Navigazione – Mappa del sito
varia

La sindrome del sosia: una conferma alla categorizzazione non concettuale

Barbara Giolito
p. 155-162

Abstract

One of the most interesting questions analysed in philosophy of language concerns the hypothesis that the referential competence – that is, the ability to link words to the objects to which they refer – is based, not only on linguistically explicit properties of that objects, but also on cognitive contents not always exhaustively definable by means of linguistic instruments. For example, experiments on neural networks suggest the possibility that perceptive properties of objects influence in an unconscious way our categorization of that objects. Moreover, neuropsychological syndromes – in particular, Capgras and Fregoli syndromes – suggest that emotional contents could influence our decision to consider an entity as a member of a particular category: emotional contents could be considered, in such cases, part of the meaning of words referring to that objects.

Torna su

Testo integrale

Introduzione

1Vorrei iniziare la mia analisi citando un brano tratto da uno dei romanzi più interessanti e suggestivi per coloro che si occupano di filosofia del linguaggio, Baudolino di Umberto Eco.

  • 1 Eco U. 2002: pp.373-374.

«Ma ora ascolta. Ti ho sentito dire poco fa che gli sciapodi non sono amici dei blemmi. Non appartengono al regno o alla provincia?” – “Oh no, loro come noi è servi del Presbyter, e come loro i ponci, i pigmei, i giganti, i panozi, i senzalingua, i nubiani, gli eunuchi e i satiri-che-non-si-vede-mai. Tutti buoni cristiani e servi fedeli del Presbyter.” – “Non siete amici perché siete diversi?” chiese il Poeta. – “Come dice tu diversi?” – “Be’, nel senso che tu sei diverso da noi e...” – “Perché io diverso da voi?” – “Ma santissimo Iddio” disse il Poeta, “tanto per cominciare hai una gamba sola! Noi e il blemma ne abbiamo due!” – “Anche voi e il blemma se alza una gamba ne ha solo una” – “Ma tu non ne hai un’altra da abbassare!” – “Perché deve io abbassare gamba che non ha? Deve tu abbassare terza gamba che non ha?” – S’intromise conciliante il Boidi: “Senti, Gavagai, ammetterai che il blemma non ha la testa.” – “Come non ha la testa? Ha occhi, naso, bocca, parla, mangia. Come fa tu questo se non ha testa?” – “Ma non hai mai notato che non ha il collo, e dopo il collo quella cosa rotonda che anche tu hai sul collo e lui no?” – [...] – “Forse tu dice che lui non è tutto uguale a me, che mia madre non può confondere me con lui. Ma anche tu non è uguale a questo tuo amico perché lui ha segno su guancia e tu non ha. [...]»1.

2Il brano appena citato è tratto dal capitolo in cui Baudolino e i suoi compagni di viaggio, in cerca del regno del Prete Giovanni, arrivano a Pndapetzim, ai confini delle terre conosciute: qui incontrano Gavagai, una creatura alta come un bambino di dieci anni e sostenuto da una sola gamba, uno sciapode. Per quale ragione il Poeta e il Boidi sembrano incapaci di stabilire con Gavagai una comune classificazione? Apparentemente la comunicazione con lo sciapode risulta possibile e agevole ma ben presto Baudolino e i suoi compagni si scontrano con la difficoltà di far comprendere a Gavagai gli elementi in base ai quali essi tendono a classificare le entità che incontrano. La ragione di una simile difficoltà è chiara: in un regno in cui la religione rappresenta la dimensione fondamentale dell’esistenza, le distinzioni tra le diverse categorie di abitanti avvengono in base, non ai tratti morfologici degli stessi, ma alle loro diverse credenze religiose. Per Gavagai la differenza fondamentale tra blemmi e sciapodi è allora rappresentata, non dal numero di gambe o dal possedere o meno collo e testa, ma dal fatto che i primi, ma non i secondi, negano la realtà corporea di Gesù.

3Oltre a essere un espediente di sottile ironia, il testo appena citato sottende uno dei problemi più dibattuti nella filosofia del linguaggio contemporanea, quello relativo alle difficoltà insite nel tentativo di indicare un insieme di elementi capaci di svolgere il ruolo di comune fondamento classificatorio per le categorie su cui si basano i nostri termini linguistici. Le difficoltà incontrate dal Poeta e dal Boidi nell’esplicitare le differenze tra le categorie da loro suggerite attraverso elementi precisi e rigorosi sono, infatti, note a chi si occupa di filosofia del linguaggio: quando tentiamo – ad esempio –di definire un essere umano in base a proprietà esplicite, vediamo come anche una proprietà banale quale l’essere bipede ci faccia incorrere in alcune difficoltà, come la possibilità che un essere umano abbia subito un’amputazione pur rimanendo, ovviamente, un essere umano anche se in possesso di una sola gamba. Il tentativo di chiarire ogni controesempio ci porta, d’altra parte, a scontrarci con l’insormontabile difficoltà di guardare a tutti i possibili casi rilevanti: qui dovremmo, ad esempio, considerare la possibilità che a un essere umano manchi un arto già dalla nascita a causa di malformazioni genetiche. Una volta prese in considerazione le varie possibilità della mancanza di arti o altre parti del corpo, dovremo inoltre considerare la possibilità della mancanza di altre caratteristiche tipicamente umane, quali il possesso di alcune facoltà cognitive, e la possibilità della mancanza di più caratteristiche morfologiche e cognitive assieme. Proprio questo esempio ci mostra peraltro come sia facile uscire, durante simili tentativi di classificazione, da una prospettiva che potremmo definire scientifica, in cui vengono razionalmente analizzati dati oggettivi, per ricadere in problemi di natura etica, in cui entrano in gioco, tra gli altri, fattori emotivi e culturali.

Linguaggio e contenuto cognitivo

  • 2 Giolito B. 2005.
  • 3 Kripke S. 1972.
  • 4 Searle J. 1958 e Wittgenstein L. 1953.

4La competenza referenziale – cioè la capacità di collegare parole e mondo – potrebbe non essere fondata su un insieme di proprietà esplicite, in grado di portarci da un termine linguistico all’oggetto o situazione cui lo stesso si riferisce, e tuttavia richiedere l’assegnazione da parte nostra di un contenuto cognitivo alle categorie cui i termini linguistici di cui facciamo uso si riferiscono2. Se, da una parte, Kripke3 sembra avere ragione a negare che il significato delle parole sia riconducibile a una descrizione o a un insieme di descrizioni, egli sbaglia – a mio avviso – nel negare la rilevanza di un contenuto cognitivo applicabile alle parole nell’identificazione del loro significato. Kripke ha mostrato in modo convincente come i tentativi di ridurre il significato dei termini linguistici alle loro descrizioni sembrino destinati al fallimento: per la maggior parte delle parole di senso comune le descrizioni che saremmo in grado di dare dei loro referenti non sono sufficienti a individuare gli stessi e in alcuni casi sono, o potrebbero essere, addirittura errate. Molti di noi parlano, ad esempio, sensatamente di Gödel e pretendono di parlare proprio di Gödel e non di un logico qualunque, pur sapendo associare al termine “Gödel” soltanto la descrizione “un famoso logico del XX secolo”, descrizione che non è in grado di distinguerlo da altri logici del XX secolo; coloro che identificano Gödel come “lo scopritore del teorema di incompletezza” non sarebbero – d’altra parte – disposti a sostenere di non aver parlato proprio di Gödel, ma di un altro logico, supponiamo un certo Schmidt, anche qualora scoprissero che a formulare per primo il teorema di incompletezza fosse stato tale Schmidt. Se notevoli difficoltà ostacolano il tentativo di ricondurre il significato di un termine linguistico a una determinata descrizione, esso non sembra poter essere ricondotto neppure a insiemi di descrizioni4. Ancora Kripke ci mostra come non sia, ad esempio, possibile ridurre il significato del termine “Aristotele” alla disgiunzione inclusiva “il maestro di Alessandro Magno, (...), oppure l’autore della Metafisica, oppure il fondatore del Peripato”, anche immaginando di sostituire ai puntini di sospensione tutte le descrizioni che siamo soliti attribuire ad Aristotele: in questo caso, infatti, l’enunciato “Aristotele fu il maestro di Alessandro Magno, (...), oppure l’autore della Metafisica, oppure il fondatore del Peripato” sarebbe una verità analitica, mentre così non sembra essere. L’argomentazione di Kripke prende l’avvio - come risulta dagli esempi appena suggeriti - dall’analisi dei nomi propri, per estendersi però ai nomi di genere e specie: anche per i nomi di genere e specie non sembra possibile fornire descrizioni che rappresentino in modo soddisfacente il significato delle parole quotidianamente utilizzate. Prendiamo quale esempio la distinzione tra la parola “olmo” e la parola “faggio”: la maggior parte dei parlanti vorrebbe sostenere di utilizzare queste due parole con significati differenti, pur non essendo in grado di distinguere le proprietà che caratterizzano gli olmi da quelle che caratterizzano i faggi e non essendo quindi in grado di associare alle due parole descrizioni differenti. Anche nel caso di parole cui siamo in grado di associare descrizioni più minuziose, quali ad esempio la parola “tigre” (un esempio ancora una volta fornitoci da Kripke e vicino alle difficoltà incontrate dagli amici di Baudolino nel loro dialogo con Gavagai), sembra – d’altra parte – difficile, se non impossibile, stabilire insiemi di descrizioni necessarie o sufficienti per l’individuazione dei referenti dei termini nel loro utilizzo quotidiano. Dal punto di vista della scienza vi sono proprietà che permettono di identificare rigorosamente le tigri e distinguerle dagli altri animali; la conoscenza di queste qualità non è tuttavia posseduta dalla maggior parte dei parlanti, che apparentemente basano la loro competenza linguistica su proprietà macroscopiche (quali, ad esempio, il possedere un mantello a strisce gialle e nere), le quali non sono però necessarie o sufficienti per identificare i membri della categoria in questione (le tigri albine non possiedono, ad esempio, strisce gialle e nere, che sono invece possedute da alcuni gatti). L’ipotesi di Kripke è che alla base del significato delle parole non vi siano insiemi di proprietà attribuibili agli oggetti cui le parole si riferiscono, ma un atto – che egli chiama “battesimo iniziale” – con cui si è stabilito di associare un determinato nome a un certo individuo, nel caso dei nomi propri, o a una determinata specie o a un determinato genere naturale, nel caso dei nomi di specie e genere naturale. I parlanti si riferirebbero allora con la parola “Gödel”, proprio a Gödel grazie alla loro intenzione di riferirsi a quell’individuo, che per primo è stato chiamato “Gödel”, a prescindere dalle loro conoscenze su tale individuo; analogamente, si riferirebbero alle tigri con la parola “tigre” grazie alla loro intenzione di utilizzare la parola “tigre” per indicare le entità che condividono la struttura interna posseduta dall’entità per prima chiamata “tigre”, anche quando tale struttura è loro sconosciuta.

  • 5 Frege G. 1892.

5A mio avviso una simile soluzione non appare, tuttavia, soddisfacente. Già per i nomi propri una completa irrilevanza delle nostre conoscenze a proposito delle entità nominate non mi sembra accettabile: non credo che sarei persuasa da chi volesse sostenere di parlare dello stesso Gödel di cui parlo io pur negando tutte le descrizioni che io sono disposta a dare dello stesso. Ancor più evidente mi sembra l’inadeguatezza della teoria kripkeana per i nomi comuni: per quanto in sé insufficienti, le descrizioni che siamo in grado di fornire degli oggetti con cui ci imbattiamo sembrano giocare un ruolo rilevante nella pratica linguistica quotidiana. A chi desse delle tigri descrizioni completamente differenti dalle mie non credo sarei disposta a concedere di utilizzare la parola “tigre” con lo stesso significato con cui la utilizzo io. Una via che colleghi parole e oggetti – un “senso” à la Frege – è a mio avviso necessaria: essa potrebbe però essere una via cognitiva5. Le difficoltà incontrate nell’analisi del senso fregeano sono infatti, a mio avviso, da ricondurre al fatto di aver provato a ridurre il collegamento tra parole e loro referenti a un insieme di informazioni esplicite ed esplicitamente utilizzabili e pertanto esprimibili, a loro volta linguisticamente, in termini di descrizioni. Parte del significato delle parole e dei concetti a esse correlati potrebbe invece essere fondato su una sorta di conoscenza preconcettuale e prelinguistica, immagazzinata in modo implicito e spesso inconscia.

Reti neurali per lo studio dell’interazione con l’ambiente

  • 6 Cangelosi A. - Parisi D. 1998.
  • 7 Borghi A. - Di Ferdinando A. - Parisi D. 2002.

6Alcuni esperimenti condotti attraverso simulazioni su modelli a rete neurale suggeriscono la possibilità che, quando interagiamo con gli oggetti che popolano il mondo esterno, alcuni loro aspetti percettivi condizionino il modo in cui tendiamo a ordinare la realtà prima di entrare a far parte di una valutazione cosciente; altre volte sarebbero invece le nostre disposizioni ad agire sugli oggetti a farli rientrare in una categoria concettuale piuttosto che in un’altra. Talvolta, pur non entrando in gioco in una valutazione cosciente degli oggetti ed eventi categorizzati, percezione e azione potrebbero rivestire un ruolo fondamentale nella categorizzazione di tali oggetti ed eventi e nella loro conseguente denominazione. Alcuni esperimenti mostrano, ad esempio, come le reti neurali che governano gli organismi delle simulazioni di Vita Artificiale possano codificare le proprietà degli oggetti da classificare senza che queste vengano individuate esplicitamente. Gli organismi di queste simulazioni hanno suddiviso gli oggetti loro presentati, i quali costituivano il loro potenziale cibo, in due distinte categorie (oggetti commestibili e oggetti velenosi) sulla base di caratteristiche che non erano analizzate in modo esplicito e in una valutazione aprioristica: queste caratteristiche entravano in gioco in quanto fondamento di una determinazione classificatoria nella concreta interazione con gli organismi e sotto la spinta evolutiva cui questi erano sottoposti6. Altri esperimenti – sempre condotti attraverso simulazioni di Vita Artificiale – evidenziano la possibilità di organismi capaci di dare luogo a processi di classificazione basati sulle azioni eseguite, oltre che sulle proprietà degli oggetti manipolati: in alcune simulazioni la classificazione degli oggetti percepiti dagli organismi mostra, ad esempio, come l’appartenenza a una determinata categoria venga rafforzata sulla base dell’esecuzione di una stessa azione sui suoi membri7. Questi esperimenti suggeriscono l’ipotesi che una parte importante del nostro lavoro di ordinamento del mondo possa dipendere, non da elementi esplicitamente concettualizzati e linguisticamente formulati, ma da dati di natura senso-motoria rilevati attraverso l’interazione concreta con la realtà esterna, i quali potrebbero essere utilizzati negli esseri umani in una sorta di dimensione preconscia e preconcettuale: tra gli elementi in base ai quali ci mostriamo propensi a far rientrare un oggetto in una determinata categoria vi sarebbero così, non solo proprietà esplicitamente rilevate e atte a descrivere la categoria in questione, ma anche dati prelinguistici quali sensazioni e schemi di azioni, la cui applicazione non risulterebbe direttamente o pienamente riconducibile a un mero lavoro descrittivo.

Sindromi neurologiche e informazione non descrittiva

  • 8 Hellis H.D. - Lewis M.B. 2001 e Hirstein W. - Ramachandran V.S. 1997.

7Le ragioni per le quali tendiamo a porre un certo oggetto sotto una determinata categoria potrebbero non essere sempre pienamente riconducibili all’insieme delle proprietà descrittive che caratterizzano quella categoria: talvolta potrebbero entrare in gioco informazioni immagazzinate, per così dire, a un livello non ancora esplicitato ma ugualmente operante nel nostro lavoro concettuale. La possibilità di un ruolo giocato da elementi non riconducibili a proprietà definite e chiaramente identificabili nella valutazione della realtà circostante sembra confermata dallo studio di alcuni casi in neuropsicologia, tra i quali – in primo luogo – quelli appartenenti alla cosiddetta “sindrome di Capgras”8. I pazienti affetti da tale sindrome sono caratterizzati dalla convinzione che le persone che li circondano siano state sostituite da sosia: in alcuni casi, i familiari di questi pazienti o – più in generale – i loro conoscenti diventano, per gli stessi, sconosciuti in tutto identici ai veri familiari ma connotati da una valenza a essi ostile. La sindrome di Capgras non deve essere considerata come un difetto di percezione. Le facoltà percettive dei pazienti affetti da questa sindrome non sono compromesse: essi riconoscono pienamente la completa somiglianza tra la fisionomia dei soggetti incontrati e quella dei loro conoscenti e congiunti ma questo non è sufficiente a convincerli di essere in presenza di tali persone. La sindrome di Capgras è piuttosto un delirio, un’interpretazione deviante di una realtà apparentemente chiara.

  • 9 Grüter T. e Kraft U. 2005.

8In un certo senso, complementare a questo disturbo è la “sindrome di Fregoli”: i soggetti affetti da questa sindrome credono di riconoscere, in individui a loro sconosciuti, i propri amici e conoscenti e giustificano il fatto che questi non possiedano le stesse sembianze di tali amici e conoscenti con la convinzione che gli stessi si siano abilmente travestiti. La sindrome di Capgras e la sindrome di Fregoli scaturiscono generalmente in seguito a un insulto vascolare cerebrale, un trauma cranico, un tumore o a patologie quali la schizofrenia. I neurologi hanno, pertanto, supposto che debbano esistere circuiti cerebrali deputati alla generazione dei sentimenti di familiarità comunemente provati verso le persone che ci circondano con una certa regolarità e hanno cercato di ricondurre la sindrome di Capgras e quella di Fregoli a lesioni cerebrali accorse in quegli stessi circuiti. Quando si osserva un volto, il nervo ottico trasmette il messaggio neuronale delle cellule sensoriali della retina al centro della visione, situato nel lobo temporale destro; se il volto è gia stato percepito in passato e quindi memorizzato nei circuiti neuronali, i dati visivi ci forniscono gli elementi atti a far scaturire quel sentimento di familiarità difficilmente descrivibile ma a tutti banalmente noto. Poiché i pazienti affetti dalla sindrome di Capgras riconoscono la somiglianza tra gli individui percepiti e quelli ritenuti familiari – così come i pazienti affetti da sindrome di Fregoli riconoscono la mancata somiglianza tra gli stessi – non possono essere questi meccanismi visivi di confronto tra dati percepiti e dati memorizzati a essere compromessi. Affinché sorga un sentimento di familiarità sembra tuttavia necessario il concorso di un ulteriore meccanismo cerebrale, coinvolto in un procedimento di natura emotiva. L’informazione nervosa trasmessa dagli occhi, dopo aver raggiunto il centro visivo corticale, procede verso l’amigdala, un gruppo di neuroni appartenente al sistema limbico, deputato all’elaborazione delle emozioni: qui l’informazione visiva viene dotata di valore emozionale. In questo modo, i dati visivi relativi alle persone conosciute possono essere associati a sentimenti positivi o negativi. Le sindromi di Capgras e Fregoli potrebbero, allora, dipendere da disfunzioni delle connessioni normalmente presenti tra dati percettivi e connotazioni emotive. Nella sindrome di Capgras, il rifiuto di riconoscere in un individuo in tutto simile alla persona cara quella stessa persona potrebbe trarre origine dalla mancanza di quella varietà di sentimenti ed emozioni che la sua presenza dovrebbe risvegliare; analogamente, nella sindrome di Fregoli, il voler riconoscere in un individuo all’apparenza estraneo una persona conosciuta potrebbe sorgere dal risvegliarsi di quelle emozioni normalmente generate dalla persona che si ritiene nascosta sotto false sembianze. A conferma di questa ipotesi sembrano esservi alcuni esperimenti che mostrano come, in questi pazienti, siano le reazioni emotive conseguenti alla visione di volti familiari a essere inadeguate rispetto alle normali emozioni provate dai soggetti sani9.

Conclusione

9I dati neuropsicologici appena esposti sembrano suggerire l’ipotesi che la caratterizzazione di una determinata entità come tale possa dipendere, oltre che da informazioni esplicite e di natura immediatamente descrittiva, anche da elementi emotivi non direttamente correlati a contenuti concettuali definiti. Le ragioni per le quali decidiamo di inserire un determinato soggetto nella categoria degli “amici” non si esaurirebbero - ad esempio - in una serie di qualità descrittivamente esplicitabili, tali da definire la categoria stessa e che il soggetto in questione deve soddisfare; parte del contenuto dell’attività mentale che ci permette di compiere una tale identificazione sarebbe, invece, un contenuto emozionale operante con ogni probabilità a livello preconscio.

10I risultati degli studi svolti in ambito neuropsicologico, così come gli esperimenti condotti attraverso i modelli a rete neurale precedentemente citati, sembrano pertanto supportare l’ipotesi che il processo di identificazione e classificazione alla base dell’attività di denominazione possa coinvolgere dati cognitivi di natura non linguistica: sensazioni, emozioni e schemi di azione giocherebbero un ruolo fondamentale nella nostra pratica classificatoria e quindi nella nostra capacità di assegnare etichette linguistiche coerenti agli oggetti che ci circondano, senza essere a loro volta immediatamente riconducibili a entità linguistiche quali le descrizioni cui si sono richiamate le teorie criticate da Kripke. Il collegamento parola-mondo potrebbe allora essere mediato – così come richiesto da Frege – da un legame cognitivo, senza però che quest’ultimo debba essere ridotto al facile bersaglio polemico rappresentato dalle entità descrittive refutate dalla teoria kripkeana.

Torna su

Bibliografia

Borghi A., Di Ferdinando A., Parisi D.

– 2002, The Role of Action in Object Categorization, Proceedings of the 15th International flairs Conference, Pensacola, A.A.A.I. Press

Cangelosi A. e Parisi D.

– 1998, The Emergence of a “Language” in an Evolving Population of Neural Networks, “Connection Science”, 10, 2

Eco U.

– 2002, Baudolino, Milano, Bompiani

Frege G.

– 1892, Über Sinn und Bedeutung, “Zeitschrift für Philosophie und philosophische Kritik”, 100

Giolito B.

– 2005, Una fondazione senso-motoria della competenza referenziale: Reti Neurali e Vita Artificiale, Tesi di Dottorato di Ricerca in Filosofia del Linguaggio, Università degli studi del Piemonte Orientale A. Avogadro, Facoltà di Lettere e Filosofia, Dipartimento di Studi Umanistici

Grüter T. e Kraft U.

– 2005, La sindrome del sosia, “Mente e Cervello”, 13

Hellis H.D. e Lewis M.B.

– 2001, Capgras Delusion: a Window on Face Recognition, “Trends in Cognitive Sciences”, 5, 4

Hirstein W. e Ramachandran V.S.

– 1997, Capgras Syndrome: a Novel Probe for Understanding the Neural Representation and Familiarity of Persons, Proceedings of the Royal Society of London, 264

Kripke S.

– 1972, Semantics of Natural Language, Dordrecht, Reidel

Searle J.

– 1958, Proper names, “Mind”, 67

Wittgenstein L.

– 1953, Philosophische Untersuchungen, Oxford, Blackwell

Torna su

Note

1 Eco U. 2002: pp.373-374.

2 Giolito B. 2005.

3 Kripke S. 1972.

4 Searle J. 1958 e Wittgenstein L. 1953.

5 Frege G. 1892.

6 Cangelosi A. - Parisi D. 1998.

7 Borghi A. - Di Ferdinando A. - Parisi D. 2002.

8 Hellis H.D. - Lewis M.B. 2001 e Hirstein W. - Ramachandran V.S. 1997.

9 Grüter T. e Kraft U. 2005.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Barbara Giolito, « La sindrome del sosia: una conferma alla categorizzazione non concettuale », Rivista di estetica, 47 | 2011, 155-162.

Notizia bibliografica digitale

Barbara Giolito, « La sindrome del sosia: una conferma alla categorizzazione non concettuale », Rivista di estetica [Online], 47 | 2011, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 settembre 2017. URL : http://estetica.revues.org/1907 ; DOI : 10.4000/estetica.1907

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org