Navigazione – Mappa del sito
è naturale essere naturalisti?

Introduzione

Carola Barbero, Mario De Caro e Alberto Voltolini
p. 3-5

Note dell'autore

Le citazioni presenti nei saggi rimandano all’edizione italiana del testo relativo qualora questa sia citata in bibliografia. In caso contrario, il rimando è all’edizione in lingua originale.

Testo integrale

1“Naturalismo” è una parola che si dice in molti modi, almeno tanti quanti nella storia della filosofia e nel sentire comune sono i modi in cui si è parlato di “natura” e di espressioni simili. Oggi, il tema del naturalismo in filosofia e della cosiddetta naturalizzazione che una filosofia dovrebbe eventualmente attrezzare determinate nozioni e teorie è tornato prepotentemente alla ribalta della riflessione filosofica, sulla scia dei successi provenienti dalle scienze cognitive (linguistica, neurologia, psicologia cognitiva, teorie dell’intelligenza artificiale). Ma, per l’appunto, sapere cosa si intende per naturalismo è preliminare a ogni valutazione se una determinata filosofia sia o meno naturalista, appronti o meno una qualsiasi naturalizzazione.

2Tra le varie nozioni di naturalismo oggi in gioco, se ne distinguono sostanzialmente due, che corrispondono a due programmi di ricerca differenti: il naturalismo scientifico (o metafisico) e il naturalismo liberale. Si tratta di due forme di naturalismo che sostanzialmente hanno concezioni ontologiche, metodologiche ed epistemologiche diverse. Dal punto di vista ontologico, il primo tipo di naturalismo fa dell’ontologia della scienza naturale il parametro di tutto ciò che c’è, mentre il secondo accetta un’ontologia più allargata che sia meramente compatibile dal punto di vista nomologico ed esplicativo con l’ontologia della scienza. Dal punto di vista metodologico, il primo pretende una continuità tra scienza e filosofia che il secondo non richiede. Dal punto di vista epistemologico, il primo riduce la conoscenza genuina a quella mobilitata nella ricerca scientifica, mentre il secondo ammette un ruolo cognitivo a facoltà che siano compatibili con le facoltà impiegate nella ricerca scientifica.

3In questo volume si discute sia della questione metafilosofica generale (quali sono le prerogative del naturalismo in generale? Qual è la forma preferibile di naturalismo filosofico?) sia delle prospettive dei progetti di naturalizzazione in vari ambiti della ricerca filosofica. Michele Di Francesco, partendo dalle (presunte) risposte offerte dalle neuroscienze cognitive ai problemi classici del naturalismo, assume una posizione critica e offre un resoconto alternativo che si basa su una forma di pluralismo esplicativo che può rendere conto di una serie di comportamenti senza tuttavia cadere in una forma di fondamentalismo neurobiologico. Francesco Ferretti, dal canto suo, si domanda quanto lo sviluppo del linguaggio umano sia un fenomeno naturale nel senso di essere un fenomeno spiegabile in termini evoluzionistici, e propende a favore dell’ipotesi di una coevoluzione di cervello e linguaggio. Mentre Maurizio Ferraris difende una concezione del linguaggio come invenzione non biologica, entro però un quadro teorico in cui la capacità di registrare e insieme di comunicare caratteristica della scrittura sia ciò che determina la rappresentazione del pensiero come scrittura, vista come uno degli elementi costitutivi della cosiddetta “seconda natura” umana. In una chiave analoga, Paolo Tripodi si domanda se Wittgenstein possa essere considerato un filosofo naturalista e propende per una risposta positiva sempre che per “naturalismo” si intenda una forma di naturalismo liberale, che possa dunque concepire come naturali i fenomeni della peculiare storia naturale, biologica ma non solo, degli esseri umani. Su questa linea, Marilena Andronico prende in esame le diverse posizioni di Wittgenstein e Quine sul naturalismo, discutendo al contempo la questione relativa al ruolo della normatività all’interno di un approccio che si voglia naturalistico ma non riduzionistico. Mentre Alfredo Paternoster si chiede quali fenomeni mentali siano naturalizzabili, nel senso del naturalismo scientifico o metafisico, e, contro quella che è la received view in merito, opta per una naturalizzazione degli stati tradizionalmente considerati come qualitativi, ma non degli stati intenzionali. Dal canto suo, Nicla Vassallo si dichiara invece a favore di un’epistemologia femminista naturalizzata e non normativa, un’epistemologia cioè che dica come si conosce piuttosto che come si dovrebbe conoscere tenendo però conto dei fattori biologici e culturali di genere e sesso, e si domanda come ciò possa stare in linea con una concezione affidabilista della conoscenza. Elisabetta Sacchi valuta il contributo di Frege all’interno dell’attuale dibattito sul naturalismo prendendo in esame la critica contro lo psicologismo e analizzando possibili alternative valide al naturalismo restrittivo, suggerendo in conclusione una posizione che, facendo uso della nozione di dipendenza ontologica, riesce a rendere conto delle intuizioni di Frege senza cadere né in una forma di supernaturalismo né in una forma di platonismo. Proseguendo su questa linea, infine, Mario De Caro e Alberto Voltolini delineano i criteri per una buona teoria che abbia un valore esplicativo rispetto ai dati e sostengono che il naturalismo liberale, ma non quello scientifico, li soddisfa.

4Nel loro dialogo, infine, Stephen White e Hilary Putnam discutono di realismo diretto (la tesi secondo cui, al contrario di quanto sostenuto da gran parte della tradizione epistemologica moderna, tra i nostri poteri cognitivi e il mondo esterno non c’è nessun interfaccia), di scetticismo humeano (la concezione che, dalla postulazione di tale interfaccia, deriva l’impossibilità di replicare allo scettico epistemico) e della relazione che intercorre tra la prospettiva agentiva e la prospettiva oggettiva con cui si può rispettivamente guardare agli esseri umani. Più specificamente, White propone un argomento trascendentale secondo il quale il pensiero de re (ovvero quello che presuppone l’esistenza degli oggetti di cui parla) sia indispensabile affinché il linguaggio sia dotato di senso. Putnam concorda pienamente con l’argomento trascendentale di White e accetta l’idea che da esso si possa inferire una confutazione dello scetticismo humeano. Mentre, tuttavia, secondo Putnam tra la prospettiva agentiva e quella oggettiva intercorre una relazione di sopravvenienza (e questo sarebbe anzi un prerequisito essenziale per ogni naturalismo), White ritiene che le due prospettive siano incommensurabili e dunque in una relazione di a-sopravvenienza.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Carola Barbero, Mario De Caro e Alberto Voltolini, « Introduzione », Rivista di estetica, 44 | 2010, 3-5.

Notizia bibliografica digitale

Carola Barbero, Mario De Caro e Alberto Voltolini, « Introduzione », Rivista di estetica [Online], 44 | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 settembre 2017. URL : http://estetica.revues.org/1684 ; DOI : 10.4000/estetica.1684

Torna su

Autori

Carola Barbero

Articoli dello stesso autore

Mario De Caro

Articoli dello stesso autore

Alberto Voltolini

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org