Navigazione – Mappa del sito

38 | 2008
il futuro dell'estetica

a cura di Tiziana Andina e Pietro Kobau

Forse, l'arte di una volta, l'arte "alta" e tradizionale che ha finito per generare dal proprio interno l'utopia, dell'anti-arte, è finita: nel nostro senso comune ne rimangono alcuni resti, importanti, che però talvolta si contraddicono a vicenda. Ma ciò non significa che non vi siano, sotto tutto ciò, strati più duraturi, utilmente indagabili in sede filosofica. Dopo l'implosione della filosofia dell'arte importata dall'implosione del suo oggetto, il futuro starà allora in un'analisi ontologica, spregiudicata, dell'estetico. Perciò l'estetica, intesa come ombra della filosofia dell'arte, gode e godrà di ottima salute. Quando si sono riconnesse, negli ultimi anni estetica e filosofia dell'arte si sono dimostrate entrambe vivaci, occupandosi di questioni teoriche di cui è possibile immaginare uno sviluppo; ed è certamente un fatto che i risultati così prodotti siano stati messi a disposizione delle altre discipline filosofiche. Ancora una volta, è incoraggiante notare come la comunità scientifica italiana abbia saputo cogliere i segni di questo nuovo corso. In una parola, il futuro dell'estetica - italiana e non solo - sta qui.
Questo fascicolo raccoglie gli atti del convegno "il futuro dell'estetica. In onore di Arthur C. Danto", tenutosi a Torino il 3 e il 4 ottobre 2007. I lavori sono stati preceduti dal conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Filosofia e Storia delle idee di Arthur Coleman Danto, uno dei massimi esponenti dell'estetica di orientamento analitico: un riferimento imprescindibile per chiunque decida di misurarsi tanto con l'estetica, quanto con la filosofia dell'arte.

  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org