Navigazione – Mappa del sito
ontologia analitica

Introduzione

Andrea Bottani e Richard Davies
p. 3-6

Abstract

In their Introduction, the editors of the volume briefly describe how ontological questions have been taken as fundamental since the very origins of analytic philosophy, eventually gaining centrality during the last decades, and how they have been coming to the centre of interest in Italian-speaking analytic-style philosophy since the mid-1990s. The editors give a schematic outline of the overall structure of the volume and say how it can be grounded on the distinction between formal and material ontology.

Torna su

Testo integrale

1Per circa un secolo, la riflessione filosofica di impostazione analitica rivolge all’ontologia un interesse tanto acuto e rilevante quanto strumentale e non tematico. Alle origini della filosofia analitica, l’attenzione prevalente si focalizza sulla logica e sulla teoria del significato, ma il resoconto di ciò che fondamentalmente esiste fornisce la necessaria base ontologica a teorie escogitate con lo scopo di rispondere a questioni che ontologiche non sono. Così capita in Frege e in Wittgenstein, così capita in Lesniewski e, sia pure in grado minore, in Russell. Così continua a capitare a lungo in molti autori riconoscibili nel filone analitico. Negli ultimi decenni, però, l’interesse ontologico comincia a guadagnare gradualmente autonomia, cioè a essere considerato come oggetto di studio per se stesso, anziché come preliminare a qualche più fondamentale interesse logico-semantico. Questo processo è noto e discusso, e coincide con un ridimensionamento del ruolo fondazionale a lungo attribuito alla filosofia del linguaggio in seno all’approccio analitico. Sebbene si sia spesso parlato di “svolta ontologica”, il fenomeno è più generale, e coinvolge a pari titolo lo sviluppo della filosofia analitica della mente, della epistemologia analitica e della estetica analitica, dove la stessa filosofia del linguaggio è a ben vedere più viva che mai, meglio integrata come ora appare nella semantica delle lingue naturali e nella teoria linguistica.

2Nel contesto italiano, questo processo ha visibilmente assunto caratteri di maggiore rapidità e radicalità che altrove. Seguendo la tendenza alla accentuazione dell’ortodossia, che è comune a ogni orientamento in contesti in cui esso è minoritario, la filosofia analitica italiana è essenzialmente stata, almeno fino alla metà degli anni Ottanta, filosofia del linguaggio o al massimo filosofia della logica, e così è anche stata a buon titolo percepita, sia dall’esterno sia dal suo stesso interno. Gli inizi di un interesse ontologico tematico e non strumentale nella comunità analitica italiana risalgono alla prima metà degli anni Novanta e seguono di qualche anno i primi lavori italiani su temi di filosofia della mente. Nella quindicina di anni trascorsi da allora, lo sviluppo del dibattito ontologico è stato molto rapido. I saggi presenti in questo volume, permettono di apprezzarne in un solo colpo d’occhio le dimensioni, la complessità e la profondità.

3Il volume è articolato in quattro parti, di cui la prima riflette sui rapporti storici intercorsi tra la tradizione di teoresi ontologica e gli sviluppi caratteristici della filosofia di stampo analitico (Berti, Ventimiglia, Betti). Nello specifico, si dà importanza all’eredità aristotelico-tomista come risorsa per riflessioni attuali sulle nozioni di essere e di fatto. I saggi di storia dell’ontologia non toccano temi di ontologia materiale, ma si collegano a vario titolo a questioni toccate nei contributi di ontologia formale, permettendo così di collocare in prospettiva storica alcuni dei loro contenuti, che sono fra i temi centrali nella ontologia formale di sempre (Berto, Voltolini, Torrengo, Carrara e Gaio). Anche se, in un certo senso, ogni intervento filosofico che ingaggia con altri pensatori ha il suo lato storico, abbiamo pensato di distinguere questioni storiografiche sia da quelle formali sia da quelle più specifiche. In questo seguiamo un’idea largamente diffusa di ontologia, una idea che, senza essere incoerente con la nozione aristotelica della metafisica come “scienza dell’essere in quanto essere”, fa in definitiva capo alla distinzione husserliana fra ontologia formale e ontologia materiale, a sua volta articolata in una varietà di multiformi “ontologie regionali”, con spazio riservato a quelle questioni che sono venute prepotentemente in auge negli ultimi anni riguardanti lo statuto degli oggetti sociali (Ferraris, De Vecchi, Andina, Di Lucia).

4Da una parte, intesa come studio dei “tratti più generali della realtà”, cioè delle proprietà e caratteristiche che tutto ciò che esiste (o potrebbe esistere) ha in quanto è (o potrebbe essere) “qualcosa”, l’ontologia è formale in tanto in quanto si propone di rappresentare la struttura formale della realtà: quella struttura che non dipende localmente dal “tessuto” del particolare dominio di questa o quella famiglia di enti, ma attraversa pervasivamente e necessariamente la realtà come tale, a prescindere dal suo contenuto locale. Sebbene quindi la locuzione “ontologia formale” non significhi affatto “ontologia formalizzata”, a indicare una ontologia sviluppata in simboli, vi sono ragioni precise per pensare che l’ontologia formale sia (almeno in linea di principio) sempre formalizzabile, nel preciso senso che la struttura formale della realtà dovrebbe sempre in linea di principio poter essere rispecchiata dalla struttura formale di un linguaggio (Ferrario e Guarino, Borghini, Casetta, Paganini, Gerla). Se si prende per buona l’idea tarskiana che le costanti logiche si distinguano dalle costanti non logiche in virtù della loro rilevanza per qualsiasi possibile argomento, esiste una corrispondenza fra il livello delle proprietà e relazioni puramente formali di cui si interessa l’ontologia formale e quello delle costanti e relazioni logiche di cui si interessa la semantica formale. Tuttavia, per altro verso, nessuna formalizzazione potrà mai esaurire il compito dell’ontologia formale, per la semplice ragione che nessuna struttura formale, per quanti sforzi si facciano per renderla chiara, trasparente e inequivoca, può mai essere esplicita circa il proprio stesso significato ontologico.

5L’interesse per la struttura ontologica specifica e differenziale di domini particolari di enti, cui spesso corrispondono nel linguaggio ordinario o in qualche linguaggio tecnico settori isolabili del lessico, caratterizza invece l’ontologia materiale, articolata in un variegato arcipelago di ontologie locali o “regionali”. In ontologia materiale, il problema della riducibilità di “regioni” ontologiche ad altre regioni assume spesso la stessa importanza e pervasività che il problema della riducibilità di una specie o di una famiglia di piante a un’altra specie o famiglia presenta in botanica sistematica. La condizione di riducibilità di una regione ontologica a un’altra ha in ontologia materiale una importante dimensione logico-semantica: si tratta di individuare un apparato sistematico di parafrasi capace di convertire ogni enunciato su oggetti del primo tipo in un enunciato su oggetti del secondo tipo che abbia le stesse condizioni di verità. Poiché il ricorso a strumenti formali è un importante e spesso imprescindibile strumento per generare il sistema di parafrasi che è richiesto, anche l’ontologia materiale ha un rapporto centrale con la formalizzazione, ma per ragioni assai diverse da quelle che valgono nel caso dell’ontologia formale. Così come “ontologia formale” non significa “ontologia formalizzata”, “ontologia materiale” non significa affatto “ontologia non formalizzata”.

6Per quanto discutibile, e di fatto discusso in una quantità di modi che in questa sede non è fruttuoso indagare, questo impianto metaontologico dà forma, articolazione e struttura al presente volume. Nell’ambito della ontologia materiale, un certo numero di contributi raccolti in una parte autonoma indaga temi, nozioni e problemi di ontologia sociale, lo studio di una regione popolata da oggetti (norme, diritti, istituzioni) che, pur essendo creati, costituiti e mantenuti in esistenza dai nostri atti intenzionali di soggetti umani, sembrano avere proprietà perfettamente oggettive, non dipendenti dalle nostre decisioni più di quelle di un albero o di una montagna. In questa direzione, il dibattito italiano si ricollega con la discussione in corso nel mondo anglofono, sotto la spinta delle proposte di John Searle; in un’altra, i contributi che chiudono il volume contribuiscono alla ancora vivace disputa sulla vaghezza.

7Con l’aggiunta di un paio di contribuzioni successive, il volume raccoglie gli atti del Quarto Convegno Italiano di Ontologia, un’occasione cadenzata su base biennale per trarre un bilancio delle ricerche in atto nella comunità degli ontologi italiani di tradizione analitica. Il convegno, svoltosi a Bergamo il 17 e il 18 giugno 2010 è stato finanziato dal Dipartimento di Lettere, Arti e Multimedialità dell’Università di Bergamo, con contributi aggiuntivi da parte del Dipartimento di Filosofia dell’Università di Torino e del COGES (Centro per l’innovazione e la gestione della conoscenza) dell’Università di Bergamo. A queste istituzioni, senza le quali né il convegno né questo volume avrebbero visto la luce va il nostro più sentito ringraziamento.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Andrea Bottani e Richard Davies, « Introduzione », Rivista di estetica, 49 | 2012, 3-6.

Notizia bibliografica digitale

Andrea Bottani e Richard Davies, « Introduzione », Rivista di estetica [Online], 49 | 2012, online dal 30 novembre 2015, consultato il 22 novembre 2017. URL : http://estetica.revues.org/1665 ; DOI : 10.4000/estetica.1665

Torna su

Autori

Andrea Bottani

Richard Davies

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Revues.org