. Ma un orbitale non può essere definito per un elettrone di cui non si abbia un’effettiva misurazione. Non ha senso definire gli orbitali di una molecola che esiste per un solo istante.

24Vale la pena illustrare questo punto attraverso un piccolo esperimento mentale. Dopo mesi spesi alla ricerca della presenza di acqua su un remoto pianeta, un esploratore riesce finalmente a trovare quello che sembra un laghetto d’acqua dolce. Attraverso l’uso di un microscopio, il ricercatore osserva il comportamento delle molecole che compongono il liquido, e riconosce la tipica struttura spaziale delle molecole d’acqua e il loro comportamento tipico. Convinto di aver trovato acqua sul pianeta, il ricercatore decide così di raccogliere una prova dell’esistenza del laghetto:

(a) Una (dettagliata) foto satellitare di tre enti, due dei quali hanno l’apparenza di due atomi di idrogeno e l’altro di un atomo di ossigeno, disposti proprio come gli atomi di idrogeno e di ossigeno sono disposti sulla Terra.

  • 14 Sebbene l’esempio discusso tratti di un pianeta remoto, non si deve per ciò stesso pensare che sia (...)

25In altre parole, supponiamo che il ricercatore raccolga una prova che soddisfa la condizione (ii), quella che sta alla base della concezione fotografica di un genere naturale. Supponiamo, inoltre, che la foto sia attendibile. E supponiamo, infine, che il ricercatore aggiunga al proprio resoconto di viaggio la testimonianza di aver osservato un certo comportamento nelle molecole fotografate. Sono queste prove sufficienti a concludere che su quel pianeta c’è acqua?14

26Se quanto detto sopra riguardo all’enunciato (3) è corretto, le prove non sono sufficienti. Occorre anche un’evidenza a favore di (iii). Ovvero, occorre:

(b) Un cortometraggio, girato sul pianeta, che mostri la condivisione di due elettroni da parte degli atomi.

27La condizione (a) non può essere sufficiente a stabilire la verità di (b), poiché la condivisione è un evento che ha un’estensione temporale non istantanea. Quindi, (b) è necessario per concludere che vi sia acqua sul pianeta. Si noti, inoltre, che il comportamento tipico non può sostituire né (a) né (b), in quanto il comportamento tipico registra ciò che dovrebbe essere osservato nel caso in cui si abbia a che fare effettivamente con un certo genere di ente. In altre parole, il comportamento tipico esprime una norma di comportamento, ma non può stabilire l’attuale esistenza di un genere di ente; per quella, occorre osservare una certa struttura spaziale o spazio-temporale.

28Ciò che l’esempio mostra è che l’esistenza di un genere naturale può essere stabilita soltanto sulla base di un cortometraggio che ne evidenzi il comportamento tipico, non di una foto accompagnata da una promessa di comportamento tipico. La concezione fotografica è soltanto parzialmente corretta; la concezione filmica è quella giusta.

29(Una metodologia di indagine che sembrerebbe fornire sostegno a questa conclusione è, per esempio, la cosiddetta “Pet-Scanning” che permette di rilevare l’esistenza di un certo genere di cellule attraverso l’osservazione del comportamento delle cellule in un certo arco temporale. Sfortunatamente, la maggior parte della tecnologia adoperata in ambito medico è stata sviluppata sulla base di una concezione fotografica dei generi naturali; ma, come il caso della Pet-Scanning mostra, una diagnosi affidabile può basarsi soltanto sull’analisi del comportamento degli enti a cui siamo interessati in un arco temporale non istantaneo.)

3. Il problema

  • 15 Si vedano Whitehead 1978, Collingwood 1945 e, più recentemente, Blackburn 1990. Per una presentazio (...)

30Se la concezione filmica è quella corretta, ne consegue in prima istanza che il dibattito contemporaneo sui generi naturali si è sviluppato attorno a una concezione difettosa dei generi naturali. Alcune decadi fa, Alfred Whitehead e Richard Collingwood avevano, in qualche modo, già messo in luce questo punto. Non solo – avevano indipendentemente sostenuto i due autori – la visione del mondo che le varie scienze ci restituiscono suggerisce che tutti i generi naturali abbiano una dimensione spaziale minimale non puntiforme; esse ci suggeriscono anche che tutti i generi naturali abbiano una dimensione temporale minimale non puntiforme. Le scienze, in altre parole, scoprono innanzitutto l’esistenza di certi generi di eventi (come, per esempio, la condivisione)15.

  • 16 L’espressione è mutuata da Ted Sider. Per una simile concezione degli oggetti, si vedano per esempi (...)
  • 17 Per una simile concezione degli oggetti, si veda per esempio Strawson 1959.

31Non intendo qui difendere un revisionismo ontologico per certi versi così radicale come quello proposto da alcuni autori che si sono successivamente ispirati all’opera di Whitehead e Collingwood (per esempio, Nicholas Rescher). Ritengo infatti che una più tradizionale ontologia di oggetti particolari e proprietà possa essere mantenuta, anche se i generi naturali (per quanto scoperto finora) hanno un’estensione temporale. Magari i generi naturali sono dei “lombrichi quadridimensionali” più naturali di altri16; oppure gli oggetti del mondo sono comunque istantanei, ma per capire con che genere di oggetto abbiamo a che fare dobbiamo guardare alla sua storia17.

32Ma lasciamo pure da parte la questione di quali cambiamenti a livello ontologico ci imponga la concezione filmica dei generi naturali; abbiamo infatti un serio problema da affrontare prima di trattare quella questione: se crediamo che i generi naturali esistano veramente, dobbiamo fornire le condizioni sufficienti per l’esistenza di un genere naturale. Per esempio, se crediamo che l’acqua sia un genere naturale, quali sono le condizioni sufficienti a concludere che ci sia acqua in un certo luogo? Questo significa chiedersi: quanto tempo occorre affinché si possa stabilire una condivisione di due elettroni tra i tre atomi di una molecola d’acqua? Rispondere a questa domanda è cruciale per comprendere le leggi di natura attraverso cui definiamo l’acqua, e quindi per comprendere che cosa sia l’acqua come genere naturale.

33Il problema è che non vedo come una domanda del genere possa ricevere risposta. Certo, sappiamo attraverso quali legami chimici si forma una molecola d’acqua, spontaneamente o in laboratorio; e sappiamo anche attraverso quali legami chimici si dissolve, spontaneamente o in laboratorio. Ma quand’è che i cosiddetti legami legano effettivamente? Beh, credo semplicemente che la ricerca scientifica non abbia mai tentato di dare una risposta a un quesito del genere. Per esempio, non vi è una traiettoria specifica di un elettrone che definisca l’inizio dell’esistenza di un legame tra due atomi. Inoltre, una molecola d’acqua ha dieci elettroni: a che punto dovremmo definire la molecola come esistente? Dopo che tutti gli elettroni hanno compiuto almeno un’orbita attorno ad almeno un nucleo? Dopo che gli elettroni condivisi hanno compiuto un’orbita? Ma quando ha inizio un’orbita? Senza menzionare il fatto che la traiettoria dell’orbita di un elettrone cambia a ogni istante… In altre parole: per quanto riguarda la nozione di “condivisione”, quando si afferma che due o più atomi condividono un elettrone all’interno di una molecola, si ha a che fare con una nozione che esprime un predicato vago; infatti, questa nozione non è scientificamente definita, e forse non è neanche scientificamente definibile. Tutti i modi impiegati per fissare il significato di questo termine sono infatti arbitrari. Se l’acqua è un genere naturale e se i predicati associati ai generi naturali rappresentano delle continuità e discontinuità qualitative indipendenti dal nostro pensarle, allora non può essere che esse dipendano dal nostro arbitrio; quindi: non abbiamo modo di cogliere le discontinuità o continuità dei generi naturali, se vi sono generi naturali.

34Il problema che ho illustrato rispetto all’acqua vale non solo per i generi naturali in chimica. Potremmo portare un argomento analogo anche per i generi naturali postulati nelle teorie fisiche, quali un elettrone o un protone o una stringa. Oppure per i generi naturali che contraddistinguono il mondo degli esseri viventi. Si consideri per esempio una cellula. Per capire che la concezione di una cellula deve essere filmica, basterà citare questo breve passo dalla relativa voce su Wikipedia: «Le cellule sono specializzate a seconda del loro ruolo nei diversi apparati e nei diversi organi dei viventi»18. In altre parole, un certo genere di cellula (ovvero, un genere naturale) si riconosce dal genere di attività (il “ruolo”) che svolge. Naturalmente, questa attività avrà luogo in un certo arco temporale. Quindi, una cellula deve esibire non solo una certa struttura qualitativa nello spazio, ma anche nel tempo. Per esempio, una cellula si nutre, produce energia, scambia informazione con il suo ambiente, si riproduce, nasce e muore. Tutte attività che avvengono in un arco temporale non istantaneo. Spesso può capitare di incontrare dapprima in un testo introduttivo di biologia una presentazione atemporale di una cellula, che quasi suggerisce una sua concezione fotografica. Ma, prima o poi, scopriremo che una concezione filmica è necessaria.

35In che esatto istante una cellula nasce, muore, inizia a nutrirsi, a riprodursi o a produrre energia? Di nuovo, non pare vi sia un modo non arbitrario di rispondere. Possiamo decidere arbitrariamente; ma se i generi naturali sono indipendenti dal nostro pensarli, non possiamo ritenere che una soluzione arbitraria li rappresenti. Dobbiamo confessare la nostra ignoranza.

  • 19 Per un’introduzione alle teorie della vaghezza si vedano il classico Williamson 1994 e Sorensen 200 (...)
  • 20 Si veda Borghini e Varzi 2006.

36Si potrebbe a questo punto pensare che la conclusione raggiunta non sia poi così sorprendente. Gli studiosi del fenomeno della vaghezza ci hanno insegnato già da tempo quanto essa sia diffusa. Se anche i generi naturali sono vaghi, e se lo sono non soltanto lungo la loro dimensione spaziale, ma anche lungo quella temporale, non c’è di che preoccuparsi. Basterà utilizzare una delle molte soluzioni escogitate per render conto del fenomeno della vaghezza19. Se i termini di genere naturale sono affetti da una vaghezza di tipo particolarmente delicato, come altri nomi di eventi, possiamo impiegare la soluzione proposta altrove20.

  • 21 Si veda, per esempio, l’argomento principale contenuto in Lewis 1983.
  • 22 Come ha sostenuto per esempio Dupré 1993.

37Le cose non sono così semplici, però. Uno dei principali argomenti a favore del realismo sui generi naturali è la convinzione che i generi naturali siano conoscibili con precisione, e che questa conoscenza sia la chiave del successo delle nostre pratiche scientifiche. Il successo implica non soltanto che vi siano dei generi naturali, ma anche che, attraverso le nostre pratiche scientifiche, arriviamo a scoprirli21. La tesi che sto difendendo mette in discussione questo punto. Non solo possiamo sollevare seri dubbi riguardo alla nostra conoscenza della struttura spaziale di un genere naturale22; possiamo sollevarne anche riguardo alla struttura temporale, e non abbiamo modo di risolverli.

38In conclusione: certamente possiamo credere che un certo tipo di enti esista, sebbene possiamo parlarne soltanto in modo vago. Posso credere che vi siano spettacoli teatrali, anche se non so esattamente quando iniziano e quando finiscono. Ma, quando si tratta di generi naturali, la tesi realista si fonda anche sulla convinzione che i generi siano conoscibili con accuratezza. Soltanto così è possibile spiegare il successo delle nostre pratiche scientifiche attraverso di essi. Purtroppo per i realisti, però, l’esistenza di una dimensione temporale, caratterizzata nei termini di un comportamento tipico definibile soltanto attraverso dei predicati vaghi, legittima i dubbi dell’antirealista.

4. Metafisica ed epistemologia

  • 23 Si vedano Heisenberg 1972 e Griffiths 2004.

39A questo punto, il difensore della concezione fotografica dei generi naturali potrebbe protestare che, nell’argomento presentato nella sezione precedente, mi sia attenuto in modo troppo pedissequo ai risultati della ricerca scientifica. Invece, la possibilità di un’ontologia passa attraverso la negazione di alcuni di questi risultati. Si consideri, per esempio, il principio di indeterminatezza di Heisenberg – secondo cui non è possibile stabilire con precisione e al contempo, neppure in teoria, quali siano i valori di una certa coppia di variabili osservabili (tra cui la posizione e la velocità di una singola particella)23. Ora, dal fatto che non possiamo avere, a uno stesso momento, i valori di due variabili di una particella, non segue che la particella sia priva, a ogni istante, di uno dei due valori. Allo stesso modo, il fatto che alcuni scienziati definiscano una molecola d’acqua nei termini della condivisione di un elettrone, non significa che la molecola debba avere una struttura temporale che ne spieghi la condivisione. Questa viene tirata in ballo solo in conseguenza della nostra ignoranza di quelle che sono le proprietà (istantanee) che veramente contraddistinguono una molecola d’acqua. Anche se scoprissimo che non possiamo mai sapere quali siano queste proprietà, non ne segue che non ve ne siano.

40In altre parole: poiché la concezione filmica dei generi naturali porta alla conclusione che non sappiamo, e forse non possiamo sapere, quale sia l’estensione temporale naturale di un genere, dobbiamo considerare come ontologicamente non rilevanti tutti quei fatti che supportano la concezione filmica di contro a quella fotografica.

41A questa obiezione replicherei nella maniera seguente. Non si può escludere che le teorie scientifiche in futuro si evolvano in modo tale da riuscire a eliminare ogni riferimento a processi non istantanei, così da supportare una concezione fotografica dei generi naturali. Ma, a oggi, la concezione fotografica non può essere invocata per descrivere gli enti del mondo naturale. E di questo dobbiamo prendere atto.

42Si dovrà, infine, notare che i problemi ontologici sollevati rispettivamente dal principio di indeterminatezza e dalla concezione filmica sono di carattere distinto. Il principio di indeterminatezza è un principio puramente epistemico, in quanto espone i limiti della nostra possibile conoscenza empirica delle particelle. Esso non gioca un ruolo nel fissare il concetto di particella, ma stabilisce alcune limitazioni che riguardano l’individuazione delle particelle. La concezione filmica, invece, non mira a evidenziare un nostro limite conoscitivo, ma a fissare il concetto di genere naturale. Il problema (epistemico e ontologico) che scaturisce dalla concezione filmica è una conseguenza della concezione, non la concezione stessa.

  • 24 Ringrazio Luca Angelone, Elena Borghini, Elena Casetta, Arnon Keren, Matthew Slater, Vera Tripodi e (...)

43Se la nostra concezione dei generi naturali deve essere legata alle scienze naturali (in che altro modo potrebbe essere naturale?), allora la concezione filmica dei generi naturali deve giocare un ruolo nella nostra ontologia; e i realisti sui generi naturali hanno un problema non banale da risolvere – indicare i confini naturali, spaziali e temporali, di un genere naturale24.

Torna su

Bibliografia

Armstrong, D.M.

1989, Universals: An Opinionated Introduction, Boulder, Westview Press

1986, In Defense of Structural Universals, “Australasian Journal of Philosophy”, 64: 25-46

1983, What is a Law of Nature?, Cambridge, Cambridge University Press

Bird, A.

1998, Philosophy of Science, London, Ucl Press

Bird, A. e Tobin, E.

2008, Natural Kinds, in E.N. Zalta (a c. di), The Stanford Encyclopedia of Philosophy, Winter 2008 Edition; http://plato.stanford.edu/archives/fall2008/entries/natural-kinds

Blackburn, S.

1990, Filling In Space, “Analysis”, 50: 62-65

Borghini, A. e Varzi, A.C.

2006, Event Location and Vagueness, “Philosophical Studies”, 128: 313-336

Borghini, A. e Williams, E.N.

2008, A Dispositional Theory of Possibility, “Dialectica”, 112: 21-41

Boyd, R.

1990, Realism, Conventionality, and “Realism About”, in G. Boolos, Festschrift for Hilary Putnam, Cambridge, Cambridge University Press, 1990: 171-195

Carroll, J.W.

1994, Laws of Nature, Cambridge, Cambridge University Press

Collingwood, R.

1945, The Idea of Nature, Oxford, Clarendon Press

Daly, C.

1998, Natural kinds, in E. Craig (a c. di), Routledge Encyclopedia of Philosophy, London: Routledge; http://www.rep.routledge.com/article/N099SECT4 [link non raggiungibile 07/06/2017]

Dupré, J.

1981, Natural Kinds and Biological Taxa, “Philosophical Review”, 90: 66-90

1993, The Disorder of Things, Cambridge (Mass.), Harvard University Press

Ellis, B.

2001, Scientific Essentialism, Cambridge, Cambridge University Press

Goodman, N.

1955, Fact, Fiction, and Forecast, Cambridge (Mass.), Harvard University Press; Fatti, Ipotesi e Previsioni, tr. it di C. Marletti, Bari-Roma, Laterza, 1985

Griffiths, D.J.

20042, Introduction to Quantum Mechanics, Englewood Cliffs, Prentice Hall

Heil, J.

2001, Kinds as Essences, “Ratio”, 18: 405-419

Heisenberg, W.

– 1927, Über den anschaulichen Inhalt der quantentheoretischen Kinematik und Mechanik, “Zeitschrift für Physik”, 43: 172-198; Sul contenuto intuitivo della cinematica e della meccanica quantoteoriche, in G. Gregorio, C. Staiti, e G. Gembillo (a c. di), Indeterminazione e realtà, tr. it. di G. Gregorio, C. Staiti, e G. Gembillo, Napoli, Guida, 1991: 35-67

Kennedy, D.

2006, Editorial Retraction of Hwang et al. Papers, “Science”, 311: 335

Kripke, S.

1980, Naming and Necessity, Cambridge (Mass.), Harvard University Press; Nome e necessità, tr. it. di M. Santambrogio, Torino, Bollati Boringhieri, 1982

Lewis, D.K.

1983, New Work for a Theory of Universals, “Australasian Journal of Philosophy”, 61: 343-377

1976, Survival and Identity, ristampato in D.K. Lewis, Philosophical Papers, Oxford, Oxford University Press, 1987, vol. I: 55-72

Molnar, G.

2003, Powers: A Study in Metaphysics, Oxford, Oxford University Press

Mumford, S.

1998, Dispositions, Oxford, Oxford University Press

Perini, L.

2005a, The Truth in Pictures, “Philosophy of Science”, 72: 262-285

2005b, Explanation in Two Dimensions: Diagrams and Biological Explanation, “Biology and Philosophy”, 20: 257-269

Putnam, H.

1975, The Meaning of “Meaning”, in H. Putnam, Mind, Language, and Reality, Cambridge, Cambridge University Press, 1975: 131-193; Il significato di “significato”, in H. Putnam, Mente, linguaggio e realtà, tr. it. di R. Cordeschi, Milano, Adelphi, 1987: 239-297

Quine, W.V.O.

1969, Natural Kinds, in Ontological Relativity and Other Essays, New York, Columbia University Press, 1969: 114-138; Generi naturali, in La relatività ontologica e altri saggi, tr. it. di M. Leonelli, Roma, Armando, 1986: 135-155

Rescher, N.

2000, Process Philosophy, Pittsburgh, Pittsburgh University Press

Rosen, G. e Dorr, C.

2002, Composition as a Fiction, in R. Gale (a c. di), The Blackwell Guide to Metaphysics, Oxford, Blackwell, 2002: 151-174

Sider, T.

2001, Four-Dimensionalism: An Ontology of Persistence and Time, Oxford, Oxford University Press

1996, All the World’s a Stage, “Australasian Journal of Philosophy”, 74: 433-445; Il mondo è uno stadio, tr. it. di A. Borghini, in A.C. Varzi (a c. di), Metafisica. Classici contemporanei, Bari-Roma, Laterza, 2008: 210-239

Sorensen, R.,

2006, Vagueness, in E.N. Zalta (a c. di), The Stanford Enciclopedia of Philosophy, Fall 2006 Edition, http://plato.stanford.edu/archives/fall2006/entries/vagueness/

Strawson, P.

1959, Individuals, London, Methuen; Individui, tr. it. di E. Bencivenga, Milano, Feltrinelli-Bocca, 1978

Unger, P.

1980, The Problem of the Many, “Midwest Studies in Philosophy”, 5: 411-467

Whitehead, A.N.

1978, Process Reality. An Essay in Cosmology, New York, Free Press

Williamson, T.

1994, Vagueness, London, Routledge

Torna su

Note

1 Putnam 1975, Boyd 1990, Daly 1998 e Bird e Tobin 2008.

2 Onde evitare fraintendimenti, vorrei sin dal principio far presente che quanto sosterrò in questo articolo non dipende da una specifica concezione della natura metafisica dei generi naturali. Nel seguito, quindi, non prenderò posizione su questo punto. In particolare, rimarrò neutrale rispetto alla questione se i generi siano da identificarsi con certe classi di particolari, oppure con proprietà universali.

3 Per una panoramica, si veda di nuovo Daly 1998 e Bird e Tobin 2008.

4 Armstrong 1986, Armstrong 1983, Quine 1969, Putnam 1975, Heil 2005.

5 Per una panoramica, si veda Carroll 1994.

6 Dupré 1995.

7 Si vedano Unger 1980 e Rosen e Dorr 2002.

8 Si vedano Goodman 1955, Armstrong 1983 e Carroll 1994.

9 D’ora in poi abbrevierò l’espressione “struttura qualitativa” con “struttura”.

10 Credo, inoltre, che (i), (ii) e (iii) siano sufficienti a stabilire la verità di (1). Ma non difenderò questo punto in questa sede.

11 Talvolta, questa definizione viene accompagnata anche da una definizione del comportamento tipico dell’acqua. Ma, proprio perché ritengo che questa aggiunta introduca un nuovo elemento (una dimensione temporale), lascerò questa opzione da parte, per considerarla successivamente.

12 Si veda, per esempio, Dupré 1981.

13 Su questo punto, si vedano Molnar 2003, Mumford 1998 e Borghini e Williams 2008.

14 Sebbene l’esempio discusso tratti di un pianeta remoto, non si deve per ciò stesso pensare che sia fantascientifico. Casi simili accadono anche sulla Terra. Un esempio che tempo fa fece scalpore è quello del Dr. Hwang Woo-Suk dell’Università Nazionale di Seul. Nel 2004 e 2005, il Dr. Hwang pubblicò due articoli sulla rivista “Science” sostenendo di essere riuscito a clonare delle cellule staminali di un essere umano. L’articolo consisteva proprio in una serie di immagini fotografiche, accompagnate da un resoconto scritto dell’esperimento. Durante il 2006 venne poi appurato che il resoconto non era veritiero, sebbene – si noti – a oggi le foto non risultino fasulle. L’errore della comunità scientifica, però, fu quello di utilizzare una concezione fotografica dei generi naturali, per cui una foto venne ritenuta come prova sufficiente dell’esistenza delle cellule. Si veda Kennedy 2006 per un ulteriore discussione del caso Hwang; per un’analisi più dettagliata del ruolo delle immagini nell’argomentazione scientifica, si rimanda a Perini 2005a e Perini 2005b.

15 Si vedano Whitehead 1978, Collingwood 1945 e, più recentemente, Blackburn 1990. Per una presentazione della tesi secondo cui nel mondo naturale non vi sono oggetti, ma processi (la cosiddetta “Process Philosophy”) si veda Rescher 2000. Si noti, comunque, che non sto difendendo una versione della Process Philosophy; più innocentemente, sto sostenendo che, qualsiasi siano gli enti che compongono il mondo naturale, se questi possono essere divisi in generi, i generi devono avere un’estensione temporale non istantanea.

16 L’espressione è mutuata da Ted Sider. Per una simile concezione degli oggetti, si vedano per esempio Lewis 1976, Sider 2001 e Sider 1996.

17 Per una simile concezione degli oggetti, si veda per esempio Strawson 1959.

18 http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Cellula&oldid=12238611, la data di ultima modifica della voce è il 13 Novembre 2007.

19 Per un’introduzione alle teorie della vaghezza si vedano il classico Williamson 1994 e Sorensen 2006.

20 Si veda Borghini e Varzi 2006.

21 Si veda, per esempio, l’argomento principale contenuto in Lewis 1983.

22 Come ha sostenuto per esempio Dupré 1993.

23 Si vedano Heisenberg 1972 e Griffiths 2004.

24 Ringrazio Luca Angelone, Elena Borghini, Elena Casetta, Arnon Keren, Matthew Slater, Vera Tripodi e i partecipanti al Terzo Convegno Nazionale di Ontologia Analitica per i numerosi commenti su una versione precedente di questo articolo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Andrea Borghini, « La durata naturale di un genere naturale », Rivista di estetica, 39 | 2008, 89-101.

Notizia bibliografica digitale

Andrea Borghini, « La durata naturale di un genere naturale », Rivista di estetica [Online], 39 | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 23 novembre 2017. URL : http://estetica.revues.org/2027 ; DOI : 10.4000/estetica.2027

Torna su

Autore

Andrea Borghini

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org