Navigazione – Mappa del sito
4. ontologie regionali

4.3. Vaghezza ontologica senza scetticismo

Elisa Paganini
p. 273-280

Abstract

Ontic vagueness is defended by appealing to a realist and objectivist perspective. First, ontic vagueness is distinguished from epistemic vagueness and semantic vagueness. Subsequently, the realist approach to semantics adopted by David Lewis and more recently by Theodor Sider is presented. It is argued that, contrary to what has been maintained by both Lewis and Sider, ontic vagueness is compatible with the realist perspective they endorse.

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione

1Come è noto, un predicato viene riconosciuto vago quando non si è in grado di trovare un confine alla sua estensione o, per dirlo altrimenti, quando dà adito a casi che vengono riconosciuti come borderline. E un caso borderline è un oggetto di cui non è chiaro se il predicato vago in considerazione vi si applica o no.

2Dato questo fenomeno, i filosofi hanno a disposizione diversi modi di renderne conto che vengono classificati in base a tre raggruppamenti teorici così denominati: teoria epistemica, teoria semantica e teoria ontologica.

3In base a una teoria epistemica, l’incapacità di trovare confini all’estensione di un predicato vago dipende dai nostri limiti cognitivi. Un sostenitore della teoria epistemica ritiene che un qualche confine ci sia, ma che noi non siamo in grado di riconoscerlo. Per esempio, se consideriamo il predicato “essere calvo”, un sostenitore della teoria epistemica sarebbe disposto a sostenere che un capello di fatto fa la differenza fra un uomo calvo e uno che non lo è, ma che noi non siamo in grado di riconoscere tale confine nell’estensione del predicato.

4Di diverso avviso sono i sostenitori di una teoria semantica della vaghezza. Per costoro, le regole del linguaggio sono tali da non permettere un’estensione definita ai predicati vaghi. Quindi per un sostenitore di una teoria semantica della vaghezza, le regole che presiedono al funzionamento del predicato “essere calvo” non permettono di tracciare confini definiti alla sua estensione.

5Le teorie epistemiche e le teorie semantiche sono le teorie più diffuse e più sviluppate della vaghezza. Le teorie ontologiche sono invece molto meno sviluppate. Negli ultimi cinquant’anni sono stati molto più frequenti gli argomenti che si propongono di dimostrare l’insostenibilità di una qualunque teoria ontologica, degli argomenti a sostegno della stessa teoria. I sostenitori della teoria ontologica si sono per lo più limitati a difendere la loro posizione dagli attacchi che ha ricevuto e questo mio contributo è in linea con questa tendenza generale.

6Consideriamo innanzitutto qual è la tesi principale di un sostenitore della teoria ontologica della vaghezza. Un sostenitore della teoria ontologica accetta che la vaghezza possa avere una componente epistemica e anche una componente semantica, ma rivendica che queste componenti non esauriscano l’oggetto di indagine. Per il sostenitore della teoria ontologica, un predicato può essere vago non solo per ragioni semantiche ed epistemiche, ma anche per come è fatto il mondo indipendentemente dai nostri limiti epistemici e dalle regole che presiedono al funzionamento del linguaggio che usiamo.

  • 1  Dummett 1975: 111.

7Questa caratterizzazione della vaghezza ontologica è di difficile comprensione. Lo stesso Dummett in uno dei suoi primi lavori sull’argomento scrive: «L’idea che le cose possano essere vaghe, oltre a essere vagamente descritte, non è propriamente comprensibile»1. Non bisogna quindi stupirsi se, quando si viene in contatto per la prima volta con questa teoria, ci si sente sconcertati e piuttosto riluttanti.

8Può essere quindi utile cercare di spiegare perché, a mio avviso, la teoria ontologica è plausibile. Il testo che ha più chiaramente influenzato la riflessione che segue è van Inwagen (1990). Non intendo però ricostruire esattamente il suo argomento, ma mi propongo piuttosto di presentare il tipo di approccio che mi ha suggerito.

9Prendiamo in considerazione gli esseri viventi. Per un realista, è del tutto plausibile assumere che gli esseri viventi esistano indipendentemente dalle nostre conoscenze al riguardo e indipendentemente dalle regole che presiedono al funzionamento del nostro linguaggio.

10Un realista che è disposto a fare questa assunzione è presumibilmente pronto a riconoscere anche che l’iniziare a esistere e lo smettere di esistere non sono eventi istantanei. L’iniziare a esistere e lo smettere di esistere sono processi e richiedono del tempo. Si deve pertanto riconoscere che l’esistenza degli esseri viventi ha confini temporali oggettivamente indeterminati.

11Se si è pronti ad accettare queste due assunzioni, ci si trova a riconoscere che ci sono periodi di tempo in cui è oggettivamente indeterminato quanti esseri viventi esistono e questa indeterminatezza dipende da come è fatto oggettivamente il mondo indipendentemente dai nostri limiti epistemici e indipendentemente dalle regole che presiedono al funzionamento del linguaggio in generale e del predicato “esistere” in particolare.

12Ho cercato qui di presentare un argomento che può essere addotto a favore della vaghezza ontologica e in particolare della vaghezza ontologica del predicato “esistere”. Questa tesi è stata criticata da filosofi come David Lewis (1986) e Theodor Sider (2001 e 2003). Per loro l’esistenza non può essere vaga. Io intendo invece sostenere che l’esistenza vaga è compatibile con un approccio realista come quello proposto da Lewis (1983 e 1984) ed esplicitamente riconosciuto come corretto da Sider (2001 e 2003).

2. Contro lo scetticismo

13L’approccio realista difeso da Lewis (1983 e 1984) e Sider (2001 e 2003) è stato introdotto per dimostrare che lo scetticismo semantico proposto da Putnam (1978, 1980 e 1981) e Kripke (1982) è privo di fondamento.

14Mi sembra importante ricostruire la strategia argomentativa di Lewis e per far ciò, innanzitutto presenterò un esempio molto semplice di argomento scettico (§ 2.1) e poi prenderò in considerazione la replica di Lewis a questo tipo di argomento (§ 2.2). Nei prossimi paragrafi mi propongo di dimostrare perché questa concezione è compatibile con la vaghezza dei predicati di proprietà naturali (§ 3) e con la vaghezza dell’esistenza (§ 4).

2.1. Un argomento scettico

15Consideriamo questo semplice esempio di un argomento scettico nello stile di Putnam. Supponiamo di avere una teoria molto semplice che è stata verificata empiricamente e che riguarda un universo minimale (chiamiamola Teoria 1):

Teoria 1

Ci sono esattamente due anioni e ci sono esattamente due cationi

16La verità della Teoria 1 è compatibile con diverse interpretazioni dei termini “anione” e “catione”, per esempio è compatibile con le due seguenti interpretazioni:

Interpretazione 1

“anione” si riferisce alle particelle caricate negativamente

“catione” si riferisce alle particelle caricate positivamente

 

Interpretazione 2

“anione” si riferisce alle particelle caricate positivamente

“catione” si riferisce alle particelle caricate negativamente

17Supponiamo che un parlante voglia selezionare un’interpretazione corretta e voglia rifiutare l’altra. Per esempio, per selezionare l’Interpretazione 1, il solo modo a sua disposizione è presentare una nuova teoria (chiamiamola Teoria 2):

Teoria 2

Ci sono esattamente due anioni e ci sono esattamente due cationi

Un anione è una particella caricata negativamente

Un catione è una particella caricata positivamente

18La verità della Teoria 2 è compatibile con molte diverse interpretazioni dei termini “anione”, “catione”, “particella caricata positivamente” e “particella caricata negativamente”; per esempio, è compatibile con le seguenti due interpretazioni:

Interpretazione 1*

“anione” si riferisce alle particelle caricate negativamente

“catione” si riferisce alle particelle caricate positivamente

“particella caricata positivamente” si riferisce alle particelle caricate positivamente

“particella caricata negativamente” si riferisce alle particelle caricate negativamente

 

Interpretazione 2*

“anione” si riferisce alle particelle caricate positivamente

“catione” si riferisce alle particelle caricate negativamente

“particella caricata positivamente” si riferisce alle particelle caricate negativamente

“particella caricata negativamente” si riferisce alle particelle caricate positivamente

19Ovviamente, se un parlante desidera selezionare un’interpretazione corretta della Teoria 2, può proporre una nuova teoria, ma questa nuova teoria sarà soggetta a molte diverse interpretazioni dei termini che la costituiscono e si può andare avanti all’infinito. Questo argomento mostra che il riferimento dei termini non può essere fissato descrittivamente dai parlanti del linguaggio.

2.2. Una replica in stile Lewis

  • 2  Lewis 1984: 228.

20Lewis (1983 e 1984) è pronto ad ammettere che il riferimento dei termini non è fissato dalle interpretazioni dei parlanti, ma sostiene che il significato (o riferimento) è garantito dall’uso di tali termini insieme all’eleggibilità di alcuni significati. In altre parole, il riferimento di un termine non dipende dalle interpretazioni dei parlanti, ma dipende da come il termine è usato dai parlanti e da come è il mondo. Ma come deve essere il mondo affinché un termine abbia significato? Secondo Lewis, «per risolvere il paradosso di Putnam occorre un’oggettiva ineguaglianza delle classificazioni»2.

21L’idea può essere resa più esplicita attraverso un esempio. Supponiamo che la Teoria 1 dell’esempio precedente (in base alla quale ci sono esattamente due anioni e ci sono esattamente due cationi) riguardi un universo costituito da solo quattro oggetti: a, b, c e d. Supponiamo inoltre che gli oggetti a e b, per la loro natura intrinseca, siano gli unici eleggibili a essere l’estensione del termine “anione” per come è usato dai parlanti; e gli oggetti c e d, per la loro natura intrinseca, siano gli unici eleggibili a essere l’estensione del termine “catione” per come è usato dai parlanti.

22Ora vorrei cercare di spiegare che cosa intendo per “oggettiva ineguaglianza nella classificazione”. Io assumo che gli oggetti a e b (per esempio) abbiano somiglianze che li distinguono da qualunque altro oggetto dell’universo in considerazione e per questa ragione costituiscono una classe oggettivamente distinta da qualunque altra (cioè, una classe oggettivamente ineguale a qualunque altra). Inoltre, gli oggetti c e d hanno somiglianze che li distinguono da qualunque altro oggetto e per questa ragione costituiscono una classe oggettivamente distinta da qualunque altra.

23Ora vorrei cercare di rendere esplicito perché questa oggettiva ineguaglianza delle classificazioni è essenziale per risolvere l’argomento in stile Putnam. Dato l’universo in considerazione (costituito dai quattro oggetti a, b, c e d), la Teoria 1 sarebbe vera se le parole “anione” e “catione” avessero come estensione una qualunque di queste sei classi {a, b}, {a, c}, {a, d}, {b, c}, {b, d}, {c, d}. Ma la differenza oggettiva fra queste classi non le rende tutte ugualmente adatte a essere l’estensione delle parole “anione” e “catione”. In base alla strategia di Lewis, è proprio per questa differenza intrinseca fra le classi che non tutte sono ugualmente eleggibili a essere l’estensione dei termini “anione” e “catione” per come sono comunemente usati. E per questa ragione lo scetticismo in stile Putnam è rifiutato.

3. Vaghezza ontologica

24Immaginiamo che la Teoria 1 sia formulata nella situazione seguente. L’universo è ancora costituito da quattro oggetti: a, b, c e d. Si supponga che, prima della formulazione della teoria, a e b siano gli unici oggetti adatti a essere l’estensione della parola “anione”, mentre c e d siano gli unici oggetti adatti a essere l’estensione della parola “catione”. Poi inizia un processo al termine del quale b è trasformato in un catione e c è trasformato in un anione. Il processo dura per qualche millisecondo e la teoria si applica all’universo in un istante in cui avviene il processo.

25La situazione è la seguente: a e b, per la loro natura intrinseca, hanno alcune somiglianze e pertanto sono eleggibili, almeno a un certo grado, a essere l’estensione della parola “anione”; ma anche gli oggetti a e c, per la loro natura intrinseca, hanno somiglianze, e sono eleggibili, allo stesso grado di a e b, a essere l’estensione della parola “anione”. Inoltre, c e d, per la loro natura intrinseca, hanno alcune somiglianze e pertanto sono eleggibili almeno a un certo grado a essere l’estensione della parola “catione”, ma anche gli oggetti b e d, per la loro natura intrinseca, hanno altre somiglianze e pertanto sono eleggibili, allo stesso grado di c e d, a essere l’estensione della parola “catione”.

26La situazione può essere rappresentata schematicamente come segue:

Candidati a essere l’estensione di “anione”: {a, b}, {a, c}

Candidati a essere l’estensione di “catione”: {c, d}, {b, d}

27Come è evidente, il termine “anione” e il termine “catione” hanno ciascuno due candidati ugualmente eleggibili a essere il loro significato.

28Ora, le domande filosofiche che desidero sollevare sono le seguenti: questa situazione è compatibile con la concezione di Lewis (1983 e 1984) sulla determinazione del significato? O fa riemergere lo scetticismo sul significato sostenuto da Putnam? La mia risposta è che questa situazione è compatibile con la concezione di Lewis e non fa riemergere lo scetticismo in stile Putnam. Innanzitutto, vale la pena di notare che tale indeterminatezza del riferimento non dipende da diverse interpretazioni dei termini proposte da un parlante, ma dipende da un’oggettiva ineguaglianza delle classificazioni. Mentre secondo Putnam qualunque interpretazione garantisca la verità della teoria è ugualmente adatta a essere considerata corretta, secondo Lewis non tutte le classi sono candidati a essere l’estensione dei predicati anche se garantiscono la verità della teoria, quelle eleggibili sono solo quelle che, data la loro natura intrinseca, si adattano all’uso che facciamo dei termini. Per risolvere il paradosso in stile Putnam è essenziale che non tutte le classi {a, b}, {a, c}, {a, d}, {b, c}, {b, d} e {c, d} siano ugualmente adatte a essere l’estensione di ciascun predicato della teoria. E, nell’esempio in considerazione, la classe {a, d} per esempio non è eleggibile a essere l’estensione né del termine “catione”, né del termine “anione”; in questa situazione abbiamo un’oggettiva ineguaglianza nelle classificazioni e questa differenza di classificazione garantisce che non tutte le classi costituite da due oggetti siano ugualmente eleggibili a essere l’estensione dei termini “anione” e “catione”. Per questa ragione la situazione presa in esame è compatibile con la concezione della determinazione del significato proposta da Lewis, ma è incompatibile con lo scetticismo sul significato in stile Putnam.

29Il fatto che la teoria di Lewis sia compatibile con l’uguale eleggibilità di diversi significati per un solo termine è riconosciuto – a mio parere – dallo stesso Lewis nel passo seguente:

  • 3  Lewis 1984: 227-228, il corsivo è di chi scrive.

Ceteris paribus, un’interpretazione eleggibile è un’interpretazione che massimizza l’eleggibilità complessiva dei referenti. […] Ovviamente ceteris non sono paribus, l’eleggibilità complessiva dei referenti è una questione di grado, rendere un’intera teoria vera è una questione di grado, i due requisiti si compensano. Le interpretazioni corrette, ”intese” sono quelle che raggiungono il miglior equilibrio. I termini in gioco sono vaghi; questo permette un’indeterminatezza moderata del riferimento; ma il realista ragionevole non pretenderà una determinatezza perfetta3.

30Se comprendo correttamente questo passo, Lewis stesso riconosce che la sua teoria è compatibile con una indeterminatezza del riferimento. Ritengo pertanto che la concezione lewisiana del significato avanzata contro l’argomento in stile Putnam imponga che i termini di una teoria non abbiano un solo significato e possano essere pertanto vaghi.

4. Vaghezza ontologica dell’esistenza

31Sebbene Lewis (1986) e Sider (2001 e 2003) abbiano sostenuto che sia inconcepibile che l’esistenza sia vaga, io sosterrò invece che è compatibile con la loro concezione appena presentata che la parola “esiste” sia vaga e che la sua vaghezza sia di natura ontologica.

32Prendiamo in considerazione la seguente ipotesi: supponiamo che nell’universo ci siano oggetti semplici, cioè oggetti non composti da altri oggetti. Supponiamo inoltre che gli oggetti semplici costituiscano un oggetto composto quando sono connessi e che siano connessi quando sono collegati da relazioni naturali N. In un tale universo un oggetto è o un oggetto semplice o un oggetto composto da semplici. In una tale situazione l’esistenza di un oggetto composto è definita come segue:

∃y (oggetti semplici x costituiscono y) sse gli oggetti semplici x sono connessi

33Intendo dimostrare che il lato destro del bicondizionale può essere vago e che, per questa ragione, anche il lato sinistro può essere vago.

34Consideriamo la seguente situazione: un universo è costituito da tre oggetti semplici a, b e c. Non è determinato se a e b sono connessi poiché sono indeterminatamente collegati dalle relazioni naturali N; mentre è un fatto determinato che a e c, b e c, e a, b e c non sono connessi.

35Consideriamo ora l’enunciato “a e b sono connessi”. Per l’indeterminatezza delle relazioni naturali N che intercorrono fra a e b, è un fatto che a un certo grado a e b sono connessi, ma allo stesso grado non sono connessi. In altre parole il predicato “essere connesso” ha due candidati a essere il suo significato: uno che include la classe {a, b} e l’altro che non la include; e sono candidati a essere il significato del predicato allo stesso grado.

36Intendo ora spiegare perché questa situazione è compatibile con la concezione di Lewis sul significato. Innanzitutto, vale la pena di rendersi conto che i diversi candidati a essere il significato del predicato “essere connesso” non dipendono da diverse interpretazioni dei parlanti, ma dipendono da una caratteristica oggettiva del mondo, ovvero dipendono dall’effettiva esemplificazione delle relazioni naturali N. È proprio perché a e b sono indeterminatamente collegati dalle relazioni naturali N che è indeterminato che a e b sono connessi.

37Inoltre è importante rendersi conto che l’indeterminatezza del riferimento del predicato “essere connesso” è dettata da un’oggettiva ineguaglianza delle classificazioni. Non tutte le classi sono ugualmente eleggibili a essere l’estensione del predicato: la classe che contiene {a, b} è eleggibile, la classe vuota è eleggibile; nessun’altra classe è ugualmente eleggibile. È per questa oggettiva ineguaglianza delle classificazioni che la situazione è compatibile con la concezione del significato proposta da Lewis.

38Ho mostrato che la concezione di Lewis è compatibile col fatto che il predicato “essere connesso” è vago. Poiché l’esistenza degli oggetti composti è definita nei termini della connessione fra semplici, e poiché la connessione può essere vaga, l’esistenza di un oggetto composto può essere essa stessa vaga. In particolare, può essere vaga l’esistenza di un oggetto quando è indeterminato che certi semplici siano connessi fra loro, ma è determinato che questi stessi semplici non sono connessi ad alcun altro semplice. E se l’esistenza di un oggetto composto può essere vaga, la parola “esiste” è vaga.

5. Conclusione

39Ricapitolando, Lewis (1986) e Sider (2001 e 2003) hanno sostenuto che l’esistenza non può essere vaga, io mi sono proposta di dimostrare che la concezione del riferimento proposta da Lewis (1983 e 1984) e difesa da Sider (2001 e 2003) è compatibile con il fatto che la parola “esiste” sia vaga per ragioni ontologiche e non per ragioni epistemiche o semantiche.

Torna su

Bibliografia

Dummett, M.

– 1975, Wang’s paradox, “Synthese”, 30; ristampato in Keefe e Smith (a c. di), 1997: 99-118 (le citazioni fanno riferimento alle pagine di quest’ultima edizione)

Keefe, R. e Smith, P. (a c. di)

– 1997, Vagueness: a Reader, Cambridge (Mass.) – London, Mit Press

Kripke, S.

– 1982, Wittgenstein on Rules and Private Language: an Elementary Exposition, Cambridge (Mass.), Harvard University Press; tr. it. a c. di M. Santambrogio, Wittgenstein su regole e linguaggio privato, Torino, Bollati Boringhieri, 1984

Lewis, D.

– 1983, New work for a theory of universals, “Australasian Journal of Philosophy”, 61: 343-377

– 1984, Putnam’s paradox, “Australasian Journal of Philosophy”, 62: 221-236

– 1986, On the Plurality of Worlds, Oxford, Blackwell

Putnam, H.

– 1978, Meaning and the Moral Sciences, Boston, Routledge

– 1980, Models and reality, “Journal of Symbolic Logic”, 45: 464-482

– 1981, Reason, Truth and History, Cambridge, Cambridge University Press

Sider, T.

– 2001, Four-dimensionalism, Oxford, Clarendon Press

– 2003, Against vague existence, “Philosophical Studies”, 114: 135-146

van Inwagen, P.

– 1990, Material Beings, Ithaca, Cornell University Press

Torna su

Note

1  Dummett 1975: 111.

2  Lewis 1984: 228.

3  Lewis 1984: 227-228, il corsivo è di chi scrive.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Elisa Paganini, « 4.3. Vaghezza ontologica senza scetticismo », Rivista di estetica, 49 | 2012, 273-280.

Notizia bibliografica digitale

Elisa Paganini, « 4.3. Vaghezza ontologica senza scetticismo », Rivista di estetica [Online], 49 | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 24 settembre 2017. URL : http://estetica.revues.org/1717 ; DOI : 10.4000/estetica.1717

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org