Navigazione – Mappa del sito
nuove ontologie

Il nominalismo di Quine: un argomento circolare

Guido Bonino
p. 73-87

Testo integrale

1. Premesse

  • 1 Eccetto che nella fase rappresentata da Goodman e Quine 1947.
  • 2 Cfr. per esempio Quine 1960: 269-270 (tr. it. 329-330).
  • 3 L’“uso di Harvard”, come lo chiama David Armstrong (cfr. Armstrong 1997: 120), alludendo alla comun (...)
  • 4 Cfr. Feibleman 1974.

1Questo articolo richiede alcune premesse. Innanzitutto sono opportuni due chiarimenti, o precisazioni, che riguardano il titolo, Il nominalismo di Quine: un argomento circolare. Il primo chiarimento riguarda l’attribuzione a Willard Van Orman Quine di una posizione nominalistica, attribuzione contestabile sotto diversi rispetti. È vero che Quine è comunemente considerato uno dei maggiori esponenti del nominalismo contemporaneo. Tuttavia il termine “nominalismo” può essere inteso in vari modi, e anche se ci si limita al pensiero di Quine si possono individuare diverse accezioni di nominalismo: non solo si può essere nominalisti in molti modi, ma posizioni che alcuni ritengono nominalistiche per altri sono piuttosto da annoverare tra quelle realistiche. Secondo alcune valutazioni la stessa filosofia di Quine1 non costituisce un esempio di vero e proprio nominalismo, se non altro perché ammette l’esistenza di classi. Anzi, l’ammissione delle classi nella propria ontologia, motivata dall’esigenza di non rinunciare a parti significative della matematica, è talora considerata dallo stesso Quine come una prova del proprio “platonismo”, seppure riluttante2. La diffusione del termine “platonismo”, in sostituzione del più tradizionale “realismo”, è in buona parte dovuta proprio all’uso da parte di Quine e Nelson Goodman3, ma è quanto meno dubbio che i due termini, così come sono comunemente usati, siano del tutto equivalenti. In ogni caso, al di là di complicate questioni terminologiche, e al di là di altrettanto complicate questioni interpretative, legate alle oscillazioni dello stesso Quine riguardo a questi temi4, una certa tendenza o propensione nominalistica della filosofia di Quine, intesa come negazione dell’esistenza degli universali, appare difficilmente contestabile. Precisazioni ulteriori sulla natura di questo nominalismo risulteranno più o meno implicitamente dalla discussione successiva.

2Il secondo chiarimento intorno al titolo riguarda un possibile equivoco. Il titolo stesso, infatti, potrebbe essere letto come eccessivamente ambizioso, ovvero come se ci si proponesse di sostenere che l’intera strategia argomentativa di Quine a favore del nominalismo (comunque esso sia inteso) sia circolare. In realtà una pretesa di questo genere sarebbe probabilmente infondata, ma soprattutto richiederebbe un esame approfondito dell’intera filosofia di Quine, tanto il suo nominalismo è profondamente intrecciato, nei modi più vari, ai diversi aspetti del suo pensiero, e questo è senza dubbio un compito che richiederebbe ben altro impegno. L’intento di questo intervento è molto più circoscritto. Ci si concentrerà infatti su un ben preciso argomento formulato da Quine a sostegno del nominalismo (si potrebbe anche dire, su uno degli argomenti), e si cercherà di vedere se e in che modo esso sia connesso ad altre premesse o tesi della sua filosofia. L’argomento in questione si può trovare, nella sua formulazione più compiuta, in Quine 1953a, che in quanto segue sarà al centro dell’analisi.

3Esauriti i due chiarimenti relativi al titolo, è ancora necessaria una premessa, intorno alla genesi e all’ispirazione di questo articolo. Esso trova la sua origine in un tentativo di confronto tra i criteri dell’impegno ontologico di Quine e di Gustav Bergmann, parte di un più ampio lavoro sulla filosofia di Bergmann e sui suoi rapporti con filosofi a lui contemporanei. Il suggerimento che nell’argomento proposto da Quine si potesse nascondere una circolarità risale, in modo più o meno indiretto, proprio allo stesso Bergmann. Il contesto in cui si colloca questo suggerimento è quello di uno scambio a distanza di opinioni tra Quine e Bergmann avvenuto nei primi anni Cinquanta, incentrato dalla parte di Quine, su Quine 1951, e dalla parte di Bergmann su Bergmann 1950 e Bergmann 1954b. Quest’ultimo articolo è dedicato a un confronto tra i criteri dell’impegno ontologico proposti dai due filosofi e più in generale alla questione di quale debba essere una corretta concezione dell’ontologia. Lo scritto di Quine cui Bergmann fa maggiore riferimento nel delinearne le posizioni è Quine 1948, mentre qui ci si riferirà soprattutto a Quine 1953a, dove – come si è detto – l’argomento di cui si sostiene la circolarità è esposto nel modo più ampio.

4In quanto segue ci si ripromettono principalmente due obiettivi. In primo luogo si tenterà di fornire una breve ricostruzione della discussione tra Quine e Bergmann a proposito dei criteri dell’impegno ontologico e dei compiti dell’ontologia. Ciò può avere un certo interesse di tipo storico, in quanto si tratta di un episodio non molto noto, ma che forse getta qualche luce su un momento significativo nello sviluppo della filosofia analitica, un momento in cui l’eredità della filosofia di Rudolf Carnap stava per essere piegata a usi del tutto divergenti da parte di due autori che pure a Carnap dovevano gran parte dei loro presupposti teorici. Inoltre la ricostruzione della discussione tra Quine e Bergmann permette di presentare per sommi capi alcune concezioni centrali della filosofia di Bergmann, che serviranno tra l’altro come introduzione all’esame dell’argomento nominalistico di Quine che è oggetto di analisi. Tale esame costituisce naturalmente il secondo obiettivo dell’articolo.

2. Due differenti concezioni dell’ontologia

  • 5 Si farà riferimento soprattutto, come si è già detto, a Bergmann 1950 e a Bergmann 1954b.

5Nella sua critica a Quine5, Bergmann presenta la differenza tra le loro rispettive posizioni come una differenza che riguarda la concezione dell’ontologia, e distingue tra O1 (l’ontologia come è intesa da Bergmann) e O2 (l’ontologia come è intesa da Quine). In entrambi i casi l’ontologia è concepita come la disciplina che mira a stabilire quali siano le categorie fondamentali di ciò che esiste. O1 e O2 sono così caratterizzate:

O1. Che cosa c’è o esiste, nel senso in cui l’ontologia parla di esistenza, è mostrato dalle costanti descrittive non definite del linguaggio ideale

O2. Esistere, nel senso in cui l’ontologia parla di esistenza, significa trovarsi nell’ambito di una variabile del linguaggio ideale.

  • 6 Sono molto numerosi gli scritti in cui Bergmann presenta la propria concezione del “metodo del ling (...)

6Le formulazioni di Bergmann fanno riferimento alla nozione di linguaggio ideale6, cioè – molto brevemente – un linguaggio adeguato a esprimere tutti i contenuti della nostra esperienza e in cui per converso sia impossibile formulare tesi “filosofiche”; queste dovranno piuttosto, nella prospettiva di Bergmann, essere esplicate tramite un discorso metalinguistico sulla sintassi e la semantica del linguaggio ideale. Il fatto che un certo linguaggio sia il linguaggio ideale ci dice qualcosa sul mondo che esso è adeguato a descrivere. Tale nozione di linguaggio ideale è ovviamente estranea alla filosofia di Quine, ma ciò non dovrebbe – almeno fino a un certo punto – costituire un ostacolo insormontabile al confronto tra le due posizioni. Fatte salve le considerazioni sul linguaggio ideale, O2 rappresenta comunque una formulazione nel complesso fedele del criterio dell’impegno ontologico di Quine.

7Per Bergmann il linguaggio ideale contiene, grazie al quantificatore esistenziale, le risorse espressive necessarie per affermare l’esistenza, poniamo, di una macchia rossa: è infatti sufficiente ricorrere alla formula “x (Rx)”, dove “R” sta per la proprietà rosso. In linea di principio, questo è ciò che facciamo tutti i giorni quando diciamo che c’è un cane in cortile, che in Africa ci sono leoni, o che nell’antichità c’erano leoni in Grecia. Si deve osservare che ciò di cui viene in questi casi affermata l’esistenza per mezzo del quantificatore non è il riferimento di nessuna costante descrittiva non definita del linguaggio ideale. Nel caso della macchia rossa, l’unica costante descrittiva non definita che occorre in “x (Rx)” è “R”, ma non è della proprietà rosso che si afferma l’esistenza. Esprimendosi in modo un po’ inelegante, si potrebbe dire che ciò di cui si afferma l’esistenza è, da un punto di vista categoriale, un fatto: in questo caso il fatto che (almeno) un particolare esemplifica l’universale rosso. Infatti per Bergmann gli oggetti ordinari, come le macchie, devono essere classificati, in una prospettiva ontologica, come fatti.

8Sembra dunque che il senso di “esistere” di cui si parla in O1 abbia poco a che fare con le affermazioni di esistenza così frequenti nei nostri usi linguistici ordinari e che possono essere ricostruiti nel linguaggio ideale ricorrendo al quantificatore esistenziale, e infatti nella formulazione di O1 Bergmann si preoccupa di sottolineare che l’esistenza in questione deve essere intesa “nel senso in cui l’ontologia parla di esistenza”. Quando diciamo che c’è un cane in cortile facciamo uso di un’accezione di esistenza del tutto conforme al senso comune e secondo Bergmann filosoficamente non problematica, che viene “ricostruita” nel linguaggio ideale per mezzo del quantificatore esistenziale.

9Ci sono però anche usi “filosofici” del linguaggio, che non solo non richiedono di essere ricostruiti nel linguaggio ideale, ma non devono poter essere ricostruiti. Tra le parole che i filosofi usano più volentieri in senso filosofico c’è appunto “esistenza”. Proprio questo è uno degli esempi più spesso citati da Bergmann quando vuole mostrare un uso filosofico del linguaggio: se un filosofo dice che gli oggetti fisici non esistono, evidentemente non sta usando il verbo “esistere” nella sua accezione ordinaria, perché altrimenti ciò che dice sarebbe ovviamente falso. In base al metodo del linguaggio ideale gli usi filosofici del linguaggio non sono insensati, ma certamente sono confusi, e richiedono un’“esplicazione” che può essere fornita da un discorso metalinguistico sulla sintassi e la semantica del linguaggio ideale. L’esplicazione dell’uso filosofico di “esistere” è secondo Bergmann la seguente:

Ciò che esiste è ciò che è o potrebbe essere nominato (named) da un segno descrittivo non definito del linguaggio ideale.

10Il che è sostanzialmente equivalente al criterio O1 dell’impegno ontologico. Dunque, quando un filosofo dice che gli oggetti fisici, o gli universali, “non esistono” intende dire che tra i riferimenti dei segni descrittivi non definiti non compaiono, rispettivamente, oggetti fisici o universali. Ciò che esprime l’“esistenza” filosofica, poniamo, di a non è il segno “a”, ma la sua presenza tra le costanti descrittive non definite del linguaggio ideale; “a” di per sé non dice nulla, ma semplicemente sta per qualcosa, e in ogni caso all’interno del linguaggio ideale non si può “dire” che a esiste; ciò è piuttosto “mostrato” (in senso wittgensteiniano) dalla presenza di “a”.

11Si deve peraltro osservare che per Bergmann costanti individuali e costanti predicative si comportano, da un punto di vista semantico, in modo sostanzialmente analogo: entrambe nominano (name) i loro riferimenti, che sono, rispettivamente, particolari e universali. A questo proposito Quine assume una posizione molto diversa, e questa differenza svolge un ruolo importante nell’argomento quiniano a favore del nominalismo che si esaminerà più avanti.

  • 7 Una critica sorprendentemente simile a quella di Bergmann, per quanto proveniente da una posizione (...)

12La principale obiezione di Bergmann alla concezione di Quine (O2) è che essa non permette di distinguere tra i due sensi di esistenza, quello “di senso comune” e quello “filosofico”7. Questa distinzione è per Bergmann essenziale, così come più in generale è essenziale per il metodo del linguaggio ideale la distinzione tra usi ordinari e usi filosofici del linguaggio. In base alla strategia di Quine, invece, l’uso filosofico viene deliberatamente “schiacciato” su quello ordinario. Risulta evidente che O2 implica una concezione dell’attività filosofica e dei suoi rapporti con la scienza del tutto incompatibile con quella di Bergmann. Nella prospettiva di Quine si annulla infatti la netta distinzione tra senso comune (e scienza) da una parte e filosofia (ontologia) dall’altra. Come Bergmann rileva esplicitamente, la conseguenza principale dell’impostazione di Quine è che gli usi filosofici del linguaggio, anziché essere esplicati in un discorso metalinguistico sulla sintassi e la semantica del linguaggio ideale, vanno incontro a un tentativo di ricostruzione diretta all’interno di quello che dal punto di vista di Bergmann non può che essere inteso come il linguaggio ideale di Quine.

13L’unico articolo in cui Quine affronti esplicitamente le osservazioni di Bergmann è Quine 1951, che risponde a Bergmann 1950, in cui Bergmann aveva accennato alla propria concezione dell’impegno ontologico (O1) come alternativa rispetto a quella di Quine (O2). L’articolo di Quine è molto garbato, così come in genere sono garbate nella forma le critiche che Bergmann gli rivolge negli scritti a stampa. La difesa da parte di Quine della propria concezione è basata sulla considerazione che la presenza di costanti predicative in un linguaggio non porta con sé impegni ontologici di sorta. Questa affermazione sembra essere fondata, in ultima analisi, sul fatto che i predicati, contrariamente ai nomi, non si riferiscono a nulla. Questo è un punto cruciale, in quanto si tratta dell’argomento che Quine riprenderà più diffusamente in Quine 1953a e su cui si concentrerà l’attenzione.

  • 8 Cfr. per esempio Bergmann 1967: 14-15.

14Prima di passare all’esame di questo argomento, però, ci si può forse dilungare un poco e concludere la breve narrazione storica dei rapporti tra Quine e Bergmann. È infatti interessante notare come in Quine 1951 Quine si sforzi di “trovare un posto” alla concezione dell’ontologia propria di Bergmann, a cui viene assegnata l’etichetta di “ideologia”, mentre quella di “ontologia” viene riservata per la concezione quiniana. Secondo Quine la presenza di predicati in un linguaggio non è né sufficiente né necessaria a far sì che quel linguaggio sia ontologicamente impegnato rispetto agli universali. Il fatto che non sia sufficiente viene dato per scontato, ma presumibilmente Quine ha in mente casi come “cavallo” o, peggio, “unicorno”. Il punto è, però, che per Bergmann non c’è nessuna ragione di ritenere che nel linguaggio ideale “cavallo” e “unicorno” siano predicati descrittivi non definiti, dal momento che possono essere definiti facilmente – almeno in linea di principio – sulla base di altri predicati semplici. Il fatto, poi, che la presenza di predicati non sia necessaria a un impegno ontologico rispetto agli universali viene illustrato da Quine con l’esempio di teorie che implicano l’esistenza di una pluralità non numerabile di classi, mentre i predicati disponibili sono necessariamente numerabili. L’esempio non sembra particolarmente ben scelto in relazione alle concezioni di Bergmann, in base alle quali, infatti, alle classi non ci si riferisce per mezzo di predicati non definiti. Le classi sono infatti per Bergmann un esempio tipico di universali derivati, ai quali ci si riferisce con predicati definiti. Non è qui il luogo per esaminare la complicata concezione bergmanniana delle classi8, non esente da difficoltà, ma quanto detto è sufficiente per mostrare che rispetto a esse non sorgono questioni di impegno ontologico, per lo meno non nella forma incarnata dal principio O1.

15Quali che siano le possibili risposte di Bergmann alle obiezioni di Quine, quest’ultimo ritiene che l’ontologia propriamente detta debba occuparsi solo delle entità che ricadono nell’ambito delle variabili quantificate, ma che ci sia spazio per un’altra disciplina, l’ideologia, che si dovrebbe occupare esattamente di ciò che costituisce l’oggetto dell’ontologia di Bergmann:

  • 9 Quine 1951: 14.

Data una teoria, un aspetto filosoficamente interessante di essa che possiamo indagare è la sua ontologia: su quali entità devono spaziare le variabili quantificate perché la teoria sia vera? Un altro aspetto non meno importante che possiamo indagare è la sua ideologia […]: quali idee possono essere espresse in essa? […] Lo spirito della proposta di Bergmann […], per come lo vedo io, è questo: in uno sforzo di non omettere importanti questioni di ideologia, egli deforma l’ontologia per includerle. È più opportuno, ritengo, riconoscere nell’ontologia e nell’ideologia due campi di indagine distinti9.

16Per quanto riguarda più specificamente gli oggetti delle due discipline:

  • 10 Ibidem.

L’ontologia di una teoria non sta in una corrispondenza semplice con la sua ideologia. L’ontologia della teoria usuale dei numeri reali è non numerabile, ma l’ideologia – l’ambito delle diverse idee in essa esprimibili – è numerabile. L’ideologia della teoria dei numeri reali comprende idee individuali solamente di una porzione numerabile dei non numerabili numeri reali. D’altra parte l’ideologia comprende anche molte idee quali somma, razionalità, algebricità, e simili, che non necessariamente hanno un correlato ontologico nell’ambito delle variabili di quantificazione della teoria10.

17Forse la concessione di Quine è in parte dettata da ragioni diplomatiche e di cortesia, ma sembra cogliere abbastanza bene il senso della proposta di Bergmann. Se si prescinde da quella che Bergmann considera una non giustificata e soprattutto non esplicitamente riconosciuta adesione preliminare al nominalismo, l’ideologia di Quine corrisponde in modo sostanzialmente fedele alla concezione che dell’ontologia ha Bergmann. E questa fedeltà è riconosciuta dallo stesso Bergmann (che dissente però sulle scelte terminologiche di Quine) in una lettera a Wilfrid Sellars, che gli aveva domandato se intendesse rispondere all’articolo di Quine:

  • 11 Bergmann 1951b.

Non ci sarà risposta. Per quanto riguarda le ragioni esterne, l’articolo di Quine è molto piacevole nella forma, dimostra apprezzamento ed è molto onesto nella rappresentazione delle mie posizioni. Per quanto riguarda il cuore della faccenda, non mi sembra che ci sia molto da dire. Personalmente, non penso che sia opportuno riservare “ontologia” per certi studi formali molto interessanti e chiamare “ideologia” ciò che tradizionalmente è stato chiamato con l’altro nome. Ma non si deve litigare su una parola. Per il resto, molta della forma dell’argomento di Quine è affetta dal suo “nominalismo”11.

3. L’argomento di Quine

18Si è accennato a come per Quine, contrariamente a quanto avviene in Bergmann, i predicati non si riferiscano a nulla. Bergmann ritiene che questa tesi semantica sia determinata da una preventiva scelta nominalistica in campo ontologico, e in questo sembra consistere il nominalismo pregiudiziale che affliggerebbe l’argomento di Quine secondo l’ultimo passo citato. Si esaminerà ora più nel dettaglio l’argomento quiniano la cui analisi è l’obiettivo finale di questo articolo, e per fare ciò si deve tornare ai due criteri dell’impegno ontologico, O1 (Bergmann) e O2 (Quine). La scelta di un criterio piuttosto che dell’altro non comporta, di per sé, una presa di posizione nominalistica o realistica. Tutto dipende, nel caso di Quine, da quali sono le variabili soggette a quantificazione e quali le entità ammesse nel loro ambito, o, nel caso di Bergmann, da quali sono i segni descrittivi non definiti e quali entità vengono loro assegnate come riferimento.

19Si prenda in considerazione un normale linguaggio del primo ordine (L1), in cui siano presenti costanti e variabili individuali, nonché costanti predicative, e in cui sia permessa la quantificazione sulle variabili individuali. Si assuma anche che le costanti individuali abbiano come riferimento dei particolari (nella versione bergmanniana) o che le variabili quantificate spazino su particolari (nella versione quiniana). Dati questo linguaggio e questa interpretazione, i due criteri di impegno ontologico forniscono risultati diversi. Per Bergmann un enunciato come “Pa”, formulato in L1, impegna all’esistenza (nel senso ontologico del termine) di a (un particolare) e di P (un universale). Più in generale si può dire che l’enunciato in questione, o il linguaggio in cui esso è formulato, impegnano all’esistenza di particolari e di universali. Se poi il linguaggio è quello ideale, si può dire che esistono particolari e universali.

20Per Quine le uniche variabili soggette a quantificazione in L1 sono quelle individuali, e quindi un enunciato come “x (Px)” impegna solo all’esistenza di particolari, e così il linguaggio nel suo complesso. Per Bergmann la quantificazione e la presenza di variabili vincolate non hanno nessuna rilevanza ontologica. Un linguaggio L2 in cui fossero presenti costanti individuali e predicative ma che mancasse dell’apparato della quantificazione (quantificatori e variabili) comporterebbe per Bergmann esattamente gli stessi impegni ontologici di L1; né l’eventuale quantificazione su variabili predicative aggiungerebbe nulla da questo punto di vista.

  • 12 Molti sono i luoghi in cui Bergmann discute del principio di acquaintance; per alcune indicazioni g (...)

21Quine ritiene invece che per avere un impegno ontologico nei confronti di universali sarebbe necessaria la presenza di variabili predicative vincolate. E ciò vale, mutatis mutandis, anche per il caso dei particolari: un nome proprio (che nel linguaggio di Bergmann corrisponde approssimativamente a una costante descrittiva individuale non definita) non comporta di per sé un impegno ontologico, in quanto potrebbe mancare di riferimento: un nome come “Pegaso”, infatti, non si riferisce ad alcunché, non nomina nulla. Si deve osservare che per Bergmann una costante descrittiva non definita (individuale o predicativa che sia) che non nomini, cioè che sia priva di riferimento, non è possibile, in quanto l’esistenza del riferimento è garantita dal principio di acquaintance, il cui ruolo nella filosofia di Bergmann sarebbe troppo complicato esaminare qui12. Il rapporto dell’acquaintance con le costanti del linguaggio ideale bergmanniano è comunque analogo a quello che essa ha, in Russell, con i nomi logicamente propri. Naturalmente nel linguaggio ideale di Bergmann “Pegaso” non potrebbe in nessun modo essere considerato una costante descrittiva non definita.

  • 13 Per la formulazione originaria di questa tesi quiniana cfr. Quine 1948: 7-8 (tr. it. 20-21). Sulla (...)

22In ogni caso Quine non si limita a ritenere che i nomi propri (costanti) non siano una buona guida agli impegni ontologici di un linguaggio, ma pensa che delle costanti si possa addirittura fare a meno. Per quanto riguarda i nomi propri, essi possono essere eliminati grazie al meccanismo delle descrizioni definite di Russell, un meccanismo che è applicato anche ai nomi per i quali a prima vista è difficile trovare una descrizione definita confacente, facendo ricorso a descrizioni come “la cosa che pegasizza”13.

  • 14 Cfr. Quine 1953a: 108-109 (tr. it. 135-137).

23Quale che sia comunque la posizione di Quine riguardo ai nomi propri, certamente in un linguaggio del primo ordine come L1 non ci sono variabili predicative (vincolate), e ciò esclude naturalmente che tale linguaggio comporti impegni ontologici di tipo quiniano nei confronti di universali. La questione sembrerebbe dunque, da un certo punto di vista, potersi chiudere qui, con il riconoscimento della differenza tra i criteri O1 e O2, e di conseguenza tra le posizioni ontologiche di Bergmann e di Quine. Ma in realtà Quine si affatica non poco (soprattutto in Quine 1953a, che vi dedica un’intera sezione, ma l’argomento è presente in molti scritti di Quine, compreso Quine 1951) a cercare di dimostrare che in L1 non sono presenti variabili predicative, il che da un punto di vista bergmanniano appare ovvio, dal momento che i segni predicativi che vi occorrono sono costanti, non variabili predicative. Il carattere apparentemente superfluo di questa dimostrazione può far sorgere qualche sospetto sugli scopi reali di Quine. Per rimarcare che i segni come “P” non sono variabili (predicative), Quine attribuisce loro la natura di lettere schematiche. Si esamini l’espressione “Px”. In essa il segno “x” è secondo Quine un’autentica variabile, in quanto può essere vincolata da un quantificatore per ottenere un enunciato come “x (Px)”. A rigore questo non è veramente un enunciato, a causa della presenza di “P”, che è una lettera schematica. Per il momento si può tuttavia soprassedere sull’imprecisione perché ciò che interessa è notare la differenza tra “x” e “P” rispetto alla quantificazione: “P” non può essere vincolata da un quantificatore, e perciò non è una variabile, ma piuttosto una lettera schematica predicativa, sullo stesso piano di altre lettere schematiche (enunciative) come “p” in “p ¬ p”. Variabili e lettere schematiche si assomigliano. Entrambe infatti stanno al posto di qualcos’altro; nell’espressione aritmetica “x + 2 > 5” la variabile “x” sta al posto di un numerale (nome di un numero), così come in “p ¬ p” la lettera schematica “p” sta al posto di un enunciato. Sembra però che variabili e lettere schematiche stiano al posto di qualcos’altro in modo sottilmente diverso, o per lo meno che le conseguenze del loro stare al posto di qualcos’altro siano diverse. Infatti – osserva Quine –, “x”, che è vincolabile, possiede dei valori, i numeri stessi, che costituiscono il suo ambito di quantificazione, mentre di “p” o di “P” non si può dire che possiedano valori. Ciò dipenderebbe dal fatto che mentre i numerali sono nomi, che hanno riferimenti (i numeri), ciò non vale per enunciati e predicati14, un punto su cui si tornerà tra breve. Nel caso specifico delle lettere schematiche predicative, Quine ritiene che una lettera schematica come “P” stia al posto di un predicato, così che lo schema, o pseudoenunciato, “x (Px)” diventa un autentico enunciato quando alla lettera schematica “P” è sostituito uno dei predicati per cui essa può stare, per esempio “è rosso”. Scambiare una lettera schematica predicativa per una variabile autentica costituisce per Quine un pericolo da un punto di vista ontologico, in quanto variabili predicative (vincolabili) porterebbero con sé un impegno ontologico rispetto agli universali. Dal punto di vista di Bergmann, il predicato “è rosso” costituisce naturalmente una costante predicativa descrittiva, ma allo stesso modo si sarebbe potuta considerare tale anche “P”. Di conseguenza dal suo punto di vista tutta la discussione sulle lettere schematiche appare superflua, dal momento che non ci sarebbe nessun bisogno di dimostrare che “P” – che è una costante – non è una variabile.

4. Circolarità

24Le ragioni per cui Quine non vuole riconoscere a “P” la qualifica di variabile sono state esaminate. Meno immediatamente chiare appaiono le ragioni per cui non vuole riconoscerle la qualifica di costante e introduce la laboriosa digressione sulle lettere schematiche. Sembra di capire che se “P” venisse considerata come una costante, allora ci sarebbe il rischio di considerarla come un nome, ovvero un’espressione linguistica che nomina e che ha o può avere un riferimento (questa è d’altra parte la posizione di Bergmann). È vero che per Quine anche quelli che considera nomi veri e propri (termini singolari) possono mancare di riferimento, come nel caso di “Pegaso”, e questa è appunto la ragione per cui il peso dell’impegno ontologico è trasferito sulle variabili vincolate. Ma se la storia finisse qui, non ci sarebbe bisogno di insistere tanto sul carattere di lettera schematica di “P”: sarebbe sufficiente dire che “P”, in quanto costante e dunque non quantificabile, non porta con sé impegni ontologici. In un certo senso, dunque, l’insistenza sul fatto che “P” è una lettera schematica non serve solo a escludere che si possa trattare di una variabile, ma anche – surrettiziamente – a escludere che si possa trattare di una costante (e si scopre così un fine nascosto nell’argomentazione di Quine).

25Il punto è che Quine sembra suggerire – sebbene la questione non venga mai affrontata in modo del tutto esplicito – che la ragione per cui “x” è quantificabile e ha valori (e dunque comporta impegni ontologici), mentre “P” non ha valori e non comporta impegni ontologici, è che “x” sta per nomi, che possono avere riferimenti, sebbene la cosa non sia assicurata, come dimostra il caso di “Pegaso”, mentre “P” sta per predicati, che non possono in ogni caso avere riferimenti. Si può osservare che, in mancanza di ulteriori argomenti, se questa non deve essere una semplice stipulazione sull’uso del termine “riferimento”, il che non sarebbe poi così interessante, allora sembra semplicemente il riflesso di una preventiva opzione nominalistica in campo ontologico: i nomi si riferiscono a particolari, i predicati non si riferiscono a nulla perché gli universali (i loro presunti riferimenti) in realtà non esistono. In questa prospettiva si può allora comprendere il senso del discorso sulle lettere schematiche. Considerare “P” come una costante la farebbe sembrare troppo simile alle costanti individuali; ci sarebbe insomma il rischio di considerarla un nome, che può avere riferimenti. Ciò non comporterebbe di per sé impegni ontologici nei confronti degli universali, ma la piena analogia tra termini singolari e predicati (entrambi costanti e dunque entrambi nomi) rischierebbe di lasciare ingiustificato il rifiuto di ammettere, accanto alle variabili individuali, anche quelle predicative. Tutta la faccenda incomincerebbe così a prendere pericolosamente la via del riconoscimento di un impegno ontologico verso gli universali.

  • 15 Ma cfr. anche Bergmann 1958.
  • 16 Cfr. soprattutto Frege 1891. Sulla nozione di saturazione cfr. Simons 1981.

26A quanto sembra, a Quine la situazione appare evidentemente diversa quando si abbia a che fare, anziché con “P”, con “è rosso”, che chiaramente – secondo Quine – non è un nome e perciò non pretende di avere un riferimento. Il discorso sulle lettere schematiche serve dunque a far slittare la discussione da “P” a “è rosso”. Per Bergmann il predicato “è rosso” non si discosta molto da “P” per quanto riguarda il suo status di nome, sebbene la prima espressione rischi di essere fuorviante. Quine si lascerebbe dunque fuorviare da questa variante notazionale, o forse se ne servirebbe proprio alla scopo di fuorviare. In Bergmann 195615 viene affrontata la questione dell’utilità della nozione di funzione proposizionale, ovvero un’espressione come “Px” o “x è rosso”. I predicati di cui parla Quine sono chiaramente analoghi a tali funzioni proposizionali: è sufficiente aggiungere a “è rosso” uno spazio vuoto (“… è rosso”) o riempirlo con una variabile (‘x è rosso’) e si ottiene esattamente il genere di espressione di cui parla Bergmann nel suo articolo. D’altra parte la ragione per cui autori come Quine preferiscono usare “è rosso” piuttosto che “rosso” sono le stesse che inducono a usare “… è rosso”, “x è rosso”, “Px”, “P( )”, anziché semplicemente “rosso” o “P”. Con l’aggiunta della copula, dei puntini, degli spazi bianchi o delle variabili si vuole sottolineare, seguendo una tradizione che risale a Frege16, l’incompletezza, il carattere insaturo dei predicati rispetto alla completezza o carattere saturo dei termini singolari: le funzioni proposizionali presentano dei “vuoti” che devono essere riempiti, i termini singolari non li presentano. Il punto è che secondo Bergmann è del tutto improprio sottolineare l’incompletezza o il carattere insaturo dei predicati rispetto ai termini singolari. Una delle idee implicite nella metafora dell’incompletezza è quella secondo cui i predicati (e ciò per cui si suppone che essi stiano, cioè gli universali) non possiedano quella indipendenza che sarebbe invece caratteristica dei termini singolari (e di ciò per cui si suppone che essi stiano, cioè i particolari). In altre parole, mentre un termine singolare avrebbe un significato anche in isolamento, questo non sarebbe vero di un predicato, e la notazione delle funzioni proposizionali aiuterebbe a porre in evidenza tutto ciò. Bergmann ritiene invece che termini singolari e predicati (costanti individuali e costanti predicative) siano esattamente sullo stesso piano per quanto riguarda dipendenza o indipendenza, completezza o incompletezza: né un termine singolare, né un predicato, da soli, possono costituire un enunciato, e si trovano rispetto a questa circostanza in posizioni del tutto simmetriche. Queste considerazioni che riguardano il piano linguistico trovano una corrispondenza su quello ontologico: se, come ritiene la linea di pensiero avversata da Bergmann, i termini singolari sono completi e indipendenti e i predicati non lo sono, ciò dovrà riflettere una differenza tra particolari e universali.

27Ci si potrebbe a questo proposito riallacciare alla tradizione aristotelica, secondo cui ciò che esiste primariamente è la sostanza, in quanto è in grado di esistere da sola. I particolari, completi e indipendenti, esistono nel senso pieno del termine, mentre gli universali esistono solo in un senso indebolito o non esistono per niente. Questo è secondo Bergmann uno dei tanti filoni di pensiero che storicamente hanno contribuito alla formazione di ontologie di tipo nominalistico. Un nominalista che ragioni secondo queste linee sarebbe del tutto giustificato nel preferire le funzioni proposizionali ai predicati, in quanto rifletterebbero in modo più fedele, al livello linguistico, le strutture ontologiche sottostanti. In altre parole, una posizione ontologica di tipo nominalistico conduce naturalmente a privilegiare la notazione delle funzioni proposizionali rispetto a quella dei predicati, in quanto permette di mettere in evidenza le profonde differenze tra particolari (che esistono e sono nominati dai termini singolari) e universali (che non esistono o esistono in forma attenuata e non sono nominati dalle funzioni proposizionali); anzi, in qualche misura, è il nominalismo in ontologia che giustifica la notazione delle funzioni proposizionali. Ciò che appare a Bergmann del tutto scorretto è invece utilizzare la notazione delle funzioni proposizionali come argomento a favore di un’ontologia nominalista. Si immagini un ontologo di simpatie nominalistiche che voglia sostenere la tesi

(i) esistono solo i particolari

 

e che accetti la tesi

(ii) un’entità può essere nominata (essere il riferimento di un nome) se e solo se esiste.

28È evidente che dalla tesi (ii) in congiunzione con la tesi

(iii) un’entità può essere nominata (essere il riferimento di un nome) se e solo se è un particolare

  • 17 Per citare solo alcuni testi classici, cfr. Ramsey 1925, Geach 1962, Strawson 1974.

deriva la tesi (i), ovvero la vera e propria tesi nominalista. La notazione delle funzioni proposizionali, sottolineando la distanza tra le funzioni proposizionali stesse e i nomi veri e propri (termini singolari), che ovviamente nominano, suggerisce che le funzioni proposizionali – al contrario – non nominano. E poiché i riferimenti presunti dei termini singolari sono ovviamente i particolari e quelli delle funzioni proposizionali gli universali, si ricaverebbe che solo i particolari possono essere nominati – tesi (iii) –, e da qui, come si è visto, si giungerebbe facilmente alla tesi (i), cioè al nominalismo. Il punto è che per Bergmann non c’è nessuna buona ragione, indipendentemente da una preventiva adesione al nominalismo, per preferire la notazione delle funzioni proposizionali rispetto a quella dei predicati, e quindi per sostenere la tesi (iii). Ovviamente ci possono essere altre ragioni e altri argomenti per sostenere la tesi (iii) o, più in generale, l’idea che termini singolari e predicati si comportino in modi assai differenti da un punto di vista semantico. Esiste naturalmente una letteratura in proposito, con argomenti pro o contro la tesi in questione17. Il punto è, però, che Quine non fa riferimento a tali argomenti supplementari. Riprendendo il chiarimento iniziale relativo al titolo di questo articolo, e precisando ulteriormente quale sia l’obiettivo, non si cerca qui di dimostrare che non ci possono essere buoni argomenti per sostenere che ci sia una profonda differenza tra il comportamento semantico dei termini singolari e quello dei predicati, né che questa eventuale differenza non possa essere utilizzata a sostegno di un’ontologia nominalistica. Si intende invece mostrare che Quine ricorre alla tesi semantica per giungere alle conclusioni ontologiche, ma che la tesi semantica stessa viene da lui giustificata (in modo implicito e piuttosto contorto) solo sulla base delle concezioni ontologiche che dovrebbe fondare, avviluppandosi così in un circolo.

29Il ragionamento di Quine a proposito delle lettere schematiche sembra infatti servirsi esattamente della strategia argomentativa criticata da Bergmann. Nell’espressione “x (Px)”, o ancor più in “Pa”, il segno “P” è troppo simile a un nome per poter dichiarare che esso ovviamente non nomina. Ci si sbarazza dunque di “P”, sostenendo che si tratta di una lettera schematica, che sta al posto di espressioni come “è rosso” (o “x è rosso”, o “… è rosso” ecc.). A questo punto si è di fronte a quella che nel suo articolo Bergmann chiama funzione proposizionale, che è stata progettata, per così dire, proprio allo scopo di esaltare le differenze rispetto ai nomi. Quine può quindi affermare con una certa apparente plausibilità che “è rosso” ovviamente non nomina nulla, e quindi non porta con sé nessun impegno ontologico, neanche quello (solo potenziale) di un nome proprio, e naturalmente tanto meno quello di una variabile vincolata. Ma – sostiene Bergmann – l’unica buona ragione per ritenere che “è rosso” (o meglio, “P”) non abbia un riferimento è una preventiva adesione al nominalismo, e questa sarebbe anche l’unica ragione di Quine addotta, che però la dissimula nei meandri di un argomento che costituisce in realtà una sorta di grande petitio principii.

  • 18 Per alcune osservazioni, condotte in un quadro filosofico di tipo bergmanniano, sulla mescolanza di (...)

30In conclusione, possono essere utili alcune osservazioni riguardo a un’ovvia differenza, cui si è già accennato, tra le posizioni di Bergmann e quelle di Quine. Tutto il discorso di Bergmann è condotto all’interno di una concezione metafilosofica basata sul metodo del linguaggio ideale. Quine non accetta questo quadro di riferimento, ma – anzi – ne propone uno radicalmente alternativo. In particolare, il linguaggio di Quine non può essere considerato un linguaggio ideale nel senso bergmanniano18, e in questa prospettiva non si può presupporre, contrariamente a quanto avviene in Bergmann, che il riferimento delle costanti sia garantito dal principio di acquaintance. Questa è naturalmente una delle ragioni che inducono Quine a negare la rilevanza ontologica, di per sé, dei nomi propri (costanti). Più in generale, si potrebbe spiegare in questo modo la scarsa importanza della nozione di costante (intesa à la Bergmann) nella concezione di Quine, e quindi anche la “scomparsa” – per così dire – delle costanti predicative. La caratterizzazione di “P” come lettera schematica troverebbe dunque, all’interno di questo quadro, una spiegazione alternativa rispetto a quella qui proposta. Questa spiegazione alternativa non può costituire però una difesa contro l’accusa di circolarità del ragionamento quiniano, che non riguarda la scelta di far ricadere l’impegno ontologico sulle variabili piuttosto che sulle costanti, ma piuttosto la diversità di trattamento tra il caso dei termini singolari e quello dei predicati.

Torna su

Bibliografia

Armstrong, D.M.

– 1997, A World of States of Affairs, Cambridge, Cambridge University Press

Bergmann, G.

– 1950, A Note on Ontology, “Philosophical Studies”, I: 89-92; ora in G. Bergmann, The Metaphysics of Logical Positivism, Madison, University of Wisconsin Press, 19672: 238-242

– 1951a, Comments on Professor Hempel’s “The Concept of Cognitive Significance”, “Proceedings of the American Academy of Arts and Sciences”, XVIII: 78-86; ora in G. Bergmann, The Metaphysics of Logical Positivism, Madison, University of Wisconsin Press, 19672: 255-267

– 1951b, Lettera di Gustav Bergmann a Wilfrid Sellars del 23-1-1951, Papers of Gustav Bergmann, Special Collections Department, University of Iowa Libraries, Iowa City, IX A 1 - 25/1

– 1954a, The Metaphysics of Logical Positivism, New York, Longmans, Green & Co.; Madison, University of Wisconsin Press, 19672

– 1954b, Particularity and the New Nominalism, “Methodos”, VI: 131-147; ora in G. Bergmann, Meaning and Existence, Madison, University of Wisconsin Press, 1959: 91-105

– 1956, Propositional Functions, “Analysis”, XVII: 43-48

– 1958, Frege’s Hidden Nominalism, “Philosophical Review”, LXVII: 437-459; ora in G. Bergmann, Meaning and Existence, Madison, University of Wisconsin Press, 19592: 205-224

– 1967, Realism. A Critique of Brentano and Meinong, Madison, University of Wisconsin Press

Dilman, İ.

– 1984, Quine on Ontology, Necessity, and Experience. A Philosophical Critique, Albany, Suny Press

Feibleman, J.K.

– 1974, Professor Quine and Real Classes, “Notre Dame Journal of Formal Logic”, XV: 207-223

Frege, G.

– 1891, Funktion und Begriff, Jena, H. Pohle; ora in G. Frege, Kleine Schriften, a c. di I. Angelelli, Darmstadt, Olms, 19902: 125-142; Funzione e concetto, tr. it. di E. Picardi, in G. Frege, Senso, funzione, concetto. Scritti filosofici 1891-1897, a c. di C. Penco e E. Picardi, Bari-Roma, Laterza, 2001: 3-27

Geach, P.T.

– 1962, Reference and Generality. An Examination of Some Medieval and Modern Theories, Ithaca, Cornell University Press, 19803

Goodman, N. e Quine, W.V.O.

– 1947, Steps toward a Constructive Nominalism, “Journal of Symbolic Logic”, XII: 97-122; ora in N. Goodman, Problems and Projects, Indianapolis - New York, Bobbs Merrill, 1972: 173-198; Verso un nominalismo costruttivo, tr. it. in C. Cellucci (a c. di), La filosofia della matematica, Bari-Roma, Laterza, 1967: 269-298

Hochberg, H.

– 1957, Professor Quine, Pegasus, and Dr. Cartwright, “Philosophy of Science”, XXIV: 191-203; ora in H. Hochberg, Logic, Ontology, and Language. Essays on Truth and Reality, München, Philosophia, 1984: 86-100

Quine, W.V.O.

– 1948, On What There Is, “Review of Metaphysics”, II: 21-38; ora in W.V.O. Quine, From a Logical Point of View. Nine Logico-Mathematical Essays, Cambridge (Mass.), Harvard University Press, 1953: 1-19; Che cosa c’è, tr. it. di P. Valore, in W.V.O. Quine, Da un punto di vista logico. Saggi logico-filosofici, Milano, Cortina, 2004: 13-33

– 1951, Ontology and Ideology, “Philosophical Studies”, II: 11-15; ora in H. Feigl, W. Sellars e K. Lehrer (a c. di), New Readings in Philosophical Analysis, New York, Appleton-Century-Croft, 1972: 558-561

– 1953a, Logic and the Reification of Universals, ora in W.V.O. Quine, From a Logical Point of View. Nine Logico-Mathematical Essays, Cambridge (Mass.), Harvard University Press, 1953: 102-129; La logica e la reificazione degli universali, tr. it. di P. Valore, in W.V.O. Quine, Da un punto di vista logico. Saggi logico-filosofici, Milano, Cortina, 2004: 129-160

– 1953b, Meaning and Existential Inference, ora in W.V.O. Quine, From a Logical Point of View, Cambridge (Mass.), Harvard University Press: 160-167; Significato e inferenza esistenziale, tr. it. di P. Valore, in W.V.O. Quine, Da un punto di vista logico. Saggi logico-filosofici, Milano, Cortina, 2004: 195-203

– 1960, Word and Object, Cambridge (Mass.), Harvard University Press; Parola e oggetto, tr. it. di F. Mondadori, Milano, il Saggiatore, 1970

Ramsey, F.P.

– 1925, Universals, “Mind”, n.s., XXXIV: 401-417; ora in F.P. Ramsey, Foundations. Essays in Philosophy, Logic, Mathematics and Economics, a c. di D.H. Mellor, London, Routledge & Kegan, 1976: 17-39

Simons, P.

– 1981, Unsaturatedness, “Grazer philosophische Studien”, XIV: 73-95

Strawson, P.F.

– 1974, Subject and Predicate in Logic and Grammar, London, Methuen

Torna su

Note

1 Eccetto che nella fase rappresentata da Goodman e Quine 1947.

2 Cfr. per esempio Quine 1960: 269-270 (tr. it. 329-330).

3 L’“uso di Harvard”, come lo chiama David Armstrong (cfr. Armstrong 1997: 120), alludendo alla comune provenienza accademica di Quine e Goodman.

4 Cfr. Feibleman 1974.

5 Si farà riferimento soprattutto, come si è già detto, a Bergmann 1950 e a Bergmann 1954b.

6 Sono molto numerosi gli scritti in cui Bergmann presenta la propria concezione del “metodo del linguaggio ideale”. Per la formulazione originaria di tale metodo cfr. gli articoli raccolti in Bergmann 1954a.

7 Una critica sorprendentemente simile a quella di Bergmann, per quanto proveniente da una posizione ispirata al secondo Wittgenstein, e dunque assai lontana da Bergmann, si può trovare in Dilman 1984, capp. I e II.

8 Cfr. per esempio Bergmann 1967: 14-15.

9 Quine 1951: 14.

10 Ibidem.

11 Bergmann 1951b.

12 Molti sono i luoghi in cui Bergmann discute del principio di acquaintance; per alcune indicazioni generali cfr. Bergmann 1951a: 264-267.

13 Per la formulazione originaria di questa tesi quiniana cfr. Quine 1948: 7-8 (tr. it. 20-21). Sulla medesima questione cfr. anche le osservazioni in Quine 1953b: 167 (tr. it. 203).

14 Cfr. Quine 1953a: 108-109 (tr. it. 135-137).

15 Ma cfr. anche Bergmann 1958.

16 Cfr. soprattutto Frege 1891. Sulla nozione di saturazione cfr. Simons 1981.

17 Per citare solo alcuni testi classici, cfr. Ramsey 1925, Geach 1962, Strawson 1974.

18 Per alcune osservazioni, condotte in un quadro filosofico di tipo bergmanniano, sulla mescolanza di linguaggio ideale e linguaggio ordinario nelle riflessioni di Quine intorno alla nozione di impegno ontologico cfr. Hochberg 1957.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Guido Bonino, « Il nominalismo di Quine: un argomento circolare », Rivista di estetica, 39 | 2008, 73-87.

Notizia bibliografica digitale

Guido Bonino, « Il nominalismo di Quine: un argomento circolare », Rivista di estetica [Online], 39 | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 23 novembre 2017. URL : http://estetica.revues.org/2025 ; DOI : 10.4000/estetica.2025

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org