Navigazione – Mappa del sito
la neurofenomenologia. esperienza, percezione, cognizione

Conoscenza della conoscenza e complessità. La proposta epistemologica di Varela per la scienza cognitiva

Mauro Ceruti e Luisa Damiano
p. 67-76

Testo integrale

1Tra le avventure del pensiero che la nostra epoca può consegnare con orgoglio alla storia della scienza, una delle più intense e affascinanti è senz’altro l’evento della genesi e dello sviluppo dell’approccio scientifico ai tradizionali problemi della conoscenza.

  • 1 Dupuy 1999; Ceruti 2004.
  • 2 Varela 1987; Dupuy 1999; Damiano 2007.

2Si è trattato innanzitutto del difficile superamento di un confine disciplinare antico, quel limite che Descartes ha tracciato agli albori della tradizione scientifica moderna e che nel tempo si è trasformato in un vuoto concettuale vertiginoso. Attraversare l’abisso teorico tra scienza della natura e scienza della conoscenza ha richiesto ai cibernetici degli anni Quaranta – i pionieri della scienza cognitiva1 – la costruzione di ponti concettuali di nuova concezione, spesso realizzati con soluzioni categoriali rivoluzionarie rispetto agli schemi classici dell’intellegibilità scientifica. L’esito è consistito in una straordinaria proliferazione di novità teoriche, risorse mai pienamente sfruttate dalla scienza cognitiva e tuttora in grado di aprire alla disciplina direzioni di ricerca all’avanguardia2.

  • 3 Varela 1986.
  • 4 Morin 1985: 12.
  • 5 Morin 1985: 114.

3Ma certamente l’interesse della nascita dell’“epistemologia sperimentale”3 non si esaurisce qui, nella generatività di un’esplorazione scientifica che è riuscita a penetrare nei territori tradizionalmente di esclusiva pertinenza della filosofia della conoscenza. Questa ricognizione pionieristica presenta un altro aspetto singolare. Costituisce l’episodio della storia della scienza in cui la razionalità scientifica ha espresso massimamente la propria capacità adattativa, esibendo un movimento evolutivo sorprendente. È un andamento irriducibile a un’espansione orizzontale, diretta all’annessione di nuovi domini d’indagine. La frontiera con cui si sono confrontati i pionieri della scienza cognitiva non consiste solo in un limite di estensione, ma coincide con un limite d’intellegibilità. L’impulso che ha condotto questi primi esploratori sul confine tra scienza della natura e scienza della conoscenza non è tanto la brama di conquista, quanto la spinta dell’incertezza, quell’incertezza imposta alla ricerca novecentesca dal rilievo di un’«impossibilità epistemologica»4. È l’inaccessibilità di una descrizione scientifica del reale indipendente dalle modalità di conoscenza del descrittore, quel limite d’intellegibilità che appare quando «il volto dell’osservatore (…) si disegna in sovraimpressione sull’immagine infinita del cosmo da lui contemplato»5.

  • 6 Damiano 2007.

4Questa barriera chiude alla conoscenza scientifica la via dell’assolutezza. Sbarra la direttrice che sale asintoticamente verso l’onniscienza. Preclude uno sguardo neutro e totalizzante sul mondo naturale. Eppure non ha un valore esclusivamente negativo. È un limite che converge con una possibilità. Apre alla scienza l’opportunità di assumere una nuova inclinazione conoscitiva. Propone alla razionalità scientifica di incamminarsi – di avventurarsi – «sulla curva dell’autoconoscenza»6.

5Il movimento evolutivo che ha originato la scienza naturale della cognizione non è di natura lineare. È un andamento curvo, circolare: un ripiegamento riflessivo. Corrisponde al processo di costruzione di un metalivello d’indagine, atto a fornire alla scienza una “teoria dell’osservatore”: una caratterizzazione del soggetto dell’esplorazione scientifica compatibile con le categorie teoriche e metodologiche caratteristiche di questa specifica forma d’intellegibilità.

  • 7 Von Foerster 1987: 152.

Ci troviamo di fronte al truismo secondo cui ogni descrizione (dell’universo) implica colui che descrive (che osserva). Ciò che ci serve adesso è una “descrizione del descrittore”; o, in altre parole, abbiamo bisogno di una teoria dell’osservatore7.

  • 8 Morin 1974: 206.
  • 9 Apostel 1983: 85-86; Ceruti 2004: 20; Piaget 1967.
  • 10 Ceruti 2007; Stengers 2007.
  • 11 Ceruti 2007; Ceruti 1986.

6Un’efficace espressione programmatica dell’epistemologia della complessità moriniana propone l’idea di “metasistema del sistema scientifico”8. Leo Apostel parla di un’“autoapplicazione della scienza a se stessa”, riferendosi in particolare a uno dei più completi programmi pionieristici dell’epistemologia sperimentale: il programma dell’epistemologia genetica di Jean Piaget9. Sono definizioni che chiedono di collocare l’evento della genesi della scienza cognitiva nel processo scientifico contemporaneo di ridefinizione dell’approccio al problema del limite. Connettono quest’avvenimento a quella trama di scoperte d’impossibilità e di teoremi limitativi che ha portato la scienza odierna a una sorta di gestalt switch rispetto alla questione della finitezza della conoscenza. Si tratta dell’accertamento del carattere strutturalmente inconcluso di ogni sistema cognitivo, un’acquisizione che ha scalzato l’ideale epistemologico moderno di una “scienza definitiva”. Ha privato di ogni plausibilità il riferimento classico a un “punto di vista infinito” rispetto a cui valutare negativamente le limitazioni della conoscenza scientifica10. Ha generato un quadro epistemologico in cui i limiti del punto di vista scientifico – i limiti di ogni punto di vista teorico, riconosciuti intrinseci – assumono un valore essenzialmente positivo. Si ridefiniscono come luoghi generativi: le potenziali soglie d’emergenza di nuovi punti di vista limitati, ognuno atto a illuminare i punti ciechi dell’altro11.

  • 12 Stengers, 2007; Prigogine, Stengers 1993; Morin 1993; Ceruti 1986; Bocchi, Ceruti 2007.

7La nascita della ricerca scientifica sulla conoscenza si colloca in questo contesto. Costituisce un episodio particolarmente intenso del movimento di trasformazione euristica caratteristico della scienza contemporanea, quel processo che, in alcuni luoghi della riflessione epistemologica odierna, è concepito come l’ambito della strutturazione di una “scienza complessa” – una scienza basata su “un’euristica dei punti di vista finiti”, o “un’euristica della complessità”12.

  • 13 Morin 1993.
  • 14 Con le espressioni «in modo più o meno esplicito» e «in maniera più o meno consapevole» si intende (...)

8Non si tratta solo dell’abbandono dell’ideale regolativo tradizionale di una conoscenza scientifica “onnisciente”, ma, più profondamente, della radicale revisione del modo di fare scienza che quest’ideale supportava – lo stile di conoscenza efficacemente definito da Morin “paradigma di semplificazione”13. Si tratta dell’euristica classica che impone alla scienza la produzione di una descrizione semplice del reale – unica, omogenea, esaustiva. Richiede all’osservatore di ricercare il generale in cui dissolvere il particolare, il necessario in cui riassorbire il contingente, l’invariante a cui ridurre il variabile – il semplice in cui annullare il complesso. Presuppone l’accessibilità di un luogo fondamentale di osservazione: un livello di indagine in cui l’esplorazione scientifica è suscettibile di affrancarsi progressivamente da ogni limite, perché qui ha accesso all’essenza stessa della realtà – un’essenza semplice, esprimibile in numero finito di concetti, categorie, leggi. Da questo orientamento euristico il pensiero scientifico contemporaneo ha iniziato ad allontanarsi sensibilmente già nella seconda metà del Novecento. Ha riconosciuto che le descrizioni semplici, lungi dal garantire un accesso trasparente all’interezza del reale, mutilano la realtà esplorata. Operano violente selezioni sugli osservabili da considerare. Ne rendono accessibili solo alcuni, cancellando gli altri dalla scena dell’indagine. Producono accecamenti teorici che, spesso, si rivelano criticamente fuorvianti. A fronte degli effetti distorsivi e mutilanti di quest’euristica, la scienza contemporanea ha optato per uno stile di conoscenza alternativo. In maniera più o meno esplicita, si è orientata verso un modo di fare scienza che tende non alla semplificazione del reale, ma alla complessificazione della descrizione scientifica. In maniera più o meno consapevole, ha assunto un’euristica che avanza mediante la produzione di una pluralità differenziata di livelli di osservazione, ognuno riferito a uno specifico sistema categoriale di caratterizzazione, atto a strutturare l’accesso a un aspetto del reale che eccede capacità descrittive degli altri14.

  • 15 Varela 1979: xv.
  • 16 Nunez, Freeman 1999; Clark 1997.

9È un processo di trasformazione epistemologica che coinvolge in profondità la scienza cognitiva. Rispetto all’emancipazione dalla tendenza classica alla semplificazione, questa scienza sembra maturata molto in fretta. A qualche decade dalla nascita riconosce che molte delle concettualizzazioni dominanti nelle fasi iniziali del suo sviluppo – schematizzazioni certamente utili, forse persino inevitabili in quei primi stadi – corrispondono ad astrazioni insoddisfacenti sia sul piano teorico che sul piano delle applicazioni pratiche. Il caso emblematico è quello del modello descrittivo dominante della disciplina, lo schema computazionalista, basato sull’ipotesi dell’analogia funzionale tra sistemi cognitivi naturali e calcolatori digitali. Asceso alla guida della scienza cognitiva negli anni Cinquanta – con la costituzione della «scienza computazionalista» e lo sviluppo, quasi immediato, della cosiddetta «gestalt del pc»15 –, già dagli anni Ottanta il modello del calcolatore suscita non solo forti critiche, ma anche il proliferare di alternative teoriche e tentativi di riconcettualizzazione16.

  • 17 Nunez, Freeman 1999; Clark 1997.

10La crisi del “paradigma computazionalista” ha raggiunto il grande pubblico primariamente attraverso le vicissitudini dell’intelligenza artificiale, nata annunciando l’imminente replicazione dell’intelligenza umana. La promessa di macchine computanti capaci di riprodurre e persino di perfezionare le abilità cognitive umane non è stata mantenuta. Gli artefatti intelligenti prodotti dal computazionalismo sono rimasti sostanzialmente ciechi, muti, privi di responsività intelligente. Hanno deluso profondamente le aspettative, tanto da far ritenere che la loro progettazione si basasse su un fraintendimento radicale della natura stessa dell’intelligenza umana17.

11Così la scienza cognitiva dell’artificiale ha tentato nuove vie. È ripartita dal basso, generando per i propri artefatti linee evolutive autonome e specifiche. Sono direzioni di sviluppo che non cercano di ricalcare quelle dell’intelligenza umana. Ai nostri giorni quest’ultima è riconosciuta troppo dipendente dall’embodiment nella nostra specie, nel nostro corpo e nella nostra biologia per essere ritenuta identicamente replicabile per via macchinale.

  • 18 Nunez, Freeman 1999; Port, van Gelder, 1995; Damasio 2000.

12Ma non si tratta solo di cognizione artificiale. L’insostenibilità del paradigma dominante della scienza cognitiva ai nostri giorni emerge anche da molti altri esiti delle ricerche della disciplina, teorici ed esplorativi. Non sono in crisi soltanto ipotesi computazionaliste locali, quali le idee della centralizzazione o della sequenzialità delle operazioni cognitive. Sono in crisi le stesse direttrici teoriche fissate dalla metafora del calcolatore. L’orientamento emergente della scienza cognitiva non si limita a riconoscere il carattere altamente connettivo e distribuito di tutti i processi neurali, ma arriva a rifiutare esplicitamente l’idea di un apparato cognitivo che funziona secondo uno schema input-output, stimolo-risposta. Respinge la nozione di informazioni preesistenti, predefinite e preselezionate rispetto alla loro elaborazione, nonché l’idea di una conoscenza che, procedendo per calcoli simbolici, confeziona copie del mondo esterno. Soprattutto, rifiuta l’immagine di un conoscere astratto, privo di coloriture emozionali, sostanzialmente indipendente dall’intenzionalità e dall’azione18.

  • 19 Clark 1999: 345.
  • 20 Varela, Thompson, Rosch 1991.

13La nascente direzione esplorativa delle scienza cognitiva – l’embodied cognitive science, o scienza cognitiva incorporata19 reinserisce la cognizione nella dimensione del corpo. Riconosce come pertinenti anzi: ineludibili e irriducibili tutte le manifestazioni cognitive strettamente legate alla corporeità. Di più. Riconosce nella materialità la dimensione generativa della cognizione – il luogo dell’emergenza della mente, ripensata come un’embodied mind20.

14Sempre di meno l’apparato cognitivo – qualunque apparato cognitivo, e quello umano in primo luogo – appare dissociabile dalle strutture materiali dalle quali è supportato – meglio: dalle strutture nelle quali è incorporato. Sempre di più la cognizione risulta suscettibile di una varietà di diverse materializzazioni, che ancora sfuggono alla precisa definizione dei loro contorni e delle loro effettive possibilità. E tutte queste materializzazioni sono significative, cruciali: la loro comparazione genera invarianti, ma anche differenze critiche.

15Oggi la scienza della cognizione non produce – e non può produrre – un modello astratto da applicare tramite modulazioni alle singole situazioni biologiche e materiali. Definisce un campo di processi e di emergenze altamente contestuali, che è scopo della ricerca mettere in relazione. Le convergenze uomo/macchina, animale/macchina, animali/macchine, e anche uomo/animali/macchine, non sono date in anticipo. Sono oggetto di un’indagine che deve essere altrettanto attenta alle divergenze, ai punti di discontinuità, alle linee di sviluppo specifiche e originali.

16È una trasformazione che non resta confinata sul piano teorico, ma coinvolge anche il piano euristico e la sensibilità epistemologica. Oggi non si tratta più del tentativo di ridurre l’intera fenomenologia cognitiva a uno schema esplicativo semplice. Al contrario. La ricerca attuale è impegnata nello sforzo di accogliere la complessità dell’ampio e differenziato fascio dei fenomeni cognitivi.

  • 21 Freeman 2000; van Gelder 1995; Portman, van Gelder 1995; Noë, Thompson 2004.

17Quella odierna è una scienza cognitiva che respinge l’ideale di una spiegazione semplice. Rifiuta di imporre al reale una struttura che non gli appartiene. Scarta la possibilità di schemi teorici che annullano il particolare, il deviante, lo specifico, l’imprevisto. Sceglie di allargare i propri quadri d’intellegibilità. Declina l’idea di un luogo fondamentale di osservazione. Tenta di aprire nuovi punti di vista. Cerca di strutturare l’accesso ad aspetti della realtà indagata che sfuggono alle prospettive teoriche già costituite21.

18Allo sviluppo di questo tipo di scienza cognitiva Francisco Varela – creativo protagonista della ricerca in tanti rami delle scienza cognitiva – ha lavorato da sempre. Il suo sforzo rivoluzionario non si è diretto solo alla produzione di un cambiamento più o meno esteso nell’assetto teorico della disciplina. Si è diretto anche e soprattutto alla trasformazione dello stile di conoscenza della scienza cognitiva. In questo dominio d’indagine Varela ha promosso l’emergere e il consolidarsi di ideali d’intellegibilità alternativi a quelli della tradizione moderna. In particolare ha sostenuto lo sviluppo del principio definitorio dell’approccio della complessità – l’istanza di moltiplicazione delle prospettive teoriche a disposizione dell’osservatore.

  • 22 Varela 1987; Varela 1986.

19Varela è stato condotto a quest’inclinazione conoscitiva da un forte interesse per la storia del proprio dominio di ricerca – un’attitudine all’autoconoscenza piuttosto rara in quest’area disciplinare di recente strutturazione. Francisco Varela è stato uno dei pochi specialisti della scienza cognitiva che ha sviluppato una conoscenza di dettaglio della propria tradizione di ricerca. Ha allargato il proprio sguardo fino a comprendere la storia e le dinamiche dello sviluppo del proprio contesto disciplinare, cercando di tradurre questo sapere nella strutturazione di un approccio teorico e metodologico il più possibile generativo22.

  • 23 Varela 1989: 7.

Solo una rilettura dei “vecchi” problemi e delle “vecchie” impostazioni […] rende la scienza aperta e creativa23

20Per avanzare nello studio scientifico della cognizione Francisco Varela è tornato alle origini delle scienza cognitiva, ripercorrendone a ritroso la storia fino all’epoca della nascita della cibernetica. E tornare a quest’era seminale lo ha portato a riconoscere che nella scienza cognitiva esiste da sempre una pluralità di prospettive teoriche una molteplicità di punti di vista sulla cognizione.

  • 24 Varela 2007.

21Primariamente egli ne ha individuati due, usualmente definiti mediante la strutturazione di una serie di opposizioni: von Neumann contro Wiener, eteronomia contro autonomia, calcolatore contro sistema autoorganizzatore, elaborazione di informazioni contro autocreazione, rappresentazione dell’ambiente contro costruzione di un mondo significante su uno sfondo perturbatore24.

22Com’è noto, Varela ha scelto di dedicare la propria carriera scientifica allo sviluppo di una di sola di queste prospettive: quella eterodossa, abitualmente definita dal concetto di autonomia cognitiva. Ma, quando presentava questo punto di vista teorico nelle sue specificità distintive, non ne sottolineava la superiorità, ma la complementarità rispetto alla prospettiva computazionalista.

  • 25 Varela 2007: 141-157.

Il lettore potrebbe essere indotto a pensare che qui sto stabilendo un confronto tra buono e cattivo: l’autonomia è buona, mentre l’eteronomia è cattiva. Questa è un’insidia epistemologica letale, un’insidia che dobbiamo evitare con la massima cura. Il modo per evitare questa insidia sta nel vedere che questi due atteggiamenti, l’autonomia e l’eteronomia, non stanno l’uno con l’altro in un rapporto di opposizione logica25.

23Questo è il tratto che caratterizza specificamente il contributo epistemologico più significativo di Francisco Varela alla scienza cognitiva del presente e del futuro: il riconoscimento della vicarianza e della complementarità dei punti di vista possibili sui sistemi cognitivi, unito alla volontà di non ridurre gli uni agli altri, ma di coordinarli generativamente.

24È un approccio euristico che ha caratterizzato tutto il percorso scientifico di Varela, iniziato col tentativo di distinguere e articolare il punto di vista interno e il punto di vista esterno ai sistemi viventi e cognitivi, secondo l’intento programmatico della teoria dell’autopoiesi sviluppata con Humberto Maturana.

  • 26 Maturana, Varela 1992: 123-4.

Da un lato possiamo considerare un sistema nel dominio del funzionamento dei suoi componenti, nel dominio dei suoi stati interni e dei suoi cambiamenti strutturali. Da questo punto di vista, per la dinamica interna del sistema, l’ambiente non esiste, è irrilevante. Dall’altro lato possiamo anche considerare un’unità nelle sue interazioni con l’ambiente e descrivere la sua storia di interazioni in esso. Da quest’altro punto di vista, in cui l’osservatore può stabilire relazioni tra certe caratteristiche dell’ambiente e il comportamento dell’unità, la dinamica interna di quest’ultima è irrilevante. Nessuno dei due possibili domini di descrizione è problematico in sé e sono necessari entrambi per soddisfare il nostro desiderio di completa comprensione di un’unità26.

25Quello che Francisco Varela ha cercato di costruire su questa base è una scienza cognitiva pluralista, capace di coordinare le diverse prospettive disponibili sull’oggetto che indaga, anche e primariamente quando queste si rifanno a strutture teoriche irriducibilmente diverse tra loro. L’idea che orientava le sue ricerche sulla cognizione era quella di una “scienza complessa”: una scienza della molteplicità coordinata dei punti di vista.

  • 27 Varela 1979: xvi.

Un concetto molto importante in questo libro [Principles of Biological Autonomy] è quello di complementarità, e dell’interconnessione costruttiva tra due prospettive interdipendenti che porta a un nuovo livello di comprensione. Io non sono un “autonomista” [‘autonomist’] in guerra con gli ingegneri del controllo; ma voglio dire chiaramente che la prospettiva del controllo, se presa da sola, conduce a inadeguatezze nella nostra comprensione dei sistemi naturali27.

  • 28 Per un’analisi dell’approccio euristico di Varela e dei pionieri della scienza cognitiva ci si perm (...)

26È l’idea di un sapere scientifico che rinuncia all’ideale tradizionale di un unico sistema teorico in grado di esprimere l’interezza del reale, optando per la moltiplicazione delle proprie prospettive sul mondo naturale. È l’idea di un’intellegibilità scientifica che sa accettare la località, la parzialità, l’intrinseca inesaustività di ogni punto di vista teorico aperto sulla realtà. Sa accettare l’irriducibile eccedenza del reale rispetto alle capacità descrittive di qualsiasi sistema categoriale. Sostanzialmente è l’idea di una scienza che procede mediante costruzioni: apre prospettive teoriche che non garantiscono l’accesso all’essenza della realtà, né permettono di perlustrarla in modo definitivo, ma individuano attivamente – costruiscono – nel reale oggetti definiti di ricerca, suscettibili di essere interrogati ed esplorati28.

  • 29 Varela 1979: 83.

Il mondo non ci si presenta nettamente diviso in sistemi, sottosistemi, ambienti e così via. Queste sono divisioni che facciamo noi in vista di vari scopi. È evidente che differenti comunità di osservatori trovano comodo dividere il mondo in modi diversi e sono interessate a diversi sistemi in diversi momenti29.

27Quello di Varela era uno stile di conoscenza costruttivista. Rifiutava la riduzione della realtà a un unico sistema categoriale, deputato a ricondurre la varietà dei fenomeni a un unico tipo di oggetto scientifico. Era un modo di fare scienza centrato sull’idea che per avanzare nella conoscenza scientifica sia indispensabile moltiplicare le prospettive teoriche capaci di scolpire nel reale oggetti definiti suscettibili di esplorazione.

  • 30 Varela 1986.

28Da quest’idea nasce uno dei messaggi più profondi che Francisco Varela ha lasciato in eredità agli specialisti della scienza cognitiva, un appello alla complessità: mantenere e articolare una pluralità diversificata di punti di vista teorici, perché ognuno di essi, pur producendo zone d’ombra, può illuminare le zone d’ombra generate dagli altri. È questo l’imperativo epistemologico vareliano per il futuro delle scienza cognitiva. Chiede di non ridurre l’una all’altra le prospettive di eteronomia e di autonomia, di non scegliere un solo polo teorico in quella che potrebbe costituirsi come una sterile alternativa tra computazionalismo e scienza cognitiva incorporata, ma di mantenere e correlare – al limite ibridare creativamente30 – i due differenti approcci, nella consapevolezza dei loro limiti intrinseci.

  • 31 Varela 1979: 104.

Vediamo autonomia e controllo, spiegazioni causali e simboliche, riduzionismo e olismo come complementari […] per la comprensione dei sistemi a cui siamo interessati.
Sono [prospettive] interconnesse in ogni descrizione soddisfacente: ognuno [di questi singoli approcci] comporta qualche perdita rispetto alle nostre esigenze cognitive, così come qualche guadagno. [...] Non sembra adeguato né scegliere un polo contro l’altro, né trattarli allo stesso livello; piuttosto essi devono essere riconosciuti come prospettive cognitive della comunità degli osservatori, distinte ma interdipendenti31.

  • 32 Cappuccio 2006.

29È un’epistemologia della complessità quella che Francisco Varela ha introdotto e sviluppato all’interno della scienza della cognizione. Ed è quest’epistemologia che ha orientato il lavoro di strutturazione del programma della neurofenomenologia32, così innovativo nella direzione di una scienza complessa da connettere non due punti di vista propriamente scientifici, ma scienza e non scienza: scienza e filosofia, sperimentazione scientifica ed esperienza vissuta, descrizioni in terza e in prima persona.

30La varietà degli approcci teorici e metodologici dei contributi che oggi sviluppano il programma della neurofenomenologia esprime e valorizza quest’epistemologia. Ne fa il nucleo attivo di un’avventura di pensiero che la nostra epoca potrebbe consegnare con orgoglio alla storia della scienza: lo sviluppo programmatico di un approccio pluralista e complesso alla conoscenza della conoscenza.

Torna su

Bibliografia

Apostel, L.

1983, L’altro Piaget: dalla teoria dello scambio e della cooperazione verso la teoria della conoscenza, in G. Bocchi, M. Ceruti, D. Fabbri, A. Munari (a c. di), L’altro Piaget. Strategie della genesi, Milano, Emme

Cappuccio, M.

2006 (a c. di), Neurofenomenologia. Le scienze della mente e la sfida dell’esperienza cosciente, Milano, Mondadori

Ceruti, M.

1986, Il vincolo e la possibilità, Milano, Feltrinelli

2004, La danza che crea, Milano, Feltrinelli

2007, La hybris dell’onniscienza e la sfida della complessità, in G. Bocchi e M. Ceruti (a c. di), La sfida della complessità, Milano, Mondadori

Clark, A.

1999, An embodied cognitive science?, “Trends in cognitive science”, 3, 9: 345 – 1997, Dare corpo alla mente, Milano, McGraw-Hill

Damasio, A.

2000, Emozione e coscienza, Milano, Adelphi

Damiano, L.

2007, Unità in dialogo. Genealogia e attualità di un oggetto teorico rivoluzionario, Milano, Mondadori (in corso di pubblicazione)

Dupuy, J.P.

1999, Aux origines des sciences cognitives, Paris, La Découverte Freeman, W.J.

2000, How brains make up their minds, New York, Columbia University Press

Maturana, H., Varela, F.

1992, L’albero della conoscenza, Milano, Garzanti

Morin, E.

1985, Il metodo I. Ordine, disordine, organizzazione, Milano, Feltrinelli

1974, Il paradigma perduto, Milano, Feltrinelli

1993, Introduzione al pensiero complesso, Milano, Sperling & Kupfer

Nunez, R., Freeman, W.J.

1999, Reclaiming cognition, Thoverton, Imprint Academic

Noë, A., Thompson, E.

2004, Are there Neural Correlates of Consciousness?, “Journal of Consciousness Studies”, 11, 1: 3

Piaget, J.

1967, Logique et connaissance scientifique, Paris, Gallimard

Port, R., van Gelder, T.

1995, Mind as Motion, Cambridge (ma), mit

Prigogine, I., Stengers, I.

1993, La nuova alleanza. Metamorfosi della scienza, Torino, Einaudi

Stengers, I.

2007, Perché non può esserci un paradigma di complessità, in G. Bocchi, M. Ceruti (a c. di), La sfida della complessità, Milano, Mondadori

Van Gelder, T.

1995, What cognition could be, if not computation?, “The Journal of Philosophy”, 92, 7: 345

Varela, F.J.

1979, Principles of Biological Autonomy, New York - Oxford, North Holland.

1986, Experimental epistemology, “Cahiers du crea”, Paris, Crea

1987, Scienza e tecnologia della cognizione, Firenze, Hopefulmonster

1989, Prefazione, in M. Ceruti, La danza che crea, Milano, Feltrinelli

2007, Complessità del cervello e autonomia del vivente, G. Bocchi e M. Ceruti (a c. di), La sfida della complessità, Milano, Mondadori

Varela, F.J., Thompson E., Rosch E

1991, The embodied mind, Boston, mit

Von Foerster, H.

1987, Note su un’epistemologia delle cose viventi, in Id., Sistemi che osservano, Roma, Astrolabio

Torna su

Note

1 Dupuy 1999; Ceruti 2004.

2 Varela 1987; Dupuy 1999; Damiano 2007.

3 Varela 1986.

4 Morin 1985: 12.

5 Morin 1985: 114.

6 Damiano 2007.

7 Von Foerster 1987: 152.

8 Morin 1974: 206.

9 Apostel 1983: 85-86; Ceruti 2004: 20; Piaget 1967.

10 Ceruti 2007; Stengers 2007.

11 Ceruti 2007; Ceruti 1986.

12 Stengers, 2007; Prigogine, Stengers 1993; Morin 1993; Ceruti 1986; Bocchi, Ceruti 2007.

13 Morin 1993.

14 Con le espressioni «in modo più o meno esplicito» e «in maniera più o meno consapevole» si intende accennare alla differenza tra le linee della ricerca scientifica contemporanea che semplicemente adottano questa nuova euristica e le linee che, oltre ad assumerla, tentano di formalizzarla.

Per una trattazione più approfondita di questi temi ci si permette di rinviare a Ceruti 2007 e Damiano 2007.

15 Varela 1979: xv.

16 Nunez, Freeman 1999; Clark 1997.

17 Nunez, Freeman 1999; Clark 1997.

18 Nunez, Freeman 1999; Port, van Gelder, 1995; Damasio 2000.

19 Clark 1999: 345.

20 Varela, Thompson, Rosch 1991.

21 Freeman 2000; van Gelder 1995; Portman, van Gelder 1995; Noë, Thompson 2004.

22 Varela 1987; Varela 1986.

23 Varela 1989: 7.

24 Varela 2007.

25 Varela 2007: 141-157.

26 Maturana, Varela 1992: 123-4.

27 Varela 1979: xvi.

28 Per un’analisi dell’approccio euristico di Varela e dei pionieri della scienza cognitiva ci si permette di rinviare a Damiano 2007.

29 Varela 1979: 83.

30 Varela 1986.

31 Varela 1979: 104.

32 Cappuccio 2006.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Mauro Ceruti e Luisa Damiano, « Conoscenza della conoscenza e complessità. La proposta epistemologica di Varela per la scienza cognitiva », Rivista di estetica, 37 | 2008, 67-76.

Notizia bibliografica digitale

Mauro Ceruti e Luisa Damiano, « Conoscenza della conoscenza e complessità. La proposta epistemologica di Varela per la scienza cognitiva », Rivista di estetica [Online], 37 | 2008, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 luglio 2017. URL : http://estetica.revues.org/1979 ; DOI : 10.4000/estetica.1979

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org