Navigazione – Mappa del sito
documentalità

Possedere denaro senza possedere neppure una moneta. L’ontologia del denaro e la metafisica della moneta

Maria Grazia Turri
p. 195-237

Testo integrale

1. Preambolo

1In qualsiasi conversazione a tavola se provo a chiedere ai commensali se c’è una differenza tra moneta e denaro, dopo una prima perplessità e una certa sorpresa per la domanda, quasi tutti dicono sì, ma poi trovano difficile spiegare in che cosa si distinguano. Un dato però è certo: tutti pensano che una qualche diversità vi sia.

2Un secondo quesito potrebbe essere invece posto a chi come me ha intrapreso un’indagine per comprendere le caratteristiche e la natura di tale differenziazione: perché è importante conoscere questa distinzione?

3L’interrogativo è più che legittimo poiché la dissomiglianza tra moneta e denaro è tutt’altro che secondaria e l’uso sinonimico dei due termini ha condotto a specifiche interpretazioni di eventi sociali e a fallimentari proposte di politica economica, anche se indubbiamente i due vocaboli hanno un legame, ma non si identificano in quanto a natura. Le loro diverse sostanze richiedono, di conseguenza, un distinto trattamento teorico-pratico.

  • 1 De Soto 2000.
  • 2 Il piano, che ha preso avvio immediatamente dopo l’insediamento di Inacio Lula da Silva come presid (...)

4Un esempio, tra i tanti, che evidenzia la necessità di una chiarificazione concettuale dei termini moneta e denaro è rappresentato dalle politiche della Banca Mondiale nei confronti dei paesi in via di sviluppo sostenute per alcuni anni sulla base delle tesi formulate da Hernando De Soto ne Il mistero del capitale1 e attuate in forma fallimentare dal governo Lula in Brasile2. Tali proposte di politica economica e finanziaria, che intendono essere una ricetta per risolvere le disparità economico-sociali delle nazioni povere, si basavano sull’ambiguità terminologica e contenutistica tra capitale, denaro e moneta, vocaboli cardine del testo di De Soto.

5Questo economista dichiara esplicitamente di voler dimostrare che il principale ostacolo all’estensione dei i benefici del capitalismo al “resto del mondo” è l’incapacità di un vasto numero di paesi di produrre capitale.

6Nel testo di De Soto si ritrovano almeno tre definizioni esplicite di capitale – simbolo, potenza, risparmio –, che egli stesso vorrebbe ricondurre a un unicum. Il risparmio inoltre viene definito ricchezza e ciò consente a De Soto di sottolineare il valore immenso costituito dai risparmi delle popolazioni povere dei paesi asiatici, africani, latino americani e mediorientali, i cui alti volumi potrebbero, in questa prospettiva, rappresentare il presupposto che consente lo sviluppo del capitale. Ma se il risparmio viene ne Il Mistero del Capitale definito ricchezza, se ne deve dedurre che il capitale per De Soto è diverso dalla ricchezza, perché i poveri sono sì in grado di risparmiare, ma non di produrre capitale, e tuttavia il risparmio per l’economista peruviano è al contempo una delle definizioni di capitale. Di qui emerge una contraddizione terminologica e contenutistica.

  • 3 La dimensione analitica del credito e della finanza è totalmente assente nell’elaborazione di De So (...)

7A ciò si aggiunge che per De Soto la connessione tra capitale e sistema monetario moderno3 funziona attraverso la proprietà, ovvero perché si possa creare moneta deve esistere un diritto di proprietà; ma, tesi questa, che egli attribuisce impropriamente a Joseph Schumpeter. Il capitale dunque non è creato dalla moneta. Il considerevole aumento del capitale nei paesi occidentali nel corso degli ultimi due secoli è la conseguenza, per il nostro economista, di sistemi proprietari sempre più efficienti, che consentono agli agenti economici di scoprire e realizzare il potenziale delle loro attività, così da essere in grado di produrre la moneta – non inflazionistica – con cui finanziare e generare produzione addizionale. Non è difficile vedere come nell’intera proposta economica di De Soto non vengano mai chiariti i possibili nessi tra le varie categorie economiche usate: risparmio, capitale, ricchezza, denaro e moneta.

8Un secondo esempio possibile delle magagne causate dal mancato chiarimento terminologico e contenutistico in oggetto è rivelato dai tentativi di applicazione della teoria quantitativa della moneta nelle sue diverse versioni, da Irving Fisher a Milton Friedman. Come è noto, secondo questa dottrina la domanda di moneta deve essere valutata alla stessa stregua della domanda di un qualsiasi bene. Tale teoria ha inizialmente utilizzato una fraseologia secondo cui sono le banche che “prestano” i propri depositi o il “denaro degli altri”, per poi sostenere che gli istituti che presiedono il credito “creano” depositi o biglietti di banca e nessuno dei suoi sostenitori ha mai chiarito il passaggio da denaro a moneta. Il mondo occidentale ha conosciuto tutti gli effetti negativi prodotti da tale teoria con le crisi finanziarie degli anni Novanta, frutto di diagnosi, prescrizioni e prognosi errate. Ulteriore dimostrazione della infondatezza dei presupposti della teoria quantitativa della moneta è data dal fatto che la liberalizzazione dei mercati finanziari non solo genera instabilità ma neppure è necessariamente foriera di crescita, tant’è che Cina e India sono state, nella stessa misura, le economie a più rapido tasso di crescita nell’ultimo decennio senza che i mercati finanziari di queste due nazioni subissero la benché minima forma di liberalizzazione, e anzi in Cina la crescita è avvenuta in presenza di un sistema monetario fortemente regolamentato.

  • 4 Searle 1995. Nel testo inglese di Searle si utilizza la parola money, e in quello italiano la tradu (...)

9In ambito filosofico la mancata comprensione della diversa e specifica natura di moneta e denaro è rivelatrice anch’essa di ambiguità concettuali, con significative conseguenze per la teoria degli oggetti sociali, dato che, ad esempio, l’intera elaborazione di John Searle sugli oggetti sociali parte e si fonda sull’esempio cardine del “denaro”4. Dietro alla parola money, da lui utilizzata, sembrano celarsi due realtà oggettive differenti e questa confusione searliana mette in seria discussione alcuni presupposti e alcune conclusioni della sua teoria.

  • 5 Questa osservazione, relativa alla lingua inglese, è rinvenibile anche in Mathieu 1985.
  • 6 Searle 1995.
  • 7 Smith 2003a.

10Nella lingua inglese, questa confusione terminologica è possibile5 senza che si alteri il senso della frase, poiché l’uso corrente fa sì che entrambi i termini, moneta e denaro, siano generalmente espressi dal vocabolo “money”. È su un’ambiguità di questo tipo, non riconducibile al campo terminologico, che si fonda parte della teoria filosofica dell’oggetto sociale “money” sviluppata da John Searle6, e ripresa anche da Barry Smith7, i teorici che hanno posto l’attenzione sul fatto che la realtà è composta anche di oggetti sociali e hanno utilizzato in termini esemplificativi nella loro trattazione “money” quale oggetto sociale per antonomasia. I due filosofi anglosassoni fondano la loro formulazione teorica su basi ontologiche ed epistemologiche differenti, ma in entrambi i casi introducono un’ambiguità sostanziale.

11La novità contenuta nelle tesi di Searle e di Smith è data soprattutto dal tentativo di identificare, con maggiore chiarezza, elementi che abbiano consistenza reale e oggettiva presenti nella realtà sociale. Realtà, che è stata analizzata – quando la si è voluta accostare – prevalentemente, o unicamente, come il campo dei rapporti di forza, di singoli o di gruppi di potere, che si esprimono in competizione accanita sul piano sia culturale sia economico, o per ragioni intrinsecamente insite nella natura umana o per condizioni socioeconomiche storicamente determinate. In entrambi i casi la realtà rappresenta il risultato di attività soggettive, e non un “mondo” che fruisce di caratteri di oggettività, da identificare e classificare. Searle, assai più che Smith, si è chiesto che cosa ci sia di veramente oggettivo che governa le nostre relazioni sociali, nell’intento di sconfiggere la posizione di coloro che ritengono che tutto sia riconducibile a una soggettività discrezionale e arbitraria. Searle si è mostrato consapevole che tanto più quest’ultimo aspetto è stato sostenuto, quanto più è emersa sul piano dei comportamenti etici e morali un’intrinseca debolezza, poiché si sono sommati due relativismi, uno ontologico e uno morale, difficilmente districabili.

12Se ad esempio considero relativo, arbitrario, soggettivo, possedere moneta o non possederne, ogni mattina posso entrare in un bar, fare colazione, salutare e uscire senza pagare. Siamo certamente tutti certi che questo non è ammesso. Una sanzione ne seguirebbe. Questa sanzione rappresenta il segno tangibile dell’oggettività, dell’obbligatorietà, di usare la moneta per alcune funzioni, nella situazione specifica in quanto mezzo di pagamento.

  • 8 Alexius von Meinong 1899 e 1904; Adolf Reinach 1913; Michael E. Bratman 1992.

13Per sommarie che siano queste considerazioni, esse consentono tuttavia di apprezzare pienamente lo sforzo intellettuale compiuto principalmente da Searle su una teoria ancora agli albori, pur se non mancano da circa un secolo indicative riflessioni8.

  • 9 Ferraris 2005 e 2007.

14L’analisi che ci ha condotto a individuare la natura che differenzia il denaro dalla moneta è sviluppata all’interno di un quadro teorico che fa tesoro delle riflessioni ora richiamate e pertanto si assume, da un lato, che la “realtà” sia costituita da soggetti e oggetti, e questi ultimi siano inventariabili in oggetti fisici (tavoli, sedie), in oggetti ideali (teoremi matematici) e in oggetti sociali (promesse, moneta)9, che vivono nello spazio e nel tempo e, dall’altro, che il “mondo” non è solo “posto” come uno scenario ma è anche dai noi stessi attivato – diamo vita a un mondo sociale –, ed è attivato da una intenzionalità, l’intenzione di interagire con noi stessi, con altri soggetti e con oggetti. Siamo, in quanto organismi umani, artefici di un contesto sociale, laddove per sociale intendiamo una totalità, e non la sommatoria di singoli individui, o la somma di relazioni tra soggetti.

15Il sociale è analogo all’ambientale, poiché è un dato che ritroviamo come evoluzione biologica e come opera e manipolazione degli uomini che ci hanno preceduti. La nostra relazione con l’ambiente sociale comporta un processo di adattamento che conduce a un risultato, un essere adattato, che nel processo di adattamento muta a sua volta. Creiamo e rimodifichiamo il sociale in un processo dinamico, nel quale noi stessi siamo “creati” e “rimodificati” costantemente.

  • 10 Mauss 1923-24, Polanyi 1957, 1968, 1977, Godelier 1970, Sahlins 1972, Durkheim 1893, 1895, 1902, Si (...)

16Uno dei risultati più interessanti ricavati dal percorso di ricerca attuato, al fine di comprendere la natura di moneta e denaro, è che si sono mostrati assai più consapevoli gli antropologi, circa la loro differenziazione e la loro diversa sostanza, piuttosto che gli economisti e i filosofi; in particolare, alcuni studi antropologici hanno individuato puntualmente la priorità logica del denaro sulla moneta e unitamente a esercizi di sociologici10 è stato posto in evidenza con forza l’importanza contestuale delle quattro funzioni della moneta (numerario o misura del valore, mezzo di circolazione o pagamento, mezzo di scambio, riserva del valore) e il ruolo vitale di riserva di valore di quest’ultima, caratteristica che la rende un oggetto a tutti gli effetti e che rappresenta al contempo il legame con il denaro.

  • 11 Secondo Granet e Mauss in molte comunità la nozione di denaro si poteva in modo esplicito collegare (...)
  • 12 La definizione di moneta come “realtà relativa”, e il tentativo di risolvere il problema della sua (...)

17Particolarmente interessanti per l’argomentazione sono le argomentazioni di Marcel Mauss, Maurice Godelier e Sahlins Marshall, dalle quali si evince una priorità logico-temporale del concetto di denaro rispetto all’oggetto moneta, e un’intuizione già articolata della moneta quale oggetto sociale11. Mauss, ad esempio, sostiene che la funzione degli oggetti preziosi nelle società arcaiche corrisponde alla moderna funzione del denaro, ed è in questo contesto che non è possibile cogliere nel denaro un aspetto economico allo stato puro. Solo successivamente gli oggetti magici e preziosi, a cui le comunità avevano attribuito un potere d’acquisto, impiegati originariamente anche per numerare e far circolare ciò che veniva considerato ricchezza, si sarebbero autonomizzati dalle singole persone e dalla collettività e avrebbero assunto il carattere stabile di misura del valore e anche di misura universale. L’insieme di queste argomentazioni rappresentano seppur in modo embrionale, ma estremamente efficace, la genesi e la natura dell’oggetto sociale moneta12. Dai lavori di Mauss emerge che nella “economia naturale” o di baratto lo scambio non è mai un questione fra singoli individui, ma tra collettività. Nelle società arcaiche lo scambio era basato sulla triplice obbligazione di dare, prendere, ricambiare doni. La regola del dono interessava valori sociali e oggetti materiali e il principio del valore era non autonomo, non astratto, ma globale, cioè non legato ai singoli ma alla collettività sociale. Secondo Mauss, nel tempo le forme del denaro si sarebbero decisamente staccate dai gruppi e dalle persone, ponendosi in funzione di una nozione astratta e quantificata di valore. La società una volta superato lo stadio del dono, al cui interno fenomeni religiosi giuridici ed economici non erano separabili, sarebbe arrivata al baratto mercanteggiato e l’ordine economico sarebbe infine emerso a determinare altri fenomeni collettivi.

  • 13 Platone La Repubblica, Libro II, 371; Platone Le Leggi, Libro V, 742 a-c; Aristotele Etica Nicomach (...)

18Le risposte date sul piano filosofico ed economico circa la priorità logica tra denaro e moneta, e sulla natura della moneta, hanno preso avvio dalle riflessioni di Platone e Aristotele, poiché le considerazioni del primo daranno luogo alla concezione del denaro come simbolo, mentre quelle del secondo diverranno oggetto e stimolo per una indagine sulla moneta via via più accurata e complessa13.

2. Il denaro vive nel tempo

19Quando immaginiamo il denaro di Bill Gates o di Silvio Berlusconi non abbiamo davanti agli occhi la stanza delle monete di Paperon de’ Paperoni. Presumibilmente immaginiamo una diversificazione della loro ricchezza: case, terreni, titoli, aerei, imbarcazioni, mobili e quadri di pregio e, forse, anche moneta sotto forma di conti correnti o di liquidità o di moneta elettronica, come le carte prepagate.

20Il denaro, potendo assumere la forma di qualsiasi merce, è un concetto che, pur incarnando un processo di astrazione, non comporta assenza di ontologia, esiste a tutti gli effetti, poiché si rifà a cose che hanno consistenza materiale: quadri, case, monete, aerei, gioielli e così via.

21Il denaro inoltre è un concetto condiviso, che va al di là delle frontiere linguistiche e geografico-territoriali, prescinde dallo spazio; in qualsiasi luogo del mondo l’elenco degli oggetti sopra citati rappresenta ricchezza che può essere convertita in moneta corrente e può conferire prestigio e potere.

  • 14 Mathieu sviluppa una teoria del denaro secondo la quale esso è una costruzione artificiale dell’uom (...)

22Il denaro vive nel tempo14, perché ha origine con gli esseri umani ed è connesso con il loro agire pratico, ma è a temporale, in quanto convertitore generale della ricchezza, sebbene assuma temporalmente forme diverse. Sono queste forme che hanno un inizio e una fine: moneta, prodotti finanziari, immobili, barche, e così via sono identificabili in una scansione temporale. Sia geograficamente sia nel tempo ci sono oggetti che hanno perduto il significato di ricchezza (sale, conchiglie) e altri che l’hanno assunto (carte di credito); alcuni oggetti sono stati denaro e hanno attualmente dismesso il significato di denaro, mentre altri l’hanno assunto.

  • 15 Prandi 2004. Ai nostri fini sono di particolare rilevanza i capitoli v e xi. Nella stessa ottica e (...)

23Il concetto di denaro fonda le sue radici in un’ontologia naturale15, quell’ontologia secondo la quale nella vita quotidiana accettiamo che le cose siano così come sono, ne prendiamo semplicemente atto. Cosicché gli oggetti che esperiamo, conosciamo e manipoliamo con consuetudinarietà rappresentano un a priori sostanziale dell’atteggiamento pratico, non un a priori formale dell’atteggiamento teoretico. Ad esempio al mattino quando ci alziamo dal letto non mettiamo in discussione che il pavimento ci sorreggerà, non pensiamo né che ci sia un qualche difetto nella sua integrità molecolare che lo possa far curvare, né che un’aberrazione del flusso quantico ci possa far passare attraverso. Nello stesso identico modo ci poniamo nei confronti del denaro.

24L’essenza del denaro è la sua efficacia, che non è fisica ma ideale, poiché il valore e la sua misura sottostanno a ogni rapporto economico, anche il più elementare come quello dell’autosussistenza. Si misura sempre il valore di un oggetto, e la sua misurazione nella sfera economica è quantitativa. Tant’è che nel linguaggio dell’economia “realizzare” significa trasformare in denaro, in valore astratto.

25Il denaro opera pertanto in quanto concetto, in quanto idea, e genera azioni. In primo luogo, fa muovere il pensiero, fa muovere la mente all’idea del suo stesso possesso, fa pensare a come “fare” denaro e a che cosa fare di esso, a come impiegarlo, quale veste concreta dargli, a come produrre ricchezza per sé e per altri, e in secondo luogo, in quanto derivato, fa muovere e moltiplicare le cose nella realtà sociale.

  • 16 La ragione principe della confusione perpetuata tra denaro e moneta e la difficoltà di individuare (...)

26In questa sua funzione, dunque, il denaro precede il baratto, precede qualsiasi forma di scambio fra individui, non ne deriva. È l’idea del denaro che sostanzia lo scambio, è l’idea di poter avere o accrescere ricchezza che motiva lo scambio tra beni e che muove il processo economico e lo scambio sociale. Di converso, la moneta come mezzo di scambio sorge logicamente16, non storicamente, dall’osservazione che è difficile ottenere la quantità desiderata di una merce con una quantità dello stesso valore di un’altra merce disponibile. Inevitabilmente una contabilizzazione quale misura del valore avviene anche senza riferirsi a una particolare unità di conto. Quindi, paradossalmente, il baratto può fare a meno della moneta, ma non del denaro, in quanto quest’ultimo è riserva e simbolo del valore.

  • 17 L’idealità del denaro, spesso riconosciuta a parole, non sempre è riconosciuta in tutte le sue cons (...)

27Non c’è un’altra istituzione umana o realtà naturale che si avvicini al modo d’essere e di agire della moneta nella sua forma idealizzata. La moneta è una delle forme del denaro e nel contempo il denaro è la forma idealizzata della moneta. Il denaro agisce senza essere un oggetto fisico e senza essere costituito direttamente da materia, ma come simbolo. È per questo che possiamo sostenere che il denaro ha una natura anche ideale17, ma non è un oggetto ideale.

  • 18 La moneta come segno scritturale possedeva – e in alcuni casi continua a possedere – un’utilità pro (...)

28Per molti economisti il valore che ha reso efficace la moneta è stato l’oro, un metallo prezioso. Seguendo la tesi proposta in questo scritto se ne deduce invece che il valore attribuito all’oro deriva dal suo essere moneta, cioè dall’assumere la forma idealizzata di denaro18, vale a dire dal fatto che la moneta assume la funzione di riserva di valore, diviene potere d’acquisto generalizzato e, perciò, possibile punto finale di ogni atto di scambio.

29La materialità sociale del significante, della moneta, può essere apparentemente evanescente, man mano che il processo di smaterializzazione procede. Si pensi ad esempio all’evoluzione subita dall’inscrizione dei valori borsistici, divenuto un riferimento quasi simbolico dei valori monetari delle azioni che rimanda all’insieme informatizzato di tutti valori, ma di cui permane ugualmente una materialità: la loro forma scritturale.

30Questo esempio suffraga la tesi per cui il concetto di denaro non può essere confuso con il processo di smaterializzazione della moneta o di finanziarizzazione del sistema economico; il concetto di denaro non converge con la progressiva lontananza da un supporto materiale qualsiasi e non coincide pertanto con un segno fisico – grafico, metallico, cartaceo, mentale, verbale, computazionale – o con un numero, con uno specifico valore quantitativo. Il denaro non è né un oggetto fisico, né un oggetto ideale.

  • 19 La consapevolezza di questa caratteristica precipua del denaro è argomentata da Kant 1797.
  • 20 Qualsiasi risparmio non utilizzato genera una potenzialità in meno di impiego nel sistema produttiv (...)

31La moneta assume la caratteristica di essere denaro, cioè riserva di valore, solo quando ci si priva di essa, solo quando la si aliena: il riso e il sale, così come la moneta cartacea o quella elettronica assumono la caratteristica di essere denaro solamente privandosene19. Pertanto il valore intrinseco dell’oggetto moneta e la funzione monetaria del denaro si muovono in direzioni opposte. Il denaro esiste solo nell’atto di essere speso, impiegato in cambio di altro, sia esso un bene o un servizio. Tant’è che il processo economico per procedere il più speditamente possibile richiede contestualmente, come atto unico, di ridurre il tempo di circolazione della moneta20 e il passaggio al denaro come equivalente generale.

32Si tratta, da un lato, di depurare il concetto di denaro da ogni confusione con un supporto materiale e ciò risulta semplice quando esso è misura del valore, perché è un numero. Ma il fatto stesso che sia un numero fa sì che esso possa essere scambiato per un oggetto ideale, alla stregua di un postulato o di un teorema matematico, sottovalutandone la natura di concetto ontologico. Il riferimento a una materialità che vi soggiace rimuove questo possibile equivoco. Dall’altra, per contro, quando, si fa riferimento al ruolo assunto dal denaro come riserva di valore nel processo di circolazione, nello scambio, allora esso può essere omologato all’ oggetto sociale moneta, poiché, in quanto moneta, mantiene una sua fisicità, seppur leggera, una fisicità scritturale. Ma il denaro è moneta solo nella sua forma ideale, in quanto riserva di valore, e può assumere forme diverse dalla moneta stessa.

3. La moneta vive nel tempo e nello spazio

33La moneta non è un puro oggetto fisico, bensì un oggetto sociale. Per oggetto sociale intendiamo lo status che un oggetto fisico può assumere grazie a un processo attuato da esseri umani: a un dato tempo si può, tramite un’azione intenzionale, attribuire a un oggetto fisico una certa funzione, che a sua volta viene codificata grazie a un segno, a una traccia, che è l’elemento proprio di quell’oggetto fisico perché esso possa venire riconosciuto come oggetto sociale. In seguito a ciò l’oggetto fisico perde il proprio specifico e unico significato, anche polifunzionale, per assumere in toto il valore delle funzioni attribuitegli; contestualmente si autonomizza dall’atto costitutivo originario e in virtù di ciò si configura a tutti gli effetti come un oggetto sociale e, pertanto, agisce in un ambiente determinato in cui gli individui divengono strumenti di un oggetto che ha vita autonoma dal singolo soggetto, ma non può prescindere dalla socialità dell’ambiente.

34Qualsiasi oggetto sociale non solo si rende indipendente dai soggetti che lo costituiscono, ma questa sua autonomia è tale che esso procede in virtù di leggi sue proprie. Le leggi autonome degli oggetti sociali sono l’espressione di un’intenzionalità sociale, di un noi che si relaziona a un noi.

35La condizione necessaria dell’oggetto sociale moneta, il modo in cui esso si costituisce a seguito di un atto compiuto da almeno due individui, è una iscrizione che gli conferisce una riconosciuta validità-legalità. Tant’è che in alcune società primitive, la merce usata come moneta veniva “segnata”, in modo da inibirne l’uso originario (conchiglie, sale o attualmente la firma del Governatore della Banca centrale Europea). È soltanto il “segno distintivo” a permettere che la merce sia accettata come moneta e svolga le funzioni assegnatele.

36Il nome stesso della moneta – libbra, dirham ecc. – è il segno della sua identità, della sua autonomia e della sua garanzia, cosicché la moneta rappresenta la prima “pubblicazione” ampliamente circolante nella storia umana, creata per opera umana, in specifici luoghi e in dati tempi.

37La moneta è un oggetto sociale in quanto vive autonomamente dalle singole volontà, dall’attribuzione di funzioni da parte di singoli specifici esseri umani. Io, in quanto singolo, non posso decidere funzioni e ruoli della moneta. Uso la moneta per le funzioni che la società gli ha intenzionalmente attribuito, e io rappresento il tramite delle funzioni che definiscono l’esistenza stessa della moneta.

38Una specifica moneta può essere introdotta con un atto convenzionale – è il caso dell’Euro – ma, data la forma e la sostanza, la natura, delle relazioni economico-sociali non si sarebbe potuto, in ogni caso, prescindere dall’oggetto sociale moneta. Così come non è possibile fare a meno del denaro e non solo nella forma monetaria di riserva di valore, ma anche in quanto normazione della ricchezza. Infatti, i sistemi economici fondati sulla produzione e sullo scambio necessitano per il loro funzionamento di una specifica merce che assuma oltre alla funzione di misura del valore, rappresentazione e misura della ricchezza, altre tre funzioni: di mezzo o strumento di circolazione, ossia moneta in senso stretto, di mezzo di pagamento – da cui poi si sviluppa il sistema del credito –, e di riserva di valore.

39Proprio il riconoscimento della funzione di riserva di valore, unitamente all’elemento della validità-legalità riconosciuta tramite un’iscrizione, la traccia, permette il passaggio della moneta dall’essere oggetto fisico al divenire oggetto sociale, contestualmente l’essere riserva di valore consente alla moneta di essere riconosciuta in quanto forma del denaro e ne rappresenta il legame.

40Il modo in cui è stata concepita la motivazione cardine dell’agire umano è ciò che ha anche condizionato la possibilità di venire a capo della vera sostanza del denaro e della moneta, dei loro punti di contatto e delle loro differenze. Fondamentalmente, e molto schematicamente, si sono contrapposte due visioni; l’una sostiene che ciò che è intrinseco alla natura umana, che ne determina l’agire, è il bisogno; l’altra afferma che nell’essere umano è riscontrabile un’intrinseca natura di scambista. Lo scambio assurge così a elemento caratterizzante la natura dell’essere umano e rappresenta ciò che distingue l’animale dall’uomo. Nel primo caso, denaro e moneta sono stati oggetto di indagine in una prospettiva ontologicometafisica, nel secondo caso è stata adottata una prospettiva epistemologica.

41Economisti come Adam Smith, sociologi come Mark Spencer e filosofi come Georg Simmel, solo per citare alcuni importanti pensatori, hanno fatto dipendere la divisione del lavoro e le relazioni tra soggetti dalla propensione allo scambio e hanno esplicitamente o implicitamente assunto che il linguaggio umano rappresenti l’indicatore della natura umana di essere votato allo scambio.

  • 21 Firth 1973.

42Da questa concezione sulla struttura intrinseca dell’uomo al definire la moneta prevalentemente come mezzo di scambio il passo è stato breve, passo compiuto anche da alcuni antropologi che lo hanno esteso a società anteriori all’introduzione della scrittura, cosicché sarebbe avvenuto prima lo scambio e poi la scrittura21. In questo sfondo è la natura di scambista dell’essere umano ad aver generato bisogni non colmabili da comportamenti autarchici e ad aver creato le condizioni perché fosse necessaria una merce in grado di fungere da mezzo di scambio.

43Si spiega così ulteriormente perché nella storia del pensiero economico e del pensiero filosofico la moneta, quale mezzo di scambio, abbia spesso rappresentato l’esclusivo oggetto di un’analisi che individuava nella caratteristica di facilitatore degli scambi l’unica funzione ad essa attribuibile o che, nella migliore delle ipotesi, la considerava come la funzione primaria rispetto ad altre due, numerario e mezzo di pagamento e perché soltanto molto tardi, si arriva da parte di alcuni economisti (Karl Marx, Knut Wicksell, Joseph Schumpeter, John Maynard Keynes), ad attribuire alla moneta la sua quarta funzione, quella di riserva di valore.

4. L’oggetto sociale moneta

  • 22 Distinzione elaborata da Anscombe (1958), allieva di Wittgenstein.
  • 23 Searle 1969: 80-84. Distinzione che lo stesso Searle aveva già fatto propria sin dalla prima metà d (...)

44Ne La costruzione della realtà sociale Searle assume la distinzione22 fra fatti “bruti” – gli oggetti fisici – e fatti “istituzionali” – gli oggetti prodotti dall’attività sociale23 – e si chiede se esistono davvero fatti istituzionali e oggetti sociali, e, in tal caso, da che cosa siano costituiti. Le due domande sembrano presentarsi come la naturale scissione di un’unica questione.

  • 24 Nella teoria sociale si confrontano tre modi per intendere il sociale – 1. come somma di singoli in (...)

45I fatti che dipendono espressamente da organismi umani sono per Searle racchiudibili nella locuzione “fatti istituzionali”. Un fatto è istituzionale se, e solo se, a uno specifico oggetto viene assegnata, in virtù della sociale intenzionalità, una determinata funzione che l’oggetto non è di per sé in grado di adempiere. La costituzione fisica dell’oggetto non è elemento sufficiente, seppur necessario, per adempiere a tale funzione, e ciò può avvenire solo in virtù del riconoscimento sociale. La società di cui parla Searle non è composta da monadi, da singole individualità24, bensì è una “totalità” che vive di vita propria.

  • 25 Elizabeth Anscombe sostiene che il comportamento ha un carattere intenzionale quando viene inserito (...)

46Il processo descritto da Searle secondo il quale un oggetto fisico può assumere la connotazione di oggetto sociale ne prevede la dematerializzazione, parziale o pressoché totale; in tal caso viene caricato di valenze simboliche da parte della comunità umana. Nel caso dell’attribuzione di valenze simboliche a un oggetto dematerializzato siamo in presenza del conferimento di un potere, del costituirsi di una funzione di status. Questo potere, questa funzione di status è tale se viene conferita da almeno due soggetti, due persone25. Ne consegue che gli oggetti sociali – istituzioni, promesse, debiti, contratti, leggi e ovviamente il “denaro” – non hanno la stessa natura degli oggetti fisici – una pietra, una pianta, un animale, che esistono indipendentemente dalle funzioni loro attribuite temporaneamente dagli esseri umani –, ma neppure hanno la natura degli oggetti ideali – assiomi, postulati, numeri –, e, infine, non sono neanche riconducibili a costruzioni individuali quali un’opinione, un ricordo.

47La tesi proposta da Searle, secondo cui alla “base” di un oggetto sociale sta sempre un oggetto fisico, un “fatto bruto”, non è del tutto applicabile all’oggetto sociale moneta, e tanto meno al denaro, dato che quest’ultimo è un concetto e non un oggetto. In particolare, lo schema rigido proposto da Searle non regge, per esempio, all’evidenza che un debito, che è un oggetto sociale, abbia un oggetto fisico a esso corrispondente. Il debito è notoriamente un “buco” di bilancio, un vuoto.

  • 26 Ferraris 2005 e 2007.
  • 27 Derrida 1962, 1967a, 1967b.

48Per contro, pare assai più convincente la formulazione degli oggetti sociali proposta da Maurizio Ferraris26. Ferraris dopo aver adottato la distinzione tra oggetti fisici, oggetti ideali e oggetti sociali, precedentemente richiamata, e si pone l’obiettivo di individuare la condizione necessaria dell’oggetto sociale, il modo in cui esso si costituisce. Gli oggetti sociali dipendono da atti sociali, essi sono tali se sono il prodotto di una relazione almeno tra due individui, inoltre, essendo il prodotto di atti umani, hanno inizio nel tempo. L’atto compiuto da almeno due individui comporta una iscrizione, che può essere anche un’iscrizione nella memoria del singolo individuo o nella memoria collettiva, non soltanto un segno grafico o una traccia magnetica. L’oggetto sociale si costituisce mediante una registrazione. Esempio di un oggetto sociale inscritto, registrato nella memoria di due individui, è la promessa. Si tratta di una teoria degli oggetti sociali che affonda le proprie basi nell’archiscrittura di Jacques Derrida27.

49La tesi proposta da Ferraris ben si adatta all’oggetto sociale moneta cosicché, partendo da questo assunto, procediamo all’analisi circa la natura, le funzioni e il ruolo della moneta, vale a dire gli aspetti esaminati nella nostra trattazione, che consentono di definirla come oggetto sociale. Con il termine ruolo indichiamo l’azione che la moneta svolge nel sistema economico-sociale, indipendentemente dalla sua fase costitutiva.

  • 28 Searle 1995:52.

50John Searle sostiene la tesi secondo cui «ogni genere di cosa può essere money»28. Tesi che si fonda sulla dottrina mainstream – che si configura come un insieme del tutto coerente – relativa alla nascita della moneta, le funzioni di volta in volta attribuitele, le proprietà materiali che si suppone essa debba possedere.

  • 29 Nel caso di Barry Smith sono numerosi i riferimenti fatti alle asserzioni di Ludwig von Mises più c (...)

51La ricostruzione delle posizioni della scuola mainstream è utile ad analizzare in modo puntuale le posizioni di John Searle e Barry Smith circa l’identità tra denaro e moneta in quanto entrambi – il primo in modo implicito e il secondo in modo più esplicito29 – si riferiscono alla Scuola austriaca di economia, secondo cui è moneta qualsiasi merce usata da una data collettività come intermediario degli scambi. Ne consegue, in linea di principio, che qualunque merce può essere adottata in qualità di moneta; e, di fatto, è storicamente incontestabile che a tal fine sono state adoperate le merci più disparate: dalle conchiglie al sale, dalle pelli ai capi di bestiame, fino ad arrivare ai metalli pregiati.

52In base alla suddetta dottrina la moneta è stata in origine – e tale permane – una merce prodotta e scambiata alle medesime condizioni a cui sono prodotte e scambiate tutte le altre merci. Il ragionamento procede sia dalla constatazione che conchiglie, bestiame o metalli hanno essi stessi un valore, e conseguentemente un prezzo, sia dall’osservazione che esiste una stretta interdipendenza tra i prezzi delle merci all’interno del sistema economico e la moneta. In quanto merce, la moneta non potrebbe svolgere la sua funzione di misura del valore se non essendo direttamente partecipe anch’essa del sistema economico e possedendo essa stessa un valore e un prezzo in quanto merce.

53In questa visione, storia e teoria della moneta coincidono e la teoria della moneta collima con la storia dei materiali che l’hanno rappresentata.

  • 30 Mauss 1923-24, Polanyi 1957, 1968, 1977, Godelier 1970, Sahlins 1972, 1976. La valorizzazione degli (...)

54Molti aspetti della dottrina monetaria mainstream sono stati messi in discussione da economisti e da studiosi di antropologia sociale, determinati a individuare sul piano dell’indagine elementi assai più convincenti. E tra questi il fatto che, le analisi antropologiche sugli scambi asimmetrici, come il dono, evidenziano il ruolo qualitativo e simbolico che i singoli beni assumono nelle relazioni individuali e sociali. Su questa base la “storia della moneta” non può pertanto coincidere con la storia dei materiali da cui è costituita30.

55Marcel Mauss ha evidenziato la serie dei materiali che, in forma generalmente diversa da quella assunta nelle società moderne, hanno inizialmente espresso la qualità di denaro, e ha ragionato di moneta in termini di “realtà relativa” nella direzione poi sviluppata dall’economista Francois Simiand, che definirà con pertinenza la natura di oggetto sociale della moneta.

56Se non tutte le merci possono assurgere allo status di moneta, si tratta allora di definire quali sono le proprietà che deve possedere il materiale da cui è costituita per poterne assumere il ruolo e quali siano le caratteristiche, necessarie e indispensabili, perché questo materiale possa prendere su di sé questa posizione.

57Secondo la dottrina mainstream sono i requisiti fisici a rendere la moneta un oggetto fisico, e null’altro, un oggetto tangibile e con ben determinate caratteristiche. Esattamente come accade per una sedia, un tavolo, il pavimento, il pane, un fiume, una montagna, la luna e così via.

58È palese che una merce funziona tanto meglio da moneta in quanto in maggiore misura possiede le seguenti caratteristiche: stabilità di valore, convertibilità e facile trasferibilità. Più il valore della merce-moneta è stabile nel tempo, minori sono le variazioni che subiscono i prezzi delle altre merci espressi in quella moneta; e quanto minori sono le variazioni di questi prezzi, tanto più certo e sicuro è il modo in cui la moneta assolve alla sua funzione di misura comune dei valori, soprattutto per quanto riguarda il confronto tra valori in momenti diversi nel tempo e nello spazio. Tanto più semplice e facile è la possibilità di conservare la merce-moneta, tanto più compiutamente essa assolve alla funzione di soggetto rappresentativo della ricchezza in generale.

59La possibilità di esser suddivisa in parti anche molto piccole, ma connotate da un alto valore, contenuto in poco peso e in modesto volume, sembra aver inciso sulla scelta della merce destinata ad assumere la funzione di moneta. La scelta della merce-moneta viene dunque compiuta in base alle esigenze dettate dalle funzioni che essa deve assolvere.

60Per riassumere: in seguito alla crescita della complessità degli scambi, nello spazio e nel tempo, la moneta sempre più a dovuto configurarsi come un oggetto non facilmente usurabile, così da poter svolgere la funzione di mezzo di circolazione; non corruttibile per poter essere conservata a lungo; divisibile in piccole quantità, e ricomponibile, così da scambiarsi con merci di diverso prezzo; infine non deve essere ingombrante, deve cioè essere tale che una sua piccola quantità possa scambiarsi con grandi quantità di altre merci.

  • 31 Sono molte le monete che ancora oggi mantengono una denominazione che si riferisce o al peso, o all (...)

61Storicamente si riconobbe che i requisiti descritti spettavano al massimo grado ai metalli, e in particolare ad alcuni di essi, sicché infine furono esclusivamente questi, e in special modo l’oro, a divenire merce-moneta31. Tant’è che le problematiche legate alla moneta sono state per la prima volta oggetto di analisi sistematica nei secoli xvi e xvii, parallelamente al verificarsi della cosiddetta “rivoluzione dei prezzi”, conseguenza dell’arrivo in Europa dell’oro prodotto dalle miniere americane.

62Il passaggio dai beni moneta alle monete metalliche, dalle monete metalliche alla moneta cartacea, dalla moneta cartacea alla moneta elettronica ha contribuito a rendere più complesso il quadro teorico e pratico relativo alla moneta, ma, al contempo permette di definire ulteriormente sul piano logico che cosa sia la moneta e quale la sua natura effettiva. Questi passaggi hanno comportato, da un lato, il mutamento della relazione diretta fra bene e moneta, fra oro e moneta metallica e, dall’altro, hanno delegittimato la relazione fra il valore di una merce e il valore della merce-moneta e fra una moneta e l’oro o altro metallo in essa contenuto.

63Il biglietto di banca e, più in genere, la moneta bancaria sono il principale strumento individuato nel tempo per variare la quantità di moneta offerta, resa disponibili per il funzionamento del sistema economico. L’origine del biglietto di banca risale ai certificati emessi dalle prime banche a favore di coloro che per ragioni di sicurezza vi depositavano monete d’oro. Tali certificati, in quanto rappresentavano un deposito d’oro, erano usati come mezzi di pagamento; con la loro cessione veniva infatti contestualmente ceduto il diritto di prelevare presso la banca il deposito d’oro.

64Un reale cambiamento nella storia della moneta avviene quando la banca si trasforma da banca di deposito in banca di credito; allorché, cioè, la banca acquisisce una fiducia tale per cui i certificati emessi iniziano a circolare senza che vi sia più la richiesta di riconvertirli in metallo prezioso. Le caratteristiche che contraddistinsero i primi certificati, rispetto al metallo, furono la loro maggiore sicurezza e praticità, ciò che consentiva di evitare il rischio del trasporto del metallo prezioso e il fastidio del suo relativo peso. Le banche iniziarono così a emettere propri biglietti, impegnandosi a convertirli, a vista o a scadenza, in monete d’oro senza che questi dovessero necessariamente essere coperti da un precedente deposito.

65I biglietti sono stati il primo tipo di moneta emessa dalle banche e rappresentano la loro prima forma di smaterializzazione e di autonomizzazione da una merce o da un metallo prezioso e dall’intrinseco valore della merce-moneta. Il valore del materiale da cui è composto un biglietto di banca è assai insignificante rispetto al valore che esso rappresenta in termini di potere d’acquisto.

66Il distacco dal metallo prezioso non è stato immediato. Tant’è che a garanzia dei biglietti emessi le banche hanno tenuto per lungo tempo una riserva d’oro, consistente in parte in capitale proprio e in parte in depositi di monete d’oro che affluivano alla banca stessa. Ne conseguiva che il valore nominale dei biglietti emessi era molto superiore a quello delle monete d’oro tenute a riserva, pur rimanendo queste ultime l’elemento di riferimento imprescindibile. Fin dalla sua nascita, una delle funzioni primarie del sistema bancario consiste nella concessione del credito, sicché la banca è indotta a creare moneta in forma di propri depositi, a emettere cioè promesse di pagamento documentate dai fogli scritti. La promessa di pagamento è a tutti gli effetti un titolo di credito. Attraverso la banca passa continuamente una massa di moneta metallica e di biglietti di banca che non si fermano mai all’interno della banca medesima.

67I titoli di credito si aggiungono ai biglietti cartacei e alle monete metalliche.

68In questo processo di “allontanamento” da una specifica merce preziosa il passaggio successivo è dato dalla creazione dei depositi bancari e dalla nascita del conto corrente. Tuttavia, il deposito stesso, che originariamente dà luogo all’emissione dei biglietti, costituisce una forma di moneta più sicura di questi ultimi visto che può essere trasferito senza uscire dalla banca, essendo sufficiente un semplice ordine scritto dato alla banca dall’intestatario del deposito stesso. La banca stessa crea moneta, attribuendo al cliente un deposito che può essere trasferito. La banca in questo modo non emette biglietti ma tiene per ogni cliente un conto, il conto corrente. Il titolare di un deposito può a tutti gli effetti effettuare un pagamento trasferendo il deposito, o una sua frazione, a un’altra persona attraverso un ordine scritto rivolto alla sua banca semplicemente mediante un assegno bancario. La banca addebita il conto corrente del primo suo cliente e accredita quello del secondo dell’ammontare indicato sull’assegno: nasce così la moneta bancaria moderna, ossia il deposito. L’assegno bancario è lo strumento col quale i depositi vengono trasferiti; i depositi svolgono esattamente le medesime funzioni dei biglietti di banca. Attraverso i depositi dei loro clienti le banche si procurano moneta di riserva – monete d’oro o depositi presso altre banche che possono essere convertiti in monete d’oro – per aumentare il credito sulla base di essa. L’importanza dei depositi consiste nel fatto che essi costituiscono una nuova forma di moneta. La banca, infatti, crea ora nuova moneta senza emettere materialmente i biglietti, ma semplicemente creando essa stessa nuovi depositi attraverso la concessione del credito. La moneta bancaria circola quindi attraverso una serie infinita di iscrizioni contabili che fanno variare i valori dei conti correnti, diminuendone e aumentandone di volta in volta il valore. Quotidianamente le banche compensano tra loro i debiti e i crediti reciproci all’interno di un organismo che prende il nome di “stanza di compensazione” e regolano i saldi debitori mediante trasferimento di moneta di riserva.

69Sembrerebbe così, all’apparenza, che si sia interamente perduto il legame tra la moneta bancaria, nelle componenti fin qui descritte, e la merce-moneta, che misurava il valore delle merci e conferiva valore ai biglietti di banca, accettati in pagamento in quanto potevano essere convertiti in ogni momento nella mercemoneta. Tuttavia un legame continua pur sempre a persistere dato che la banca centrale deve impegnarsi a conservare, a fronte delle sue emissioni di moneta, una riserva sufficiente di merce-moneta. La merce-moneta diventa così moneta mondiale. Ogni banca centrale, ovvero l’istituto che regola la circolazione nazionale, deve tenerne una quota per compiere transazioni internazionali.

70Attualmente, nel processo di smaterializzazione, siamo giunti alla “plastic money”, alla moneta elettronica, alla moneta puramente scritturale. La “plastic money” è una formula che non fa riferimento solo al supporto materiale della carta di credito, ma anche a quella sua qualità essenziale, che abbiamo descritto come una caratteristica costitutiva della moneta, vale a dire la sua plasticità indefinita, e cioè la sua capacità, nella forma più semplice, di essere lo scambiatore universale, il convertitore assoluto, il cui potere di conversione trova il suo unico limite nell’ammontare del conto in banca del titolare. Anche la “plastic card” necessita per essere valida e legale di un segno grafico: il codice pin che la rende operativa.

  • 32 Dacrema 2003, Lemme 2003.

71La “plastic card”, la moneta elettronica, la moneta scritturale sembrano essere le forme più prossime, se non addirittura equivalenti, all’immaterialità, al totalmente immateriale. In ragione di questa presunta immaterialità, esse sono state confuse32 con il convertitore universale di tutti i valori materiali, il denaro, invece di essere analizzate come moneta, individuando nell’elemento scritturale la condizione necessaria della validità e dell’accettabilità della moneta stessa.

72Ed è su questa confusione che si fonda l’ambiguità sostanziale della teoria di Searle piuttosto che sull’ambiguità terminologica consentita dalla lingua inglese grazie alla possibile doppia accezione della parola “money”.

73La moneta è ora diventata pressoché vicina all’immaterialità. La complessa evoluzione delle forme assunte dalla moneta e la sua separazione dalla forma originaria di merce hanno indotto molti economisti ad affermare che moneta è semplicemente ogni cosa accettata in pagamento. Posizione assunta acriticamente anche da Searle.

74Resta il fatto che il processo di smaterializzazione trova un suo limite oggettivo: un’iscrizione telematica nella memoria di un computer.

75Anche facendo riferimento alle specifiche funzioni della moneta risulta evidente che il segno grafico rappresenta la condizione necessaria della sua esistenza sociale.

76La moneta, nella sua funzione di unità di conto, per essere tale deve essere espressa in un segno grafico: un numero.

  • 33 Per una distinzione, da noi non condivisa, fra moneta fisica, moneta scritturale e moneta elettroni (...)

77La moneta, nella sua funzione di sistema di pagamento, per essere tale deve essere supportata da un segno grafico: marchio distintivo sulla moneta metallica, firma sulla moneta cartacea, firma su assegni o bonifici, codici a barre, numeri pin quali codici di identificazione personale33.

78La moneta, nella sua funzione di mezzo di scambio, per essere tale deve essere supportata dagli stessi segni che sono necessari alla moneta, nella sua funzione di mezzo di pagamento.

  • 34 L’art. 1835 del c.c. sostiene: «Se la banca rilascia un libretto di deposito a risparmio, i versame (...)

79La moneta, nella sua funzione di riserva di valore, sia nella sua forma liquida (monete e banconote sotto il materasso o nel portafoglio, depositi bancari34) sia nella sua forma mobiliare (titoli) necessita sempre di una firma di convalida, che la contraddistingua come tale o una traccia elettronica.

  • 35 Smith 2003b.

80Una critica sostanziale di Barry Smith alle tesi espresse da John Searle ne La costruzione della realtà sociale concerne l’affermazione secondo cui alla base dell’oggetto sociale moneta vi possa ancora oggi essere un fatto “bruto”. Per Barry Smith il processo di smaterializzazione della moneta è tale per cui non vi è più un oggetto fisico quale fondamento dell’oggetto sociale e per contrastare l’argomentazione di Searle egli utilizza il debito come esempio cardine. Per Barry Smith le sole tracce dei computer, che testimoniano la transazione del denaro, non hanno realmente valore di moneta, né si possono usare queste tracce come valori di scambio. E qui sta l’errore di Barry Smith, nel ridurre a pura rappresentazione dei soggetti l’oggetto sociale moneta. Lo stesso Searle, riconosce fondatezza e validità alle obiezioni di Smith35 circa il debito e procede così, a sua volta, a un indebolimento della propria formulazione teorica. Il carattere ontologico-metafisico delle sue tesi si affievolisce e sembra perdere del tutto la connotazione principale: il fatto “bruto”, il riferimento alla fisicità dell’oggetto. Sempre più la sua teoria assomiglia a un “idealismo forte” in assonanza con le formulazioni di Barry Smith.

81Nel corso della nostra ricostruzione abbiamo invece riscontrato come sin dalle società primitive, la merce usata come moneta venisse “segnata”, in modo da limitarne l’uso originario e come soltanto il “segno distintivo” abbia consentito a una merce di essere accettata in qualità di moneta e di svolgere le funzioni assegnatele. A esempio in Birmania il riso veniva, e viene tutt’ora, reso inservibile come alimento, oppure il sale usato nell’Africa occidentale (Mali, Mauritania, Niger) in quanto moneta era tale che nessuno l’avrebbe mai usato per il cibo.

  • 36 Gernet 1955, 1967, 1968.
  • 37 Per Gernet simboli e segni possono essere tenuti distinti, perché al simbolo appartengono significa (...)

82A tal proposito Louis Gernet36 si serve nelle sue ricerche del termine “segni premonetari”, svelando così l’ambiguità del momento in cui, mentre il simbolo cessa di essere “polivalente”, incomincia a realizzarsi una ampia diffusione dei segni37 “esteriori” della ricchezza.

83Il segno grafico era dunque ciò che rendeva tale la moneta. Questa sua essenza non è andata perduta nel corso del tempo, anzi si è potenziata, tant’è che il significante monetario ha subito un’evoluzione storica per cui alla progressiva riduzione della sua materialità fa da contrappeso una sempre maggiore importanza dell’elemento scritturale.

84Ciò che accomunava e accomuna, rende validi e accettati i “beni moneta”, le monete metalliche e i biglietti di banca, è un segno grafico, un segno distintivo, come un disegno, una scritta, o una firma (per esempio quella del Governatore della Banca centrale) apposta sul supporto metallico o cartaceo o magnetico (dietro alla carta di credito dobbiamo apporre la nostra firma). Ne consegue una storia di progressiva smaterializzazione della moneta, in cui il segno grafico permane, assolvendo al suo ruolo sostanziale di condizione necessaria perché un oggetto sia moneta e perché questo oggetto sia accettato come tale da un singolo individuo e dalla comunità. Il segno grafico è la garanzia della sua validità e legalità.

85Ne La costruzione della realtà sociale lo Stato, in quanto istituzione, in quanto Autorità, è un oggetto sociale sul quale si applica la formula dell’intenzionalità coniata da Searle: X al posto di Y in un contesto c. Dato uno specifico contesto sociale (c), un oggetto fisico (Y) viene sostituito da un altro oggetto, per lo più simbolico (X).

86Nel momento in cui è lo Stato a decidere materia e forma della moneta, allora viene meno l’espressione diretta dell’intenzionalità sociale, non essendo più l’intenzionalità sociale diretta a decidere che una specifica merce, con determinate caratteristiche, è moneta. Per limitarci a un esempio molto recente, riguardante milioni di cittadini europei, si può ben dire che l’adozione dell’Euro non è stata l’espressione diretta di un’intenzionalità sociale dal momento che è stata l’Unione Europea a decidere di adottare un’unica moneta, prima inesistente, per più paesi. Tant’è che in molte nazioni è stato necessario ricorrere a un referendum popolare perché l’adozione diventasse effettiva. Non dissimili da questo esempio, ma storicamente meno recenti, sono i cambi di moneta effettuati all’interno di singoli stati come nel caso del passaggio dal franco leggero al franco pesante.

87Sulla base dei presupposti della teoria di Searle, nel caso della moneta, e in particolare nel caso dell’adozione dell’Euro, si verificherebbe una situazione nella quale un oggetto sociale – lo Stato o l’Unione Europea – esprime in un atto concreto, normativo, la propria intenzionalità, dando origine, a sua volta, a un altro oggetto sociale per interposta intenzionalità: X al posto di Y in un contesto c generato da X° al posto di Y° in un contesto C°. Un processo che potrebbe prevedere per alcuni oggetti sociali una regressione progressiva.

88Da quanto sopra detto risulta che se non si sviluppa un’analisi sulla natura sociale della moneta si può sostenere, in modo assai semplificato, che la moneta nasce per convenzione e non per intenzionalità indiretta, per decisione di un’Autorità riconosciuta dai singoli individui che compongono una comunità. Un’argomentazione questa, sostenuta nel 1905 dall’economista tedesco Georg Fredrich Knapp, che non è in grado di spiegare appieno la “forza” che la moneta esercita nelle relazioni sociali e che non consente di comprendere i punti di contatto e di differenza con il denaro.

89Sulla base della teoria degli oggetti sociali esposta da Searle la tesi che un oggetto fisico diviene oggetto sociale per convenzione è quindi sostituibile con la tesi che la convenzione è l’espressione di una intenzionalità sociale indiretta.

90L’essenza della moneta risulta essere strettamente correlata con il ruolo da essa svolto nel sistema economico-sociale, cioè con l’azione che essa vi compie, indipendentemente dalla sua fase costitutiva.

  • 38 Ferraris 2003.

91La legge costitutiva degli oggetti sociali crea e norma nuove forme di comportamento che non esisterebbero in sua assenza. Nel caso delle regole costitutive, nelle forme di comportamento, il concetto è logicamente dipendente dalle regole in questione; nel caso delle regole regolative o normative, il concetto è logicamente indipendente dalle regole medesime. L’oggetto sociale è il risultato di un’intenzionalità collettiva, che si fonda sulle intenzionalità soggettive; non c’è un principio di delega o di consegna dell’intenzionalità singola a un’intenzionalità sociale, sul modello del “contratto sociale” di matrice rousseauiana. L’intenzionalità sociale, sostiene Searle, non è un semplice «incontro di soggettività monodiche»38. Nella teoria di Searle divengono così centrali la funzione di status assunta da un oggetto “bruto” e la funzionalità dell’oggetto stesso; il naturale diventa culturale, e l’oggetto fisico si trasforma in oggetto simbolico che agisce socialmente.

92Nell’esposizione di Searle sono riscontrabili oscillazioni concettuali fra ontologia ed epistemologia, poiché il movimento da entità epistemicamente soggettive, l’insieme di rappresentazioni e credenze individuali, a entità ontologicamente oggettive, indipendenti dal riconoscimento soggettivo, è reso problematico dal rapporto fra rappresentazioni mentali stabilizzate, intenzioni, credenze, desideri e status dei fatti sociali.

  • 39 Searle 1984.
  • 40 Searle 2004.
  • 41 Searle 2004: 107.
  • 42 Ivi: 145.

93Searle sin da Mente cervello intelligenza39 sostiene che i fenomeni mentali sono causati da processi che avvengono nel cervello e che, di conseguenza, i pensieri non sono eterei, ma fanno parte di un processo anche fisico. Searle rifiuta in modo netto sia la possibile riproduzione al calcolatore della mente umana – rifiuto che egli lega alla natura della coscienza, della conoscenza e dei contenuti semantici racchiusi nella mente umana –, sia il dualismo cartesiano mente-corpo. Searle in La mente40, interrogandosi sul rapporto tra aspetti neurofisiologico e neurobiologico in relazione alla coscienza e all’intenzione, afferma: «Non ci sono ragioni per cui un sistema fisico quale un organismo umano o animale non debba avere stati qualitativi, soggettivi e intenzionali. Di fatto, nella vita reale, lo studio dei sistemi percettivi e cognitivi costituisce esattamente l’ambito in cui la qualitatività, la soggettività, e l’intenzionalità originaria sono trattate come appartenenti al dominio delle scienze naturali e dunque al mondo fisico. La distinzione tra quantità e qualità, per inciso, è probabilmente fittizia. Non c’è alcune ragione metafisica per cui non si possa misurare, per esempio, il grado di dolore o della consapevolezza cosciente»41. L’intenzionalità è in qualche modo un’immagine speculare della coscienza42, pertanto le azioni umane non sono riconducibili in modo meccanico a elementi fisici, e quindi ai soli processi neurofisiologici. Searle è altamente consapevole che il problema cruciale è quello del libero arbitrio umano, non tanto sul piano teorico, quanto come spiegazione della possibile connessione tra lo stadio di conoscenza dei processi neurofisiologici e l’oggettiva percezione che ciascun individuo ha di esercitare la propria volontà. Nel contesto adottato non risulta possibile spiegare il dolore e la sua intensità unicamente con le modificazioni neurofisiologiche che esso comporta. Il dolore non è riconducibile a puri meccanismi fisici.

  • 43 Searle 1998: 72.

94Procedendo secondo questa via, il filosofo americano riconnette al ruolo della mente la spiegazione del perché il riduzionismo nelle scienze sociali non funziona e nelle scienze sociali convergono diversi aspetti dell’intenzionalità, derivanti dalla difficoltà di demarcare nettamente i confini della singola disciplina, di definirne con precisione gli ambiti d’indagine e di comprendere appieno le influenze derivanti da discipline attigue. Searle, proprio in riferimento alla disciplina economica, argomenta che questa «non può essere libera dalla storia o dal contesto»43.

5. La moneta come oggetto inintenzionale e la società come la somma di singoli individui

95Se, come sostiene Searle, la moneta è il prodotto di un’intenzionalità sociale, che ne rappresenta la condizione sufficiente e opera in modo tale che l’oggetto viene usato per le funzioni attribuitele, è necessario cercare di chiarire contestualmente i due termini: intenzionale e sociale. Entrambi sono stati, e sono, oggetto d’ interpretazioni difformi perché dipendono dal modo in cui ci si rapporta con il mondo in termini conoscitivi e pratici, dipendono dal modo in cui “guardiamo” il mondo, il sociale con noi dentro, e noi con il sociale fuori di noi.

96Risulta indispensabile per la comprensione dei nodi che ruotano intorno ai termini intenzionale e sociale compiere alcuni passi indietro, e partire dal modo in cui è stato inteso il processo cognitivo razionale e il comportamento razionale.

97Aristotele, come è noto, ha definito l’uomo un animale razionale, pertanto la razionalità è la caratteristica peculiare che rende l’umano umano. La razionalità è ciò che segna la differenza dal resto degli esseri viventi. Dal che deriva che la razionalità è una facoltà speciale, è una facoltà cognitiva, è una facoltà tra altre facoltà e rappresenta l’essenza del genere umano.

  • 44 Bubner 1976.
  • 45 Un punto di riferimento imprescindibile di questa posizione è Johnson-Laird 1983 e 1989.
  • 46 Horkheimer e Adorno 1947.

98La razionalità, così concepita, svolge due funzioni: da un lato coordina credenze e desideri e dall’altro controlla le emozioni. L’azione di coordinamento e controllo, compiuta dalla razionalità, fa sì che le azioni avvengano nel modo giusto e i comportamenti siano quelli corretti. L’uso della razionalità causa azioni giuste e corrette. Il rapporto causale rimanda alla causa come causa efficiente44. La razionalità o c’è o non c’è, non segue procedure ben identificate, non segue regole, ma esercita un’azione prevalentemente in forma inconscia. La razionalità è una facoltà che non può essere acquisita tramite esercizio, poiché per esercitarsi è necessario avere un manuale di regole da seguire45. In questo modello la razionalità è concepita come universale, unica e identica per tutti gli individui e, se esercitata correttamente, è tale da annullare i conflitti tra gli individui stessi, dato che questi sono causati da una razionalità debole. Tale potenza della razionalità è stata giudicata, giustamente, come pericolosa46, egemonica e opprimente, poiché essa rappresenta la capacità di controllo e di coordinamento su un’umanità che ha una volontà debole, avendo una facoltà razionale per lo più esercitata con debolezza.

  • 47 Uno dei primi lavori sistematici che ha cercato di collocare le problematiche legate alla ragione i (...)
  • 48 Amadei 2005, Damasio 2003, Rizzolatti e Sinigaglia 2006.

99Il mancato rapporto tra causa ed effetto desiderato, o tra intenzione e realizzazione della volontà è stato spiegato sostanzialmente in due modi: sul piano teoretico, con la non completezza delle informazioni che genera distorsioni in due elementi di partenza, le credenze e i desideri; sul piano pratico, con la debolezza della volontà. Cosicché il riconoscimento della limitatezza della razionalità, con la relativa dissoluzione del soggetto, sostenuto da filosofi come Nietzsche, Heidegger, Foucault e dai cosiddetti teorici del postmodernismo, ha generato e convalidato l’idea di un essere umano intrinsecamente debole. Ma l’idea di razionalità dipende dall’idea di mente che si ha in “testa47. I vincoli di razionalità sono insediati nella struttura della mente e più propriamente nella struttura dell’intenzionalità. Pertanto l’idea di razionalità è strettamente connessa con ciò che s’intende per intenzionalità. Inoltre le più recenti ricerche in campo neurofisiologica attestano che processi cognitivi sono strettamente connessi e “dipendenti” dai processi emozionali48.

  • 49 Simon 1983: 38.
  • 50 Putnam 1960. Successivamente Putnam ridimensiona notevolmente la propria posizione e dichiara che « (...)
  • 51 Tra gli studiosi si è raggiunto con una certa facilità un accordo sul termine computazionale, mentr (...)

100Ad esempio Herbert Simon49, sulla scia degli studi e delle affermazioni di Friedrich von Hayek, riconoscendo la problematicità del concetto di razionalità insito nel modello aristotelico-cartesiano, propone un’idea del pensiero quale mescolanza formale di simboli: il sistema nervoso umano è così concepito come un sistema inconscio di manipolazione fisico-simbolica, in analogia con le operazioni compiute da un elaboratore elettronico50. Dal che deriva che è possibile simulare processi cognitivi, data una positiva valutazione delle analogie nella risoluzione di problemi tramite calcoli computazionali usati sia dagli strumenti informatici sia dal cervello umano. I due termini cardine della proposta teorica di Simon sono computazionale e simbolico51: gli elaboratori elettronici riproducono processi che dagli esseri umani sono valutati come razionali, cosicché diventa ridondante indagare ulteriormente sia la natura sia la struttura del supporto che consente la manipolazione di elementi simbolici, di modo che risultano insignificanti le indagini sulla struttura neurale del cervello.

  • 52 Per una critica articolata all’immagine di mente computazionale e alle teorie cognitiviste si veda (...)

101Il cognitivismo, così inteso, rivela una natura riduzionistica52, dal momento che attribuisce alla mente una funzione prettamente computazionale, conferendo così un ruolo determinante alle rappresentazioni (conoscenza come pura epistemologia e totale assenza di elementi ontologici), privilegiando lo studio di aspetti cognitivi nello sviluppo dell’intelligenza umana a scapito delle emozioni o di fattori determinati dall’ambiente o dall’ evoluzione biologica (il contesto), e infine precludendo o trascurando aspetti derivanti da studi interdisciplinari.

  • 53 Questa tesi di Searle appare confermata dalle ricerche di Libet 2004.
  • 54 In un recente lavoro Dennett assume una posizione assai differente. Egli, in riferimento alla tesi (...)

102Il presupposto implicito delle tesi di Simon è l’assunto che tra credenze, desideri e atti razionali vi sia una relazione di tipo causale, di causalità efficiente. In realtà proprio lo spazio – ciò che Searle chiama la lacuna53 – tra credenza, desiderio e azione è lo spazio del libero arbitrio54. La razionalità non è una procedura attuata in base a regole o leggi. E, soprattutto, la razionalità non è una facoltà separata da altre facoltà. L’intenzionalità stessa incorpora già di per sé, costitutivamente e intrinsecamente, vincoli di razionalità. Le azioni implicano un coordinamento, e questo coordinamento è governato dai vincoli della razionalità. La debolezza della volontà non è, infine, altro che l’esercizio del libero arbitrio esercitato nella lacuna tra credenze, desideri e azioni: esercizio di scelta condizionato da ciò che Searle definisce lo sfondo, cioè il substrato biologico soggettivo e il contesto storico culturale nel quale il soggetto è cresciuto e inserito. Ne consegue che per formulare una corretta teoria della mente non si può prescindere dall’ambiente fisico-biologico, dalla struttura fisico-biologica ereditata, dal contesto sociale nel quale si vive e dal contesto socio-culturale nel quale si è inseriti. Tutto ciò mette in discussione una questione centrale: ci sono, infatti, miriadi di azioni quotidiane compiute sulla base di ragioni che non dipendono né da credenze né da desideri, come pagare il conto al ristorante, alzarsi la mattina a una certa ora per andare a lavorare, e così via, e che hanno un’intrinseca oggettività.

  • 55 Per Menger (1871,1884, 1892, 1909) moneta, prezzi, linguaggio, diritto, stato, religione sono in re (...)
  • 56 Hayek 1952.
  • 57 Ivi: 49.
  • 58 Nell’importante capitolo secondo de La società libera, Hayek argomenta che la causa della libertà è (...)

103Le posizioni filosofiche legate al concetto di razionalità limitata prendono avvio in modo organico e sistematico dalle riflessioni di Friedrich von Hayek. Per Hayek le scienze sociali teoriche trovano la loro ragion d’essere proprio nelle conseguenze inintenzionali che gli atti dei singoli individui producono sulla realtà, innestando così le proprie argomentazioni teoriche nella tradizione austriaca di Karl Menger e Ludwig von Mises55. La difficoltà derivante dalla possibilità di prevedere i comportamenti cagionati da azioni inintenzionali scaturisce da una causa ben specifica e affermata con forza da Hayek a partire dalla sua elaborazione del 1952 L’ordine sensoriale56: la diversa distribuzione della conoscenza nella società57 e nei limiti della ragione stessa58.

  • 59 Per un’analisi dei concetti di “ordine sociale” in Hayek si veda Moroni 2005.

104Nell’elaborazione teorica di Hayek assume un ruolo significativo l’indagine circa il modo in cui si possono comprendere le azioni individuali tendenti al perseguimento di fini soggettivi, e su come tali azioni possano produrre un ordine sociale59 che, in gran parte, risulta genesi involontaria del loro agire.

  • 60 Il filosofo Barry Smith (1986) analizza l’a priori nella scuola austriaca e rintraccia una continui (...)
  • 61 Per una critica a queste posizioni si veda il quarto capitolo intitolato Scienza economica e ignora (...)
  • 62 Valori e scopi devono poter essere soggetti a una critica che li valuti nella prospettiva del loro (...)

105Hayek formula in modo assai più complesso e articolato il presupposto epistemologico di Menger60 e di Mises che la conoscenza umana sia ineluttabilmente limitata e fallibile, cosicché valori e scopi dell’azione individuale e soggettiva – fondamento delle azioni umane e delle loro conseguenze sociali – non hanno in alcun modo un carattere oggettivo61. Il riconoscimento di un carattere non oggettivo a valori e scopi ha di mira non tanto una valutazione delle conseguenze immediate delle azioni, ma la possibilità stessa di prevederne le conseguenze future62.

  • 63 Hayek 1952: 57.

106Il secondo presupposto, strettamente connesso al primo, è che ogni azione umana orientata al raggiungimento di scopi individuali o collettivi è sottoposta al rischio di produrre effetti inintenzionali, il più delle volte imprevisti e valutati negativamente63.

  • 64 In una prospettiva diversa questa complessità era stata sottolineata da Joseph Schumpeter e da Oska (...)

107Hayek introduce esplicitamente la complessità delle motivazioni soggettive64 quale sinonimo di imprevedibilità del comportamento. Un’accezione che in qualche modo si contrappone alla tesi di Georg Simmel che indaga la complessità individuale in quanto ricchezza delle relazioni.

  • 65 Hayek 1952: 61
  • 66 Hayek partendo da tematiche kantiane prettamente legate all’epistemologia disconosce la possibilità (...)
  • 67 Hayek 1952: 61.

108All’individualismo metodologico, Hayek oppone il collettivismo metodologico che individua delle realtà sostanziali, oggettive, dei concetti collettivi. Pertanto il collettivismo metodologico non è altro che un realismo ingenuo65, poiché tratta come oggetti reali, quasi avessero uno statuto ontologico, quelli che invece sono costrutti mentali66, concetti. Una siffatta convinzione, diffusa e radicata, è dovuta anche al fatto che «l’esistenza, nell’uso corrente, di termini come “società” o “economia” è ingenuamente considerata come prova evidente dell’effettiva esistenza di determinati “oggetti” che a quei termini concretamente corrispondono»67.

  • 68 Ivi: 62.
  • 69 Searle 2001: 51.
  • 70 Si veda anche Searle 1995.

109Per Hayek dai vizi privati possono scaturire pubblici benefici68. Pertanto cartesiani, illuministi e positivisti sono stati costruttivisti: non hanno usato la ragione, ma ne hanno abusato. Le considerazioni di Hayek sui limiti della ragione trovano fondamento nella sua teoria della mente. Il caso di Hayek rientra pienamente in quella “gran confusione” di cui parla Searle69 a proposito delle nozioni di oggettività e del conflitto tra oggettività e soggettività. Hayek è alla ricerca di verità scientifiche “oggettive”, ma non distingue nettamente, da un lato, tra oggettività e soggettività ontologica, e dall’altro, tra oggettività e soggettività epistemica70.

  • 71 Il concetto di lacuna e apparente contraddittorietà di due intenzioni, entrambe mosse da razionalit (...)
  • 72 John Elster adotta il termine “controfinalità” per esprime la distanza tra possibile ed effettivo, (...)

110Una seconda questione concernente il pensiero di Hayek è che egli rimane prigioniero di un concetto di ragione unificante – ragione teorica e ragione pratica – o, almeno, del fatto che esse debbano coincidere. Il rifiuto di Hayek di considerare la ragione onnipotente lo induce, correttamente, a mettere in discussione la relazione fra razionalità-intenzionalità, trasformandola in irrazionalità-inintenzionalità. Le lacune71 tra gli atti razionali e gli atti intenzionali non vengono minimamente prese in esame. La concezione di razionalità è fondata sul ruolo vincolante della relazione causa- effetto. Hayek, non riuscendo a riformulare il concetto di azione razionale, è costretto ad ammettere che venendo meno la razionalità di un’azione viene meno anche l’intenzionalità della stessa72.

  • 73 Per un’analisi del rapporto intenzionalità-ragione in Aristotele vedere Aristotele: la fragilità de (...)
  • 74 Hayek 1952: 123.

111Per Hayek il riferimento teorico è a un modello di ragione pratica che ha percorso la storia della filosofia a partire da Aristotele73, cosicché Conoscenza e coscienza, in questa fase del suo pensiero, appaiono strettamente connesse74.

  • 75 Nagel 1952: 560-565.

112Nelle scienze sociali il metodo esplicativo primario di conoscenza è dato dall’introspezione, un metodo proposto da Wundt e non applicato da Brentano, ma che verrà successivamente ridimensionato da Hayek per rispondere all’obiezione che esistono individui, e di conseguenza menti, assai diversi tra loro75. Ragion per cui risulta assai difficile prevedere comportamenti collettivi sulla base di analogie tra una persona e l’altra. È a seguito di questo ridimensionamento che prende vigore la tesi della complessità, precedentemente descritta.

  • 76 Efficace termine di cui siamo debitori a Rizzello 1997: 54-55.

113Per sua stessa ammissione, fin dal 1914, Hayek elabora una psicologia che contempla il passaggio dal concetto di sostanza al concetto di funzione. Le qualità che noi attribuiamo agli oggetti esperiti non sono affatto proprietà degli oggetti stessi ma rappresentano piuttosto un complesso di relazioni in base alle quali il nostro sistema nervoso li classifica. In altre parole, tutto ciò che conosciamo del mondo esterno è di natura teoretica. Ogni percezione sensoriale è necessariamente astratta, in quanto seleziona sempre certi aspetti o caratteristiche di una data situazione. Non si danno oggetti permanenti o stabili di conoscenza, ma soltanto modi di conoscere oggettivamente, cioè si dà solo epistemologia oggettiva, e persino i modi di conoscere oggettivamente non sono stabili, o sono soltanto relativamente stabili, poiché le stesse modalità del conoscere sono soggette a modificazioni. Assumono importanza le caratteristiche dell’ambiente in cui viene a costituirsi l’apparato di classificazione o di ordinamento della conoscenza sia durante la vita dell’individuo sia nel corso dello sviluppo filogenetico e l’esperienza precede e modifica la percezione. Avviene costantemente un processo di feedback76 tra percezione e azione e tra adattamento e conoscenza.

114Preoccupazione fondamentale di questa concezione della mente è trovare un principio unitario, seppur complesso, che renda certa la conoscenza, pur mantenendo fermo l’assunto che il comportamento individuale è imprevedibile.

  • 77 Damasio 1994, 1999, 2003; Amadei 2005; Soresi 2005. I neurologi e i neuroscienziati citati dimostra (...)
  • 78 Nussbaum 2001.

115Le attuali ricerche in campo neurofisiologico77 vanno in realtà in una direzione molto diversa da quella proposta da Hayek. Hayek parte dalle percezioni, gli attuali studi neurofisiologici prendono in esame come elemento fondamentale dello sviluppo intellettivo le emozioni. E anche in ambito filosofico le ricerche scientifiche valorizzano le emozioni come fondanti del processo cognitivo78.

  • 79 Edelman 2004 (questa ipotesi era già presente in Edelman 1992).
  • 80 Ivi: 118.
  • 81 Ivi: 104.
  • 82 Ibidem.

116Rimane centrale l’intuizione di Hayek che la complessità dell’agire umano vada ricercata nell’intreccio tra neurofisiologia, neurobiologia, neuropsichiatria, un’intuizione largamente confermata dagli studi più recenti e in particolare dai lavori di Gerald Edelman79. Mostrare che le funzioni del cervello, così come la sua struttura, dipendono dal contesto e dalla storia, e non da funzioni localizzate e da memorie fisse, è quanto si propone di dimostrare la teoria di Edelman della selezione dei gruppi neuronali. Edelman ha sviluppato una teoria scientifica della coscienza basata sul principio generale darwiniano della selezione dei gruppi neurotici tsgn (teoria della selezione dei gruppi neuronali)80. Su questa base Edelman definisce l’intenzionalità come la “natura informativa degli stati che sottendono la coscienza”81. L’ intenzionalità è una sorta di proprietà informativa della coscienza82.

  • 83 Mayr 1980, 1982, 1991.
  • 84 Ci riferiamo al fatto che questa posizione non ha nulla a che fare con il riduzionismo biologico sv (...)
  • 85 Dennett 1995. Dennett utilizza espressamente il termine “ingegneria biologica”.
  • 86 Lewontin 1985.
  • 87 Kanizsa 1980.

117La ricerca in campo neurobiologico e neurofisiologico di Edelman è inserita in una visione del processo evolutivo che si fonda sul principio popolazione di Ernst Mayr83. Edelman stesso vi ricorre sempre in modo esplicito, cosicché la sua proposta non è assimilabile alle tesi riduzionistiche di Dawinks84 o di Dennet85. Edelman nelle sue ricerche tiene infatti in gran considerazione i principi di riconfigurazione e di interazione tra organismo e ambiente, tra specie e ambiente, tra deme e ambiente, sviluppati in particolare da Richard Lewontin86, di cui adotta anche l’accezione di fitness. Infine Edelman fa ampiamente ricorso, per mostrare la dipendenza della percezione dal contesto, a esempi di fenomenologia delle illusioni sensoriali, con esplicito riferimento ai lavori di Kanizsa87.

118Ritornando a Hayek, possiamo affermare che egli ha avuto l’indubbio merito di insinuare il dubbio su uno specifico modello di razionalità astratta e pratica, dal quale però non si è sostanzialmente distaccato, poiché il processo cognitivologico è rimasto dominante e quale indicatore dell’intelligenza umana. Non di meno Hayek è il precursore a tutti gli effetti della Rational Choice Theory.

  • 88 Thom 1972.
  • 89 Neumann e Morgenstern 1944.
  • 90 Simon 1955, 1958; March e Simon 1966; Simon 1983.
  • 91 Cyert e March 1956, 1963, 1964.

119Proprio grazie a questo dubbio che la disciplina economica, anche valorizzando in modo differente gli apporti provenienti dalla matematica, ha sviluppato una nuova sensibilità verso metodologie e contenuti teorici differenti. Le teorie che qui di seguito elenchiamo presuppongono tutte una concezione della razionalità di stampo aristotelico-cartesiano e cercano di circoscriverne, di definirne i limiti e di inglobare questo “nuovo” tipo di razionalità in formulazioni matematiche, geometriche, econometriche o sociometriche: 1. La teoria delle catastrofi di René Thom88; 2. La teoria dei giochi di John von Neumann e Oskar Morgenstern89; 3. Il principio di razionalità limitata sviluppato da John C. March e Herbert A. Simon90; 4. La teoria del processo adattativo di Richard Cyert e John March91.

  • 92 Mandelbrot e Hudson 2004.

120Uno sviluppo teorico, parzialmente diverso, frutto di un’originalità intrinseca, è dato dalla teoria dei frattali sviluppata da Benoit B. Mandelbrot92. I presupposti che la teoria dei frattali mette in discussione sono tre: a) l’homo oeconomicus non è razionale e non è interessato unicamente al proprio tornaconto; b) la variazione dei prezzi non segue la curva a campana; c) le variazioni dei prezzi non sono, per usare la definizione degli statistici, variabili indipendenti e identicamente distribuite, così come in una partita a testa e croce il lancio di una moneta non è condizionato dal lancio precedente.

6. La società come relazione inintenzionale e come totalità intenzionale

  • 93 Searle 1995: 4.

121Afferma Searle nell’Introduzione alla Costruzione della realtà sociale: «Noi abbiamo un grande debito con i grandi filosofi-sociologi del xix secolo e dell’inizio del xx – penso a Weber, Simmel e Durkheim – ma dalla frequentazione che ho della loro opera mi sembra che essi non fossero nella posizione di rispondere alle domande che per me sono problematiche, dal momento che essi non avevano gli strumenti necessari. Ciò significa che, senza addebitare loro nessuna colpa, essi erano privi di una teoria adeguata degli atti linguistici, dei performativi, dell’intenzionalità collettiva, del comportamento regolato da regole ecc»93.

122Riteniamo che gran parte dell’elaborazione di Searle nasca da molte delle riflessioni sviluppate dai tre studiosi in esame. Da Simmel, Searle elabora l’idea che le relazioni sociali si fondino su un atto intenzionale: il desiderio. Per Simmel il desiderio era relegato all’interno di una visione psicologica e di un pensiero filosofico di matrice kantiana, connessa a una questione epistemologica. Searle trasferisce questa intuizione su base ontologica. Per Searle, solo a seguito di un atto intenzionale può avvenire una qualche valutazione dell’oggetto stesso, sia esso oggetto fisico o oggetto sociale. D’un sol colpo egli cancella le teorie che vorrebbero fondare la realtà sociale sulla base del valore: da Ricardo a Sraffa, passando per Marx.

  • 94 Davies 2005.

123Il simboleggiare, il significare, sono il risultato di processi mentali, partecipano della rappresentazione della realtà, di quella produzione che ha una natura epistemologica. Come è possibile fondare ontologicamente simboli e significati, come riconnettere un universale a un particolare? La difficoltà può essere superata unicamente riconducendo il simbolo e il significato a una qualche materialità, a una relazione type – token (tipi e gettoni)94. Ciò che può essere creato è un token, ma un type deve o pre-esistere o esistere nel momento in cui ci sono almeno due token che si riferiscono a un type. Rimane la questione del grado e della caratteristica assunta da questa materialità.

  • 95 Coulter 1989: 143.
  • 96 A supporto della tesi di Searle pensiamo di dover richiamare qui, brevemente, anche la teoria della (...)

124La sociologia si è mossa prevalentemente all’interno o del paradigma weberiano, che pone al centro dell’analisi sociologica l’azione dotata di senso, o del modello durkheimiano che considera i fatti sociali come cose. Possiamo prendere come esempio della prima corrente, che sviluppa una teoria della conoscenza sociologica a carattere prettamente epistemico, Jeff coulter, le cui categorie concettuali, nettamente antirealiste, hanno come bersaglio esplicito la dottrina di Searle95. Di contro, la posizione di Durkheim costituisce la base per quella visione ontologica del sociale di cui John Searle è l’esponente di spicco, se non l’unico96.

  • 97 Bratman 1992. Ed è in questa direzione che vanno le ricerche riportate in Rizzolatti e Sinigaglia 2 (...)

125L’analisi di Simmel, che interpreta le relazioni anche come espansione dalla diade alla triade, si muove in una dimensione autonoma rispetto a queste due, pur non riuscendo a fondare un’oggettività della realtà sociale. Alle elaborazioni di Simmel si avvicina la posizione di Michael E. Bratman secondo cui la società è costituita da una base comune cognitiva dell’individuo che risulta in grado di “leggere” l’intenzione dell’altro individuo, ma il coordinamento delle reciproche intenzioni avviene sulla base di uno scopo comune97. Non siamo in presenza di una teoria dell’intenzionalità debole, bensì di un’intersoggettività.

  • 98 Searle 1995: 36.

126La differenza sostanziale tra queste teorie sta nel pronome: l’intenzionalità individuale parte dal pronome “io”; l’intersoggettività, la relazione, continua a partire dal pronome “io” ma si estende al pronome “tu”; l’intenzionalità sociale parte dal pronome “noi”98 e interagisce con il pronome “noi”.

  • 99 Simmel 1894: 12.
  • 100 Simmel 1894: 9.

127In Simmel il rapporto individuo-società non è posto in termini dicotomici. Al centro di una rete fitta di relazioni e di comunicazioni sociali vi è l’individuo che, pertanto, risulta essere costruito socialmente. Il libero arbitrio dell’individuo non è ontologicamente fondato, ma si alimenta dalla possibilità di muoversi nel tessuto complesso di una società sempre più differenziata. Per converso, la società non è un ente che si erge in contrapposizione99 agli individui che la compongono, non essendo altro che la somma di tutte le reti di relazioni. Individui e società sono costruiti con lo stesso materiale100.

  • 101 Durkheim 1900.

128Simmel si poneva così in aperto contrasto con Emile Durkheim che in un suo saggio del 1900101 si preoccupa di rispondere soprattutto alle tesi esposte in Il problema della sociologia e in Come si conservano le forme sociali. A sua volta, la replica di Simmel in Come è possibile la società? rappresenta un’indiretta risposta a Durkheim, il quale propugna una sociologia come scienza della totalità cosale, ricostruibile mediante leggi universali.

129Per Simmel sono i fattori che costituiscono la differenza a rendere comprensibile l’innumerevole variare delle mescolanze individuali.

130Nella teoria di Searle sugli oggetti sociali il debito verso Durkheim è quello più significativo e mostra più che mai l’attualità delle tesi sviluppate dal sociologo francese a cavallo del xx secolo. E, invero, un’assonanza di contenuti e una certa corrispondenza terminologica accomunano le tesi di Searle sull’intenzionalità sociale all’idea di coscienza collettiva sviluppata da Durkheim. Soprattutto, entrambi riconoscono una natura ontologica ai fatti sociali. Alcune debolezze riscontrabili nel pensiero di Durkheim si riflettono anche nelle difficoltà teoriche di Searle.

  • 102 Come Comte e Rousseau è un moralista.
  • 103 Durkheim conosce assai bene gli scritti di Kant e ne Il suicidio (Durkheim 1895a) lo cita continuam (...)

131Durkheim si è proposto di costruire una teoria sociologica razionalmente chiara, empiricamente dimostrabile e moralmente obbligante102. La sociologia come scienza, avendo il fine di riferirsi a una realtà obiettiva, deve essere empiricamente dimostrabile. Per Durkheim il sociale non è una semplice ipotesi, ma una realtà che nel suo operare deve essere resa manifesta dall’indagine empirica. La ricerca empirica non deve rinvenire la realtà, essa è; non deve scoprire quale influenza esercitino i fattori sociali sul comportamento degli uomini, bensì dedurre questo comportamento dai fattori sociali103. Ne consegue che Durkheim pone la problematica sociologica sul piano dell’ontologia, cercando di chiarire il nesso tra ontologia ed epistemologia oggettiva dei fatti sociali.

  • 104 Durkheim 1895b: 47.
  • 105 Durkheim 1900.
  • 106 Durkheim collega il valore economico al mana. Durkheim 1912: 417.

132La socializzazione104 non si basa sull’interesse individuale – come avevano tentato di spiegare la filosofia morale inglese, Kant e Hegel – essa è piuttosto un condizionamento che l’individuo subisce, è un fatto endogeno. Secondo Durkheim il compito della sociologia è illustrare il dispiegarsi di questo condizionamento. Egli è un dualista radicale che respinge la tradizione di Hume e Kant legata alla conoscenza. Egli osserva che la sociologia esiste come scienza solo perché il sociale è un oggetto autonomo della conoscenza, chiaramente delimitabile rispetto a ciò che è individuale105. Per Durkheim la vita umana si sviluppa intorno a due centri: la singola individualità che rappresenta il profano, e la dimensione sociale che rappresenta il sacro. Si negherebbe la sociologia in quanto scienza se si dicesse che è composta da individui. Le categorie del pensiero derivano dall’organizzazione della società, l’idea di tempo deriva dal “tempo sociale”, così come lo spazio promana dallo “spazio sociale”106.

  • 107 Durkheim 1895b: 95.
  • 108 Ivi: 103.
  • 109 Durkheim 1902: 333.

133A detta di Durkheim ci sono domande funzionalistiche e spiegazioni causali107. Ne consegue che la forma sociale, sebbene abbia le sue radici nella normatività biopsichica degli individui, rappresenta però un nuovo livello del reale, che sta a indicare una totalità irriducibile all’esistenza delle singole parti di cui essa si compone. I fenomeni sociali non possono spiegarsi con il ricorso a caratteristiche biologiche o psicologiche degli individui108. La realtà biologica rappresenta dunque la parte statica, non modificabile o poco variabile, dell’uomo, di contro alla capacità di trasformazione e di adattamento della parte sociale, alla sua plasticità, che è, sostiene Durkheim, la vera natura dell’uomo109.

134Malleabile, per Durkheim, è la dimensione psichica dell’uomo che talora è agganciata allo strato organico, talaltra, in quanto reputata dipendere dall’azione sociale, è definita come prodotto di questa azione. Nel primo caso, lo psichico, pressoché indistinguibile dall’organico, contribuisce con questo alla formazione e alla definizione dell’individualità umana, vale a dire di quell’elemento che caratterizza in maniera inequivocabile ogni uomo. Nel secondo caso, invece, la dimensione psichica rimane una dimensione generica, che assume significato attraverso la correlazione intrattenuta con il sociale.

135Per Durkheim tutto ciò che non è riconducibile al biologico deve essere ricondotto al sociale.

  • 110 Il fatto sociale non può essere spiegato con quanto è conosciuto a livello dell’organismo biologico (...)
  • 111 Il sociale è oggettività mentre lo psichico è soggettività. L’oggettivo si connette a un’essenza i (...)
  • 112 «Se sono alla fine diventato sociologo […] è soprattutto per mettere un punto conclusivo a questi e (...)

136Durkheim opera una scelta metodologica di tipo antiriduzionista: i fatti sociali non sono determinati da cause biologiche, psicologiche economiche110. La spiegazione dei fatti sociali non può essere ricondotta a pure motivazioni personali, psicologiche, degli individui che vi prendono parte e che, anzi, subiscono il fatto sociale stesso. In Durkheim il sociale è trasportato all’interno dell’individuo. La generalità di molti fatti sociali dimostra non la loro natura psichica111 – in quanto reali solo perché presenti nella mente di tutti – ma l’esatto opposto. È proprio perché certi fatti sociali sono reali che essi riflettono nelle menti di tutti o di molti. In altri termini, un fatto o fenomeno sociale non è collettivo in quanto generale, ma è generale in quanto collettivo. La diffusione di un fatto sociale è perciò non la causa, ma la conseguenza del suo carattere sociale. Il fatto sociale è, come già riconobbe Adam Smith, «the man within», la coscienza collettiva112 nella coscienza individuale.

  • 113 Durkheim studia le opere dei principali studiosi della psicologia sperimentale, restando soprattutt (...)

137Durkheim fonda la propria concezione di coscienza collettiva su basi morali. Il riferimento imprescindibile sono le affermazioni del maggior psicologo dell’epoca, Wilhelm Wundt113, secondo cui la realtà sociale è indipendente dal singolo e i calcoli e le motivazioni individuali sono inutili nella spiegazione dei fatti sociali. I fenomeni collettivi per Wundt non esistono al di fuori della mente umana.

  • 114 Una teoria della mente che si fondi su basi scientifiche deve essere in grado di spiegare l’intenzi (...)

138Wilhelm Wundt è stato il patrocinatore di una psicologia parzialmente antitetica a quella di Franz Brentano. L’attenzione che Brentano ha posto sull’intenzionalità – la direzione verso un oggetto – quale aspetto essenziale dei fenomeni psichici del credere, del desiderare e del percepire, lo induce a fondare una nuova versione del dualismo cartesiano mente-corpo114. Brentano pone al centro della riflessione psicologica la dimensione fenomenologica dell’esperienza: si tratta di fenomeni assai complessi e di grado elevato, legati all’attività intenzionale, cioè a intenzioni, scopi e progetti dell’individuo. Di converso, Wundt appartiene culturalmente allo spirito positivista, per cui egli tende a privilegiare una psicologia che scompone la vita psichica nei suoi elementi costitutivi così da sostenere la necessità di una puntuale osservazione interiore per chi voglia studiare scientificamente le caratteristiche dei singoli atti psichici. L’introspezione quale metodo privilegiato di lavoro avrebbe dovuto essere adottabile anche con l’approccio proposto da Brentano. Ma questi rivolge la propria attenzione principalmente alla qualità fenomenologica dell’attività psichica cosciente, sottolineando la facilità con cui questa qualità può modificarsi in situazioni “innaturali” e tralasciando il metodo introspettivo. Egli privilegia così una ricerca psicologica basata su una percezione interiore naturale, immediata e indiretta dei vissuti fenomenologici. Questa impostazione brentaniana non è compatibile con la ricerca sperimentale di laboratorio.

139Wundt propugna e fonda una psicologia scientifica utilizzando una metodologia che insiste sul controllo e sulla quantificazione delle esperienze psichiche esaminate in laboratorio. La qual cosa obbliga a considerare e a privilegiare fenomeni sensoriali e percettivi molto semplici, cosicché l’introspezione diventa il metodo privilegiato. Il metodo proposto da Wundt comporta la necessità di fornire riscontri oggettivi della vita psichica indagata. Non è un caso che proprio da un allievo di Wundt, Edward Titchener, prenda avvio la scuola psicologica strutturalista, che si propone di ricondurre la struttura mentale ai suoi elementi semplici, e parimenti non è casuale che da Durkheim abbia origine quella parte della filosofia definita strutturalismo.

  • 115 Wundt 1986: 253-254; Durkheim 1912: 101-102.

140Le posizioni di Searle sull’intenzionalità individuale e sull’intenzionalità collettiva risentono della doppia influenza metodologica: da un lato la fenomenologia di Brentano, dall’altro la psicologia scientifica di Wundt con la relativa trasposizione sul piano sociale delle posizioni di Wundt operata da Durkheim. Al punto che sulla coscienza collettiva è sostanzialmente riproposto da Durkheim in un’effettiva omogeneità dei contenuti ne La divisione del lavoro sociale115.

  • 116 Durkheim 1912: 146-147.
  • 117 Ivi:183.

141La coscienza collettiva è rigorosamente definita come un insieme di credenze e di sentimenti, condivisi dai membri della società costituitasi su base etica116. Lo sviluppo dell’individualismo è un fenomeno inevitabilmente concomitante con l’espansione della divisione del lavoro; e l’individualismo può svilupparsi solo a spese dell’intensità delle credenze e dei sentimenti comuni117.

  • 118 Durkheim 1895b: 44.
  • 119 Ivi: 45.

142I fatti sociali dovrebbero, invece, essere considerati come cose: «I fenomeni sociali sono cose e devono venire trattati come cose»118. I fatti sociali costituiscono dei dati per quanto riguarda l’agire e il pensare degli individui stessi. Pertanto i fatti sociali non sono semplicemente là, non sono solo posti, essi esercitano anche una pressione sull’azione, impongono delle differenze rispetto ai modi in cui l’azione si svolgerebbe se quei fatti non esistessero. L’agire nel suo dispiegarsi, incontra i fatti sociali come una sorta di resistenza, che a sua volta resiste119. I fatti sociali costituiscono non solo un vincolo, ma anche una compulsione.

  • 120 Ivi: 17. La coercizione non è l’essenza del fatto sociale, è solo il rapporto dominante che questi (...)

143Nella Prefazione alla seconda edizione de Le regole Durkheim sostiene che i fatti sociali possiedono un “potere coercitivo” sugli individui, e cioè che esercitano sulle coscienze individuali un dominio120.

  • 121 Ivi: 26.
  • 122 Ivi: seconda Prefazione.

144I fenomeni sociali si inscrivono nella realtà materiale unicamente grazie all’agire di altri fenomeni121, che, pur essendo a loro volta simili a cose, sono però “estremamente immateriali”, cioè i modi di agire e di pensare122. I modi di agire (la moneta agisce come oggetto sociale) e di pensare (il denaro agisce come concetto ontologico e normativo) sono i fatti sociali per eccellenza, sono gli elementi costituitivi delle istituzioni stesse: vale a dire sono l’insieme di quelle credenze e pratiche relative a un determinato ambito della realtà sociale che, cristallizzatesi, s’impongono agli individui.

145In analogia con quanto accade per gli oggetti sociali, anche in questo caso c’è un atto che li costituisce, ed è in base a un’intenzionalità che essi prendono corpo, un corpo che ha una sua fisicità come riferimento.

146Ed ecco la teoria di Searle raccontata quasi cento anni prima! Ovviamente in un contesto diverso e con una terminologia solo parzialmente diversa e ancora intrisa di idealismo.

147Durkheim, nel cercare di spiegare anche i mutamenti sociali, fa appello a modalità di pensiero e a sentimenti che si impongono agli individui, informandone la condotta, senza aver raggiunto lo stato di istituzioni. Pensieri e sentimenti operano come “correnti sociali” e nel tempo possono sostituire modi di agire consolidato e routine comportamentali. Questo spiega la sostituzione di abitudini consolidate con modelli diversi. Ma questi modelli sono a loro volta imposti e sanzionati e si trovano in relazione con fatti sociali già istituzionalizzati, con modi di agire e pensare consolidati. I nuovi modi di agire e pensare, come nel caso dei vecchi modi, si rapportano alle caratteristiche morfologiche già presenti in una determinata società.

  • 123 Durkheim 1914: 347.
  • 124 Durkheim 1895: 19.

148I fatti sociali sono per Durkheim a tutti gli effetti cose, ma non delle «cose materiali; essi sono di natura espressamente mentale: sono costituiti da “rappresentazioni”»123. In quanto tali, esercitano sulle menti umane una particolare pressione, di natura immateriale124. Questa argomentazione di Durkheim corrisponde sostanzialmente al processo simbolico descritto da Searle rispetto agli oggetti sociali e in particolare per il denaro.

149Ha origine qui l’oscillazione tra livello ontologico e livello epistemologico evidente in Searle relativamente all’intenzionalità collettiva legata agli oggetti sociali.

  • 125 Mead 1930: 199 n. 17.

150Esiste sì un cervello quale condizione “naturale” al quale bisogna sempre ricollegarsi per spiegare in maniera plausibile la mente, ma ciò significa soltanto mettere in luce come la mente rappresenti un’esperienza affiorante, che nasce nell’ambito del processo sociale, attraverso le esperienze di interazione tra cervello e contesto sociale125.

  • 126 Per una idea della plasticità del cervello riconducibile al computazionismo si veda Penrose 1992

151Il cardine sta nella plasticità126 del cervello.

Torna su

Bibliografia

Amadei, G.

2005, Come si ammala la mente, Bologna, il Mulino

Anscombe, E.

1957, Intention, Proceedings of Aristotelian Society

1958, On Brute Facts, “Analysis”, 18, 3

Aristotele

2003, Etica Nicomachea, Milano, Bompiani

2003 Politica, Milano, Rizzoli

Boudon, R.

1998, Relativisme, modernité et sciences humaines in Il denaro nella cultura moderna, Roma, Bulzoni

Bratman, M.E.

1992, Share cooperative activity, “The Philosofical Review”, 101

Brentano, F.

1874-1924, Psychologie vom empirischen Standpunkt; La psicologia del punto di vista empirico, tr. it., Bari, Laterza, 1997

Bubner, R.

1976, Handlung, Sprache und Vernunft. Grundbegriffe praktischer Philosophie; Azione, linguaggio, ragione, tr. it., Bologna, il Mulino, 1985

Colombini, F.

2004, Il senso della mente. Per una critica del cognitivismo, Torino, Bollati Boringhieri

Coulter, J.

1989, Mind in Action; Mente conoscenza società, tr.it., Bologna, il Mulino, 2002

Cyert, R.M., March, J.G.

1956, Observation of a Business Decision, “Journal of Business”, 29

1963, A Behavioral Theory of the Firm, Englewood cliffs (nj), Prentice-Hall

1964, The Behavioral Theory of the Firm: a Behavioral Science in W.W. Cooper, H.J. Leavitt e M.W. Shelly (a c. di), New Perspectives in Organization Research, New York, Wiley

Dacrema, P.

2003, La morte del denaro, Milano, Marinotti

Damasio, A.R.

1994, Descartes’ Error. Emotion, Reason, and the Human Brain; L’errore di Cartesio. Emozione, ragione e cervello umano, tr. it., Milano, Adelphi, 1997

1999, The Feeling of What Happens. Body and Emotion in the Making of Consciousness; Emozione e coscienza, tr. it., Milano, Adelphi, 2000

2003, Looking for Spinoza. Joy, Sorrow, and the Feeling Brain; Alla ricerca di Spinosa. Emozioni, sentimenti e cervello, tr. it., Milano, Adelphi

Davies, R.

2005, Tipi e gettoni: i limiti del nominalismo e gli oggetti della proprietà intellettuale, relazione presentata al corso di filosofia Teoretica, facoltà di Lettere e filosofia, Università degli Studi di Torino

Dawkins, R.

1976, The Selfish Gene; Il gene egoista. La parte immortale di ogni essere, tr. it., Milano, Mondadori, 1995

1982, The Extended Phenotype; Il fenotipo esteso, tr. it., Bologna, Zanichelli, 1986

1986, The Blind Watchmaker; L’orologiaio cieco. Creazione o evoluzione?, tr. it., Milano, Rizzoli, 1988

2003, A Devil’s Chaplain; Il cappellano del diavolo; tr. it., Milano, Raffaello Cortina, 2004

De Soto, H.

2000, The Mystery of Capital; Il mistero del capitale, tr. it., Milano, Garzanti, 2001

Dennett, D.C.

1978, Brainstorms: Philosophical Essay on Mind and Phicology; Brainstorms. Saggi filosofici sulla mente e la psicologia, tr. it., Milano, Adelphi, 1991

1995, Darwin’s dangerous idea. Evolution and the maening of life; L’idea pericolosa di Darwin. L’evoluzione e i significati della vita, tr. it., Torino, Bollati Boringhieri, 2004

2003, Freedom Evolves; L’evoluzione della libertà, tr. it., Milano, Raffaello cortina, 2004

Derrida, J.

1962, Introduction et traduction à L’origine de la géometrie; L’origine della geometria, tr. it., Milano, Jaca Book, 1987

1967a, De la grammatologie; Della grammatologia, tr. it., Milano, Jaca Book, 1969

1967b, La voix et le phénomène; La voce e il fenomeno, tr. it., Milano, Jaca Book, 2001

Durkheim, E.

1895a, Le Suicide;Il suicidio, tr. it., Torino, Utet, 1998

1895b, Les règles de la méthode sociologique; Le regole del metodo sociologico. Sociologia e filosofia, tr. it., Torino, Edizioni Comunità, 1986

1900, La sociologia ed il suo dominio in G. Simmel, Il conflitto della cultura moderna e altri saggi, Roma, Bulzoni, 1976

1912, Les formes élémentaires de la vie religieuse; Le forme elementari della vita religiosa, tr. it., Roma, Meltemi, 2005

1914, Il dualismo della natura umana e le sue condizioni sociali in La science sociale et l’action, La scienza sociale e l’azione, tr. it., Milano, il Saggiatore, 1972

Edelman, G.M.

2004, Wider Than the Sky. The Phenomenal Gift of Consciousnes; Più grande del cielo.

Lo straordinario dono fenomenico della coscienza, tr. it., Torino, Einaudi

Elster, J.

1978, Logic and Society. Contradictions and Possible Worlds, New York, Wiley

Ferraris, M.

2003, Oggetti sociali, “Sistemi intelligenti”, 3

2005, Dove sei? Ontologia del telefonino, Milano, Bompiani – 2007, Sans papier. Ontologia dell’attualità, Roma, Castelvecchi

Firth, R.

1973, Symbols, Public and Private; I simboli e le mode, tr. it., Roma-Bari, Laterza, 1977

Fisher, I.

1892, Mathematical Investigations in the Theory of Value and Prices, New York, 1935

1896, Appreciation and Interest, New York, 1935

1911, The Purchasing Power of Money: Its determination and relation to credit, interest and crises, New York, 1935

1928, The Money Illusion, New York, 1935 – 1930, The Theory of Interest, New York, 1935

Fodor, J.A.

1980, Methodological Solipsism Considered as a Research Strategy in Cognitive Psycology; Il solipsismo metodologico come una strategia di ricerca nella psicologia cognitiva in H.J., Intelligenza Artificiale. Il significato di un’idea, tr. it., Torino, Bollati Boringhieri, 1985

1983, The Modularity of Mind; La mente modulare, tr. it., Bologna, il Mulino, 1988

Gernet, L.

1955, Droit et institutions en Grèce antique; Diritto e civiltà nella Grecia antica, tr. it., Firenze, La Nuova Italia, 2000

1967, Anthropologie de la Grèce antique; La famiglia nella Grecia antica, tr. it., Roma, Manifestolibri, 1997

1968, Anthropologie de la Grèce antique; Antropologia della Grecia antica, tr. it., Milano, Mondadori, 1983

Godelier, M.

1970, La monnaie de sel; La moneta di sale, Milano, Lampugnani Nigri, 1970

Hayek, F.A.

1952, The Sensory Order: An Inquiry into the Foundations of Theoretical Psycology; L’ordine sensoriale. I fondamenti della psicologia teorica, tr. it., Milano, Rusconi, 1990 – 1960, The Constitution of Liberty; La società libera, tr. it., Roma, Seam, 1999

Horkheimer, M., Adorno, T.W.

1947, Dialetik der Aufklärung. Philosophische Fragmente; Dialettica dell’illuminismo, tr. it., Torino, Einaudi, 1966

Hosek, W.R., Zahn, F.

1982, Monetary Theory, Policy, and Finacial Markets; Teoria e politica monetaria e mercati finanziari, tr. it., Milano, Franco Angeli, 1984

Hume, D.

1752, Sulla moneta in Political Discourses; Discorsi politici, tr. it., Torino, Bollati Boringhieri, 1963

Johnson-Laird, P.N.

1983, Mental Models: Toward a Cognitive Science of Language; Modelli mentali; tr. it., Bologna, il Mulino, 1988

1989, Pensiero e modelli mentali in Mente umana e mente artificiale, Milano, Feltrinelli, 1989

Kane, R.

1996, The Significance of Free Will, New York, Oxford University Press

Kanizsa, G.

1980, Grammatica del vedere. Saggi su percezione e gestalt, Bologna, il Mulino

Kant, I.

1797, Die Metaphysik der Sitten; Metafisica dei costumi, tr. it., Roma-Bari, Laterza, 2004

Keynes, J.M.

1923, A Tract on Monetary Reform; La riforma monetaria, tr. it., Milano, Feltrinelli, 1975

1930, A Treatise on Money; Trattato della moneta, tr. it., Milano, Feltrinelli, 1979

1936, The General Theory of Employment, Interest and Money; Teoria generale dell’occupazione e dell’interesse e della moneta, tr. it., Torino, utet, 1978

Lemme, G.

2003, Moneta scritturale e moneta elettronica, Torino, Giappichelli

Lewontin, R.

1995, Gene, organismo, ambiente, Roma-Bari, Laterza, 2002

Libet, B.

2004, Mind Time. The Temporal Factor in Consciousness; Mind Time. Il fattore temporale della coscienza, tr. it., Milano, Raffaello cortina, 2007

Locke, J.

1690, Considerations of the consequences of the lowering of interest and raising the value of money. in Galiani f. Della moneta e altri scritti inediti, tr. it., Milano, Feltrinelli, 1963

March, J.C., Simon, H.A.

1958, Theory of Organizations; Teoria delle organizzazioni, tr. it., Milano, Edizioni di Comunità, 1966

Marchionatti, R.

1985, Gli economisti e i selvaggi. Una critica antropologica della scienza economica, Torino, Loescher

Marshall, A.

1890, Priciples of economics; Principi di economia, tr. it., Torino, Utet, 1972 – 1923, Money Credit and Commerce, London

Marshall, A., Marshall, P.M.

1879, The Economics of Industry; Economia della produzione, tr. it., Milano, Isedi, 1975

Marx, K.

1841, Differenzer demokritischen und epikureischen Naturphilosophie; Differenza fra le filosofie della natura di Democrito e di Epicureo, tr. it., Milano, Bompiani, 2004

1843, Per la critica della filosofia del diritto di Hegel. Introduzione in Marx-Engels Werke; Opere scelte, tr. it., Roma, Editori Riuniti, 1971

1844a, Sulla questione ebraica in Marx-Engels Werke; Opere scelte, tr. it., Roma, Editori Riuniti, 1971

1844b, Oekonomisch-philosophische Manuskripte aus dem Jahre 1844; Manoscritti economico-filosofici del 1844, tr. it., Roma, Editori Riuniti, 1975

1847, Elend der Philosophie; Miseria della filosofia, tr. it., Roma, Editori Riuniti, 1971

1859, Zur Kritik der politischen Oekonomie; Per la critica dell’economia politica, tr. it., Roma, Editori Riuniti, 1974

(1867-1883, il terzo libro inedito fino al 1894), Das Kapital. Kritic der politischen Oekonomie; Il Capitale, tr. it., Roma, Editori Riuniti, 1970

1888, Theses über Feurbach; Tesi su Feuerbach, tr. it., Roma, Editori Riuniti, 1971

1927, Critica della filosofia hegeliana del diritto pubblico in Marx-Engels Werke; Opere scelte, tr. it., Roma, Editori Riuniti, 1971

1933, Das Kapital. Erstes Buch, Der Produktionsprozess des Kapitals. Sechstes Kapitel; Il Capitale: Libro I capitolo VI inedito, tr. it., firenze, La Nuova Italia, 1969

1939-41, Grundrisse der Kritik der politischen Oekonomie; Lineamenti fondamentali della critica dell’economia politica, tr. it., firenze, La Nuova Italia, 1969

1959, Theorien über den Mehrwert; Teorie sul plusvalore, tr. it., Roma, Editori Riuniti,

1972

Marx K., Engels F.

1845-1846, inedita fino al 1932, Die deutsche Ideologie; L’ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1971

Mathieu, V.

1985, Filosofia del denaro, Roma, Armando Editore

Mauss, M.

1923-24, Essa sur le don; Saggio sul dono. Forma e motivo dello scambio nelle società arcaiche in Teoria generale della magia, tr. it., Torino, Einaudi, 1965

Mayr, E.

1980, Biology and Evolution; Biologia ed evoluzione, tr. it., Torino, Bollati Boringhieri, 1982

1982, The Growth of Biological Thought. Diversity, Evolution, and Inheritance; Storia del pensiero biologico. Diversità, evoluzione, eredità, Torino, Bollati Boringhieri, 1990

1991, One Long Argument: Charles Darwin and the Genesis of Modern Evolutionary Thought; Un lungo ragionamento: genesi e sviluppo del pensiero darwiniano, tr. it., Torino, Bollati Boringhieri, 1994

Mead, G.H.

1930, Mind, Self & Society; Mente sé e società, tr. it., Firenze, Giunti, 1972

Meinong von, A.

1899, Über Gegenstände höherer Ordnung und deren Verhältnis zur inneren Wahrnehmung; Sugli oggetti di ordine superiore e il loro rapporto con la percezione interna in Teoria dell’oggetto, tr. it., Trieste, Parnaso, 2002

Menger, K.

1871, Untersuchungen über die Methode der Socialwissenschaften und der politischen Okonomie insbesondere; Sul metodo delle scienze sociali, tr. it., Macerata, Liberilibri, 1997

1884, Die Irrtuemer des Historismus in der deutschen Nationaloekonomie; Gli errori dello storicismo, tr. it., Milano, Rusconi, 1991

1892, On the Origin of Money, “Economic Journal”, 2, 6: 239-255

1909, Grundsaetze der Volkswirtschaftslehre; Principi fondamentali di economia, tr. it., Saveria Mannelli, Rubettino, 2001

Mises von, L.

1962, Epistemological Problems of Economics; Di alcuni popolari errori concernenti la portata e il metodo della scienza economica, tr. it in S. Zamagni, Saggi di filosofia della scienza economica, Roma, La Nuova Italia, 1982

Moroni, S.

2005, L’ordine sociale spontaneo. Conoscenza, mercato e libertà dopo Hayek, Torino, utet

Nagel, E.

1952, Review of The Counter-Revolution of Science, “Journal of Philosophy”, 49, 17: 560-565

Napoleoni, C.

1962, La posizione del consumo nella teoria economica, “La rivista trimestrale”, 1, ripubblicato in Dalla scienza all’utopia, Torino, Bollati Boringhieri, 1992

1973, Smith Ricardo Marx, Torino, Boringhieri

1992, Dalla scienza all’utopia, Torino, Bollati Boringhieri

Napoleoni, C., Ranchetti, F.

1990, Il pensiero economico del novecento, Torino, Einaudi

Nash, J.F.

1950, Equilibrium Points in N-Person Games in Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, 36

1951, Non-Cooperative Games in “Annals of Mathematics”, 54 – 1953, Two-Person Cooperative Games in “Econometrica”, 21

Nozik, R.

1974, Anarchy, State and Utopia; Anarchia, Stato e utopia, tr. it., Milano, il Saggiatore, 2000

Nussbaum, M.C.

1986, The Fragility of Goodness; La fragilità del bene, tr. it., Bologna, il Mulino, 2001 – 2001, Upheavals of Thought; L’intelligenza delle emozioni, tr. it., Bologna, il Mulino, 2004

Offe, C., Heinze, R.G.

1996, Economy without Market; Economia senza mercato, tr. it.; Roma, Editori Riuniti, 1997

Platone

La Repubblica, Roma-Bari, Laterza, 1999

Le Leggi in Platone tutti gli scritti, Milano, Bompiani, 2001

Polanyi, K.

1957, Trade and Market in the Early Empires; Traffici e mercati negli antichi imperi, tr. it., Torino, Einaudi, 1978

1968, Primitive, Archaic and Modern Economies: Essays of Karl Polanyi; Economie primitive, arcaiche e moderne, tr. it., Torino, Einaudi, 1980

1977, The Livelihood of Man; La sussistenza dell’uomo. Il ruolo dell’economia nelle società antiche, tr. it., Torino, Einaudi, 1983

Prandi, M.

2004, The Building Blocks of Meaning, Amsterdam-Philadelphia, Benjamin

Putnam, H.

1960, Minds and Machines in Dimension of Mind, London, Collier-Macmillan

1981, Riduzionismo e natura della psicologia in J. Haugeland (a c. di), Progettare la mente. Filosofia, psicologia, intelligenza artificiale, Bologna, il Mulino, 1989

1988, Representation and Reality; Rappresentazione e realtà, tr. it., Milano, Garzanti, 1993

Reinach, A.

1913, Die apriorischen Grundlagen des buergerlichen Rechtes; I fondamenti apriori del diritto civile, tr. it., Milano, Giuffrè, 1990

Riedl, R.

1980, Biologie der Erknntnis. Die stammesgeschichtlichen Grundlagen der Vernunft; Biologia della conoscenza. I fondamenti evoluzionistici della ragione, Milano, Longanesi, 1981

Rizzello, S.

1997, Economia della mente, Roma-Bari, Laterza, 2003

Rizzolatti, G., Sinigaglia,C.

2006, So quel che fai. Il cervello che agisce e i neuroni specchio, Milano, Raffaello Cortina Editore

Sacchi, P.

1986, Storia del Secondo Tempio, Torino, sei, 2002

Sahlins, M.

1972, Stone age economics; L’economia dell’età della pietra, tr. it., Milano, Bompiani, 1980

1976, Culture and pratical reason; cultura e utilità, Milano, Anabasi, 1994

Searle, J.R.

1969, An Essay in the Philosophy of Language; Atti linguistici. Saggio di filosofia del linguaggio, Torino, Bollati Boringhieri, 2000

1984, Minds, Brains and Science: The 1984 Reith Lectures; Mente, cervello, intelligenza, Milano, Bompiani, 1988

1995, The Construction of Social Reality; La costruzione della realtà sociale, tr. it., Milano, Edizioni di comunità, 1996

1998, Mind, Language and Society; Mente, linguaggio, società. La filosofia nel mondo reale, tr. it, Milano, Raffaello Cortina, 2000

2001, Rationality in Action; La razionalità dell’azione, tr. it, Milano, Raffaello cortina, 2003 – 2004, Mind. A Brief Introduction; La mente, tr. it, Milano, Raffaello cortina, 2005

Simiand, F.

1903, Méthode historique et science sociale, Revue de Synthese historique; Metodo storico e scienza sociale, tr. it. in L. Meldolesi (a c. di), La moneta come realtà sociale e altri saggi, Esi, Napoli, 1991

1908, Le salaire des ouvries des mines de charbon en France, Journal de la Sociéte de statistique de Paris; Il salario degli operai delle miniere di carbone in Francia, tr. it. in L. Meldolesi (a c. di), La moneta come realtà sociale e altri saggi, Esi, Napoli, 1991

1910, De L’économie mathematique; Dell’economia matematica, tr. it. in L. Meldolesi (a c. di), La moneta come realtà sociale e altri saggi, Esi, Napoli, 1991

1932, Estratto da Le salaire, l’evolution sociale et la mannaie. Essai de Théorie expérimentale du salaire; Riflessioni sulla moneta, tr. it. in L. Meldolesi (a c. di), La moneta come realtà sociale e altri saggi, Esi, Napoli, 1991

1934, La mannaie réalité sociale; La moneta come realtà sociale, tr. it. in L. Meldolesi (a c. di), La moneta come realtà sociale e altri saggi, Esi, Napoli, 1991

Simmel, G.

1894, Exkurs über das Problem: wie ist die Gesellschaft möglich?; Come è possibile la società? in Il conflitto della cultura moderna e altri saggi, tr. it., Roma, Bulzoni , 1976

Simon, H.A.

1955, A Behavioral Model of Rational Choice, “Quartely Journal of Economics”, 69; tr. it. in Id., Causalità, razionalità, organizzazione, Bologna, il Mulino, 1985

1957, Models of Man, New York, Wiley

1983, Reason in Human Affairs, Stanford, Stanford University Press; La ragione nelle vicende umane, tr. it., Bologna, il Mulino, 1984

Smith, B.

1986, Austrian Economics and Austrian Philosophy in Austrian Economics. Historical and Philosophical Background, London-Sydney, Croom Helm

1987, Austrian Origins of Logical Positivism in Austrian Economics. Historical and Philosophical Background, London-Sydney, Croom Helm

2003a, Soldi, elezioni e molecole, “Il Sole 24 Ore”, 7 dicembre

2003b, Un’aporia nella costruzione della realtà sociale. Naturalismo e realismo in John R. Searle in P. Di Lucia (a c. di), Ontologia Sociale. Potere deontico e regole costitutive, Macerata, Quodlibet

Soresi, E.

2005, Il cervello anarchico, Torino, utet

Thom, R.

1972, Stabilité Structurelle et Morphogénèse. Essai d’une théorie générale des modèles; Stabilità strutturale e morfogenesi. Saggio di una teoria generale dei modelli, Torino, Einaudi, 1980

Walras, L.

1896, Éléments d’économie politique pure; Elementi di economia politica pura, tr. it., Torino, utet, 1974

Walsh, D.M.

2003, Filosofia della biologia in Filosofia delle scienze, Torino, Einaudi

Wicksell, K.

1898–1907, Geldzins und Güterpreise; Interesse monetario e prezzo dei beni, tr. it., Torino, utet, 1977

1905, Föreläsningar i Nationalekonomi; Lezioni di Economia politica, tr. it., Torino, utet, 1966

Weber, M.

1922, Wirtschaft und Gesellschaft; Economia e società. Teoria delle categorie sociologiche, tr. it., Milano, Edizioni di comunità, 1999

Wundt, W.

1896, Essays; Compendio di Psicologia sociale, tr. it., Torino, Clausen, 1900

Zamagni, S.

1982a, Saggi di filosofia della scienza economica, Roma, La Nuova Italia,

1982b, Sui fondamenti metodologici della scuola austriaca, “Note economiche”, 3, riprodotto in Economia politica e filosofia, Milano, franco Angeli, 1983

Zerubavel, E.

2004, Time Maps. Collective Memory and the Social Shape of the Past; Mappe del tempo.

Memoria collettiva e costruzione sociale del passato, tr. it., Bologna, il Mulino, 2005

Torna su

Note

1 De Soto 2000.

2 Il piano, che ha preso avvio immediatamente dopo l’insediamento di Inacio Lula da Silva come presidente della Repubblica – Il piano è del 7 gennaio 2003, Lula è stato insediato il 1 gennaio 2003 –, prevedeva la possibilità per tutti gli abitanti delle favelas di trasformarsi in proprietari delle baracche e del terreno sul quale risiedevano. Il tentativo di trovare una soluzione al problema delle favelas brasiliane in questa direzione si è rivelato fallimentare. Contestualmente a questo progetto Lula lanciava il piano fame zero, che si dava come obiettivo una diffusa crescita locale dell’autoproduzione alimentare attraverso l’agricoltura familiare, gli orti di vicinato, un insieme di opere minime che facilitassero la convivenza con il semiarido e lo sfruttamento delle terre incolte, il mutuo soccorso e la riqualificazione della vita stessa delle favelas. L’austerità di Lula è stata accompagnata da una profonda depressione e il Prodotto Interno Lordo ha fatto un passo indietro e ha registrato una crescita negativa dello 0,2 per cento. La peggiore degli ultimi dieci anni.

3 La dimensione analitica del credito e della finanza è totalmente assente nell’elaborazione di De Soto.

4 Searle 1995. Nel testo inglese di Searle si utilizza la parola money, e in quello italiano la traduzione è nella quasi totalità dei casi “denaro”.

5 Questa osservazione, relativa alla lingua inglese, è rinvenibile anche in Mathieu 1985.

6 Searle 1995.

7 Smith 2003a.

8 Alexius von Meinong 1899 e 1904; Adolf Reinach 1913; Michael E. Bratman 1992.

9 Ferraris 2005 e 2007.

10 Mauss 1923-24, Polanyi 1957, 1968, 1977, Godelier 1970, Sahlins 1972, Durkheim 1893, 1895, 1902, Simiand 1932.

11 Secondo Granet e Mauss in molte comunità la nozione di denaro si poteva in modo esplicito collegare a quella di potere magico. Nel Saggio sul dono Mauss ha analizzato in modo suggestivo le relazioni fra cultura e scambio monetario. Malinowski 1922 e Simiand 1932 mossero alcune obiezioni all’originaria formulazione di Mauss sul significato da attribuire al termine “denaro” e lo costrinsero a riconsiderare l’origine e l’uso del termine. Il successivo lavoro di Mauss è rinvenibile in una importate nota inserita nel secondo capitolo del Saggio sul dono.

12 La definizione di moneta come “realtà relativa”, e il tentativo di risolvere il problema della sua genesi in rapporto a una forma arcaica dello scambio, non riconducibile a un puro scambio economico, segnavano la superiorità delle sue tesi su quelle di Bernhard Laum, che attribuiva soltanto ad aspetti religiosi, sacrali, la nascita del denaro o della moneta, o di quelle di Wilhelm Gerloff, che vedeva nelle origini sociali, e non economiche, la genesi del denaro.

13 Platone La Repubblica, Libro II, 371; Platone Le Leggi, Libro V, 742 a-c; Aristotele Etica Nicomachea, Libro V, 5, 1133a 32; Aristotele Politica, Libro I, 9, 1257b.

14 Mathieu sviluppa una teoria del denaro secondo la quale esso è una costruzione artificiale dell’uomo e non ha consistenza ontologica. Per Mathieu il tempo domina il denaro e non viceversa, ed è il tempo futuro che domina il tempo presente. Tesi che appare come una estremizzazione della teoria delle aspettative keynesiana. Di converso Mathieu propone di attribuire alla moneta la funzione di realizzazione attuale di valori futuri. Questa tesi di Mathieu ha visto un tentativo di sviluppo da parte di Offe e Heinze 1996. Questi due economisti sostengono che c’è un rapporto di convertibilità asimmetrica tra denaro e tempo, poiché frazioni di tempo possono essere acquistate a misura delle proprie necessità, in modo da compensare gli squilibri tra disponibilità e scarsità di tempo.

15 Prandi 2004. Ai nostri fini sono di particolare rilevanza i capitoli v e xi. Nella stessa ottica e in modo assai divertente si può leggere il romanzo di Wallace 2003.

16 La ragione principe della confusione perpetuata tra denaro e moneta e la difficoltà di individuare la natura della moneta consiste proprio nel confondere l’origine storica della moneta con la sua natura logica, che è invece del tutto indipendente dal carattere di merce del materiale scelto come moneta. Ad esempio dal punto di vista logico non è indispensabile che la moneta debba essere convertibile in una o più merci, il cui valore di scambio, in quanto merce, rappresenta la base del valore che consente lo scambio tra beni. La confusione tra origine storica e natura logica è un abbaglio comune alla sfera delle scienze sociali, perché in esse si tende a presupporre che le forme primitive delle istituzioni sociali non possano essere state più complesse di quelle contemporanee e che esse possano nascondere e non rivelare gli aspetti logici essenziali.

17 L’idealità del denaro, spesso riconosciuta a parole, non sempre è riconosciuta in tutte le sue conseguenze. Il denaro c’è quando riesce a far agire. Per questo il concetto di creazione di valore è in Adam Smith connesso al lavoro comandato. Anche se Smith non sviluppa una teoria del denaro, ugualmente intuisce che l’essere “riserva di valore” genere le condizioni di un agire.

18 La moneta come segno scritturale possedeva – e in alcuni casi continua a possedere – un’utilità propria (oro, pecore, buoi, tori, ecc). Questo è invalso nelle cosiddette “società primitive”, società però in cui la complessità è spesso maggiore di quella della società contemporanea, come hanno teso a dimostrare studiosi come Douglas, Mauss, Polanyi, Vernant. I beni o il bene utilizzato come moneta e come riserva di valore veniva o viene modificato in modo che il suo uso originario sia inibito. Ad esempio, in Birmania il riso usato come moneta viene reso inservibile per il cibo o il sale nell’Africa occidentale (Mali, Mauritania, Niger), usato come moneta, era sale che nessuno avrebbe mai utilizzato come cibo.

19 La consapevolezza di questa caratteristica precipua del denaro è argomentata da Kant 1797.

20 Qualsiasi risparmio non utilizzato genera una potenzialità in meno di impiego nel sistema produttivo.

21 Firth 1973.

22 Distinzione elaborata da Anscombe (1958), allieva di Wittgenstein.

23 Searle 1969: 80-84. Distinzione che lo stesso Searle aveva già fatto propria sin dalla prima metà degli anni Sessanta.

24 Nella teoria sociale si confrontano tre modi per intendere il sociale – 1. come somma di singoli individui (Menger, Weber, von Hayek, Simon ecc.); 2. come somma delle relazioni tra individui (Simmel, Moscovici); 3. come totalità (Durkheim, Simiand) – e due modi di intendere l’intenzionalità – come “somma di individualità” (Menger, von Mises, von Hayek) o come “sociale” (Durkheim, Simiand). La maggior parte dei teorici dell’economia, e in particolare la scuola austriaca, hanno preso in considerazione solo la prima accezione di intenzionalità, unitamente alla definizione di società come somma di singoli individui. È alla linea teorica che vede come attore nella realtà sociale unicamente l’individuo che fa riferimento Barry Smith. Infatti, parte delle sue obiezioni a John Searle derivano da queste diverse premesse teoriche, tant’è che l’intenzionalità è un requisito che Barry Smith non prende in considerazione come condizione sufficiente per la definizione degli oggetti sociali.

25 Elizabeth Anscombe sostiene che il comportamento ha un carattere intenzionale quando viene inserito in un contesto di obiettivi e cognizioni, quindi è intenzionale unicamente quando è volontario, è inintenzionale quando ha una natura neurofisiologica. Le sue tesi sono riassunte in un articolo del 1957. I recenti studi sui neuroni mirror sembrano dare corpo all’idea che esista una “intenzionalità” organico-biologica: Rizzolatti e Sinigaglia 2006.

26 Ferraris 2005 e 2007.

27 Derrida 1962, 1967a, 1967b.

28 Searle 1995:52.

29 Nel caso di Barry Smith sono numerosi i riferimenti fatti alle asserzioni di Ludwig von Mises più che al suo fondatore Karl Menger o a Friedrich von Hayek, massimo esponente novecentesco della Scuola.

30 Mauss 1923-24, Polanyi 1957, 1968, 1977, Godelier 1970, Sahlins 1972, 1976. La valorizzazione degli studi antropologici in relazione alla scienza economica si trova in Marchionatti 1985.

31 Sono molte le monete che ancora oggi mantengono una denominazione che si riferisce o al peso, o alla sua misura, o al metallo di conio (lira da libra, dirham fa riferimento all’argento e il dinar all’oro ecc).

32 Dacrema 2003, Lemme 2003.

33 Per una distinzione, da noi non condivisa, fra moneta fisica, moneta scritturale e moneta elettronica si veda Lemme 2003. Tale distinzione fa riferimento al supporto materiale con cui è fabbricata la forma della moneta.

34 L’art. 1835 del c.c. sostiene: «Se la banca rilascia un libretto di deposito a risparmio, i versamenti e i prelevamenti si debbono annotare sul libretto. Le annotazioni sul libretto, firmate dall’impiegato della banca che appare addetto al servizio, fanno piena prova nei rapporti tra banca e depositante» [corsivo nostro].

35 Smith 2003b.

36 Gernet 1955, 1967, 1968.

37 Per Gernet simboli e segni possono essere tenuti distinti, perché al simbolo appartengono significati immediati ed effettivi, mentre il segno si esaurisce sostanzialmente nella sua stessa funzione. Gernet riconosce l’origine della moneta nel passaggio dal simbolo al segno. I tratti fondamentali della sua ricerca prendono avvio da presupposti simili a quelli di Marcel Mauss, a cui fa esplicito riferimento nei suoi testi, arricchendoli degli elementi emersi dal dibattito sulla funzione sociale della moneta, svoltasi all’Istituto francese di sociologia, nei primi anni del xx secolo, con particolare riferimento alle posizioni espresse da François Simiand.

38 Ferraris 2003.

39 Searle 1984.

40 Searle 2004.

41 Searle 2004: 107.

42 Ivi: 145.

43 Searle 1998: 72.

44 Bubner 1976.

45 Un punto di riferimento imprescindibile di questa posizione è Johnson-Laird 1983 e 1989.

46 Horkheimer e Adorno 1947.

47 Uno dei primi lavori sistematici che ha cercato di collocare le problematiche legate alla ragione in un contesto di conoscenze neurobiologiche è Riedl 1980. Il contributo sostanziale di Riedl sta nel rendere assai complesso il concetto di causalità.

48 Amadei 2005, Damasio 2003, Rizzolatti e Sinigaglia 2006.

49 Simon 1983: 38.

50 Putnam 1960. Successivamente Putnam ridimensiona notevolmente la propria posizione e dichiara che «il modello della macchina proposto da Turing non va necessariamente preso sul serio come modello dell’organizzazione funzionale del cervello. Ovviamente, il cervello presenta elementi digitali nelle scariche si-no dei neuroni, ma in questo momento non abbiamo alcun modo di sapere se l’organizzazione più ampia del cervello è rappresentata correttamente da qualcosa come un diagramma di flusso per un algoritmo, o da qualcosa di completamente diverso». Putnam 1981a: 73.

51 Tra gli studiosi si è raggiunto con una certa facilità un accordo sul termine computazionale, mentre assai più problematico si è rivelato conferire un significato univoco alla natura simbolica degli elementi oggetto di manipolazione. In particolare, forte è stata la contrapposizione tra studiosi quali fodor (1980 e 1983), che intende i simboli come rappresentazioni fornite di contenuto semantico e che distingue il momento semantico della loro interpretazione da quello sintattico della manipolazione, e Simon, secondo cui i simboli significano una configurazione fisica dell’hardware che realizza il programma. Una teoria non semplicistica del termine computazionale, che comprende sia l’organismo che l’ambiente, sicché il computer è visto come una macchina in costante fase di aggiornamento, la si trova in Putnam 1988.

52 Per una critica articolata all’immagine di mente computazionale e alle teorie cognitiviste si veda colombini 2004.

53 Questa tesi di Searle appare confermata dalle ricerche di Libet 2004.

54 In un recente lavoro Dennett assume una posizione assai differente. Egli, in riferimento alla tesi espressa da Kane 1996, sostiene che di fronte a due opzioni, a due scelte, come ad esempio di fronte all’opzione se accettare un lavoro in una certa località o in un’altra, entrambe le decisioni di per sé sono razionali. Nel momento in cui viene presa la decisione la scelta è indeterminata e il libero arbitrio si manifesta nel fatto che ci sarà sempre una buona ragione per sostenerla e questa è la sua ragione. Il libero arbitrio si manifesta nell’indecisionismo. Non esiste lacuna nel processo razionale (Dennett 2003). Questa posizione di Dennett non è dissimile da quelle espresse dai sostenitori della razionalità limitata. In comune hanno infatti l’adesione all’approccio funzionalista e computazionale, cioè ritengono valida l’analogia tra cervello ed elaboratore elettronico. Un esempio in tal senso Dennett lo aveva già formulato in Dennett 1978: 440-441.

55 Per Menger (1871,1884, 1892, 1909) moneta, prezzi, linguaggio, diritto, stato, religione sono in realtà, e contrariamente a quanto riteneva l’economia classica, produzioni “irriflesse”, sistemi normativi spontanei, generati proprio dalle azioni in intenzionali dei singoli individui. Menger è accusato da Mises di essere influenzato dall’empirismo e dallo psicologismo di J.S. Mill. Mises, pur riconoscendo le differenze in tema di teoria del capitale, accomuna Menger e Bohm-Bowerk nella sua critica all’eccessiva attribuzione ai caratteri naturalistici nella loro teoria dei beni e dei bisogni. Mises ne accentua invece i caratteri soggettivistici. Per Hayek si tratta di arrivare a una teoria della conoscenza rispetto ai fenomeni. E Mises afferma: «Tutte le azioni sono compiute dagli individui (e) per una collettività sociale non vi è esistenza e realtà al di fuori delle azioni dei membri individuali. La vita di una collettività è vissuta nelle azioni degli individui che ne costituiscono il corpo. Non v’è collettività sociale concepibile che non funzioni per le azioni di qualche individuo. La realtà di un tutto sociale consiste delle azioni degli individui che lo compongono. Così la via per arrivare alla conoscenza di tutti collettivi passa attraverso l’analisi degli individui» (Mises 1962: 179).

56 Hayek 1952.

57 Ivi: 49.

58 Nell’importante capitolo secondo de La società libera, Hayek argomenta che la causa della libertà è fondata sul riconoscimento dell’ignoranza. Hayek 1960: 49-50, 58.

59 Per un’analisi dei concetti di “ordine sociale” in Hayek si veda Moroni 2005.

60 Il filosofo Barry Smith (1986) analizza l’a priori nella scuola austriaca e rintraccia una continuità che va in qualche modo da Kant a Brentano a Husserl a Menger, il cui presupposto è Hume. L’assunto epistemologico comune consisterebbe nella eterogeneità tra gli oggetti della natura e gli oggetti sociali. Barry Smith si rifà anche a uno studio importante, ma fuorviante perché le questioni epistemologiche vengono confuse con quelle ontologiche, di fabian e Simons 1986. La natura e la società avendo oggetti diversi fanno sì che sia impossibile non procede che per via epistemologica. Non dissimile da questa analisi sono i lavori di Hayek, The Place of Menger’s Grundsätze in the History of Economic Thought e The Austrian Theory of Capital and its Rebirth in Modern Economics di John R. Hicks, entrambi contenuti in Hicks 1973a e l’elaborato dell’anno seguente dello stesso Smith 1987.

61 Per una critica a queste posizioni si veda il quarto capitolo intitolato Scienza economica e ignoranza degli obiettivi in Jonas 1978.

62 Valori e scopi devono poter essere soggetti a una critica che li valuti nella prospettiva del loro contributo alla creazione di un ordine, che ha come presupposti la libertà individuale e la possibilità del mutamento non violento delle regole astratte di condotta e delle istituzioni politiche e sociali.

63 Hayek 1952: 57.

64 In una prospettiva diversa questa complessità era stata sottolineata da Joseph Schumpeter e da Oskar Morgenstern. Sul tema della complessità delle motivazioni soggettive che intervengono nei singoli processi decisionali, ovvero nell’azione umana, ritorna in Sen 1987, dove osserva che l’approccio ingegneristico all’economia, tipico dell’economia “positiva” «ha anche avuto l’effetto di far ignorare una gamma di complesse considerazioni etiche che influenzano il comportamento umano effettivo» (Sen 1987: 13-15). L’obiettivo polemico di Sen è la teoria dell’homo oeconomicus e i suoi sviluppi razionalistici.

65 Hayek 1952: 61

66 Hayek partendo da tematiche kantiane prettamente legate all’epistemologia disconosce la possibilità che gli stessi concetti possano avere un qualche statuto ontologico.

67 Hayek 1952: 61.

68 Ivi: 62.

69 Searle 2001: 51.

70 Si veda anche Searle 1995.

71 Il concetto di lacuna e apparente contraddittorietà di due intenzioni, entrambe mosse da razionalità, sono sviluppate in Searle 2004.

72 John Elster adotta il termine “controfinalità” per esprime la distanza tra possibile ed effettivo, cioè tra le conseguenze inattese che derivano da azioni non coordinate e fa riferimento espressamente ad Hayek per tale formulazione (Elster 1978). Robert Nozik adotta invece l’espressione “spiegazioni basate sulla mano invisibile” per significare “una trattazione che spiega ciò che sembra il prodotto del progetto intenzionale di qualcuno senza essere stato generato dalle intenzioni di qualcuno” (Nozik 1974: 19).

73 Per un’analisi del rapporto intenzionalità-ragione in Aristotele vedere Aristotele: la fragilità della vita buona in Nussbaum 1986. Aristotele esclude espressamente l’intenzionalità dalla vita animale.

74 Hayek 1952: 123.

75 Nagel 1952: 560-565.

76 Efficace termine di cui siamo debitori a Rizzello 1997: 54-55.

77 Damasio 1994, 1999, 2003; Amadei 2005; Soresi 2005. I neurologi e i neuroscienziati citati dimostrano ampiamente come l’assenza di emozioni, o il controllo eccessivo esercitato sulle emozioni che conduce alla loro atonia, comporta una perdita di fasce neuronali tali da produrre perdite effettive delle capacità intellettive. In questo senso la mente si ammala, perde oggettivamente delle facoltà che potenzialmente può esercitare.

78 Nussbaum 2001.

79 Edelman 2004 (questa ipotesi era già presente in Edelman 1992).

80 Ivi: 118.

81 Ivi: 104.

82 Ibidem.

83 Mayr 1980, 1982, 1991.

84 Ci riferiamo al fatto che questa posizione non ha nulla a che fare con il riduzionismo biologico sviluppato da Richard Dawkins in diversi testi: Richard Dawkins 1976; 1982; 1986; 2004. Sostanzialmente Dawkins sostiene che tutto ciò che è pertinente alla biologia evoluzionistica si lega o deriva dal potere della selezione naturale di plasmare la struttura dei singoli organismi. Tutto ciò che avviene a livello di specie può essere spiegato con ciò che avviene a livello di organismo. Dopo alcune obiezione all’uscita del primo libro citato, Dawkins corregge parzialmente la propria visione sostenendo che esiste legittimità interpretativa tra coloro che spiegano alcune strutture evolutive partendo dai geni e coloro che le spiegano usando metodologie legate alla specie come gli equilibri punteggiati.Il riferimento è ovviamente a Stephan Jay Gould e a Richard Lewontin, con la sua teoria dei pennacchi di San Marco.

85 Dennett 1995. Dennett utilizza espressamente il termine “ingegneria biologica”.

86 Lewontin 1985.

87 Kanizsa 1980.

88 Thom 1972.

89 Neumann e Morgenstern 1944.

90 Simon 1955, 1958; March e Simon 1966; Simon 1983.

91 Cyert e March 1956, 1963, 1964.

92 Mandelbrot e Hudson 2004.

93 Searle 1995: 4.

94 Davies 2005.

95 Coulter 1989: 143.

96 A supporto della tesi di Searle pensiamo di dover richiamare qui, brevemente, anche la teoria della memoria collettiva in quanto struttura sociale della memoria. In essa, l’attenzione rivolta al contesto sociale nell’ambito del quale si trova l’accesso al passato rivela che i ricordi concernono perlopiù ciò che facciamo in quanto membri di una particolare comunità. Si tratta di memorie collettive, condivise da famiglie, gruppi etnici, nazioni e altre comunità. Ad esempio, in una qualsiasi festività commemorativa si tende spesso a ricordare il passato insieme ad altri, rammentando così il nostro ambiente sociale, che impone non solo cosa ricordare, ma anche quando ricordare. Si verifica in tal modo una sincronizzazione della memoria (Zerubavel 2004). Per una concezione del tempo in senso collettivo e le relative influenze nell’adozione dei calendari e nelle festività si veda Sacchi 1986.

97 Bratman 1992. Ed è in questa direzione che vanno le ricerche riportate in Rizzolatti e Sinigaglia 2006.

98 Searle 1995: 36.

99 Simmel 1894: 12.

100 Simmel 1894: 9.

101 Durkheim 1900.

102 Come Comte e Rousseau è un moralista.

103 Durkheim conosce assai bene gli scritti di Kant e ne Il suicidio (Durkheim 1895a) lo cita continuamene. Nella formazione di Durkheim è altrettanto rilevante Hegel. Per Durkheim il sociale rappresenta l’assoluta supremazia del volere generale nei confronti del singolo. Durkheim si sforza di presentare il sociale come il vero contenuto della religione e della morale e di far risalire tutti i concetti universali della coscienza umana alla società.

104 Durkheim 1895b: 47.

105 Durkheim 1900.

106 Durkheim collega il valore economico al mana. Durkheim 1912: 417.

107 Durkheim 1895b: 95.

108 Ivi: 103.

109 Durkheim 1902: 333.

110 Il fatto sociale non può essere spiegato con quanto è conosciuto a livello dell’organismo biologico, tramite l’analogia di funzioni tra l’organismo sociale e l’organismo biologico, come compie invece la teoria organicista. Né esso può essere spiegato riconducendolo al libero gioco degli egoismi individuali, delle loro scelte, “razionali” o istintive, secondo la tesi sostenuta dall’economia classica, secondo cui individui che agiscono spinti dai loro interessi egoistici costituiscono la migliore garanzia di funzionamento della società e dell’ordine sociale, per cui gli individui sono quindi indirettamente “altruisti”.

111 Il sociale è oggettività mentre lo psichico è soggettività. L’oggettivo si connette a un’essenza i cui movimenti sono determinati da cause esterne e impersonali come gli interessi o le regole comuni. Il soggettivo si esprime, invece, in un’apparenza i cui movimenti, provenienti dall’interno, si distinguono dai precedenti per il loro carattere instabile e vissuto. Il sociale è inoltre razionale, poiché ogni azione e ogni decisione seguono una logica, tengono conto della relazione tra mezzi e fini. Lo psichico è invece considerato irrazionale, soggetto all’impulso dei desideri e delle emozioni. Durkheim pertanto sostiene l’impossibilità di spiegare i fenomeni sociali a partire da cause psichiche, di definire le caratteristiche di un essere collettivo a partire dalle caratteristiche degli esseri individuali che lo compongono: «Ogni volta che un fenomeno sociale è spiegato direttamente da un fenomeno psichico, possiamo essere certi che la spiegazione è falsa» (Durkheim 1895b:102).

112 «Se sono alla fine diventato sociologo […] è soprattutto per mettere un punto conclusivo a questi esercizi basati sui concetti collettivi, il cui spettro è sempre in agguato. In altri termini, la sociologia stessa non può procedere che dalle azioni di un singolo individuo, di alcuni individui, o di numerosi individui. È questo il motivo per cui essa deve adottare dei metodi strettamente “individualistici”» (da una lettera di Max Weber a R. Liefmann, 1920; cit. in Boudon 1998: 6970). È senza equivoci il rifiuto sistematico della sociologia “organica” di Durkheim, anche se per Weber il riferimento polemico è Schaffle (Weber 1922: 14-15).

113 Durkheim studia le opere dei principali studiosi della psicologia sperimentale, restando soprattutto colpito dal laboratorio di psicologia di Wilhelm Wundt che gli fornisce alcune categorie centrali della sua opera (Wundt 1986: 253-254).

114 Una teoria della mente che si fondi su basi scientifiche deve essere in grado di spiegare l’intenzionalità ricorrendo alle caratteristiche fisiche e naturalistiche della mente. Di converso, l’autonomia del mentale dal fisico comporta l’inammissibilità di ridurre il mentale al fisico. Sappiamo che sono state proposte teorie di genesi computazionale, da Hilary Purnam ad esempio, che sostengono invece una naturalizzazione dell’intenzionalità, sostenendo che la psicologia ha un dominio autonomo, non riconducibile a uno status fisico-biologico.

115 Wundt 1986: 253-254; Durkheim 1912: 101-102.

116 Durkheim 1912: 146-147.

117 Ivi:183.

118 Durkheim 1895b: 44.

119 Ivi: 45.

120 Ivi: 17. La coercizione non è l’essenza del fatto sociale, è solo il rapporto dominante che questi fatti possiedono in rapporto agli individui. La coercizione è una caratteristica di questi fatti, permette di osservarli nella realtà e di raggrupparli in un campo scientifico della realtà, per esporlo all’osservazione, alla classificazione e all’analisi scientifica.

121 Ivi: 26.

122 Ivi: seconda Prefazione.

123 Durkheim 1914: 347.

124 Durkheim 1895: 19.

125 Mead 1930: 199 n. 17.

126 Per una idea della plasticità del cervello riconducibile al computazionismo si veda Penrose 1992

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maria Grazia Turri, « Possedere denaro senza possedere neppure una moneta. L’ontologia del denaro e la metafisica della moneta », Rivista di estetica, 37 | 2008, 195-237.

Notizia bibliografica digitale

Maria Grazia Turri, « Possedere denaro senza possedere neppure una moneta. L’ontologia del denaro e la metafisica della moneta », Rivista di estetica [Online], 37 | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 23 novembre 2017. URL : http://estetica.revues.org/1998 ; DOI : 10.4000/estetica.1998

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org