Navigazione – Mappa del sito
la neurofenomenologia. esperienza, percezione, cognizione

Fenomeni e emergenza

Carlo Conni
p. 97-112

Note dell'autore

Una versione di questo articolo è stata presentata al convegno SIFA 2006, Cervelli, Persone e Società, 28-30 Settembre, Università Vita-Salute San Raffaele, Facoltà di Filosofia, Cesano Maderno (MI)

Testo integrale

To Marlow the meaning of an episode was not inside like a kernel but outside, enveloping the tale which brought it out only as a glow brings out a haze.
J. Conrad, Heart of Darkness

1L’interrogativo al quale si proveranno a fornire alcune risposte è di carattere prettamente fondazionale, formale e preliminare alle molteplici applicazioni specifiche di un’indagine di tipo fenomenologico. L’interrogativo è «Che cos’è un contenuto fenomenico?». Una questione che nel presente contesto deve essere interpretata come «Un contenuto fenomenico di coscienza di una esperienza percettiva-sensoriale ha una struttura ontologico-formale caratteristica? e se sì, di che tipo?». Nel cercare di rispondere a queste domande mi sono avvalso in particolare delle ricerche di Edmund Husserl, più specificamente le Ricerche logiche (1900-1901) e la Filosofia dell’aritmetica (1891), del breve saggio Le qualità formali di Christian von Ehrenfels (1890), del saggio Sugli oggetti di ordine superiore e il loro rapporto con la percezione interna di Alexius Meinong (1899). Rilevante il confronto con l’approccio più generale alla percezione sviluppato da James J. Gibson nel suo libro Un approccio ecologico alla percezione visiva (1986).

2Con il termine contenuto fenomenico s’intende quello che riteniamo e affermiamo di percepire mediante i nostri apparati sensoriali: il vissuto o esperienza fenomenica cosciente di atti di percezione sensoriale relativi, ad esempio, a oggetti esterni. Vedere un paesaggio, un quadrato rosso, una tavola in una cucina, ascoltare una melodia così come gustare l’aroma di un caffè sono esperienze sensoriali di complessità diversa che hanno dei fenomeni come loro contenuti di esperienza. L’ipotesi che s’intende avanzare è duplice. In primo luogo, che i contenuti fenomenici della percezione sensoriale – intesi in senso ampio relativamente alle nostre molteplici capacità sensoriali – possono essere descritti tipicamente come delle formazioni unitarie che emergono da un insieme di elementi di base che si trovano fra loro in determinate e specifiche mutue relazioni formali di dipendenza ontologica all’interno della formazione unitaria.

  • 1 Chalmers 1996.
  • 2 Kim 1998.

3Si utilizza qui il termine emergenza all’interno di un contesto ontologico-formale e fenomenologico e non, invece, quello di supervenience, di matrice fisicalista, biologica o logica, nel modo in cui ad esempio utilizza questo termine David Chalmers1 o Jaegwon Kim2, due termini che sembrano denotare ordini di fenomeni diversi. In secondo luogo, si assume una posizione diversa da forme di realismo rappresentativo secondo le quali i contenuti della percezione sono il prodotto di complesse elaborazioni cognitive di informazioni di base. I contenuti fenomenici concepiti come emergenti devono essere, almeno in parte, già presenti nella stimolazione così come si presenta direttamente a un soggetto di esperienze sensoriali, senza quindi dover ricorrere ad un particolare sistema computazionale o struttura rappresentazionale capace di elaborare e interpretare determinati elementi come parti costitutive di una formazione morfologicamente unitaria. È noto che quest’ultima è anche la posizione di Gibson da lui denominata realismo diretto. Ci si discosta parzialmente da questa posizione in quanto sebbene non sussistano intermediari non fisici chiamati usualmente sense-data o impressioni sensoriali, i contenuti fenomenici con il loro senso e le loro informazioni non si collocano, come ritiene Gibson, direttamente nell’assetto ottico e nella luce – diciamo per intenderci direttamente dalla parte delle cosiddette stimolazioni o della realtà esterna – ma si collocano piuttosto all’interfaccia della particolare interazione fra il soggetto che percepisce e l’ambiente fisico esterno.

4Anche Husserl e Merleau-Ponty hanno pensato realisticamente i contenuti fenomenici dei vissuti percettivi, nel senso determinato che il campo fenomenico o noematico – che rappresenta il livello dell’esperienza di manifestazioni di oggetti materiali come quelli indagabili dalla fisica – deve avere i suoi fondamenti proprio nelle strutture e proprietà della cosa fisica stessa e non fuori di essa, ad esempio nelle strutture cognitive del soggetto. Come è stato messo in luce in tempi più recenti anche da Jean Petitot, si tratta di arrivare a conquistare una concezione unitaria dell’obiettività fisica e della manifestazione fenomenologia ed esperienziale che superi una concezione puramente epifenomenistica dei contenuti qualitativi della percezione, una posizione che ha determinato per molti decenni una falsa dicotomia ontologica ed epistemologica fra apparenza e realtà.

5Le indicazioni presenti in questo lavoro intendono muoversi nel solco di questo più ampio progetto e compito programmatico di una fisica qualitativa delle morfologie fenomenali, delucidando e provando a fissare alcuni elementi strutturali di base di un’ontologia dei contenuti fenomenici dell’esperienza.

6I fenomeni, da una prospettiva fenomenologica, devono essere pensati come delle vere e proprie entità di un particolare tipo ontologico, per così dire intermedio, in quanto entità appartenenti allo stesso tempo a due domini distinti – come accade ad esempio per i confini degli oggetti fisici – in questo caso quello cognitivo e biologico dell’agente e quello fisico-spaziale dell’ambiente in cui anche l’agente si colloca. Più specificamente, si assume che i contenuti di percezioni fenomeniche, così come si costituiscono nei nostri apparati sensoriali, sono delle strutture emergenti e che l’emergenza è la modalità specifica di costituzione o formazione di contenuti o oggetti fenomenici che possono essere analizzati anche come oggetti – nel linguaggio di Meinong – di ordine superiore.

7Con la nozione di strutture emergenti ci si riferisce dunque a specifici contenuti fenomenici che si costituiscono come degli interi o formazioni unitarie dotati di proprietà globali e fondati in modo ontologicamente forte in altri oggetti di base di altra natura. Con la nozione di fondazione ontologica si fa riferimento alla definizione che è stata sviluppata da Peter Simons a partire dalla Terza ricerca logica di Husserl. In particolare si fa riferimento alla definizione di fondazione forte:

  • 3 Cfr. Simons 1994: 559.

Definizione di fondazione ontologica forte (Simons 1994/Husserl 1900-1901):
A f B ∧ ∼PPBA. Un contenuto A è fortemente fondato in un contenuto B se e solo se A non può esistere senza B e B non è una parte propria di A3.

 

8Occorre fare attenzione che questa formula non afferma che le proprietà individuali-monadiche di un intero – ontologicamente fondate in modo forte e che possiamo denominare proprietà globali – non possono essere in qualche caso anche le proprietà delle sue parti, ma stabilisce che gli elementi sui quali la formazione unitaria è ontologicamente fondata non giocano un ruolo esplicativo rispetto all’identità della struttura emergente fondata in questi elementi di base. Questo perché gli elementi costitutivi di base non sono parti proprie della formazione fenomenica emergente. L’uso di un esempio può essere chiarificatore.

9Se consideriamo un tavolo, vediamo che le sue parti proprie in quanto oggetto fisico materiale sono il piano, le gambe ecc., mentre le parti proprie del fenomeno percettivo relativo a un tavolo non possono essere semplicemente le stesse dell’oggetto materiale. L’oggetto si determina fenomenicamente nella percezione rispettando precise configurazioni e disposizioni spaziali che ne costituiscono la sua essenza o a priori morfologico, più o meno vago. Le parti proprie dell’apparizione fenomenica sono le proprietà di una cosa che si configura in una spazialità tridimensionale dotata di una certa luminosità relativamente ad un soggetto posto ad una certa distanza, e che, pur non essendo proprietà immediate del tavolo, non sono nemmeno soltanto le proprietà dell’atto percettivo di un agente.

10La relazione di fondazione forte è una relazione di dipendenza ontologica. Se A dipende da B per esistere, ma B non è una parte propria di A, allora B non è una parte del fenomeno emergente A. Questa definizione ha come sua naturale immediata conseguenza l’irriducibilità. Il fatto che non possiamo ridurre A a B significa innanzitutto che non potremo inferire A anche nel caso in cui si disponga delle proprietà e/o del comportamento di B. Riferito al caso precedente, significa che le modalità nelle quali si manifesta fenomenicamente un tavolo non sono né il prodotto causale né la conseguenza logica delle parti proprie dell’oggetto materiale assunto al di fuori di un’interazione percettiva.

11Si consideri ora un caso paradigmatico come quello costituito da un filare di alberi, ma potremmo anche utilizzare l’esempio del banco di pesci, lo stormo di uccelli, il mucchio ecc.

12Secondo i Gestaltpsychologen, ma anche secondo Husserl, precisamente nella Filosofia dell’aritmetica, un filare di alberi è un contenuto fenomenico che le persone umane rappresentano percettivamente come un contenuto unitario, distinto, fenomenicamente separato da altre parti dell’ambiente fisico, in altri termini come una configurazione di elementi dotata di una sua unitarietà e identità riconoscibile. Nella fig. 1 abbiamo il filare di alberi mentre in basso l’insieme di elementi di base considerati fuori dalla struttura a filare – i vari alberi considerati come elementi di un insieme astratto di alberi. Stabiliamo che questo insieme costituisca il fondamento ontologico del contenuto fenomenico emergente “filare”.

13È abbastanza chiaro che se questo insieme è il fondamento del fenomeno percettivo allora questo insieme ha ben poco da dirci, in termini esplicativi, sulla natura dell’oggetto emergente specifico “filare di alberi”, se non appunto che degli alberi costituiscono la componente strettamente materiale o sensoriale del fenomeno specifico “filare”. Il fenomeno percettivo del filare ha bisogno degli alberi per esistere ma i singoli alberi non sono le parti proprie del filare, possiamo sottrarre o aggiungere anche diversi alberi alla fila ma la struttura formale o la proprietà globale “a filare” del fenomeno resta immodificata. Il filare di alberi è fondato nell’insieme dei vari alberi ma questi non sono le parti proprie del fenomeno in questione. Gli alberi singolarmente o a gruppi sono soltanto le parti proprie dell’insieme di base ma non della struttura emergente a filare.

14Prima di analizzare questo fenomeno specifico con l’obiettivo di individuare le parti proprie elettive o pregnanti del contenuto fenomenico unitario si noti come a questo tipo di fenomeno non si possa applicare una analisi in termini di supervenience.

Supervenience (Kim 1998):

  • 4 Cfr. Kim 1998: 10-15.

Un tipo di relazione di dipendenza dove un insieme di proprietà A è superveniente a un altro insieme di proprietà B quando i due sistemi sono in una relazione tale che non si potrebbero verificare cambiamenti e differenze nell’insieme superveniente A senza che se ne siano verificati in B mentre possono determinarsi cambiamenti e differenze in B – il livello o insieme di base – senza che si determinino modificazioni nelle proprietà supervenienti A4.

Supervenience (Chalmers 1996):

  • 5 Chalmers 1996: 34-35.

Le proprietà-B sopravvengono sulle proprietà-A se non è possibile che due situazioni siano identiche rispetto alle loro proprietà-A ma differenti nelle loro proprietà-B […] le proprietà-B sopravvengono logicamente sulle proprietà-A se non esistono due situazioni logicamente possibili aventi proprietà-A identiche e proprietà-B distinte»5

15Rispetto alla definizione di Kim non è difficile mostrare che se modifichiamo il fenomeno emergente del filare di alberi – per esempio spostiamo un albero collocandolo fuori dalla linea retta ideale che collega tutti gli alberi – alteriamo la struttura a fila ma non per questo modifichiamo l’insieme di base A che resta lo stesso. La relazione di fondazione ontologica sembra catturare meglio questo tipo di fenomeno non considerando le parti proprie dell’insieme A come parti proprie della struttura emergente. Anche rispetto alla definizione di Chalmers sembra valere il presupposto che tra B e A sussista una sorta di relazione di coincidenza che procede dal basso verso l’alto. Le proprietà di base A vengono assunte come formalmente omologhe alle proprietà supervenienti B, solo operando questa assunzione è infatti possibile affermare che modificando B modifichiamo necessariamente anche A, ma non viceversa. Questa asimmetria che permane sembra essere il residuo ineliminabile di una emergenza forte nel campo fenomenico. Inoltre, come vedremo, ci sono casi come quello delle immagini reversibili dove due configurazioni possono essere identiche rispetto all’insieme A e differire completamente rispetto alla struttura emergente B. nella definizione di supervenience sembra dunque sussistere una circolarità. È come se affermassimo che modificando la struttura a filare necessariamente modifichiamo anche il modo in cui sono disposti gli elementi di base, la disposizione a filare, il che equivale sostanzialmente ad affermare che modificando la struttura a filare modifichiamo la struttura configurata a filare. Le due definizioni di supervenience funzionano bene invece per i casi di emergenza debole. Ad esempio, per eventi fisici come la temperatura di un gas, che emerge debolmente dal moto molecolare ed è riducibile e predicibile sulla base delle proprietà di quest’ultimo. Ma in questo caso è molto difficile riuscire a distinguere fra moto molecolare e temperatura, Saul Kripke direbbe che sono necessariamente identici. In questi casi sembra possibile inferire B a partire da A, mentre nel caso del fenomeno filare non sembra possibile parlare di predicibilità dell’esperienza percettiva del contenuto fenomenico filare. Non si vede, infatti, come sia possibile inferire, a partire dall’insieme A degli alberi, l’esperienza da parte di un agente dell’identificazione o afferramento di una struttura unitaria dotata di una sua identità specifica, di una proprietà elettiva che la separa e la distingue dalle restanti parti dell’ambiente. Nella relazione di emergenza l’insieme di base A non specifica, per così dire in anticipo e preliminarmente, alcun carattere di B. Dato l’insieme A non abbiamo ancora il fenomeno unitario “filare”. È solo quando si costituisce il fenomeno del filare che l’insieme di base B diventa il fondamento ontologico di A. non è dunque possibile inferire il fenomeno emergente.

16In altri termini, e questo della prevedibilità è un punto certamente cruciale, dal comportamento dei singoli elementi del sistema di base e dalle loro possibilità combinatorie, ad esempio in termini di disposizione spaziale, possiamo certamente prevedere la disposizione secondo una medesima direzione spaziale come nel caso del filare, ma non possiamo prevedere che questa disposizione determini l’esperienza di un contenuto fenomenico unitario, separato e stabile come quello del filare di alberi.

17La separazione fenomenica di un contenuto dal resto degli oggetti ed elementi dell’ambiente si verifica in genere secondo due modalità: (a) esterna, in virtù di un’evidente discontinuità fisica, (b) interna, mediante il determinarsi di una struttura emergente, come nel caso delle formazioni fenomeniche collettive. L’ipotesi che si intende avanzare è che in tutti quei casi in cui non sussistono confini, forze esterne o discontinuità fisiche definite che determinano la delimitazione dell’oggetto, sono le relazioni di dipendenza fra le disposizioni e le proprietà spaziali degli elementi del sistema di base a produrre quella coesione interna che determina la chiusura fenomenica degli elementi in gioco e il verificarsi di un preciso fenomeno di singolarità – come la linearità nel caso del filare. Vicinanza, chiusura, simmetria come altre proprietà tipicamente gestaltiche che concorrono all’emergenza di una singolarità sono il prodotto di una rete di relazioni di dipendenza fra le parti e proprietà spaziali del contenuto fenomenico.

18Un altro esempio di struttura emergente che può essere almeno citato è il caso del sorriso, dello sguardo o del volto, come nell’esempio del sorriso della Gioconda. Il sorriso e lo sguardo della Gioconda non hanno come loro parti proprie degli elementi fisici del volto. Le parti proprie pregnanti o elettive di uno sguardo non sono gli occhi piuttosto che le sopracciglia, il naso o le loro rispettive distanze, ecc. Possiamo modificare questi due contenuti fenomenici: sorriso e sguardo, scomponendo la struttura formale dell’immagine, come in una pittura cubista, e lasciare inalterati gli elementi materiali-figurativi che costituiscono il volto della Gioconda. Da questo punto di vista, lo sguardo o il sorriso di un volto sono strutture emergenti ovvero proprietà globali essenziali di determinate configurazioni fisiche che tuttavia, a loro volta, non sono proprietà fisiche. L’esperienza di riconoscere qualcosa come uno sguardo di un certo tipo o un sorriso non è inferibile dagli elementi figurativi che costituiscono l’immagine.

19Ritorniamo all’esempio del filare. Se i singoli alberi non sono le parti proprie della struttura emergente allora quali sono? L’analisi che si propone deve essere intesa come paradigmatica ed euristica di un certo modo di procedere per stabilire le parti proprie dei contenuti fenomenici in generale. Innanzitutto è l’intera formazione unitaria che individua top down le sue parti e non viceversa. Questa individuazione dall’alto verso il basso dell’identità delle parti non deve essere considerata come un caso di downward causation, a meno che vogliamo definire come causale ogni fenomeno di riorientamento gestaltico. Abbiamo visto che da un lato disponiamo di un insieme di base di elementi e dall’altro di una specifica struttura formale che si determina a certe condizioni. Si tratta, ora, di valutare quali siano le condizioni del determinarsi di una struttura formale emergente come quella del filare, condizioni che dovranno essere assunte come rappresentative della struttura formale interna della classe più ampia dei contenuti fenomenici.

20L’ipotesi è che non sussista un determinismo causale diretto dalle parti dell’insieme presupposto di base alla struttura emergente al fenomeno percettivo come tale. Abbiamo visto che i singoli alberi A, B, C ecc. non sono parti proprie del contenuto fenomenico “filare”, ma solo parti proprie dell’insieme concreto di oggetti compresi fra A e N. assumiamo, inoltre, che sia implausibile pensare che una coppia di alberi come A_B possa realmente formare una fila, mentre almeno tre oggetti sembrano soddisfare questa condizione. La domanda dunque è: «Quali sono le parti proprie della struttura emergente “filare di alberi”?» A_C è una fila ma non possiamo pensare che la parte propria di una fila sia ancora una fila perché in questo modo violiamo due condizioni chiave sulle strutture emergenti. La prima è che le parti di un intero non possono avere le stesse proprietà dell’intero. La seconda è che non possiamo pensare di spiegare il meccanismo di determinazione del contenuto fila ricorrendo ad un’altra fila, pena la completa circolarità.

  • 6 Cfr. Lowe 1998: 147-150.

21Quindi anche A_C in quanto fila avrà le sue parti proprie. L’esistenza della fila A_C dipende in realtà dall’esistenza dei segmenti A_B e B_C, e più precisamente dal fatto che questi due segmenti si dispongono secondo una medesima direzione spaziale. Diremo quindi che il segmento A_B è una parte propria della fila A_C se e solo se A_B si connette spazialmente in un determinato modo con B_C mentre B_C, a sua volta, è una parte propria della fila A_C se e solo se B_C si connette spazialmente in un determinato modo con A_B. In altri termini, la coppia A_B è una parte propria della fila A_C se e solo se la coppia B_C è una parte propria di A_C e viceversa. Si tratta di una dipendenza esistenziale reciproca per l’identità, come viene definita in Lowe6, fra i vari segmenti via via considerati. Le parti proprie di un contenuto fenomenico emergente sono dunque rappresentate da relazioni formali che degli elementi fisici di base del sistema rispettano all’interno di una struttura formale più ampia, che a sua volta rispetta questi vincoli formali di dipendenza.

22È importante non dimenticare che le parti proprie di un contenuto fenomenico non coincidono né con le parti o elementi sensoriali dell’insieme di base né con le parti proprie degli oggetti materiali come tali. Ad esempio, nell’esperienza percettiva di un tavolo, le parti proprie di questo contenuto fenomenico non sono né le parti proprie dell’oggetto tavolo: il piano, le gambe ecc., né gli elementi sui quali il fenomeno si fonda e si costituisce: superfici, linee, macchie di colore, contrasti luminosi ecc., ma bensì le relazioni di dipendenza reciproche, in questo caso in termini di disposizioni spaziali e di ordine che gli elementi di base devono soddisfare e occupare per poter essere descrivibili come un piano, dei supporti verticali di un tavolo ecc.

23Seguendo le linee generali di analisi della Terza ricerca logica di Husserl, le strutture emergenti possono essere descritte come dei contenuti fortemente fondati mentre l’intelaiatura o struttura formale interna del contenuto emergente può essere descritta come il prodotto di una fondazione unitaria.

Definizione di fondazione unitaria (Husserl 1900-1901):

  • 7 Husserl 1900-1901; 1968: 66.

Quando si parla di unitarietà della fondazione si vuol dire che ogni contenuto si trova, direttamente o indirettamente, in un rapporto di fondazione con ogni altro contenuto. Ciò può accadere in modo tale che tutti questi contenuti siano fondati gli uni negli altri, immediatamente o mediatamente, senza ricorsi esterni; o, inversamente, essi fondano tutti insieme un nuovo contenuto, sempre senza ricorsi esterni. In quest’ultimo caso non è escluso che questo contenuto unitario sia costituito di contenuti-parte fondati a loro volta in gruppi-parte del sistema presupposto nello stesso modo in cui il contenuto complessivo è fondato nell’intero sistema7.

24Nella prima parte della definizione è individuata la struttura interna in termini di relazioni di dipendenza, mentre nella seconda parte abbiamo la descrizione formale del fenomeno dell’emergenza di un nuovo contenuto da un insieme di elementi di base. Questo sistema di dipendenze esistenziali per l’identità fra le parti proprie della base ontologica della struttura emergente costituisce la struttura formale interna più astratta e generale di un contenuto fenomenico. Le parti proprie di una struttura emergente non possono essere pezzi fisici come gli alberi ma delle precise relazioni fra queste parti. Si assume che questa analisi possa valere per la generalità dei contenuti fenomenici.

25Se le definizioni di fondazione ontologica e di fondazione unitaria descrivono correttamente le relazioni di emergenza e la struttura ontologico-formale delle strutture emergenti, disponiamo allora di una descrizione mind-independent di un contenuto fenomenico, una descrizione non basata su un punto di vista in prima persona. I fenomeni sono analizzabili come oggetti di grado superiore, vale a dire, seguendo la definizione di Meinong, come oggetti che non sono autonomi ma dipendono da altri oggetti. Per questa ragione sono detti sussistere ma non esistere alla stessa stregua degli oggetti sui quali sono fondati.

26L’esperienza di vedere un’anatra o un coniglio in una figura reversibile o più semplicemente l’esperienza di vedere un tavolo, sono esperienze che richiedono l’afferramento o grasping, come lo chiama Gibson, di una struttura formale all’interno di un insieme di elementi esistenti. Come nel seguente esempio:

27Nella parte a sinistra della fig. 3 abbiamo delle palline disposte in modo apparentemente disordinato. Possiamo affermare di vedere delle palline disposte casualmente. Nella seconda figura cerchiamo di rintracciare una struttura formale interna dell’insieme ma inutilmente. Infine, identifichiamo le precise relazioni spaziali fra le palline dove ogni posizione è tale dipendentemente dalle altre posizioni. Ora possiamo affermare di vedere dei cerchi concentrici costituiti da palline.

  • 8 Petitot 2006: 96.

28Quando percepiamo le singole palline come parti di una struttura concentrica percepiamo qualcosa di determinato e dotato di una identità. Questa esperienza di afferramento è qualcosa di non inferibile o deducibile dal semplice insieme di base degli elementi e allo stesso tempo sembra essere un’esperienza che si verifica in modo indipendente dalla nostra volontà, dalle nostre preferenze, interessi o decisioni. Secondo Petitot, la determinazione di questi contenuti definibili come vaghi o prettamente qualitativi, circoscrive i termini della questione fenomenologica, ovvero di quella strutturazione qualitativa e macroscopica, morfologica, del mondo in cose, in stati di cose e fenomeni che possono essere vissuti percettivamente ed espressi linguisticamente ma dei quali può essere fornita solo una descrizione formale o eidetica ma non fisica8.

29L’emergenza fenomenica determina quindi una dimensione dell’oggettivo che tuttavia non può essere descritto come strettamente fisico. Essa è descrivibile come la modalità mediante la quale una configurazione di un insieme di elementi esistenti manifesta la sua identità o struttura formale, ma potremmo anche affermare che l’emergenza è la modalità mediante la quale l’intenzionalità cognitiva di un soggetto possiede con evidenza empirica e intuitiva un contenuto dotato di senso come oggettivo. Ma anche emergenza di un contenuto fenomenico come fenomeno di confine, all’interfaccia fra il dominio cognitivo dell’agente e l’ambiente fisico. Consideriamo ora un altro esempio, quello delle figure reversibili:

30Nelle due figure si osserva agevolmente che 1) lo stesso insieme di tratti grafici può determinare due figure diverse e quindi che la modificazione della struttura di ordine superiore emergente - l’oggetto come entità dotata di una sua precisa identità – non modifica l’insieme degli elementi di base sui quali l’identità dell’intera configurazione è fondata, 2) le parti proprie delle due figure emergenti non sono meri tratti grafici o macchie di colore ma parti anatomiche come un collo, un naso, una bocca ecc., 3) il contenuto fenomenico determinato della nostra esperienza percettiva: il vedere una giovane signora o una anziana signora non rientra nel computo ontologico, numerico, delle parti o pezzi che compongono il disegno, ovvero dei tratti grafici che lo costituiscono fisicamente.

31Se proviamo ad applicare il principio di Leibniz dell’identità degli indiscernibili ad una immagine reversibile – se due presunti oggetti hanno le stesse proprietà (e parti) allora i due oggetti sono in realtà un solo oggetto – osserviamo che le due possibili identità del disegno sfuggono al computo ontologico delle proprietà e degli elementi che lo compongono. Le due figure non esistono nello stesso senso in cui esistono gli elementi del disegno. L’intero contenuto figurale dotato di una proprietà globale che ne costituisce l’identità specifica non è un contenuto fisico che condivide lo stesso status ontologico delle parti materiali del disegno.

32Se utilizziamo la terminologia di Meinong possiamo affermare che la struttura emergente, in quanto oggetto di ordine superiore, sussiste ma non esiste. Secondo Meinong, gli oggetti sussistenti sono oggetti di ordine superiore, ovvero oggetti che non sono autonomi e che ha bisogno di altri oggetti per esistere. La sussistenza è una funzione della dipendenza. Tuttavia, se i contenuti fenomenici sono oggetti sussistenti non sembrano dipendere da elaborazioni cognitive bensì da altri oggetti esistenti. Per Meinong, fenomeni come la diversità o somiglianza fra due oggetti fisici sono oggetti di ordine superiore ontologicamente fondati negli oggetti fisici. Meinong descriveva il fenomeno della fondazione in termini di intrinseca non-indipendenza anziché di fondazione forte. Inoltre, non ammetteva prevedibilità degli oggetti di ordine superiore sulla base dei caratteri degli oggetti di base:

Oggetti di ordine superiore (Meinong 1899):

  • 9 Meinong 1899; 2002: 163.

La proprietà d’avere un superius, e quindi di essere un inferius, non è affatto universalmente caratteristica. Ciò che ora è portatore di un oggetto d’ordine superiore, può comparire poi senza di esso […] il fatto che qualcosa compaia come inferius non può dire nulla in merito a quanto esso comporti di disposizione a sorreggere un superius9.

33L’esempio delle immagini reversibili ci offre una risposta interessante sia a quella che Ehrenfels, nel suo saggio Le qualità formali, denominava come la questione ontologica circa il rapporto fra le qualità formali e il loro fondamento – ad esempio il rapporto fra dei suoni in sequenza e la percezione di una melodia – sia alla questione psicologica, ovvero se la percezione di una qualità formale è qualcosa di passivo o presuppone un qualche tipo di attività cognitiva o psichica. Ehhrefels ai tempi del suo dottorato a Graz sotto la direzione di Meinong, sosteneva che le forme spaziali, sonore, ma anche quelle appartenenti a campi sensoriali come l’olfatto, il gusto e la dimensione tattile erano delle qualità formali spaziali, sonore ecc.

Qualità formali (Ehrenfels 1890):

  • 10 Ehrenfels 1890; 1984: 51.

Chiamiamo qualità formali quei contenuti rappresentativi positivi che sono legati all’esistenza di complessi rappresentativi positivi nella coscienza, che a loro volta sono fatti di elementi separabili l’uno dall’altro (cioè rappresentabili separatamente). Chiamiamo fondamento (Grundlage) delle qualità formali quel complesso rappresentativo necessario per la loro esistenza […] che cosa sono in sé le immagini di rappresentazione: “forma spaziale” e “melodia”? Un mero aggregato di elementi o qualcosa di nuovo, qualcosa che è presente insieme a quell’aggregato ma che è tuttavia è differenziabile da esso? […] Sostenere che la riunione di certi elementi nella coscienza potrebbe portare con sé la formazione di qualcosa di nuovo ha senso solo se le rappresentazioni spaziali e sonore nascono senza il nostro intervento, senza un’attività mentale appositamente deputata a questo10.

34Se il contenuto fenomenico di un’esperienza percettivo-sensoriale è una struttura emergente che costituisce l’identità qualitativo-formale di un sistema di oggetti fisici ed è fondata in questi oggetti, non si è lontani dall’affermare con Wiggins che l’identità è una proprietà ontologica ma non fisica o naturale e che i fenomeni non sono proprietà fisiche ma proprietà ecologiche, che si determinano, come sostiene Gibson, nell’interazione fra un ambiente fisico e un agente adattato evolutivamente a questo ambiente. Un agente in grado di afferrare e riconoscere le qualità formali, quelle che Gibson chiamava le affordances dell’ambiente, che da questo punto di vista sono strutture emergenti che possono dipendere sia dalla componente fisica dell’ambiente che da quella cognitiva dell’agente che ne fa esperienza, nel caso in cui anche gli agenti cognitivi a loro volta siano parti di un sistema ecologico più ampio.

35I contenuti fenomenici relativi a oggetti materiali sono unità significative dotate di struttura o identità già nel momento in cui si presentano ai sistemi percettivi di un agente. Le informazioni e l’identità dei contenuti fenomenici rilevati dall’agente non appaiono né (a) come il risultato di una pura messa in forma categoriale da parte degli apparati cognitivi dell’agente, né (b) come il prodotto causalmente determinato dalle componenti puramente fisiche dell’ambiente, bensì emergono da una complessa rete di dipendenze determinata dall’interazione fra le istanze biologiche e cognitive dell’agente e gli oggetti fisici.

36La costituzione di contenuti fenomenici deve quindi essere intesa come afferramento, grasping di unità percettive dotate di valori e informazioni alle quali l’agente ha un accesso diretto, proprio come sembrerebbe verificarsi nel caso del riconoscimento di patterns di azioni, intenzioni e oggetti da parte dei neuroni mirror che non richiedono l’intervento di sistemi preliminari di concettualizzazione e categorizzazione linguistica della realtà. Sembra plausibile pensare che le abilità dei neuroni mirror dei sistemi motori e pre-motori nel riconoscere oggetti e unità d’azione, siano possibili anche grazie alla coesione ontologica interna di determinati contenuti fenomenici che in virtù dei sistemi percettivi vengono codificati da neuroni mirror specifici.

37In conclusione, la nozione di emergenza che possiamo utilizzare è di tipo forte ed è sostanzialmente in accordo anche con quella proposta da Charles Broad nel suo The mind and its place in nature:

Emergenza (Broad 1925):

In termini astratti la teoria emergente asserisce che ci sono certi interi, composti dai costituenti A, B e C, in relazione R tra loro; che tutti gli insiemi composti da costituenti dello stesso tipo di A, B e C in una relazione dello stesso tipo R hanno certe proprietà caratteristiche; che le proprietà caratteristiche dell’intero R(A, B, C) non possono, neanche in teoria, essere dedotte dalla conoscenza più completa delle proprietà di A, B, e C in isolamento o in altri interi che non hanno la forma R(A, B, C).

38Se l’emergenza fenomenica è di tipo forte, caratterizzata quindi dall’irriducibilità, allora le strutture emergenti sono appunto fenomeni che si verificano certamente nell’ordine naturale ma non sono eventi fisici poiché sembra arduo sostenere un emergentismo forte in campo fisico. I contenuti fenomenici non possono essere pensati dunque come il prodotto di stipulazioni o convenzioni, bensì come oggetti naturali di ordine superiore, non di tipo fisico, rispetto ai quali abbiamo un accesso immediato come per molte di quelle proprietà che Gibson chiamava affordances presenti nella realtà dell’ambiente.

Torna su

Bibliografia

Bonomi, A.

1983, Eventi mentali, Il Saggiatore, Milano

1987, Oggetti intenzionali, in Le immagini dei nomi, Milano, garzanti: 196-218

Bozzi, P.

1989, Fenomenologia sperimentale, Bologna, il Mulino – 1990, Fisica ingenua, Milano, Garzanti

Broad, C.D.

1923, Scientific Thought, London, Routledge - Kegan Paul

1925, The Mind and Its Place in Nature, London, Routledge - Kegan Paul

Casati, R. e Varzi, A.C.

1999, Parts and Places: The Structure of Spatial Representation, Cambridge (ma), mit Press

Chalmers, D.

1996, The Conscious Mind, Oxford, Oxford University Press; La mente cosciente, tr. it. di A. Paternoster e C. Meini, Milano, McGraw-Hill, 1999

Conni, C.

2005, Identità e strutture emergenti. Una prospettiva ontologica dalla Terza ricerca logica di Husserl, Milano, Bompiani

Conni, C. e De Monticelli, R.

2008, Ontologia del nuovo, Milano, Mondadori

Di Francesco, M.

2005, Filling the Gap, or Jumping over It? Emergentism and Naturalism, “epistemologia”, xxviii: 93-120

Ehrenfels, C.von

1890, Űber Gestaltqualitaten. Vierteljahrsschrift fur wissenschaftliche Philosophie, 14: 249-292; Le qualità formali, tr. it. di N. Stucchi, in E. Funari, N. Stucchi, D. Varin (a c. di) Forma ed esperienza, Milano, Franco Angeli, 1984

Francescotti, R.M.

2007, Emergence, “Erkenntnis”, 67: 47-63

Gallese, V.

2003, The Manifold Nature of Interpersonal Relations: The Quest for a Common Mechanism, “Philosophical Transactions Royal Society of London”, 358: 517-528

2006, Corpo vivo, simulazione incarnata e intersoggettività, in M. Cappuccio (a c. di), Neurofenomenologia, Milano, Mondadori, 2006

Gibson, J.J.

1986, The Ecological Approach to Visual Perception, London, Hillsdale; Un approccio ecologico alla percezione visiva, tr. it. di R. Luccio, Bologna, il Mulino

Husserl, E.

1891, Philosophie der Arithmetik, ed. a cura di L. Eley ed., Husserliana xii, M. Nijhoff, Den Haag, 1970; La filosofia dell’aritmetica, tr. it. di G. Leghissa, Milano, Bompiani, 2001

1900-01, Logische Untersuchungen, I ed., Halle, 1913, II ed., M.Niemeyer, Halle; Ricerche logiche, tr. it. di G. Piana, 2 voll., Milano, il Saggiatore, 1968

Kanizsa, G.

1980, Grammatica del vedere. Saggi su percezione e Gestalt, Bologna, il Mulino

Kim, J.

1998, Mind in a Physical World, Cambridge (ma), mit Press; La mente e il mondo fisico, tr. it. di N. Simonetti, Milano, McGraw-Hill, 2000

Köhler, W.

1947, Gestalt Psychology, New York, Liveright Publishing; La psicologia della Gestalt, tr. it. di G. De Toni, Milano, Feltrinelli, 1961

Kripke, S.

1980, Naming and Necessity, Blackwell, Oxford; Nome e necessità, tr. it. di M. Santambrogio, Torino, Boringhieri, 1982

Lowe, E.J.

1998, The Possibility of Metaphysics. Substance, Identity and Time, Oxford, Clarendon Press

Meinong, A.

1899, Űber Gegenstände höherer Ordnung und deren Verhältnis zur inneren Wahrnehmung; tr. it. di E. Melandri, riv. da V. Raspa, Sugli oggetti di ordine superiore e il loro rapporto con la percezione interna, in Teoria dell’oggetto, Trieste, Parnaso, 2002: 155-233

Merleau-Ponty, M.

1942, Phénoménologie de la perception, Paris, Gallimard; Fenomenologia della percezione, tr. it. di A. Bonomi, Milano, Bompiani, 2003

Michotte, A.

1954, La perception de la causalité, Louvain, Publications Universitaires de Louvain

Mulligan, K.

1995, Perception, in B. Smith e D. Woodruff Smith (a c. di), The Cambridge Companion to Husserl, Cambridge, Cambridge University Press: 168-238

O’Connor, T.

1994, Emergent Properties, “American Philosophical Quarterly”, 31: 91-104 – 2005, The Metaphysics of Emergence, “Nous”, 39, 4: 658-678

Petitot, J.

2006, La svolta naturalista della fenomenologia, in M. Cappuccio (a c. di), Neurofenomenologia: 95-123

Piana, G.

1979, Elementi di una dottrina dell’esperienza, Milano, il Saggiatore

Rizzolatti, G. e Sinigaglia, C.

2006, So quel che fai, Milano, Raffaello Cortina

Simons, P.

1994, Particulars in Particular Clothing: Three Trope Theories of Substance, “Philosophy and Phenomenological Research”, 54, 3: 553-575

Smith, B. e Varzi A.C.

2000, Fiat and Bona Fide Boundaries, “Philosophy and Phenomenological Research”, 60: 401-20

Stephan, A.

2004, L’emergenza fenomenica, “Networks”, 3-4: 77-89

Wiggins, D.

1980, Sameness and Substance, Oxford, Blackwell

Torna su

Note

1 Chalmers 1996.

2 Kim 1998.

3 Cfr. Simons 1994: 559.

4 Cfr. Kim 1998: 10-15.

5 Chalmers 1996: 34-35.

6 Cfr. Lowe 1998: 147-150.

7 Husserl 1900-1901; 1968: 66.

8 Petitot 2006: 96.

9 Meinong 1899; 2002: 163.

10 Ehrenfels 1890; 1984: 51.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Legenda Fig. 1
URL http://estetica.revues.org/docannexe/image/1985/img-1.jpg
File image/jpeg, 1012k
Legenda Fig. 2
URL http://estetica.revues.org/docannexe/image/1985/img-2.jpg
File image/jpeg, 344k
Legenda Fig. 3
URL http://estetica.revues.org/docannexe/image/1985/img-3.jpg
File image/jpeg, 188k
Legenda Fig. 4
URL http://estetica.revues.org/docannexe/image/1985/img-4.jpg
File image/jpeg, 475k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Carlo Conni, « Fenomeni e emergenza », Rivista di estetica, 37 | 2008, 97-112.

Notizia bibliografica digitale

Carlo Conni, « Fenomeni e emergenza », Rivista di estetica [Online], 37 | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 novembre 2017. URL : http://estetica.revues.org/1985 ; DOI : 10.4000/estetica.1985

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org