Navigazione – Mappa del sito
convenzioni

Le tre maschere del convenzionalista

Marta Rossi e Jacopo Tagliabue
p. 109-124

Testo integrale

  • 1 Platone, Fedro, 265e.

1La venerabile metafora del buon macellaio1 ha resistito allo scorrere del tempo molto meglio di altre fantasiose immagini della metafisica platonica: buona parte dell’ontologia contemporanea riposa tuttora sulla distinzione tra venature dell’Essere – quei confini nello spazio, nel tempo, nei mondi che effettivamente demarcherebbero entità ontologicamente autonome – e semplici linee-guida, sovraimposte dagli esseri umani per “ritagliare” nella realtà oggetti socialmente utili o cognitivamente salienti.

  • 2 Tale terminologia si deve a Varzi 2005a.
  • 3 Nella letteratura si definisce spesso il convenzionalismo semplicemente come una metafisica basata (...)
  • 4 Vedi Lewis 1986; Sider 2001; Heller 1990.

2Se l’ontologia si configura dunque come teoria e pratica dei confini, de re per gli oggetti genuini, de dicto per quelli sociali2, si affiancano alla posizione moderata/platonica (almeno) due interessanti proposte, rappresentate dai filosofi inflazionisti e da quelli convenzionalisti3. I primi considerano ogni confine come il limite di un oggetto in piena regola: il risultato è che ogni porzione di spazio-tempo risulta degna come ogni altra di essere inclusa in un eventuale catalogo degli enti. Ovviamente, questo approccio non è affatto nuovo: David Lewis, Ted Sider e Mark Heller4 – solo per citare qualche nome – possono essere facilmente ricondotti a questo tipo di visione. Poco considerata è l’altra alternativa, in cui tutti i confini si configurano invece come de dicto e dunque ogni oggetto altro non è che il risultato di un fiat.

3In questo contributo ci proponiamo di esplorare i diversi modi in cui si può declinare il convenzionalismo, cercando di distinguere punti di forza e di debolezza di ciascuna versione: nonostante, negli ultimi anni, questa teoria sia stata spesso considerata sotto un’unica veste, le intuizioni che la rendono attraente sono in realtà compatibili con uno spettro più ampio di ontologie di base.

  • 5 Con l’espressione “mera materia” traduciamo il termine tecnico inglese stuff; “ontologia di mera ma (...)

4Nella Sezione 1 ripercorreremo brevemente la dialettica tra le posizioni, senza pretendere di dimostrare la superiorità del punto di vista convenzionalista rispetto alle altre teorie sul mercato: chi non ne fosse convinto, può tranquillamente leggere tutto ciò che segue in forma condizionale; in 2 esporremo la variante più famosa di convenzionalismo, l’ontologia di mera materia5 come presentata da Alan Sidelle e Michael Jubien (d’ora in poi abbreviata in OMM), evidenziandone pregi e (soprattutto) difetti. Saranno quindi le contraddizioni emerse nella discussione a portarci naturalmente a considerare, in 3 e 4, due diverse possibilità per sistematizzare le nostre intuizioni. Concluderemo infine con un bilancio della nostra esplorazione in questa parte di ontologia non ortodossa.

1. Una serie di sfortunati eventi: dalla vaghezza all’inflazione

Lisa: [cantando] How many roads must
a man walk down
Before you can call him a man…

Homer: Seven?
Lisa: No, dad, it’s a rhetorical question.
Homer: Ok, eight.

  • 6 Sugli oggetti fiat vedi Smith 2001.

5La distinzione tra confini de re e confini de dicto non è una distinzione di importanza pragmatica o affettiva: in pochi si scaldano per un’entità de re come il gatto ma in molti si preoccupano per la sorte di un’entità de dicto come la banca Lehman Brothers. Piuttosto, la distinzione è fondamentalmente metafisica e interessa il rapporto tra convenzioni e oggetti: gli oggetti de dicto, in quanto prodotti di un fiat convenzionale o intenzionale (se non semplicemente percettivo)6, hanno condizioni di identità e persistenza generate da una stipulazione, esplicita o implicita; gli oggetti de re, al contrario, hanno i loro confini spazio-temporali e modali fissati dalla loro natura, indipendentemente dalla nostra abilità di individuarli. Un esempio servirà a chiarire meglio il punto e a introdurre la discussione: asserendo

1) Lakers a Minneapolis = Lakers a Los Angeles

 

implicitamente assumiamo che l’identità diacronica dei Lakers non sia influenzata dalla città che li ospita. La convenzione che regola l’invenzione dell’oggetto fiat “squadra NBA” garantisce che la continuità nella formazione e negli organi societari tra Minneapolis e Los Angeles sia sufficiente per la verità di (1). Asserendo

 

2) il cane Omero nel 1997 = il cane Omero nel 2009

 

implicitamente assumiamo che l’identità diacronica del nostro animale domestico non sia influenzata dalla sua composizione atomica, che è presumibilmente cambiata molto dalla sua nascita a oggi; tuttavia, questa identità non sembra essere il risultato di un particolare fiat, una qualche fantomatica convenzione: semplicemente, Omero, in quanto cane, può sopravvivere al ricambio di tutti i suoi atomi; in altre parole, è la sua natura che garantisce la verità di (2).

6Tuttavia è soprattutto nella cattiva sorte che si rivelano significative le differenze tra tipi di confini, come i casi dello Sfortunato John e della Fiorentina illustrano splendidamente. L’AC Fiorentina è una squadra di calcio italiana andata in bancarotta nel 2002. Una squadra di nome “Fiorentina 1926 Florentia Viola” fu fondata durante l’estate e vinse il campionato di C2 l’anno successivo; nel 2003, infine, il suo proprietario acquistò il marchio “AC Fiorentina”. Eccoci dunque alla domanda per il teorico dei confini: quando è morta l’AC Fiorentina? In altre parole, quante squadre di calcio ha avuto Firenze tra il 2002 e il 2004, una, due o tre?

7Lo Sfortunato John ha perso la memoria in un incidente d’auto. Chiamiamo “Jim” l’uomo che è ora in cura in ospedale: Jim e John sono la stessa persona? Alcune intuizioni ci farebbero propendere per un no: Jim non riconosce i figli di John e non ricorda nemmeno che John era uno stimato professore di filosofia; altre intuizioni ci fanno propendere per il sì: Jim ha la stessa voce di John e il suo sguardo curioso. In fondo, siete andati all’ospedale a trovare un vecchio amico del college o uno sconosciuto nato da un incidente d’auto?

  • 7 Ovviamente, nonostante ogni confine sia del tutto arbitrario, ciò non significa che non sia possibi (...)

8La morale comune alle due storie è che a volte possiamo conoscere tutti i fatti rilevanti ed essere ancora indecisi nel giudicare se x a t1 sia o meno identico a y a t2. Ma l’indecisione ha natura profondamente diversa nei due casi. Nel primo caso, essa sembra essere un mero riflesso della vaghezza semantica dei nostri concetti: poiché l’uso non ha mai stabilito con precisione le condizioni di persistenza di un’entità sociale come una società calcistica, si possono dare casi dubbi. In altre parole, non c’è una risposta giusta e una sbagliata al quesito sulle squadre di Firenze: a seconda dei criteri (puramente convenzionali) a cui si ritiene opportuno affidarsi, avremo una risposta diversa7. Nel caso dello Sfortunato John, secondo il platonico-moderato, l’indecisione sembra invece frutto di genuina ignoranza metafisica: abbiamo diverse teorie dell’identità personale, ognuna delle quali ci fornisce una risposta precisa sul destino di John nell’incidente; poiché però non sappiamo quali tra queste teorie sia quella giusta, non riusciamo a dire una volta per tutte se Jim sia identico a John o meno. Il nostro compito, in questo caso, non è tracciare un confine ex novo, ma capire dove l’ha messo la Natura: in fondo, non possono essere le nostre convenzioni a tenere in vita un amico.

  • 8 Vedi per esempio la differenza tra Crawford Elder e Peter van Inwagen: il primo riconosce praticame (...)
  • 9 Vedi van Inwagen 1990.
  • 10 L’argomento originale è in Sider 2001: 120-139.
  • 11 La tesi di Sider è che la composizione mereologica non può essere ristretta se non impegnandosi in (...)

9Un’analisi di (1) e (2) secondo queste linee ha una credibilità intuitiva difficilmente negabile: non stupisce dunque che la storia dell’ontologia abbia conosciuto un proliferare di teorie moderate, le quali, pur in disaccordo tra loro su quali particolari entità siano de re e quali siano de dicto8, concordano sull’esistenza di questa distinzione e sulla sua fondamentale importanza. Il fascino della moderazione ontologica, purtroppo, finisce appena lasciato il senso comune. Da una parte, è difficile capire perché alcuni confini non siano abbastanza “seri” per contare come genuini: perché le pagine di Material Beings sono metafisicamente meno importanti del filosofo che le ha scritte9? Dall’altra, ci sono buoni motivi per pensare che le teorie moderate possano rimanere coerenti solo pagando prezzi altissimi: una naturale traduzione dell’argomento sulla vaghezza di Ted Sider10 nel nostro contesto pone al filosofo moderato la sfida di distinguere tra de re / de dicto senza impegnarsi nei confronti della vaghezza ontologica o altre tesi problematiche11.

  • 12 Questa clausola serve a evitare che la teoria implichi l’esistenza del flogisto, dei sette nani e a (...)
  • 13 Cfr. la definizione di Massimalismo in Eklund 2007: 13, «Per ogni tipo di oggetto tale che possono (...)
  • 14 Cfr. Sidelle 1992: 285 «Secondo l’immagine numero 1, il mondo è popolato di entità, dotate di condi (...)
  • 15 Sosa 1999: 143.

10Un’elegante via di uscita all’impasse è offerta dai filosofi inflazionisti: se, infatti, tutti i confini fossero de re, cadrebbe il problema di tracciare la distinzione che tanti grattacapi dà ai moderati. L’idea di fondo è semplice e suggestiva: il mondo ha molte più tipologie di oggetti di quante non ne consideriamo quotidianamente. A essere precisi, il mondo è “sortalmente” pieno, poiché qualsiasi termine sortale individua potenzialmente un genuino pezzo di realtà: specificate condizioni di identità e persistenza a piacere e, se il mondo è di fatto compatibile con esse12, avrete trovato degli oggetti de re con quelle condizioni di persistenza e identità13. In questa ottica le convenzioni non sono mai creazioni vere e proprie: esse si limitano a selezionare, fra gli infiniti tipi di oggetti a disposizione, quelli pragmaticamente utili e cognitivamente salienti per la nostra vita14. Persino i fiat non fanno altro che portare la nostra attenzione su un confine de re già esistente che prima non avevamo notato. Qua e là si intravedono proposte inflazioniste nel panorama contemporaneo: Lewis, Sider e Heller possono considerarsi filosofi inflazionisti honoris causa. Ernest Sosa è decisamente più esplicito: «La Realtà è oggettivamente molto più ricca e bizzarra di quanto comunemente riconosciuto. Ogni tipo di strana entità nasce da un dato livello di particolari e proprietà»15.

11Al di là del giudizio sulla plausibilità intuitiva di tale immagine, non è comunque chiaro se esistano argomenti diretti in suo favore. In altre parole non sembra esistere – a parte il fallimento di ogni altra teoria – un argomento indipendente che dimostri la necessità di postulare che l’Essere abbia in sé tutte le venature possibili. Se questo è vero, la partita è ancora apertissima e aumenta l’interesse per la ricerca di soluzioni diverse.

12La parte restante di questo lavoro sarà dunque dedicata all’esplorazione della posizione convenzionalista: proveremo a capire in dettaglio cosa può succedere in un mondo in cui, per quanto strano possa sembrare, gli amici e le squadre di calcio sono tenuti in vita dalle nostre convenzioni.

2. La mera materia: convenzionalismo 1.0

Ma questa non è ignoranza. Non conosciamo i confini perché non sono tracciati.
L. Wittgenstein, Ricerche Filosofiche

  • 16 La nostra stessa esistenza in quanto individui appare in dubbio in un mondo in cui “non ci sono per (...)
  • 17 Putnam 1988: 113.

13Supponiamo dunque di voler seguire l’intuizione convenzionalista e immaginare un mondo in cui ogni confine sia de dicto: le persone, gli animali, le piante, le statue, le case, le città, la Terra, i quasar e le nane bianche sono in realtà il risultato di una convenzione; in altre parole, il loro esistere in quanto individui distinti da ciò che li circonda dipende dalle nostre attività cognitive e dal nostro uso del linguaggio. Ma se il mondo non è fatto di persone, statue e quasar – e nemmeno di cellule, molecole e atomi – di cosa è fatto davvero, indipendentemente da noi16? Una seducente (ma, come vedremo, ingannevole) immagine paragona la nostra mente a un abile pasticciere: «Le cose, indipendentemente da ogni nostra scelta concettuale, sono una specie di impasto amorfo; il contributo dei nostri concetti è la forma degli stampini che usiamo per ritagliare la pasta»17.

  • 18 Aristotele, Metafisica, 1029a.

14Prima di qualsiasi convenzione e qualsiasi fiat, insomma, deve pur esserci qualcosa su cui le nostre convenzioni tracciano confini. Eccoci dunque alla genesi logica della mera materia, la sostanza neutrale che davvero compone il mondo: sebbene l’idea di base sia antica quanto la materia prima di Aristotele18, la OMM è stata di recente proposta con vigore da Alan Sidelle e Michael Jubien:

  • 19 Sidelle 1989: 55, n. 11.

Penso che il convenzionalista dovrebbe dire, e dovrebbe essere contento di dire, che ciò che viene indicato è in primo luogo “mera materia”, che appare, ovviamente, esattamente come il mondo appare, ma senza proprietà modali, condizioni di identità e tutto il resto. In uno slogan, si potrebbe dire che tale materia è preoggettuale19.

  • 20 Jubien 1993: 1.

Il mondo non ci viene dato naturalmente diviso in un elenco definito di cose discrete. Piuttosto, consiste di mera materia sparsa più o meno equamente e più o meno densamente nello spazio-tempo20.

  • 21 Per il problema dell’epistemologia modale e del rapporto con il convenzionalismo si veda Rea 2002.

15La teoria è elegante, semplice e resa ancor più attraente dalle descrizioni accattivanti dei suoi sostenitori e dall’irresistibile metafora delle formine per i dolci: qualsiasi cosa così-e-così su cui fissiamo l’attenzione, qualsiasi cosa così-e-così cui il nostro linguaggio si riferisce, non è altro che una porzione di materia che appare così-e-così. L’individualità degli oggetti materiali è il risultato di una convenzione e dunque, come tale, di nessun significato metafisico: esattamente come la Fiorentina, il nostro amico John avrebbe potuto avere un pacchetto di condizioni di identità e persistenza completamente diverso da quello attuale. Due immediate – e, presumibilmente, molto gradite – implicazioni della OMM riguardano vaghezza ed epistemologia modale. Dire che John ha lo stesso status metafisico di una squadra di calcio non è diverso dal dire che ogni caso di vaghezza è, semplicemente, un caso di indecisione semantica. Poiché le nostre convenzioni e il nostro uso linguistico non specificano fino in fondo le condizioni di applicazione di nomi e predicati, si possono dare frequentemente casi dubbi: il dubbio in questione, ovviamente, altro non è che un confine non tracciato da tracciare, nel caso serva, secondo il nostro interesse. Per quanto riguarda l’epistemologia, la metafora del pasticciere finisce per soccorrere egregiamente tutti coloro ancora in cerca di una teoria plausibile sulla conoscenza modale. Se gli oggetti materiali sono il risultato di una nostra procedura di individuazione, conoscere le loro proprietà modali non è logicamente differente dal conoscere le condizioni di persistenza di una s.p.a.21.

  • 22 Vedi Bahde e Carter 1998: 319-320. Come nota Graham Priest, una contraddizione simile è al cuore de (...)
  • 23 Blackson 1992: 74.

16È stato più volte sottolineato in letteratura come la OMM svuoti effettivamente la filosofia di molti “rompicapi”, ma solo al prezzo di diventare essa stessa un mistero: è coerente l’idea di una sostanza che non ha proprietà modali né condizioni di identità ma che può essere a piacere plasmata in oggetti individuali con proprietà modali e condizioni di identità? John Bahde e William Carter, per esempio, osservano che la mancanza di proprietà modali deve essere o necessaria o contingente: in ogni caso, la nostra mera materia ha almeno una proprietà modale, ovvero quella di essere necessariamente (contingentemente) senza proprietà modali22. Ma i dilemmi non finiscono certo qui. Thomas Blackson, infatti, argomenta che la OMM si deve necessariamente impegnare nei confronti di una delle seguenti tesi23:

B1) Porzioni di materia sono oggetti cui è possibile riferirsi

B2) Porzioni di materia sono oggetti cui non è possibile riferirsi

  • 24 Sidelle 1989: 54, nota 10.
  • 25 Blackson 1992: 77.

17Entrambe le strade del bivio appaiono senza uscita. Se accettiamo (B2), dato che ciò che non è tra i possibili oggetti di riferimento non esiste, il mondo non può dunque essere fatto di mera materia! Non solo: ogni enunciato che parla di essa è dunque falso o senza valore di verità, persino gli enunciati usati per introdurne il concetto. Con (B1) le cose non migliorano: sostenere che ciò cui puntano in primo luogo i nostri atti ostensivi sia semplice materia preoggettuale e che un insieme di convezioni arrivi poi e «ritagli ciò che è in qualche senso una singola porzione di mondo»24, significa sostenere un’immagine del riferimento alquanto problematica. Il riferimento non può avvenire senza che un’altra convenzione, più primitiva, abbia già avuto luogo, ovvero quella che stabilisce i possibili oggetti tra i quali scegliere per assegnare un riferimento a “sedia”, “gatto” e “Jacopo”. In parole povere, «per iniziare a parlare, qualche convenzione deve già essere in atto»25.

18A prescindere dalla presenza (o assenza) di risposte convincenti ai dilemmi presentati, a un livello più generale non è difficile accorgersi delle contraddizioni della OMM ricapitolando mentalmente le esigenze e le intuizioni che ci hanno condotto a esplorare il convenzionalismo come teoria degli oggetti materiali. Parte della bellezza teoretica di un mondo de dicto risiede nel non dover tracciare linee, in qualche modo sempre arbitrarie, tra impegno ontologico genuino e “modi di dire”. In altre parole, per il convenzionalista svanisce il problema di dover giustificare il differente statuto ontologico della quantificazione nei due enunciati seguenti:

3) Ci sono squadre di calcio

4) Ci sono persone

19Come abbiamo visto, infatti, sia (3) sia (4) sono semplicemente quantificazioni “socialmente utili”: il dominio in cui pescano altro non è che il risultato – in qualche senso – di una lunga serie di convenzioni. Il convenzionalismo predicato dalla OMM declinerebbe questa intuizione parafrasando (3) e (4) con qualcosa nello spirito di (3') e (4'):

3') Ci sono porzioni di materia ritagliate a-forma-di-squadre-di-calcio

4') Ci sono porzioni di materia ritagliate a-forma-di-persona

20(3') e (4'), a differenza delle loro controparti di senso comune, si suppone rivelino la vera struttura metafisica nascosta del mondo; per questo la quantificazione in (3') e (4') è metafisicamente seria e ontologicamente vincolante: la realtà indipendentemente dalla mente cos’altro può essere se non mera materia? Se questo è vero, allora dopo tutto esiste un tipo di oggetto materiale de re, ovvero le famigerate porzioni di materia che abitano lo spazio-tempo: nata per eliminare la distinzione de re / de dicto, la teoria finisce per tradire le sue origini e reintrodurre l’idea di una realtà divisa tra oggetti di serie A e oggetti di serie B. Il problema di distinguere tra impegno ontologico genuino e “modi di dire” non è dunque affatto eliminato, ma solo spostato: mentre una teoria moderata “ortodossa” finirebbe col dividere (3) da (4), la OMM preferisce separare (4) da (4'). Il meccanismo alla base è del tutto identico: una categoria de re è chiamata a essere la materia prima con cui forgiare la schiera di oggetti de dicto.

  • 26 Vedi per esempio Varzi 2005a: 413.

21Ovviamente, oltre ai difetti, la OMM condivide con l’approccio moderato anche qualche pregio; in particolare, questa versione di convenzionalismo non solleva alcun dubbio circa il possibile sconfinamento nel tanto temuto idealismo: come molti commentatori hanno fatto notare26, la stessa metafora del pasticciere non avrebbe alcun senso se non ci fosse della materia pre-esistente e indipendente dalla nostra mente da cui ricavare i dolci/oggetti con le formine/concetti. Rimane comunque fondamentale sottolineare di nuovo che l’eventuale fallimento della OMM nel fornire basi adeguate alle intuizioni convenzionaliste non mina alla base il progetto. Resta infatti da vedere se non si possano ottenere risultati teorici migliori arrivando a una ontologia ancora più estrema, cosa che proveremo a fare nelle due sezioni seguenti.

3. Finzionalismo: convenzionalismo 2.0

Il mondo è l’impressione lasciata al racconto di una storia.
Antico Proverbio Indiano

  • 27 Forse un prerequisito essenziale di ogni linguaggio. Vedi però Cortens e Hawthorne 1995 per una pro (...)

22Come abbiamo argomentato, la mera materia di Sidelle e Jubien finisce per tradire l’idea alla sua base: se l’intenzione di svuotare il mondo di proprietà modali e condizioni di identità è lodevole, non è certo sostituendo gli oggetti ordinari con mera materia che potremo convincere i critici. In altre parole, non è liberandoci della nozione di oggetto materiale che renderemo piena giustizia al convenzionalismo: se una sostanza senza proprietà modali appare concettualmente incoerente, dobbiamo accettare che la modalità sia ineliminabile da qualsivoglia catalogo degli enti. Come è possibile conciliare questo fatto con l’intuizione convenzionalista secondo cui ogni confine, e dunque ogni proprietà essenziale, altro non sarebbe che il risultato di un fiat? Crediamo che la chiave per superare questa apparente contraddizione sia già stata accennata, ancorché di sfuggita, in letteratura: quando Blackson sottolinea che «per iniziare a parlare, qualche convenzione deve già essere in atto», non fa altro che evidenziare una prerequisito essenziale per il nostro linguaggio27, ovvero un dominio di possibili oggetti per il riferimento, ognuno dei quali, proprio in quanto oggetto, dotato di un pacchetto di proprietà modali. Sono queste convenzioni pre-linguistiche a introdurre oggetti e proprietà modali: come il convenzionalismo predica, essi non si configurano come parti metafisicamente autonome della Realtà, ma sono semplicemente il riflesso di ciò di cui il linguaggio ha bisogno per poter operare. Il fatto che non si possano dare oggetti senza proprietà modali non mostra dunque la necessità di introdurre confini de re, quanto piuttosto l’impossibilità di parlare senza un dominio di oggetti sufficientemente stabile.

  • 28 Un posto tra i finzionalisti lo merita già Nelson Goodman (vedi Goodman 1978, cap. 1); inoltre ques (...)

23È nell’arbitrarietà assoluta di questo dominio che sta il cuore del convenzionalismo nella sua variante finzionalista, ed è proprio qui che la differenza con i filosofi inflazionisti è più evidente: mentre per Lewis e Sider il dominio è uno solo, densamente popolato, in cui le nostre convenzioni evidenziano di volta in volta entità cognitivamente salienti, per un convenzionalista 2.0 qualsiasi dominio è uno tra i tanti possibili ed egualmente giustificati. Se l’inflazionista usa le convenzioni associate al linguaggio per individuare, tra la molteplicità di oggetti diversi che popolano lo spazio-tempo, quello cui vuole riferirsi, il convenzionalista 2.0 usa le convenzioni per dotarsi di un insieme di oggetti di cui parlare28. Torniamo per un momento ai nostri enunciati (4) e (4'):

4) Ci sono persone

 

4') Ci sono porzioni di materia ritagliate a-forma-di-persona

24Il finzionalismo riconosce che (4) e (4') sono enunciati sullo stesso piano metafisico, due modi ugualmente legittimi di descrivere lo stesso fatto. Così come (4) presuppone un dominio di oggetti, con condizioni di identità e persistenza, (4') presuppone a sua volta un dominio di oggetti, con condizioni di identità e persistenza, sebbene meno usuali. Nel momento in cui usiamo il nostro linguaggio, inclusa tutta la parte di esso relativa alla cara mera materia, significa che siamo già all’interno di una serie di domini di possibili oggetti di riferimento: descrivere il mondo a porzioni preoggettuali fatte così-e-così non è metafisicamente differente (anche se pragmaticamente meno comodo) dal descriverlo parlando di sedie, tavoli e persone o quark, atomi e molecole. Questa visione ha due conseguenze interessanti dal punto di vista del dibattito ontologico, almeno per come la dialettica tra le parti di solito procede: da una parte, il filosofo finzionalista non è tenuto a fornire alcuna parafrasi del discorso ordinario, poiché non sta sostituendo una serie di oggetti di senso comune con oggetti filosoficamente più “rispettabili”; dall’altra, è perfettamente a suo agio nel quantificare su tutti gli oggetti materiali su cui quantificano i suoi oppositori. La differenza tra le posizioni è nella natura del dominio su cui tale quantificazione avviene: il convenzionalista 2.0 è ben attento a non scordare mai che il suo dominio è de dicto, una semplice convenzione senza nessun significato metafisico.

25Un modo diverso per apprezzare questa strategia e illuminare le sue implicazioni è considerare un tipo di enunciati che, per definizione, si regge su un dominio fiat di possibili oggetti. Consideriamo:

5) I babbani sono più numerosi dei maghi

26Senza entrare nel complicato dibattito del concetto di verità nelle opere di finzione, è evidente che l’enunciato abbia senso e valore di verità solo in quanto J.K. Rowling ha creato un dominio fiat di oggetti, proprietà, relazioni che viene sottinteso ogni volta un parlante utilizza (5). È all’interno dell’universo di Harry Potter che (5) ed enunciati simili possono venire usati in modo appropriato e senza nessuna qualificazione: qualsiasi impegno ontologico contratto con essi è anch’esso una semplice finzione. Cambiando contesto, ovviamente, qualsiasi enunciato parli di “babbani” diventa improvvisamente falso (o quantomeno senza valore di verità): possiamo uscire in qualsiasi momento dalla conversazione sul nostro romanzo preferito e ritrovarci in un dominio di oggetti, proprietà, relazioni completamente diverso, quello del “mondo reale”, in cui la distinzione babbani/maghi perde di senso. Un sostenitore della OMM, a questo punto, ci farebbe notare che persino questo dominio così quotidiano e familiare è in realtà ingannevole quanto l’universo della Rowling: quello che dobbiamo fare è dunque rompere il velo di Maya e adottare un dominio di porzioni di mera materia. Ora che conosciamo il trucco, possiamo evitare di cadere in tale seducente proposta: la verità è che persino il dominio del sostenitore di OMM è un dominio de dicto, da cui possiamo a piacimento uscire per entrare nel dominio della materia aristotelica o di chissà quale altra “sostanza” vogliamo usare oggi per parlare del mondo. In altre parole, non c’è mai modo di uscire da una rete di convenzioni se non cadendo in un’altra: possiamo uscire da Hogwarts per andare a Mordor, passando per Narnia; ma quand’anche poi raggiungessimo il “mondo vero” non dobbiamo illuderci di aver raggiunto qualcosa di più stabile e meno effimero.

  • 29 Luca Morena suggerisce, usando termini diversi, che sia una filosofia inflazionista sia una filosof (...)
  • 30 Si veda Rea 2002 (cfr. nota 22).
  • 31 Resta aperta la questione sul nostro posto, in quanto individui, in un mondo finzionalista, già acc (...)

27Siamo ben consapevoli che il convenzionalismo finzionalista non potrà che preoccupare una schiera di agguerriti filosofi moderati e inflazionisti (e convenzionalisti 1.0), ma prima di considerare semplicemente assurda la teoria, occorre soffermarsi a valutarne attentamente pregi e difetti. Al pari della OMM, il finzionalismo può vantarsi di poter risolvere (dissolvere?) molti rompicapi dell’ontologia contemporanea: i paradossi della coincidenza, il problema della sopravvenienza modale29, l’epistemologia della modalità30 sono solo alcuni dei possibili campi di applicazione della teoria. Non solo: come abbiamo visto, il convenzionalismo 2.0 non sembra affatto soffrire di problemi di coerenza interna, avendo eliminato qualsiasi riferimento a “materie sospette” e delegato alle convenzioni linguistiche e pre-linguistiche il compito di creazione ontologica31. Da una parte il paradosso di Bahde e Carter sulle proprietà modali della mera materia scompare, visto che il convenzionalista 2.0 accetta l’idea che nessun oggetto possa essere concepito senza di esse; dall’altra, il dilemma di Blackson è risolto sovvertendo l’immagine del riferimento implicata dall’OMM. È qui però che i pregi rischiano di diventare difetti: affermando l’impossibilità di principio delle nostre parole di “uscire” completamente dal linguaggio e toccare il mondo, il finzionalista rinuncia per sempre a una descrizione impersonale e oggettiva della realtà. Qualsiasi sua affermazione sarà contaminata alla fonte dal suo personale punto di vista, il pacchetto di convenzioni che lui (e la società in cui è immerso) ha implicitamente utilizzato per dividere la realtà in parti discrete e poterne parlare. In un certo senso, sentiamo che il modo migliore per essere convenzionalisti 2.0 sia tacere, tant’è che il finzionalista appare decisamente il filosofo analitico più incline al “mistico”: non è forse per questo che degli uomini ai quali il senso della vita divenne, dopo lunghi dubbi, chiaro, non seppero poi dire in che cosa consistesse questo senso?

4. Idealismo: convenzionalismo 3.0

  • 32 Vedi Sosa 1999: 137.

28Al lettore scettico potrebbe sembrare ridondante una sezione su convenzionalismo e idealismo: cosa è, il convenzionalismo finzionalista, se non una forma di idealismo sotto falso nome? Se la verità di ciò che diciamo non è mai “assoluta”, ma sempre verità all’interno di una rete di convenzioni, allora dobbiamo rifiutare persino una nozione minimale di verità come corrispondenza, spesso considerata equivalente al realismo metafisico. Questa linea di pensiero tradisce però una grave confusione: sebbene per il convenzionalismo 2.0 gli oggetti non siano dati se non in una rete di convenzioni, l’oggettività delle loro caratteristiche non è per ciò stesso in discussione. In altre parole, nonostante spetti a noi decidere gli oggetti del discorso, non esiste ulteriore arbitrio una volta che il consenso sul dominio sia stato raggiunto; le nostre attività cognitive specificano le condizioni che devono essere soddisfatte perché qualcosa conti come un F, ma è il mondo a stabilire se, di fatto, c’è qualcosa che soddisfa tali condizioni. Una bella analogia semantica è quella di Sosa32, che costruisce asserzioni di esistenza sul modello di enunciati indicali come:

6) Il duomo di Milano dista 2 chilometri

  • 33 Così come è la struttura dello spazio-tempo in cui siamo immersi a rendere problematiche certe osse (...)
  • 34 Aristotele, Metafisica, 1011b.
  • 35 Wittgenstein, Tractatus Logico-philosophicus, 2.222.

29(6) è ovviamente vero solo relativamente alla mia posizione attuale, ma non in virtù della mia posizione attuale: il duomo sarebbe stato a 2 chilometri da qui anche se io fossi stato dall’altra parte del globo. Una volta fissato il riferimento, la mia persona non ha alcun ruolo nel determinare la verità di (6). Con il convenzionalismo finzionalista, possiamo fare una mossa analoga relativamente allo “spazio ontologico”: enunciati che sono veri/falsi al suo interno potrebbero benissimo essere falsi/veri in altri spazi. Ma ciò non implica che la loro verità/falsità dipenda dal mio spazio ontologico, quanto piuttosto il fatto che essi abbiano una componente “indicale” nascosta33. Per quanto possiamo vedere, non c’è nessun senso in cui il convenzionalismo finzionalista implichi il rifiuto dell’intuizione corrispondentista di base come essa è espressa nei classici sull’argomento: «Infatti il dire che l’essere non è, o che il non-essere è, è falso; il dire che l’essere è, e che il non-essere non è, è vero»34; «Nella concordanza o non-concordanza del senso dell’immagine con la realtà consiste la verità o falsità dell’immagine»35.

30Il fatto che il convenzionalismo finzionalista non sia idealismo non significa, ovviamente, che non si possano spingere ancora più in là le nostre intuizioni e sviluppare una versione idealista della teoria. In questa lettura il mondo finisce per esaurirsi completamente nelle nostre convenzioni, negando qualsiasi oggettività persino alle caratteristiche degli oggetti che creiamo. Mentre il finzionalista sarebbe insomma soggetto a una specie di “problema della misura”, per cui il mondo che il suo linguaggio tocca è già inevitabilmente “perturbato” dalla sua stessa opera di osservazione, l’idealista si può liberare anche di questa imperfezione e abbracciare la più assoluta e pura libertà creatrice: il suo mondo è il suo linguaggio, nulla di più e nulla di meno.

31Ovviamente, anche per il convenzionalista idealista la vita non è semplice: oltre a ovvie questioni di plausibilità, l’idealista deve comunque superare problemi di coerenza di non facile soluzione. Da una parte sembra infatti che la sua libertà creatrice arrivi solo a scapito di quella degli altri, costretti a diventare anch’essi parte di tale attività: l’idealista e il solipsista sembrano qui figure perfettamente coincidenti. Un problema più grave è che l’idealismo, così come classicamente concepito, non nega, in effetti, l’esistenza di tutti gli oggetti de re: una mente (di solito, quella di chi scrive o quella di Dio) deve esistere per portare in essere gli altri enti (che saranno dunque prodotti de dicto della prima mente). Se questo è vero, l’idealista finisce, come il sostenitore della OMM, per tradire le stesse intuizioni alla base del convenzionalismo, ovvero l’arbitrarietà assoluta e totale dei confini.

32La mossa più semplice per l’idealista potrebbe essere quella di concepire l’esistenza della mente in analogia a quella di un palcoscenico: la mente sarebbe una specie di supporto sopra cui tutta la finzione è ambientata. Ma questa risposta non porta lontano: se il “supporto” è un supporto neutrale, l’idealismo sembra coincidere con il convenzionalismo 1.0; se il “supporto” è quella realtà che mai possiamo osservare dall’esterno poiché ne siamo parte, allora l’idealismo collassa nel finzionalismo. Resuscitare l’idealismo è un miracolo su cui il convenzionalista deve ancora lavorare.

5. Chi ha paura del convenzionalismo?

33Abbiamo analizzato criticamente tre diversi modi in cui articolare le intuizioni convenzionaliste. È probabilmente eccessivo dire di aver dimostrato che il finzionalismo è una teoria complessivamente migliore dell’OMM e dell’idealismo, tuttavia riteniamo di aver fornito qualche argomento a sostegno della tesi per cui la versione più “pura” di convenzionalismo non possa che essere quella finzionalista. Indipendentemente dal successo dei nostri argomenti, è però interessante chiedersi perché, nonostante le sue grandi potenzialità in sede di metafisica sistematica, il convenzionalismo (in tutte le sue forme) rimanga una posizione nettamente minoritaria all’interno del panorama filosofico contemporaneo. Pur concedendo alle alternative moderate e inflazioniste diversi pregi, non possiamo che stupirci di quante poche persone provino anche solo a prendere in considerazione una qualche variante di convenzionalismo. Non solo: è rarissimo che il convenzionalismo venga addirittura nominato tra i possibili concorrenti ogni qual volta si presenta una nuova soluzione a un problema metafisico. Ovvie considerazioni di senso comune a parte (considerazioni su cui, peraltro, nutriamo forti dubbi metodologici), il rifiuto di questa prospettiva sembra essere esclusivamente basato su considerazioni di carattere etico. Se Dio non c’è tutto è permesso: se dopo Dio togliamo anche il resto, dove andremo a finire?

34Il moderato e l’inflazionista partono indubbiamente in vantaggio in campo etico, poiché possono accomodare nel loro mondo sia teorie morali “assolutiste” sia teorie morali “relativiste”; d’altra parte, la possibilità di ancorare l’oggettività dei giudizi morali a oggetti de re appare preclusa per definizione al filosofo convenzionalista. Sia il convenzionalismo 1.0 sia il convenzionalismo 2.0 rifiutano di assegnare a differenti porzioni di realtà differente valore: eliminando la distinzione tra soggetti e oggetti, agenti ed eventi, le basi ontologiche fondamentali nei nostri giudizi morali intuitivi vengono a mancare. Leggermente diverso potrebbe essere il discorso per un idealista, il quale potrebbe reintrodurre “kantianamente” i concetti di moralmente giusto/sbagliato ricorrendo all’accordo/disaccordo con “leggi formali” della mente che crea il mondo.

35Quanto questa situazione sia problematica è però difficile da stabilire con oggettività: le moderne società occidentali ci hanno abituato a un relativismo quantomeno pragmatico, reso necessario dalla crescente eterogeneità del tessuto sociale e fondato su rispetto e tolleranza reciproca. Abbracciare oggi il convenzionalismo non richiederebbe alcun cambiamento in questa pratica liberale: il convenzionalista, in fondo, altro non è che un aristotelico, che adopera i giusti mezzi per raggiungere il giusto fine. Dove l’aristotelico e il convenzionalista si separano è nella determinazione di questo fine: per Aristotele, etica e metafisica a un certo punto convergono (ecco dunque spuntare il vero Bene oggettivo, connaturato alla nostra natura metafisica), per noi questo non può accadere. I fini sono individualmente dati, non soggetti a revisione razionale (se non in vista di considerazioni sociali, pragmatiche, convenzionali) e non ulteriormente giustificabili.

  • 36 Cfr. Varzi 2005a: 417: «Il convenzionalismo è per sua natura aperto a ogni possibilità e sta a noi (...)
  • 37 Desideriamo ringraziare Mirella Verza, perché senza di lei non saremmo mai riusciti (letteralmente) (...)

36La vita, insomma, mai si può sottrarre al dialogo e all’accordo reciproco36: di questi tempi, ci sembra che una filosofia profondamente democratica e intimamente scettica come il convenzionalismo possa solo giovare al nostro mondo pieno, a ogni livello, di “guerre di confine”37.

Torna su

Bibliografia

Bahde J. e Carter W.

– 1998, Magical Antirealism, “American Philosophical Quarterly”, 35: 305-325

Blackson, A.T.

– 1992, The Stuff of Conventionalism, “Philosophical Studies”, 68: 65-81

Derrida, J.

– 1967, De la Grammatalogie, Paris, Editions de Minuit; Della Grammatologia, tr. it. di G. Dalmasso, Milano, Jaca Book, 1969

Eklund, M.

– 2007, The Picture of Reality as an Amorphous Lump, in J. Hawthorne, T. Sider, D. Zimmerman (a c. di), Contemporary Debates in Metaphysics, Oxford, Blackwell

Elder, C.

– 2004, Real Natures and Familiar Objects, Cambridge (Mass.), MIT Press Foucault, M.

– 1966, Les Mots et les Choses, Paris, Gallimard; Le Parole e le Cose, tr. it. di E. Panaitescu, Milano, Rizzoli, 1967

Goodman, N.

1978, Ways of Worldmaking, Indianapolis-Cambridge, Hackett; Vedere e costruire il mondo, tr. it. di C. Marletti, Roma-Bari, Laterza, 1988; nuova ed. con una prefazione di A.C. Varzi, Roma-Bari, Laterza, 2008

Hawthorne, J.O. e Cortens, A.

– 1995, Towards Ontological Nihilism, “Philosophical Studies”, 79: 143-165 Heller, M.

– 1990, The Ontology of Physical Objects: Four Dimensional Hunks of Matter, Cambridge, Cambridge University Press

Jubien, M.

– 1993, Ontology, Modality, and the Fallacy of Reference, Cambridge, Cambridge University Press

Lewis, D.K.

– 1986, On the Plurality of Worlds, Oxford, Blackwell

Morena, L.

– 2004, Oggetti Convenzionali, “Rivista di Estetica”, n.s., 26, 2: 119-132

Priest, G.

– 2002, Beyond the Limits of Thought, sec. ed., Oxford, Oxford University Press

Putnam, H.

– 1988, Representation and Reality, Cambridge (Mass.), MIT Press; Rappresentazione e Realtà, tr. it. di N. Guicciardini, Milano, Garzanti, 1993

Rea, M.

– 2002, World without Design, Oxford, Oxford University Press

Sidelle, A.

– 1989, Necessity, Essence, Individuation, Ithaca, Cornell University Press

– 1992, Identity and the Identity-Like, “Philosophical Topics”, 20: 269-192

Sider, T.

– 2001, Four-Dimensionalism, Oxford, Oxford University Press

Smith, B.

– 2001, Fiat Objects, “Topoi”, 20: 131-148; Oggetti fiat, tr. it. di L. Morena, “Rivista di Estetica”, n.s., 20, 2: 58-86, 2002

Sosa, E.

– 1999, Existential Relativity, “Midwest Studies in Philosophy”, 23: 132-143

van Inwagen, P.

– 1990, Material Beings, Ithaca, Cornell University Press

Varzi, A.

– 2005a, Teoria e Pratica dei Confini, “Sistemi Intelligenti”, 17, 3: 399-418

– 2005b, Change, Temporal Parts, and the Argument from Vagueness, “Dialectica”, 59: 485-498

Torna su

Note

1 Platone, Fedro, 265e.

2 Tale terminologia si deve a Varzi 2005a.

3 Nella letteratura si definisce spesso il convenzionalismo semplicemente come una metafisica basata su convenzioni, distinguendone poi un’anima ultrarealista (ciò che noi definiamo inflazionista) e una deflazionista – vedi, per esempio Morena 2004. Crediamo tuttavia che quest’uso sia fuorviante e utilizzeremo pertanto “convenzionalismo” solo per riferirci all’opzione ontologica che considera ogni oggetto come de dicto.

4 Vedi Lewis 1986; Sider 2001; Heller 1990.

5 Con l’espressione “mera materia” traduciamo il termine tecnico inglese stuff; “ontologia di mera materia” è perciò sinonimo di stuff ontology.

6 Sugli oggetti fiat vedi Smith 2001.

7 Ovviamente, nonostante ogni confine sia del tutto arbitrario, ciò non significa che non sia possibile scegliere confini più “razionali” di altri sulla base di considerazioni pragmatiche o di salienza cognitiva.

8 Vedi per esempio la differenza tra Crawford Elder e Peter van Inwagen: il primo riconosce praticamente tutti gli oggetti di senso comune, il secondo ammette composizione mereologica solo nel caso in cui le parti formino una “vita”. Cfr. Elder 2004 e van Inwagen 1990.

9 Vedi van Inwagen 1990.

10 L’argomento originale è in Sider 2001: 120-139.

11 La tesi di Sider è che la composizione mereologica non può essere ristretta se non impegnandosi in tesi alquanto problematiche. Le posizioni che qui chiamiamo “moderate” si trovano ovviamente ad accettare qualche restrizione sulla composizione, cadendo dunque nell’argomento di Sider. Per una ricostruzione completa del dibattito si veda Varzi 2005b.

12 Questa clausola serve a evitare che la teoria implichi l’esistenza del flogisto, dei sette nani e altri enti possibili: infatti non c’è nulla che nel mondo soddisfi le condizioni per essere un’istanza di flogisto, nonostante tali condizioni siano teoricamente perfettamente in regola.

13 Cfr. la definizione di Massimalismo in Eklund 2007: 13, «Per ogni tipo di oggetto tale che possono darsi oggetti di quel tipo dati i fatti empirici del mondo attuale, ci sono oggetti siffatti».

14 Cfr. Sidelle 1992: 285 «Secondo l’immagine numero 1, il mondo è popolato di entità, dotate di condizioni di identità proprie, che stanno tra loro in numerose relazioni, tra cui identità, sopravvenienza, costituzione mereologica. Tutte queste sono date indipendentemente dalla mente. Tuttavia, esse sono dense. Ovvero, ogni volta che si ha un oggetto, in realtà se ne hanno un’infinità, che differiscono tra loro solo nelle loro condizioni di identità. […] Per questo motivo, se dobbiamo selezionare per il riferimento una particolare entità rispetto a un’altra, che sta con la prima in qualche relazione simile all’identità, abbiamo la necessità di stipulare condizioni di identità».

15 Sosa 1999: 143.

16 La nostra stessa esistenza in quanto individui appare in dubbio in un mondo in cui “non ci sono persone”. Senza considerare ora l’etica, che affronteremo più avanti, si pone per il convenzionalista 1.0 il problema di capire come possano alcune menti ritagliare la mera materia senza che qualcosa/qualcuno non abbia in precedenza già ritagliato quelle stesse menti. Si vedano su questo punto gli argomenti in Rea 2002: 165 e Elder 2004: 12-14.

17 Putnam 1988: 113.

18 Aristotele, Metafisica, 1029a.

19 Sidelle 1989: 55, n. 11.

20 Jubien 1993: 1.

21 Per il problema dell’epistemologia modale e del rapporto con il convenzionalismo si veda Rea 2002.

22 Vedi Bahde e Carter 1998: 319-320. Come nota Graham Priest, una contraddizione simile è al cuore della nozione aristotelica di materia prima: se tale materia non ha forma (cioè può essere qualsiasi cosa ma non è, in se stessa, nessuna) allora è impossibile dire che tipo di oggetto è. Ma così facendo, dicendo che è proprio quella cosa di cui non si può esprimere l’essenza, l’abbiamo appena descritta. Vedi Priest 2002: 20-21.

23 Blackson 1992: 74.

24 Sidelle 1989: 54, nota 10.

25 Blackson 1992: 77.

26 Vedi per esempio Varzi 2005a: 413.

27 Forse un prerequisito essenziale di ogni linguaggio. Vedi però Cortens e Hawthorne 1995 per una proposta di linguaggio ontologicamente neutrale.

28 Un posto tra i finzionalisti lo merita già Nelson Goodman (vedi Goodman 1978, cap. 1); inoltre questa versione di convenzionalismo assomiglia a ciò che in tradizioni filosofiche diverse viene chiamato “testualismo” (vedi per esempio Focault 1966 e Derrida 1967).

29 Luca Morena suggerisce, usando termini diversi, che sia una filosofia inflazionista sia una filosofia convenzionalista forniscano risposte più convincenti dei moderati a questo problema. Vedi Morena 2004: 131.

30 Si veda Rea 2002 (cfr. nota 22).

31 Resta aperta la questione sul nostro posto, in quanto individui, in un mondo finzionalista, già accennata in precedenza per il convenzionalismo 1.0. È coerente l’immagine di un creatore fittizio di una storia fittizia, oppure occorre sempre e comunque un creatore “vero” a un certo punto della catena? Non siamo affatto sicuri che la risposta corretta sia quella più ovvia, ma, sfortunatamente, il margine di questa pagina è troppo piccolo per contenere il nostro argomento. Una prima approssimazione si può però trovare in uno scambio di battute tra Marco Polo e il Gran Kahn: «Il giorno in cui conoscerò tutti gli emblemi riuscirò a possedere il mio impero, finalmente?», chiese il Kahn. Rispose Polo: «Sire, non lo credere: quel giorno sarai tu stesso emblema fra gli emblemi».

32 Vedi Sosa 1999: 137.

33 Così come è la struttura dello spazio-tempo in cui siamo immersi a rendere problematiche certe osservazioni, potrebbe essere la struttura dello spazio ontologico a impedirci di vedere più chiaramente nelle complicate relazioni tra Io e convenzioni.

34 Aristotele, Metafisica, 1011b.

35 Wittgenstein, Tractatus Logico-philosophicus, 2.222.

36 Cfr. Varzi 2005a: 417: «Il convenzionalismo è per sua natura aperto a ogni possibilità e sta a noi mettere i cartelli, così come sta a noi avere la prontezza di toglierli nel momento in cui le cose prendono una brutta piega. Soprattutto, visto che anche per il senso comune le possibilità sono tante, sta a noi riconoscere i limiti del nostro provincialismo senza camuffarlo di finto realismo».

37 Desideriamo ringraziare Mirella Verza, perché senza di lei non saremmo mai riusciti (letteralmente) a trovare alcun articolo, e gli iLabs di Milano, per il sostegno (non solo) morale durante la stesura di questo articolo. Vogliamo inoltre ringraziare Francesco Berto, Andrea Bottani, Matteo Colombo, Michele Di Francesco, Andrea Tito Nespola, Achille Varzi, Mauro Viganò e l’autore del referaggio per i preziosi commenti a versioni precedenti di questo lavoro e di queste idee. Qualsiasi errore rimasto è dunque esclusivamente responsabilità di Jacopo.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Marta Rossi e Jacopo Tagliabue, « Le tre maschere del convenzionalista », Rivista di estetica, 41 | 2009, 109-124.

Notizia bibliografica digitale

Marta Rossi e Jacopo Tagliabue, « Le tre maschere del convenzionalista », Rivista di estetica [Online], 41 | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 27 luglio 2017. URL : http://estetica.revues.org/1859 ; DOI : 10.4000/estetica.1859

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org